Accesso e passaggio coattivo in un fondo.

Il proprietario di un fondo, non può impedire che si entri in esso per l’esercizio della caccia, (art 842 del codice civile) a meno che detto fondo risulti chiuso nei modi stabiliti dalla legge (per esempio muro di cinta o altra recinzione, con cancello chiuso), oppure siano state piantate in detto fondo particolari colture in atto, suscettibili di essere danneggiate.

Per l’esercizio della pesca, occorre invece il consenso del proprietario del suolo.

Altro fattore importante che il la legge definisce è "l’accesso e passaggio coattivo" per esecuzione di lavori relativi al fondo del vicino, oppure per riprendere cose o animali appartenenti ad altri (art 843 del c.c.).

Secondo questo ultimo articolo il proprietario deve permettere l’accesso ed il passaggio nel suo fondo, sempre che ne venga riconosciuta la necessità, al fine di costruire o riparare un muro o altra opera propria del vicino, oppure comune.

Se tale accesso causa danno è  dovuta una adeguata indennità.

Il proprietario deve ugualmente permettere l’accesso a chi vuole riprendere la cosa sua , che vi si trovi accidentalmente (per esempio un tipo di vestiario  caduto) oppure l’animale che vi si sia riparato sfuggendo alla custodia; il proprietario però, può anche impedire, in questo caso, l’accesso, consegnando personalmente la cosa o l’animale.

L’accesso o il passaggio a carattere temporaneo nel fondo altrui, va comunque considerato come una servitù.

La "necessità" non va intesa come una assoluta impossibilità di compiere le opere, ma basta che, senza il passaggio sul fiondo vicino, l’opera si renda oltremodo malagevole e costosa.

Vediamo un esempio:

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Osservando la figura di cui sopra:  "A", dovendo eseguire  delle riparazioni (rinforzi) necessarie ed urgenti (legalmente ammissibili) ai muri "abcdef" della sua casa (muri che sono posti sul confine della proprietà contigua di "B"), può chiedere  ed ottenere da "B" il permesso di accedere e di passare nel suolo dello stesso "B", per eseguire un preventivo puntellamento, e quindi effettuare i dovuti lavori (con le autorizzazioni comunali, se necessarie).

La necessità dell’accesso risulta evidente, non potendo "A" eseguire altrimenti i lavori.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Analogamente nella figura soprastante"B" non può negare ad "A" (proprietario di un fondo superiore) l’accesso sul suo fondo inferiore per riparare il muro a retta e di sostegno "abcdef" posto tra i due fondi a dislivello, trattandosi di lavori legalmente leciti, necessari  e non eseguibili  diversamente.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

15 commenti

  1. salve io abito ina casa centro schiera da un lato dove ho la cantina con muro portante , mi filtra acqua dal muro e abbiamo visto che arriva dal terreno dei miei vicini ma mi dicono che non possono fare nulla. non vorrei che a lungo andare cedano i muri portanti

  2. Per Simone.
    Devi incaricare un tecnico professionista abilitato, che esegua un sopralluogo accurato e si renda conto della situazione di fatto, della posizione delle proprietà confinanti e di altri elementi importanti all’individuazione di tale infiltrazione ed eventuali responsabilità.
    Da tale sopralluogo nascerà poi la decisione di come devi muoverti.
    (Da un legale o altro).
    Purtroppo non possiamo dirti altro, non avendo visione del reale stato di fatto.
    Amedeu e c.

  3. buona sera , chiedo gentilmente info per un fatto per niente piacevole , sto eseguendo dei lavori di manutenzione nel mio appartamento . Ho 2 mini-finestre (punto luce ) che danno sul terrazzo del vicino di casa , ” premetto che il muro dove sono situati i punti luce e’ di mia proprieta’ , dopo l’ennesimo litigio mi e’ stato vietato il passaggio nel suo terrazzo e io dovrei imbiancare il pezzo di muro di mia competanza. Il sign. puo’ vietarmi l’ accesso alla sua terrazza per fare manutenzione al mio muro? ringrazio cordiali saluti

  4. Per Roberta.
    leggi attentamente l’articolo dal quale ti rispondiamo.
    Amedeu e c.

  5. Il muro comune che divide due villette (A e B), raggiunto il limite della villetta A, continua ad essere muro perimetrale della villetta B e nello stesso tempo delimita i due giardini per circa tre metri e poi una rete metallica completa la recinzione di quel lato del giardino.Per cercare di essere più chiaro :
    I tre metri del muro della villetta B che fa anche da recinzione, forma una L con la villetta A
    Si chiede se la facciata della villetta A comprende anche quei tre metri del muro che forma la suddetta L. Spetta al proprietario della villetta A provvedere alla tinteggiatura di tale facciata, per non degradare il decoro della sua villetta? Grazie.

