Come e quando effettuare riparazioni alle finestre

Come e quando effettuare riparazioni alle finestre.

Le finestre, sempre esposte agli agenti atmosferici e in uso continuo, sono soggette a difetti di funzionamento dovuti spesso a mancanza di manutenzione delta ferramenta.

Finestra 1  

Questo avviene, anche se la finestra è stata realizzata molto resistente, ma con il tempo si usura e I’uso provoca I’allentamento delle viti di fissaggio.

I controlli almeno annuali si effettuano facilmente dall’interno così come le eventuali riparazioni o sostituzioni, da eseguire al momento, altrimenti, rimandandole, si possono deformare i battenti.

Cerniere a vite

Le cerniere sono meccanismi di importanza fondamentale per il buon funzionamento dei serramenti, ma come tutti i meccanismi devono essere mantenute in buone condizioni.

Cerniera finestra 1

Una volta all’anno almeno vanno lubrificate, con lubrificanti o con olio fine o con CRC.

In genere non è necessario rimuovere i battenti: basta spruzzare o iniettare il lubrificante lungo il bordo di contatto delle due parti (Maschio femmina) costituenti le cerniere, poi occorre aspettare un paio di minuti, quindi bisogna aprire e chiudere più volte di seguito il battente.

Se non si riesce a ottenere il risultato voluto, si deve smontare il battente, dopo di che spruzzare con il lubrificante la parte femmina della cerniera.

Lo sfregamento dei battenti contro il telaio e le difficoltà di apertura o chiusura possono essere provocati da difetti delle cerniere.

Come e quando effettuare riparazioni alle finestre 1   

In genere I’usura delle due parti (M.F.) delle cerniere provoca I’abbassamento dei battenti, e l’allentamento delle viti di fissaggio con conseguente inclinazione verso I’interno dei battenti stessi e il loro successivo blocco.

Nel primo caso è sufficiente inserire tra le due parti della cerniera delle apposite rondelle di ottone riportando al livello corretto i battenti.

Si apre la finestra, si smontano i battenti dai cardini e si infilano le rondelle tra il pernio maschio e il pernio femmina.

Si devono spessorare in tal modo tutte le cerniere in maniera da suddividere equamente il peso dei battenti.

Per le viti allentate, invece, la riparazione può essere più complessa.

Si prova prima a stringerle senza forzarle, altrimenti si rischia di spanare la filettatura o fessurare il legno.

Se i difetti permangono significa che il legno non tiene più le viti.

Si deve rimuovere il battente della finestra, dopo di che si svita le metà cerniere dal telaio e si piantano nei fori liberati degli spinotti rotondi di legno.

Se necessario si allargano i fori con il trapano, si applica un adesivo polivinilico da legno agli spinotti e si picchiettano lentamente nei fori fino a richiudere gli stessi.

Si aspetta che I’adesivo faccia presa, quindi si possono trapanare i fori di invito mettendo la punta del trapano al centro del nuovo spinotto.

A operazione eseguita, si avvita la cerniera al telaio e si rimonta il battente.

Maniglie

Maniglia finestra 1   

Le parti più soggette a sforzo sono le viti che bloccano le maniglie.

Devono resistere agli strappi durante I’apertura e agli sforzi laterali durante la rotazione della maniglia.

II rigonfiamento del telaio causato dall’umidità può fare aumentare le sollecitazioni assorbite dalle viti e dal legno.

Quando questo non tiene più le viti, si devono usare i tasselli incollati come specificato sopra per le cerniere.

Se si inseriscono degli spessori non adatti, tipo i fiammiferi di legno, per ridurre il diametro dei fori, riavvitando si può fessurare il legno con le conseguenze facilmente immaginabili.

Maniglie alla cremonese

Per i meccanismi alla cremonese (Cioè con l’apparato di chiusura che si innesta nella maniglia, con due bacchette piegate a L alle estremità), in cui la rotazione della maniglia comanda la corsa delle aste di fermo, spesso è sufficiente riposizionare la maniglia stessa poco più in alto o in basso in modo da coprire i vecchi fori e trapanare i nuovi di invito nel legno sano.

Maniglia per cremonese 1   

Aste in ferro per cremonese

L’entità e la direzione dello spostamento è determinata dalla lunghezza delle aste in ferro interne al legno della finestra, e che in genere consentono un certo gioco.

Aste per maniglia cremonese 1   

Prima di trapanare i fori di invito si controlla che la nuova posizione della maniglia permetta di liberare e impegnare le estremità delle aste nelle bocchette superiore e inferiore del blocco interno della maniglia.

Fermi delle aste

Nelle maniglie con paletto, scorrevole o ruotante, a volte il paletto stesso schiaccia uno dei fermi a vite a occhiello (Oppure a rullino scorrevole),  posti in alto e in basso nel telaio rispetto alle ante finestra, impedendo così il suo corretto funzionamento.

Rollino per fermo aste 1    Rullino 2   

Si controlla prima di tutto I’allineamento del paletto e dell’occhiello, poi si rialza il bordo di questo ultimo facendo leva con uno scalpello: non si deve usare il cacciavite che potrebbe deformare il meccanismo.

A volte però è necessario allargare la sede nei montante del telaio.

Si svita la bocchetta e la si rimette in squadra su un banco da lavoro con il martello e un blocchetto di legno.

Si riposiziona e si segna con un lapis il nuovo contorno, si rimuove la bocchetta e con mazzuolo e scalpello da legno si rifila poco alla volta il montante.

Le ferramenta sono elementi fondamentali per il buon funzionamento delle finestre.

Una volta all’anno almeno devono essere controllate e lubrificate.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.