Caratteristiche e pregi del cemento trasparente

Caratteristiche e pregi del cemento trasparente.

Una novità che avrà certamente un eccezionale riscontro nel ramo edilizio, studiata e realizzata dalla Italcementi SPA (Dell’Italcementi Group) di Bergamo, che si prefigge di innovare il settore del cemento e del calcestruzzo, realizzando prodotti con prestazioni al di sopra degli standard, a basso impatto ambientale e su misura per il cliente.

Con tale novità, denominata dalla società produttrice “i.light” si offre una nuova possibilità di impiego del calcestruzzo, usato sempre come parte solida dell’edificio con, però, la proprietà di poter comunicare con l’esterno.

caratteristiche-e-pregi-del-cemento-trasparente-1   

Questo nuovo calcestruzzo permette di avere superfici molto ampie, estremamente resistenti e luminose, preservando privacy e sicurezza e conferendo alla realizzazione un alto valore architettonico.

Il cemento trasparente

Per cemento trasparente si intende un manufatto cementizio prefabbricato che, in virtù della presenza di inserti polimerici trasparenti opportunamente dimensionati, è in grado di presentare caratteristiche di trasparenza su scala macroscopica.

Le caratteristiche di trasparenza si traducono non solo nella capacità di trasmettere la luce, naturale o artificiale, ma anche di consentire all’occhio umano di ricostruire immagini di oggetti posti al di là del manufatto.

Tale tecnologia è stata sviluppata dalla Ricerca di Italcementi per rispondere all’esigenze sorte per a Realizzazione del Padiglione rappresentativo in occasione dell’Expo 2010 di Shangai, per avere ampie superfici in materiale cementizio “trasparente” circondate da aree in materiale cementizio tradizionale; quindi un prodotto di  nuova generazione, dalle eccellenti caratteristiche, e destinato ad avere un ruolo primario nel futuro delle costruzioni.

4   padiglione-di-shangai-p      

L’effetto trasparenza si coglie, dall’esterno, soprattutto nelle ore notturne, quando con il buio il “cemento trasparente” lascia filtrare le luci interne.

Stando dentro il padiglione, invece, durante le ore del giorno c’è la chiara percezione delle variazioni di luminosità dell’ambiente esterno con un notevole miglioramento del comfort ambientale e un apprezzabile risparmio energetico.

Come funziona

Il pannello i.light è composto da una malta ad alte prestazioni e da elementi materiale polimerico che conferiscono trasparenza al manufatto finale.

La luce trova così nel materiale organico un facile passaggio con minime dispersioni, con il risultato di avere delle pareti resistenti in calcestruzzo ma luminose e traslucide.

Le resine utilizzate hanno una trasmittanza luminosa ( rapporto tra la luce visibile che colpisce un mezzo e la luce trasmessa dallo stesso) superiore a quella del vetro.

Vantaggi

Esistono sul mercato dei prodotti contenenti nella matrice delle fibre ottiche opportunamente disposte per consentire il passaggio di luce.

Le differenze tra i due prodotti sono principalmente tre:

2   

Le prime due sono di carattere tecnico: la capacità di catturare la luce dei pannelli è maggiore, perché le resine permettono il passaggio di un cono di luce più ampio rispetto alle fibre ottiche.

Questa caratteristica aumenta di fatto le proprietà di trasparenza del materiale e gli effetti luminosi conferiti agli edifici.

Inoltre, i.light è più tenace e molto più economico dei prodotti con fibre ottiche.

Quanto sopra dovrebbe essere un motivo non indifferente per persuadere i progettisti ad adoperarlo in soluzioni non solo eccezionali, ma anche di standard comune in edifici di civile abitazione, o in opere che necessitano di un risalto del valore architettonico.

fontane-bergamo-1   

Dimensioni di un pannello tipo “Shanghai”

pannello-1   

 
L’impiego principale è come involucro esterno di pareti ventilate per musei, spazi commerciali o espositivi, o come pareti divisorie interne. i.light è un prodotto altamente personalizzabile e si presta così ad impieghi nel design e nell’arte.

I pannelli utilizzati per il Padiglione Italiano all’Expo 2010 di Shanghai sono stati realizzati di dimensione 500 altezzax1000 basex50 spessore millimetri e un peso di 50 kg.

Con il progredire della tecnologia sarà presto possibile disporre di dimensioni diverse.

Le dimensioni dovranno comunque rispondere alle esigenze di resistenza legate all’impiego del pannello.

Caratteristiche fisico / meccaniche del pannello

La matrice cementizia è caratterizzata dalle seguenti prestazioni meccaniche (a 28 giorni dal getto):

– resistenza cubica a compressione media >= 60 MPa EN 12390-3

– resistenza a flessione media >= 8 MPa EN 12390-5

– modulo elastico 38-40000 MPa UNI 9771

La matrice cementizia è stata inoltre rinforzata con fibre in acciaio inox allo scopo di conferirle spiccate caratteristiche di tenacità che ne assicurano una buona resistenza alla fessurazione.

La collaborazione fra matrice cementizia e inserti di resina polimerica si è rivelata particolarmente efficace così come evidenziato da una prova a flessione su un pannello prototipo.

La risposta flessionale del pannello ha rivelato una notevole duttilità dello stesso anche in fase di post–rottura garantendo in tal modo un processo di frattura regolare ed uniforme senza pericolosi distacchi di materiale.

La risposta flessionale del pannello ha inoltre indicato che tale manufatto, nell’ipotesi conservativa di semplice appoggio, è in grado di sopportare pressioni del vento corrispondenti a velocità superiori a 500 km/h. Il test è stato effettuato secondo un protocollo interno della Italcementi SPA.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATCA e su altro ancora   

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.