Cappotto termico da interno con struttura pre-installata per cartongesso

Cappotto termico da interno con struttura pre-installata per cartongesso

Tra i vari sistemi di isolamento delle pareti, quello a “cappotto” risulta essere tra i più vantaggiosi a livello energetico e per questo tra i più diffusi.

Normalmente quando si parla di un cappotto termico si intende per l’esterno, ma oggi vedremo un tipo di cappotto studiato appositamente per l’interno

Nei centri storici, nei condomini o dove  siano presenti particolari vincoli architettonici, paesaggistici o normativi, può accadere che non sia possibile intervenire applicando il cappotto all’esterno dell’edificio.

In questi casi, è possibile usare un “cappotto interno” denominato Spyrogrip Indoor della Pontarolo Engineering  di San Vito al Tagliamento (PN), che permette di  coibentare l’edificio agendo sulle pareti interne della costruzione, senza necessità di  intervenire all’esterno; inoltre i pannelli hanno una struttura preistallata per il cartongesso

Caratteristiche

Questo pannello isolante, oltre ad avere delle performance termiche ottimali, offre la velocità e facilità di posa dovuta alla presenza di staffe in polistirolo (PS) 100% riciclato co-stampate all’elemento, che fungono da struttura per il montaggio delle lastre di cartongesso.

1   

Grazie alla presenza delle staffe, infatti, gli applicatori non saranno più costretti a creare un’intelaiatura ad hoc per l’ancoraggio del cartongesso, che potrà essere, invece, avvitato direttamente e molto più semplicemente sulle stesse staffe presenti nel pannello.

3   

Una soluzione innovativa che permette, oltre che un considerevole risparmio di tempo ed economico, anche di preservare una maggior superficie calpestabile all’interno dell’edifico grazie ad una significativa riduzione dell’ingombro dell’insieme isolante.

Inoltre, viene montato con specifiche modalità che salvaguardano la pulizia degli ambienti, rendendoli velocemente fruibili.

Cappotto termico da interno con struttura pre-installata per cartongesso 1  

Tenuta, complanarità e durata

E’ un materiale isolante stampato con innovativi dettagli tecnici che conferiscono robustezza al collegamento fra pannelli ed un solido ancoraggio al supporto murario.

Questo prodotto presenta, infatti, nella superficie interna dei pannelli, delle scanalature o gole, opportunamente profilate con forma ad Ω.

4   

Grazie alla presenza di queste gole, il collante, compresso fra muro e pannello, viene costretto ad occupare e ad assumere la forma della scanalatura; ad asciugatura del collante avvenuta, il pannello e il supporto saranno un tutt’uno: inoltre, è realizzato con denti di aggancio che assicurano una posa agevole, automaticamente corretta e complanare, facendo sì che il cappotto si comporti come se fosse composto da un’unica lastra.

Si avrà così omogeneità di coibentazione ed assenza di ponti termici a garanzia di un’ottima tenuta e qualità d’isolamento nel tempo.

Traspirazione

Spyrogrip Indoor è il cappotto realizzato con un tipo di polistirolo che traspira: il Polistirene EspansoSinterizzato (EPS).

5   

L’EPS utilizzato per questo pannello, infatti, subisce un processo produttivo che prevede la "saldatura" delle perle di polistirene le quali aderiscono le une alle altre per formare il pannello.

Nella fase di saldatura tuttavia le perle lasciano dei micropori sufficienti ad un’adeguata traspirazione che consente, come necessario, l’evacuazione di eventuale condensa interstiziale.

Inoltre, il pannello è realizzato con l’ottimo sistema dello stampaggio

Scheda Tecnica

Scheda tecnica 1   

Posa in opera

Occorre pulire accuratamente la superficie di applicazione di Spyrogrip Indoor per eliminare polveri o grassi che possano compromettere la presa del collante.

Poi bisogna procedere all’incollaggio dei pannelli sulla muratura esistente seguendo una tra le seguenti applicazioni:

– Va steso sul pannello uno strato di circa 3 cm di schiuma poliuretanica a cordolo perimetrale distante 4/5 cm dal perimetro e completare schiumando una sorta di “W” al centro della lastra, Poi necessita attendere circa 60 secondi per applicare alla parete;

– Va stesa sul pannello la colla cementizia a cordolo perimetrale, distante 4/5 cm dal perimetro, ed in tre punti posti al centro dell’elemento, e infine si può applicare alla parete.

Occorre avere cura di non sporcare i denti di incastro.

I pannelli isolanti devono essere applicati procedendo dal basso verso l’alto e montati ad incastro sfalsato con i giunti di almeno 25 cm.

L’accostamento orizzontale deve avvenire seguendo la battentatura maschio – femmina posta sulla testa del pannello.

Terminata la fase d’incollaggio, bisogna procedere ad eventuale tassellatura qualora ci si trovasse in presenza di supporti murari instabili o nel caso si operasse su partizioni orizzontali quali solai.

A completamento, va applicato il rivestimento costituito da lastre di cartongesso avendo cura di fissarle, mediante delle viti da cartongesso, nella misura di almeno 15 fissaggi al mq, in corrispondenza delle staffe presenti nel pannello ad interasse 20 cm.

Una volta avvitate ed accostate le lastre a formare uno strato continuo, si può procedere alle operazioni di stuccatura delle viti e dei giunti tra le lastre applicando, dove è opportuno, dei coprigiunti “a carta” o “a garza”,  indispensabili per la posa a regola d’arte del cartongesso.

Infine si può ultimare il rivestimento con la stesura di una pittura bianca o colorata.

Centro Assistenza

Per ogni necessità relativa al prodotto è posibile rivolgersi agli esperti energetici ed a team tecnico della Pontarolo.com

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. Si ma attorno alle prese ai punti luce a parete e soffito, attorno ai termosifoni e quant’altro che sporge dalle pareti e soffitto come si fa’ (ad esempio devo accendere la luce dall’interruttore) lascio un foro di passaggio o ci sono degli accessori da abbinare per portare fuori anche i comandi luci?

    • Per Luca.
      Devi riportare tutte le prese e interruttori in superficie del nuovo cappotto termico quindi, o utilizzi i vecchi cavi che dovrebbero essere più lunghi o fai delle giunture usando i cappellotti.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.