Come fare la squadratura e realizzazione, in pratica, di un pavimento. Fai da te

In due precedenti articoli ai quali vi rimandiamo, avevamo spiegato teoricamente come eseguire un pavimento a colla,ed in particolare come effettuare la squadratura, operazione necessaria perchè il pavimento possa essere "posato in opera" con la massima precisione.

Adesso vi mostriamo in pratica, con numerose foto, passo per passo, come deve essere realizzata sia la squadratura che l’intero pavimento.

E’ necessari munirsi di una squadra metallica oppure anche in legno , ma che sia precisa; i lati di detta squadra devono essere almeno di 60-70 cm cadauno.

Quella che noi stiamo usando è una livella multifunzionale da trasformarsi in squadra , e può essere acquistata a pochi soldi presso i grandi magazzini tipo OBI, Castorama, Merlin, Brico ecc.

Detto questo partiamo con il pavimento:

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

Come vedete dalle foto soprastanti, è stato preso come allineamento il muro che si vede a sinistra nella stanza.

In vicinanza della porta di ingresso al vano, si "tira" una corda" (che vedete in colore verde), allineata con l’asta blu della squadra.

Il pavimento non è dei più facili, in quanto è composto da due tipi di mattonelle e cioè della misura di cm 30×30 unite ad altre della misura di 15 x 15. (Verrà montato un gres ceramicato di prima scelta. Questo tipo di mattonella, poichè viene tagliato "capilargo", cioè con l’area da incollare più larga di quella superficiale, può essere messo in opera senza usare i distanziatori in plastica)

Nel tirare la corda , la medesima dovrà corrispondere al lato delle mattonelle che noi abbiamo preso quale riferimento, ed in questo caso alle mattonelle più grandi.

Inizialmente la prima fila di piastrelle, unita alle altre piccole intercalate, viene posata a secco sul pavimento, in maniera da potere "tirare  la suddetta squadratura.

Nelle foto soprastanti vi facciamo invece vedere la fase successiva, con le mattonelle già incollate e messe in squadra.

Sotto vediamo i due lati del pavimento, che sono perfettamente perpendicolari:

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nella prima foto vedete la fila di sinistra  vista dal centro stanza, e nella seconda la fila perpendicolare alla prima.

Sotto ancora vediamo come vengono fermate le corde ai due estremi:

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

A questo punto, si rende necessario preparare tutto il materiale (piastrelle, colla, taglia mattonelle, smerigliatrice a disco da 110 mm, tenaglie da piastrelle ed arnesi vari) al centro della stanza, in maniera da evitare troppi passaggi sopra le mattonelle posate di fresco.

Per passare sopra la squadra effettuata, si deve predisporre una passerella con un tavolone poggiato su due doppi Uni (doppi mattoni) posti agli estremi.

Vedi foto sotto:

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

Con una squadratura eseguita con calma ed attenzione, possiamo continuare con il pavimento, e saremo sicuri di non avere brutte sorprese durante la posa in opera delle piastrelle.

Una precisazione: il pavimento viene naturalmente incollato su di un massetto cementizio tirato perfettamente in piano, quindi non avremo problemi di superfici rialzate o incavate. La mano dell’operatore che spalma  colla deve essere sempre uniforme e ripetitiva.

Adopereremo una cazzuola americana dentata:

            CLICCARE SULLE IMMAGINI 

La colla che stiamo usando è la H40 della Kera Koll, alla quale siamo particolarmente affezionati, ma altre colle anche meno tenaci, vanno bene per questo tipo di lavoro.

La colla è stata preparata dentro ad un secchio di plastica tipo quello che contiene le vernici da 15 Kg; è stata girata (acqua e colla) con un trapano provvisto di frullatore per malte.

Sotto vediamo la messa in opera di due piastrelle sulla colla; vanno appoggiate e quindi premute sulla colla con la mano in maniera che facciano  presa e si allineino con le altre vicine: 

               CLICCARE SULLE IMMAGINI

Proseguiamo con questo ritmo, con calma ed attenzione.

Sotto vediamo una parte di pavimento completato:

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Ecco il pavimento è quasi ultimato, rimane effettuare una striscia laterale

   

Sotto vediamo il pavimento pressochè ultimato con poche tagliature di piastrelle laterali da mettere in opera:

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Finalmente le mattonelle sono state quasi tutte montate; mancano alcune piccole rifiniture, poi, il giorno dopo, avverrà la pulizia e la stuccatura dei commenti con cemento tipo "Fugabella".