  6. Per Mario.
    Dispiace, ma non riusciamo a seguirti, senza avere un a disegno da vedere.
    Amedeu e c.

  7. Buonasera, mi chiamo Floriano, abito con un’altra famiglia un po fuori mano dalla strada comunale e ci serviamo di una stradina bianca con passaggio promiscuo. Puo’ un vicino confinante creare un ponte a meta’ stradina per entrare nel suo fondo che costeggia la stradina divisa da un fosso? Preciso che il confinante nn ha mai avuto nessun diritto di passo, anche perche’ fino adesso si e’ servito del passaggio dalla sua proprieta’!!! Grazie

    • Per Floriano.
      Se la strada e di vostra proprietà a comune, ed il vicino non ha alcun diritto su di essa; fra l’altro ha la possibilità di avere un passaggio diretto nella sua proprietà, non vediamo quale privilegio possa vantare su di essa.
      Parlateci amicheviolmente., tutelando i vostri diritti, e se non adempie a quanto da voi richiesto fategli scrivere una lettera da un legale.
      Amedeu e c.

  8. Ho un diritto di passaggio per entrare in casa, (il passaggio finisce li) ho chiesto al proprietario del passaggio se potevo far sostare la mia vettura fuori dal mio cancello, mi ha detto di si, purtroppo un’altro mio vicino che non ha nulla a che spartire, mi ha fatto sapere dal suo avvocato che lì è un passaggio, e che quindi io non posso parcheggiare…è giusto?
    n.b. lui per andare a casa sua ha tutto lo spazio che vuole, e non deve passare dove io parcheggio…ma il padrone del passaggio non conta nulla???
    resto in attesa di una vostra grazie

    • Per Lilli.
      Detta così, la questione sembra alquanto strana, in quanto, ci sembra di comprendere, che il vicino proprietario del passo dove tu possiedi una servitù di passaggio (pedonale?), ti abbia dato il suo benestare.
      Un vicino di altro immobile, si oppone a che tu metta la macchina dove sei stata autorizzata?
      Se è così, tale terza persona non ha alcun diritto, a meno che non facciate tutti parte di un unico condominio, per cui lo spazio prospettante il passo incriminato, diventa cosa comune a tutti e tu, quindi, hai bisogno dell’approvazione condominiale.
      Oppure ancora, che la tua macchina impedisca le manovre della macchina del vicino per accedere alla sua proprietà.
      Amedeu e c.

  9. Chi mi puo aiutare?
    Io sto ristrutturato una casa ed il vicino mi chiede di spostare tutta la legna e altre oggetti che sono sparsi nella mia proprietà al confine con il suo muro,perché anche lui deve ristrutturare il muro confinante alla mia proprietà.
    Posso rifiutarmi di dargli autorizzazione fino a quando ho i lavori io?
    E mi posso rifiutare se i lavori non a norma di legge?

    • Per Agostin9o.
      In una situazione del genere, con due confinanti che stanno ristrutturando le loro costruzioni, l’unica alternativa da scegliere, se il muro di cinta deve essere restaurato o rifatto, consiste nell’allontanare gli oggetti da tale muro.
      Tanto vale per entrambi.
      Naturalmente chi effettuerà il lavoro al muro non dovrà essere disturbato.
      Relativamente ai lavori non autorizzati, se ritieni di farlo, puoi rivolgerti dai Vigili Urbani e richiedere un sopralluogo per il vicino.
      Attenzione, perchè i V.V.U.U verranno a controllare anche i tuoi lavori.
      Amedeu e c..

  10. Salve e ringrazio anticipatamente della risposta, mia madre abita in una casa in affitto con dei vicini di proprietà che hanno un passaggio promiscuo ” dicono ” che possono aprire e chiudere come e quando vogliono il cancelletto e passare come vogliono e dove…chiedo se la cosa sia possibile e quello che trovo strano e che non chiedono mai se possono entrare in un’altra proprietà e fare quello che vogliono, cioè mi spiego, le case sono costate in linea e l’unica cosa che li dividono è questo tipo di ricinzione con un portoncino in legno che aprono e chiudono, il bello è che hanno anche le chiavi del cancello di casa di mia madre e non ha mai la privacy di girar per casa come vuole perchè guardano sempre in casa attraverso le finestre…

    • Per Andrea.
      Ci stai raccontando una cosa molto strana.
      Se i tuoi vicini agiscono in tale maniera, o si fanno forti di una servitù o accesso precostituito con atto e che voi non ricordate, oppure si comportano da prepotenti.
      Scartiamo per logica il secondo caso, che non li renderebbe così sicuri, per cui ti consigliamo di fare delle verifiche, sia presso l’Ufficio dei Registri Immobiliari (Ex ipoteche) che presso il catasto.
      Se non trovate alcun chè, dovrete rivolgervi da un tecnico di zona.
      Amedeu e c.

  11. buongiorno, un vicino ci ha chiesto il permesso per mettere una gru e macchinari da lavoro su una strada di mia proprieta (dove lui a solo il passaggio ),per costruire un garage . sono costretto a dare il permesso? se dico di no a quale conseguenza vado incontro?posso chiedere un risarcimento? grazie

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.