Aggiornamento “Costruzione casa..” art 2 – Inizio lavori. Fondazioni e cordolo di ripartizione

CATEGORIA: Costruzione casa dalle fondamenta al tetto.

Articolo 2 – Inizio lavori. Fondazioni e cordolo di ripartizione  (Aggiornamento)

 
Se l’immobile che costruiamo segue l’indicazione del progetto tipo di cui al 1° articolo di questa categoria, cioè costituito di uno o più piani sopraelevati, per la realizzazione delle fondazioni dovrà essere seguito il sistema comune, con fondamenta continue, a platea, oppure in plinti e travi rovesce, in caso di edifici in cemento armato.
 
Se l’immobile in costruzione è dotato di locali scantinati o seminterrati, sarà, però, assolutamente necessario, prendere le dovute precauzioni contro l’umidità di risalita, la quale, nel tempo, porterà umidità, condensa e muffe negli ambienti sovrastanti, oltre che nelle cantine medesime.
 
Cosa bisogna allora fare in tali casi?
 
 
     A
 
Sul fondo dello scannafosso dovrà essere realizzata una cunetta in cemento, convenientemente impermeabilizzata e con pendenza tale, da condurre le acque provenienti dall’umidità, sgocciolamenti e condensa, fino ad un pozzetto di raccolta.
 
Tale pozzetto di raccolta dovrà essere collegato con la fognatura bianca (Pendenze permettendo), altrimenti dovrà essere messa in opera una pompa ad immersione provvista di galleggiante e che provveda ad allontanare le acque dal pozzetto e quindi dallo scannafosso.
 
 
Un sistema usato, ma permeabilità del terreno permettendo, è quello di lasciare il fondo, o parte del fondo dello scannafosso, aperto, in maniera che le acque di risulta possano filtrare nel terreno sottostante.
 
Tale sistema è da usarsi prevalentemente in terreno in pendenza, in quanto effettuandolo in terreni in piano, l’aumento della falda acquifera, in certi periodi dell’anno, potrebbe invadere abbondantemente lo scannafosso, infiltrandosi poi, attraverso malformazioni della coibentazione, nei muri della casa.
 
Quindi è preferibile la prima soluzione.
 
Nella realizzazione del fabbricato, nel punto fra lo stacco delle fondamenta con i muri di sopraelevazione (o cordolo di ripartizione), veniva messa in opera una guaina elastomera bituminosa, che però, data la normativa antisimica non risulta essere più l’ideale, in quanto costituirebbe una superficie di “rottura” nelle murature verticali.
 
 
 
     A
 
Relativamente al tipo di acciaio in barre a superfice migliorata, per la realizzazione di gabbie per edilizia, deve essere usato il nuovo acciaio B450C, ottenendo le necessarie qualificazioni ai sensi delle Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008.
 
   DM 14 gennaio 2008
 
Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

9 commenti

  1. avendo deciso di costruire un immobile su un terreno di mia proprieta, ho contattato un costruttore. Mi ha proposto un contratto, il quale linguaggio mi e, decisamente estraneo. Vorrei sapere quale la figura professionale a la quale potrei sottomettere la visione del tale contratto ed eventualmente elaborarne un altro. Grazie, anticipatamente

  2. ciao Amedeu,
    comoplimenti x il sito; veramente una miniera di informazioni utili.
    ho deciso di lanciarmi nella costruzione di un’abitazione per la mia famiglia su un terreno che ho a disposizione ma vorrei avere alcune ‘certezze’ prima di buttarmi nell’operatività.
    ho cercato di seguire i 41 art. relativi ma ho difficoltà nella valorizzazione dei costi.
    ti do alcuni riferimenti del progetto: piano interrato + piano terra da circa 158 m2 lordi (12.8*12.3).
    Non ho idea di quanto mi possa venire a costare lo scavo + fondamenta ma in generale il progetto nella sua totalità, anche molto approssimativa. e questo è un freno x me. puoi darmi qualche spunto o indicazione di massima ??
    grazie
    ciao
    mirko

  3. Salve chiedo se è possibile avendo il progetto per costruire casa già approvato costruire la parte seminterrata adibita a scantinato, fare il rogito solo sullo scantinato ed in futuro costruirvi la casa sopra; tutto questo per non continuare a pagare l’ imu sul terreno edificabile.
    Grazie cordiali saluti.

  4. mi serve un ragguaglio riguardo ad una costruzione che stanno per costruire vicino casa mia. mi spiego meglio: tra la mia abitazione ed un’altra c’e’ un terreno di circa 700m2 dove stanno per costruire 4 appartamenti, prendendomi delle informazioni ho scoperto che la costruzione la stanno costruendo al confine con la mia e non solo la superera’ di circa 4m. l’ingegniere del comune mi ha spiegato che a norma di legge lo possono fare e non sono tenuti a lasciare i 5m dalla mia, e questo non e niente mi dice l’ingegniere che se volessi costruire nel mio giardino sono io tenuto a rimanere i 5m. questa situazione mi sembra poco chiara, potete darmi maggiori delucitazioni. non so se sono stato chiaro, ma il punto credo che l’abbiate capito. grazie cordiali saluti.

    • Per Francesco.
      Devi consultare, da solo o meglio ancora con l’aiuto di un tecnico, il Piano Regolatore del tuo Comune e le Norme di Attuazione di detto PRG.
      Lo puoi fare anche via internet.
      Devi ricercare la cartografia di PRG inerente la tua zona ed individuare la tua casa e quella del vicino.
      Devi leggere sotto quale lettera si trovano dette due costruzioni (A-B_C…ecc)
      Nelle Norme di Attuazione devi ricercare la lettera che classifica la zona interessata e leggere attentamente cosa prevede rispetto alle distanze dai confini e dalle strade.
      Attenzione, perchè il tuo lotto e quello del vicino potrebbero far parte di due zone diverse e confinanti.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.