Inoltre si provvederà a mettere in opera i battiscopa in gres ceramicato , là dove saranno previsti.

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

La parte finale della stanza è l’abside semicircolare, di cui al nostro precedente articolo sulle tagliature curvilinee.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

12 commenti

  1. che sito interessante!. Devo fare un pavimento di 150 mq in un capannone ed avevo proprio bisogno di una guida di come fare , sia perchè voglio mettermi alla prova non essendo del mestiere (poi magari mi pentirò di questo) sia perchè il tempo che rintraccio un piastrellista accurato passano dei mesi..ed io ho fretta di accedere ai locali piastrellati.
    Se mi è concesso porre una domanda all’esperto:
    Il pavimento su cui devo applicare il pavimento monocottura (per un magazzioni automezzi) cè applicato un pavimento bicomponente (resina epossidica) sul quale ci ho passato più mani con una spazzatrice rotante (quella con il disco di feltro nero) . Il commerciante che mi fornisce le piastrelle e la colla mi dice che devo comunque mettere un primer . A me non sembra cos’ scivoloso il pavimento pulito ed il fatto che mi chieda 300 euro di primer (non sò di quale tipo) per fare 150mq mi sembra un furto ( trattasi del 50% del valore del pavimento!!) Cosa consigliate eventualmente di primer meno costoso per non corerre rischi che si scolli la piastrella per non avere un fondo agrappante? GRAZIE a buon rendere

  2. Per Enrico.
    Vai nella categoria “opere Edilizie”, cerca “pavimenti e rivestimenti vari” ed infine leggi l’articolo:”Costruzione di un nuovo pavimento su di uno esistente. Nuove soluzioni ”
    Troverai la soluzione che cerchi.
    Fra l’altro la ditta Weber è di primaria importanza ed ha una gamma di collanti che garantisce.
    Un’altra cosa: 150 mq di pavimento sono molti, per cui prevedi di dividerlo in quadrati, predisponendo dei giunti di dilatazione che troverai presso tutti i magazzini edili.
    Altrimenti corri il pericolo che con il tempo, a causa esenzialmente del caldo, il pavimento ti faccia brutti scherzi, rialzandosi.
    Amedeu e c.

  3. ho necessità di sapere se avete mattonelle in graniglia 20×20 base chiara graniglia grigio chiaro e cortesemente un telefono presso il quale contattarvi. grazie

  4. Per Giancarlo.
    Ci dispiace non accontentarti, ma non trattiamo la vendita di alcun articolo.
    Il nostro sito ha solamente un carattere puramente tecnico informativo.
    Amedeu e c.

  5. Salve,nella mia casa nuova ,appartamento di un condominio, ho comprato le piastrelle di una nota ditta, dopo la posa e la fugatura essendo un cantiere in pieno lavoro e avendo ammattonato la zona giorno e lasciato la zona notte per ultima perchè ci va il parquet,quindi non essendoci finestre , il pavimento si è sporcato molto,venendomi il dubbio che il pavimento si fosse rovinato, ho deciso di pulire informandomi come con l’azieda dove li ho acquistati.
    Il pavimento doveva essere pulito solo con detergenti a ph neutro e non acidi,così ho fatto ma la sorpresa è stata atroce, perchè il pavimento non aveva più l’effetto molatura che si vedeva con i riflessi della luce, avendo subito contattato il rivenditore ha fatto venire il rappresentante e il posatore, i quali uno asseriva che il pavimento era stato posato secondo le direttive che c’erano scritte sulla scatola e l’altro diceva che era rovinato.
    Io mi ritrovo ad aver speso circa 9.000 mila euro e non so cosa fare perchè nessuno si prende la responsabilità e nessuno capisce cosa sia successo,chi mi dice che la colpa è del posatore perchè la fuga ha rovinato il mattone, il posatore dice che è il mattone che è fatto così perchè si ossida, e io cosa devo fare? vorrei far periziare il mattone ma non so a chi rivolgermi, o devo fare causa al costruttore? tengo a precisare che il pavimento è fuori capitolato. Se vedete il sito della Ditta fanno vedere come dovrebbe essere il pavimento, ma il mio non è così! . Vi sarei grata se mi rispondeste. saluti

