Cassetta scaricatrice. Scarichi, cannucce, pulsante: fai da te

Parliamo adesso di una parte dell’impianto idrico del bagno wc molto delicata, in quanto soggetta a deteriorarsi ed a non funzionare, creando disagi in una famiglia.

E’ il complesso della cassetta scaricatrice, comunemente chiamata "sciacquone", che serve a scaricare l’acqua per la pulizia del vaso dei nostri bagni.

Le cassette scaricatrici, possono essere di diversi tipi e materiali; una volta usavano in ghisa, azionate da una catenella attaccata ad una leva che sollevava una campana, poi e subentrata la ceramica, che sembra essere il materiale più idoneo per l’uso cui è destinata, ed infine la plastica per quelle più modeste, meno costose e, a parere nostro  esteticamente meno apprezzate.

Nelle foto sottostanti potete vedere una cassetta in porcellana colore champagne , bella a vedersi esteriormente, saldata tramite un tubo di ottone smaltato, piegato a gomito, ad una tubazione (che in questo caso è di piombo, in quanto realizzata alcuni decenni fa) che scarica l’acqua (normalmente circa 10 litri) nel sottostante vaso, a cui è collegata sempre tramite altra cannuccia smaltata pure essa saldata a stagno.

 

CLIC

Con il passare del tempo, la tubazione incassata di piombo è stata sostituita da una tubazione in PVC, che nelle foto sottostanti vedete in colore nero, composta da due pezzi scorrevoli  e stagni, grazie ad una guarnizione oring.
Questo scorrimento permette di aggiustare a piacimento l’altezza di tale scarico.
Con questo sistema tutto è diventato più pratico e più facile da realizzarsi, anche  da parte di chi non ha molto dimestichezza con il mestiere.
      CLIC

La parte superiore dello scarico in PVC,è piegata a 45° e contiene una oring che blocca la cannuccia smaltata  che proviene dalla cassetta.

In basso, lo scarico è piegato ad angolo retto e sempre tramite una oring e cannuccia smaltata diritta, può essere collegato al vaso WC.
Vedi nella foto sotto,  la cannuccia diritta (prima a destra)

   CLIC

La cassetta viene fermata al muro tramite due grossi bulloni ad espansione con dado.

Prossimamente parleremo dell’interno della cassetta, del sifone, del galleggiante, del pulsante e dei danni causati dal calcare.

 Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

7 commenti

  1. Buonasera mi occorre un’informazione: lo scarico verticale dello sciacquone è in piombo. Vorrei sapere se esiste un sistema per collegarlo alla cannuccia orizzontale che va al water senza effettuare la saldatura. Grazie porgo distinti saluti

    Cesare

  2. Per Cesare.
    Il sistema sicuro consiste nel saldare la cannuccia al tubo di piombo con saldatore a stagno, barretta di stagno e pasta decapante.
    Spiegarlo non è semplice.
    Appena possibile cercheremo di fare un articolo.
    Amedeu e c..

  3. Quale deve essere la quota di montaggio della cassetta scaricatrice del WC? Se posta troppo in alto che problemi può dare? Esiste una quota minima al di sotto della quale non funziona?
    grazie per l’attenzione
    Ornella Russo

  4. Per O.Russo.
    L’altezza della cassetta dipende essenzialmente da 2 fatti.
    Non deve essere posta troppo in alto a soffitto, in quanto, in caso di guasto, saresti costretta a smontarla completamente. La sua altezza rispetto al vaso dipende dal tubo di scarico dello sciacquone, che è fatto a cannocchiale, e quindi ha una altezza minima (Ma difficilmente avrai dei problemi).
    Normalmente per vani di altezza da mt 2,40 a 2,70 la parte superiore della cassetta viene posta a 30 cm circa dal soffitto.
    Amedeu e c.

  5. Ciao va bene se uso il tubo da 32 o devo usare quello da 40 un’altra cosa più o meno a che altezza devo farlo uscire grazie in anticipo

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.