Asfalti stradali anti rumore modificati con polverino di gomma di vecchi pneumatici.

Facciamo seguito al’articolo dedicato alla riparazione di buche e crepe stradali, parlando ancora delle strade, e più propriamente della insonorizzazione del manto stradale durante la realizzazione di nuove strade o il rifacimento di tappetini di usura di strade esistenti.

Per informare il lettore circa le possibilità che esistono oggi sul mercato per diminuire, se non dimezzare, il fastidioso rumore derivante dal continuo passaggio di automezzi sul mante stradale in particolare quello cittadino, facciamo riferimento all’attività svolta in Italia dalla Ecopneus scpa, che è la società senza scopo di lucro per il rintracciamento, la raccolta, il trattamento e il recupero dei Pneumatici Fuori Uso (PFU), costituita dai principali produttori di pneumatici operanti in Italia in base all’art. 228 del Decreto Legislativo 152/2006, che obbliga produttori e importatori di pneumatici a provvedere alla gestione di un quantitativo di PFU pari a quanto immesso nel mercato del ricambio l’anno solare precedente.

lavorazione-1   1   

I riferimenti sono quindi alla stessa Ecopneus che di seguito tratta la problematica della rumorosità stradale:

”Parallelamente alla costruzione di nuove strade ed alla manutenzione di quelle esistenti, attività che assorbono ingenti risorse economiche, negli ultimi anni altrettanta attenzione hanno ricevuto lo studio e la messa a punto di soluzioni tecniche finalizzate ad un miglioramento delle prestazioni delle strade per ciò che concerne l’affidabilità, la sicurezza ed il comfort.

In questo contesto, uno degli ambiti di ricerca dal forte potenziale di sviluppo è l’utilizzo della gomma derivante dal recupero dei Pneumatici Fuori Uso (PFU) come additivo nei conglomerati bituminosi per realizzare “asfalti modificati” dalle prestazioni elevate. 

asfalto-modificato-1   stesa-1   

asfalti-stradali-anti-rumore-modificati-1   rullatura-1   

Ecopneus è stata parte attiva in diverse sperimentazioni su tutto il territorio nazionale, a Caserta, a Bologna, nelle Province di Torino, Bolzano, Trento solo per citare le principali.

L’utilizzo della gomma da riciclo contribuisce inoltre in maniera sostanziale a ridurre anche il prelievo e il consumo dei materiali da cava.

In un rapporto, realizzato da Legambiente con la collaborazione anche di Ecopneus, si stima che sarebbe possibile chiudere oltre 100 cave se venissero utilizzati materiali riciclati.

Tratti di strade realizzati con asfalto modificato, al 31/2011:

strade-eseguite-con-a-m-1   

I vantaggi degli asfalti modificati

Le strade realizzate con “asfalti modificati” con polverino di gomma presentano numerosi vantaggi:

– elevata durata della pavimentazione edeccezionale resistenza all’invecchiamento, con esperienze internazionali di durata fino a tre volte rispetto a quella di un asfalto tradizionale;

– conseguente sensibile contenimento degli interventi e dei costi di manutenzione;

– apprezzabile riduzione della rumorosità;

– ottimo drenaggio in caso di pioggia, con forte miglioramento della visibilità;

– ottima risposta in caso di frenata improvvisa;

– impiego di una risorsa derivante dal riciclo di pneumatici dismessi, un’operazione di importante valenza ambientale.

 Dal progetto della Provincia Autonoma di Bolzano

bolzano-1   

Nel 2011 è stato avviato un progetto nella Provincia autonoma di Bolzano per testare le capacità fonoassorbenti degli asfalti modificati con il polverino di gomma. Il rumore causato dal transito dei veicoli è un problema che è possibile risolvere con diverse soluzioni: intervenendo sulla sorgente del rumore, quindi direttamente sulla strada, oppure con delle barriere antirumore, oppure con interventi di insonorizzazione sugli abitati.

Le caratteristiche geomorfologiche particolari del territorio della Provincia di Bolzano, riducono il numero di scelte possibili: in strade di montagna l’installazione di barriere risulta complessa e gli interventi di insonorizzazione sugli abitati non sono sempre ben accetti e comunque onerosi per la PA.

Date queste premesse, in occasione di un intervento manutentivo di un tratto stradale della Provincia Autonoma di Bolzano tra i comuni di Coldrano e Vezzano in Val Venosta, il cui obiettivo era quello di ridurre il rumore da traffico a beneficio delle abitazioni a ridosso della carreggiata, la scelta sulla soluzione da adottare è caduta sull’utilizzo di pavimentazioni in Asphalt Rubber, ossia pavimentazioni additivate con gomma ricavata dai Pneumatici Fuori Uso.

Queste pavimentazioni consentono una riduzione del rumore da transito nell’ordine dei 2-5 db che sono spesso sufficienti a dare il servizio atteso dal cittadino.

E’ importante sottolineare che una riduzione di 3 db, essendo un valore espresso in scala logaritmica, corrisponde ad un dimezzamento del rumore percepito.

Le misurazioni condotte ad un anno dalla stesa dell’asfalto hanno dimostrato l’effettiva riduzione del rumore da transito e anche l’analisi dei costi effettuata ex-post dal Dipartimento Strade della Provincia autonoma di Bolzano conferma la competitività della soluzione scelta rispetto all’ipotetica installazione di barriere antirumore.

Dalla sperimentazione nella Provincia di Torino

L’accordo quadro Polipneus firmato con il Politecnico di Torino

torino-1   

A novembre 2010, nella Provincia di Torino è stato asfaltato un tratto di 1.200 metri con conglomerato bituminoso contenente polverino di gomma derivante da Pneumatici Fuori Uso: Ecopneus è stato uno dei promotori della sperimentazione effettuata nell’ambito dei lavori per la realizzazione della circonvallazione di Venaria e Borgaro.

Una superficie di circa 16.000 metri quadrati è stata, infatti, coperta con asfalto modificato, nella cui mescola è presente polverino proveniente dal recupero di 21.000 kg di PFU.

Su questo tratto di strada il Dipartimento di Ingegneria dell’ambiente, del territorio e delle infrastrutture del Politecnico di Torino ha avviato le attività di monitoraggio pluriennale che riguardano le caratteristiche strutturali e funzionali dati dall’aggiunta del polverino di gomma, con particolare attenzione alle prestazioni acustiche.

I test condotti dal Politecnico hanno dimostrato:

– un deciso abbattimento del rumore da rotolamento (il rumore generato dai veicoli in transito)

– una sostanziale maggiore durata nel tempo delle pavimentazioni realizzate con l’aggiunta di gomma da PFU

Anche le analisi dei costi nell’intero ciclo di vita del prodotto – considerando non solo le fasi di realizzazione, ma anche gli interventi manutentivi nel medio e lungo periodo – dimostrano come la scelta di utilizzare questi asfalti sia favorevole anche sotto il punto di vista economico."

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATCA e su altro ancora

 

 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.