  6. Per Nadia.
    Si. Abbiamo visto i pavimenti della Ditta, e dobbiamo riconoscere che sono molto belli.
    Da quello che ci racconti non sembrerebbe un difetto dovuto al posatore, il quale avrà adoperato le mattonelle e la colla o altro sottofondo, per porle in opera.
    Sembra piuttosto che sia un difetto sorto successivamente (se prima di posarle le piastrelle erano perfette) ad una azione di pulitura, quale quella da te effettuata; oppure in seconda analisi da un difetto di fabbricazione (meno probabile) che è poi fuoriuscito a seguito della pulitura.
    Anche dalle foto che ci hai inviate, sembra che abbiano perduto la patina superficiale che le rendeva “vive”.
    Per poterti togliere ogni dubbio, poichè 9.000 euro sono veramente una bella somma, devi contattare, anche telefonicamente, la ditta produttrice delle mattonelle, e senza molta enfasi, da buona cliente, devi chiedere un loro immediato intervento.
    Dovrebbero inviarti un loro tecnico di fiducia.
    Da detto sopralluogo dovrebbe emergere ciò che ha causato il “difetto”.
    Amedeu e c.

  7. Buongiorno, anch’io ho avuto un problema con la casa nuova. Ho acquistato delle piastrelle (extra capitolato) in gres porcellanato tipo effetto legno (le listelle sono lunghe circa 90 cm x la zona giorno e 120 cm per la zona notte) . Quando siamo andati a scegliere le piastrelle abbiamo specificato alla venditrice che la posa la volevamo come quella esposta da loro in negozio. Ovviamente non essendo del mestiere non potevamo sapere che quel tipo di posa si chiamasse specificatamente “TOLDA DI NAVE”, e ci siamo fidati della venditrice che nel documento “ufficiale” ha segnalato la seguente dicitura : da posare sfalsata ai 3/4 – 1/3 della lunghezza! MAI a metà piastrella
    posare PARALLELO rispetto alla porta d’ingresso

  8. Scusate ho per sbaglio dato l’invio.
    Comunque, il cantiere ci prende appuntamento per andare a vedere le piastrelle oramai già posate e una volta entrati c’è stata la sorpresa: avevano fatto la posa sfalsata a un terzo, cioè praticamente sul pavimento c’è un effetto tipo “scala” … che non è quello che volevamo noi. Ovviamente l’impresa ha cercato di addossarci la colpa dicendo che io al telefono li avevo autorizzati a fare questa posa qui, cosa assolutamente non vera e anche improbabile da credere. Hanno addirittura modificato a penna la loro scheda correggendo la proporzione sopra indicata. La mia domanda è la seguente: anche se sopra la scheda non è indicata esattamente la dicitura ” POSA A TOLDA DI NAVE” ma solo “da posare sfalsata ai 3/4 – 1/3 della lunghezza” è chiaro per una persona del mestiere che l’effetto che deve venire non è quello che è venuto a noi?
    Perchè si sono anche appellati al fatto che quella frase che l’azienda delle piastrelle ci ha scritto sulla scheda vuole solo rimarcare il fatto che la posa non deve essere mai fatta a metà piastrella in quanto essendo lunga potrebbe vedersi il difetto che molto spesso questo tipo di piastrella presenta.
    Posso pretendere, secondo voi, di farmi rimettere il pavimento?
    Ringrazio anticipatamente

  9. Per Roberta.
    Ci devi scusare, ma non ci è molta chiara la situazione che ci hai descritta.
    Non sappiamo quale sia la posa “a tolda di nave”, probabilmente viene chiamata anche in altra maniera.
    Comunque, se sul buono d’ordine che avete firmato per accettazione e di cui vi dovrebbe essere arrivato un facsimile con la consegna delle mattonelle, ci sembra di comprendere che c’è scritto ” da posare sfalsate ai 3/4-1/3 della lunghezza”, ed al posatore non è stato detto nulla, o nel caso sia stato detto non ci sia però altra pezza di appoggio scritta da voi, il posatore montandole sfalsate ad 1/3, in definitiva è rientrato nella dicitura di “3/4-1/3 della lunghezza.
    Il posarle parallele rispetto alla porta di ingresso lo avrà seguito? Se no, è il punto al quale voi potete appellarvi.
    Ci sembra di comprendere questo.
    Amedeu e c.

  10. Salve,io dovrei posare gres porcellanato 60×60 in tutta la casa,ad eccezione del bagno,gentilmente da dove potrei iniziane,e siccome vorrei montare il pavimento a rombo come dovrei farmi le linee guida nella stanza? Aspetto gentile risposta e grazie.

  11. Per Salvatore.
    Leggi questo nostro articolo.
    http://www.coffeenews.it/pavimentisquadratura-dei-locali-messa-in-opera-dei-pavimenti-a-colla-come-fare
    Per il rombo devi tirare 4 corde centrali alla stanza e proseguire verso le pareti.
    Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.