Un rasante organico minerale impermeabile traspirante elastico per facciate, a base cementizia di colore bianco

Dove si impiega, a base cementizia di colore bianco.

Ha un’ottima adesione su ogni tipologia di supporto, una elevata protezione che allunga la vita utile della struttura ed è resistente alla formazione e proliferazione di funghi e muffe.

Offre Impermeabilità traspirabilità ed elasticità in un’unica soluzione.

Si tratta di un prodotto della Volteco S.P.A. ed è denominato CP1.

 

Dove si impiega  

– Intonaci fessurati

– Intonaci con fenomeni di assorbimento d’acqua

– Frontalini di balconi deteriorati

– Cornici di gronde

– Parapetti

– Canne fumarie

Preparazione e messa in opera

Preparazione delle superfici.

Superfici con presenza di muffe, alghe e funghi

Idrolavare a fondo le superfici al fine di rimuovere i microrganismi presenti, attendere l’essicazione ed applicare una mano non diluita di trattamento disinfettante PROCLEAN (vedi relativa scheda tecnica).

Dopo almeno 2-3 ore sarà possibile applicare CP1.

Strutture nuove intonacate o in calcestruzzo.

Pulire il supporto da incrostazioni, polvere e disarmanti mediante spazzolatura e idrolavaggio.

A superficie asciutta, applicare lo specifico primer PROFIX 20 (vedi relativa scheda tecnica) ed attendere il completo assorbimento prima di applicare CP1.

Strutture vecchie intonacate o in calcestruzzo.

Scarificare le eventuali superfici che presentano distacchi, anche parziali, efflorescenze e polvere o grasso.

Procedere quindi ad energico idrolavaggio.

Provvedere alla pulizia dei ferri di armatura esposti, alla loro passivazione con Sanofer, al ripristino delle zone ammalorate utilizzando il ciclo delle malte Volteco (vedi relative schede tecniche).

A superficie asciutta, applicare lo specifico primer Profix 20 (vedi relativa scheda tecnica) ed attendere il completo assorbimento prima di applicare CP1.

Preparazione dell’impasto

Versare il componente liquido in un contenitore, aggiungere gradualmente il componente polvere, miscelando contemporaneamente con agitatore a trapano o con impastatrice tipo "Turbo" per circa 2÷3 minuti e/o comunque sino a quando l’impasto si presenterà omogeneo e privo di grumi.

Applicazione

   

A superficie asciutta, ovvero quando il supporto avrà assorbito completamente il primer Profix 20, stendere la prima mano di CP1 con spatola metallica o di plastica per uno spessore di circa 1,5 mm posandolo in continuo bagnato su bagnato al fine di evitare ombreggiature nelle zone di ripresa.

Dopo almeno 4 ore, e comunque non prima che il materiale si presenti asciutto al tatto, procedere con la posa della seconda mano per uno spessore di circa 0,5 mm.

Il prodotto è applicabile anche con pompa pneumatica o macchina intonacatrice con lancia per rasature.

Fessurazioni marcate

In presenza di fessurazioni evidenti è necessario applicare, come fascia di rinforzo, l’apposita rete flessibile tipo Flexonet, annegandola in uno strato di prodotto che fungerà da prima mano.

Nel caso si debba applicare la rete Flexonetper coprire superfici ampie, i teli vanno accostati uno a fianco all’altro e non sormontati.

Prevedere una eventuale terza mano del prodotto per migliorare la resa estetica.

Dati tecnici

   

Finitura

CP1 consente di ottenere una finitura paragonabile ad un normale rasante civile.

La fase di finitura si realizza mediante l’impiego di un frattazzino rigido in materiale plastico oppure in spugna rigida a grana medio-fine con il bordo arrotondato.

In ambedue i casi l’attrezzo dev’essere lievemente inumidito con acqua.

L’operazione va condotta uniformando la superficie mediante movimenti circolari, esercitando una certa pressione sull’attrezzo fino all’ottenimento del grado di finitura desiderato.

Tale operazione è da eseguirsi immediatamente qualora venga impiegato un frattazzo in plastica oppure, nel caso si impieghi un frattazzo in spugna rigida, appena il prodotto applicato si presenti, al tatto, fuori polvere.

In alternativa è possibile eseguire la finitura mediante frattazzo elettrico a secco oppure, per ottenere un effetto "graffiato", con rullo a spugna sintetica.

A stagionatura avvenuta (trascorsi almeno 3 gg dalla conclusione della posa del prodotto in condizioni normali di temperatura e di umidità, +20°C e 60% U.R.) CP1 può essere rifinito con prodotti tipo Paint Air, Paint Protection o CP0 (vedi relativa scheda tecnica).

Consumo e resa

2,5 kg di CP1 rendono uno spessore di 2 mm/m².

Confezione e stoccaggio

CP1 è confezionato in sacchi da 15 kg (polvere) + vasi da 7,5 kg (resina).

Lo stoccaggio del prodotto deve essere effettuato in ambiente asciutto evitando l’esposizione al gelo ed al calore (temperatura massima 40°C) e l’esposizione diretta al sole prima dell’applicazione.

Avvertenze importanti

Non aggiungere al prodotto acqua o alterare il rapporto di miscelazione.

La presenza, entro 3 gg dall’applicazione, di temperature basse, umidità ambientale elevata, nebbia e pioggia, potrebbe provocare un allungamento dei tempi di stagionatura ritardando quindi le operazioni di verniciatura.

Non applicare il prodotto con temperature superiori a +30°C od inferiori a +5°C o comunque quando si prevede possa scendere sotto questo limite entro 24 ore.

Non applicare il prodotto sotto l’azione diretta del sole.

La presenza di vento in fase di posa limita i tempi disponibili per l’applicazione e la finitura del prodotto.

Durante le fasi di posa si consiglia l’impiego sui ponteggi di teli ombreggianti a protezione dai raggi solari, vento o eventuali piogge.

La posa su fondi particolari (rivestimenti o verniciature preesistenti) deve essere valutata di volta in volta mediante l’esecuzione di campionature specifiche.

Il prodotto non è idoneo ad essere impiegato nell’impermeabilizzazione di intonaci a base gesso.

In caso di presenza di salinità o efflorescenze diffuse, a rimozione integrale delle medesime, valutare attentamente la stabilità del supporto e le cause dei fenomeni.

Lavare attrezzi ed apparecchiature con acqua subito dopo l’uso evitando che il prodotto filmi.

Non applicare su superfici sottoposte a spinta idraulica negativa.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATCA e su altro ancora

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.