Come costruire un bel camino sul tetto.

Il camino sul tetto è importante, non tanto per la funzione che deve avere per un buon tiraggio della canna fumaria, quanto, anche, per l’estetica del fabbricato sul quale viene realizzato.

I tetti delle nostre case sono  ben visibili, e un terminale di camino, realizzato in malo modo, non è piacevole a vedersi.

In questo articolo, presentiamo un camino abbastanza facile da realizzarsi, e che non si discosta da quella che è la tipologia caratteristica delle nostre abitazioni, siano esse villette  o edifici a più piani.

Visualizzazione del camino una volta realizzato.

Prospetti assonometrici Sud Est   e  Sud Ovest

       

Sotto ancora,  i prospetti assonometrici Nord – Ovest  e  Nord – Est

      

Nei 4 disegni soprastanti è stato mostrato il nostro camino, di fattura semplice ma elegante, ed adesso passiamo a vedere la sua realizzazione nelle varie fasi.

Rialzamento canna fumaria con mattoni a facciavista

Partendo dall’uscita della canna fumaria dal nostro tetto, predisponiamo la costruzione del nostro camino , usando i mattoni a facciavista, possibilmente invecchiati; ed è facile trovarli presso tutti i magazzini edili.

Le misure dei mattoni sono di cm 25x12x5,5.

La muratura di detti mattoni la eseguiremo in malta bartarda (mezzo cemento e mezza calce, impastati con la sabbia).

Realizzare una alzata di 70 cm circa in mattoni, e tenendo conto delle misure minime del "pilastro vuoto" da realizzare, è estremamente facile anche per una persona che ama il"Fai da te"

Facciamo presente al lettore, che per facilitarne l’apprendimento, metteremo in ogni immagine tutti i materiali componenti il camino, e che, naturalmente, ad ogni passaggio, vedrete mettere in opera.

Vediamo le prime due sequenze di detta lavorazione

       

Realizzazione di filo di ricorso di mattoni in piano

Ultimato il rialzamento della canna fumaria, dovremo realizzare un filo di ricorso di mattoni in piano

Per questo scopo, useremo i mattoni oppure le mezzane o pianelle, delle dimensioni di cm 15x30x3.

Tale filo di ricorso, oltre che ad aumentare la base di appoggio dei soprastanti pilastrini (che rivedremo nel prossimo passaggio), migliora l’estetica del nostro camino, movimentandone le superfici.

  

 Realizzazione di pilastrini di sostegno della copertura

Il camino deve avere delle superfici libere per fare uscire il fumo, e nel contempo deve avere un "cappello" o copertura, per impedire l’entrata della pioggia battente.

A tale scopo alzeremo dei pilastrini costituiti da 2 mattoni accoppiati (Murati fra di loro con malta cementizia, o meglio ancora con colla H 40 della KeraKoll o siomilari: si consiglia di usarla in tutte quelle operazioni di assemblaggio che seguiranno, là dove non deve andare molta malta.

La tenace colla darà una maggiore garanzia di tenuta alle intemperie.

   

Piastra di appoggio della copertura.

La piastra di appoggio della soprastante copertura verrà posata sui pilastrini, sempre incollandola con l’H 40.

Tale piastra di appoggio, della superficie avente le misure pari a quelle  dell’esterno del sottostante filo di ricorso, avrà uno spessore di cm 6, e sarà costruita in cantiere, usando una piccola forma di tavole da cm 2,5 e rete elettrosaldata 10×10 per 8 mm di diametro.

Sarà gettata con malta cementizia.

Applicarla sopra i pilastrini sarà cosa facile.

    

Messa in opera delle pendenze  per il tetto del camino

Sopra la piastra, dobbiamo creare le pendenze per la copertura, ed a tale scopo potremo prendere due diverse vie: realizzarle con cemento tipo Lecamix Facile della Leca, tenace, e nello stesso tempo alleggerito, oppure creare due o tre "setti" di mattoni incollati  di coltello, nello spessore di cm 5,5, e tagliati in maniera da creare le due pendenze.

Abbiamo segnato due soli setti, ma a secondo  le misure del camino possiamo metterne un terzo al centro.

   

Messa in opera della copertura del camino.

La copertura del camino può essere realizzata con tegole in laterizio, di diversa forma; di solito necessitano due tegole per ogni lato, ma anche in questo caso, dipende dalle misure del camino stesso.

Comunque potrete aggiustarle, tagliandole con la smerigliatrice a disco da 115 mm.

Terminato di mettere in opera le tegole, ben murate e incollate alla parte inferiore, possiamo posizionare il colmo del tetto.

Potranno essere usati due coppi in laterizio.

Prima di metterli in opera, è necessario riempire con malta cementizia lo spazio (Nel colmo) esistente fra le due falde di tegole, in maniera che i coppi posino , per intero, sopra un letto di malta sagomata a loro sembianza.

Questo lavoro, naturalmente può avere delle varianti, ma la linea guida, consigliamo, sia quella del presente articolo.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.