Come effettuare una saldatura elettrica. Immagini e consigli

In questo articolo affrontiamo il tema relativo a come effettuare una saldatura elettrica, presentando immagini e consigli idonei

Cosa si intende per saldatura elettrica? 

E’ quel tipo di saldatura che permette I’assemblaggio di pezzi metallici non soggetti a forti sollecitazioni.

Può essere adoperata per i seguenti campi di applicazione: elettronica, radio, hi-fi e modellismo.

Attrezzi 1       

II saldatore elettrico del quale ci dovremo servire, non è altro che una semplice resistenza, la quale serve a scaldare I’estremità di una punta di ferro, portandola a temperatura tale da provocare la fusione di determinati metalli.

La saldatura elettrica più conosciuta ed usata è quella che serve per assemblare circuiti elettrici con l’apporto di stagno.

La saldatura elettrica viene anche usata per saldare pezzi idraulici

I saldatori sono dotati di archetti interscambiabili, adattati alla natura delle saldature da realizzare (Da tenere presente che più I’estremità dell’archetto è sottile e maggiore sarà la precisione della saldatura che effettueremo.)

Gli archetti, normalmente si distinguono in:

– archetto dritto: per saldature comuni in elettricità e idraulica,

– archetto curvo: per saldature di materiali elettrici, radio, TV,

– archetto curvo fine per I’elettronica.

Cosa si usa per metallo di apporto?

II metallo di apporto è normalmente una miscela di stagno.

Per una saldatura elettrica, occorre utilizzare una miscela contenente il 40% di stagno; invece per una saldatura per materiali idraulici (grondaie, utensili da cucina), va utilizzata una miscela con il 60% di stagno.

La bobina dissaldante.

La bobina dissaldante permette I’eliminazione delle vecchie saldature.

Premesso quanto sopra, iniziamo ad effettuare una saldatura elettrica.

Occorre fornirsi di un saldatore adatto al lavoro che vogliamo effettuare: per esempio, per un circuito elettrico va scelto un saldatore di scarsa potenza ed un corrispettivo archetto a punta fine.

Se la persona che salda lo fa per la prima volta, e quindi è inesperta, prima di saldare il circuitoo o altro che interessa, è bene che si eserciti, allenandosi su di un vecchio circuito stampato e magari difettoso.

Il lavoro da saldare va preparato prima di iniziare la saldatura, affinchè  il tempo di riscaldamento del circuito sia il più breve possibile, al fine di non danneggiarlo e preservarne la durata.

Si deve fare attenzione ad usare pochissimo filo stagno, in quanto un eccesso di saldatura potrebbe provocare dei rischi di rottura o di corto circuito.

Come si fa a togliere una vecchia saldatura

Va scaldata la saldatura grazie all’estremità dell’archetto.

Quando la saldatura inizia a sciogliersi e diventa lucida occorre avvicinare la bobina dissaldante, la quale aspirerà la saldatura

Togliere una saldatura 1    

Occorre mantenere il saldatore, quindi togliere la bobina dissaldante ed eliminate definitivamente la saldatura.

Togliere una saldatura 2

Come saldare 2 cavi elettrici

Bisogna denudate i fili alle estremità o nel luogo da saldare, per almeno 1cm, dopo di che vanno bloccati insieme i fili.

Saldare 2 cavi elettrici 1    

Quindi si deve scaldate e applicare il filo di stagno sul punto di contatto.

La saldatura va fatta raffreddare prima di manipolare l’oggetto.

Come saldare 1 circuito

Saldare 1 circuito 1    

Scaldate il saldatore per qualche minuto.

Poi si deve distribuire  lo stagno sull’estremità dell’archetto strofinando il filo di stagno su di essa.

Come effettuare una saldatura elettrica. Immagini e consigli 1    

Va appoggiata la punta dell’archetto sulla saldatura, lasciandolo scaldare per qualche secondo e poi va applicato il filo di stagno sul punto di contatto.

Quindi va lasciato raffreddare il tutto.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.