Canne fumarie ceramiche per impianti a gas, a legna e pellet.

Nella realizzazione di un impianto di riscaldamento, sia esso a combustibile gassoso tipo metano o GPL, oppure a legna o a pellet, la scelta di una canna fumaria è sempre importante.

Fra l’altro i problemi che si incontrano nella messa in opera di una idonea canna fumaria non sono sempre di facile soluzione, sia perchè queste, talvolta devono essere montate in vecchi edifici dalle mille difficoltà, sia perchè si vuole togliere meno spazio possibile agli ambienti interni.

Per cento ragioni diverse si complica quasi sempre la realizzazione di un buon tiraggio e si finisce per ricorrere a soluzioni che in definitiva non ci soddisfano molto.

Adesso vi vogliamo mostrare una canna fumaria, in 2 diverse versioni (per liquidi gassosi e per legna-pellet) che sembra studiata apposta per risolvere i nostri problemi.

In questo articolo vi mostriamo i due tipi di canna fumaria realizzati dal gruppo Effe2  S.p.A (www.effe2.com)

Sono realizzate in materiale ceramico, estremamente resistente alle alte temperature e ai possibili incendi dovuti alla fuliggine. Sono altresì insensibili alla corrosione è sono garantite per 40 anni contro gli effetti corrosivi.

Vediamo adesso il primo sistema fumario ceramico autoportante per caldaie a combustibile liquido e gassoso di categoria B-C e Condensazione.

Sotto vediamo l’insieme dei vari componenti che formano la canna fumaria, a partire dal basamento fino al cappello posto sul tetto.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

La canna fumaria di cui sopra è impermeabile e resistente alle condense acide: offre la massima sicurezza.

L’assemblaggio è facile e veloce e le giunzioni, a doppia parete, sono del tipo maschio-femmina, da sigillare con l’apposito silicone EFFE2.

Possono essere usate e sono certificate per ogni tipo di caldaia.

Sotto dovete aprire le 4 immagini che vi mostreranno rispettivamente: Il particolare dell’elemento ceramico a doppia parete; Il porta termometro e prelievo fumi; Le confezioni di silicone termico per la giunzione dei singoli elementi; lo sportello di ispezione..

CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nell’immagine sottostante , invece  sono rappresentate schematicamente le istruzioni per la corretta installazione della canna fumaria di cui sopra.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

La seconda versione rappresenta un sistema fumario ceramico autoportante per caminetti , stufe a legna e stufe a pellet.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Rispetto al primo sistema possiamo notare che varia il sigillante di collegamento dei vari componenti della canna fumaria: anche questa, per legno e pellet, è in doppia parete interamente in ceramica, con giunzioni del tipo maschio- femmina da sigillare  con apposito sigillante refrattario EFFE2.

Inoltre nella 4^ figura sottostante (che potete aprire), è previsto uno sportello di ispezione con cassetto raccogli cenere, che nel caso di legna e pellet è necessario asportarla spesso.

CLICCARE SULLE IMMAGINI

Entrambe le canne fumarie sono autoportanti, non necessitano di cavedio e sono subito intonacabili con rete portaintonaco.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

5 commenti

  1. sarei interessata all’acquisto di una porta per ispezione della canna fumaria, potete dirmi come posso fare per acquistarla, Vi ringrazio anticipatamente per la disponibilità
    Cordiali saluti
    elena
    L’articolo dove compare la porta è quello relativo alle canne fumarie ceramiche

    • Per Elena.
      Ti comviene stampare l’immagine della porticina di ispezione e portarla da un vicino magazzino edile.
      Se, nei loro cataloghi non l’hanno uguale, te la procureranno simile.
      Amedeu e.c.

  2. prodotto molto interessante

  3. Buonasera
    sto installando una canna fumaria in inox per una stufa a pellet. Ho visto che per isolare dall’acqua in prossimità del buco sul tetto dove esce la canna fumaria, viene utilizzato un elemento chiamato faldale per tetti inclinati, completa di una scossalina. Sopra il faldale venno poi riposizionate le tegole, ma mi chiedevo cosa posso utilizzare tra il faldale e il tetto per impedire che penetri acqua nel sottotetto. Potrei utilizzare una qualche liquido isolante bituminoso? grazie per la risposta

    • Per Giancarlo.
      Il faldale con scossalina per tetti inclinati, da montare alla sommità del tetto, va piazzato in maniera da posizionare la base sotto le tegole, avendo però cura di sigillare bene con silicone o stucco tutte le parti che potrebbero creare infiltrazioni lungo la tubazione.
      Sotto le tegole dovresti cercare di avere una superficie abbastanza liscia.
      Ti consigliamo di usare un silicone resistente al fuoco, del tipo usato per i caminetti o le stufe,
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.