Come fare un muro a secco, opera povera dell’edilizia. Fai da te

Abbiamo affrontato insieme molti articoli dedicati alla muratura nell’edilizia.

Siamo passati dalle opere di fondazione alle rifiniture di una casa ed altro ancora.

Oggi vogliamo affrontare la realizzazione di un muro di sostegno a secco; opera considerata scadente, povera e di poca importanza; sorpassata nel tempo da tecnologie nuove e sempre all’avanguardia.

Eppure in certe circostanze diventa necessario effettuare i muri a secco. Un’usanza, per esempio mai abbandonata in terreni sassosi, o in pendii, dove necessita realizzare gradoni da destinarsi ad orto o vigneto. Classiche sono le località della Liguria ed in particolare la zona delle 5 terre, dove il muro a secco è diventato un’arte tramandata nei secoli.

Inoltre, fino agli anni 50, quando molte strade erano ancora da asfaltare, gli stradini comunali o provinciali erano espertissimi nel costruire i muri di sostegno realizzati con pietre a secco.

Molti resistono tutt’ora, anche su strade frequentate, magari vicini ad opere grandiose in cemento armato.

Insomma, saper realizzare un muro di sostegno a secco, può risultare utile in molte circostanze.

Si chiamano muri a secco, in quanto non viene usato alcun legante , tipo la malta, per tenere unite le pietre, ma semplicemente vengono posate l’una sopra l’altra, utilizzando per intero le pietre a disposizione e lasciando pochi scarti.

La prima fotografia che vi mostriamo riguarda appunto uno di questi  muri, non eccessivamente alto, e che è stato appena realizzato per  creare uno spiazzo rialzato, dando così una sistemazione ad un terreno prima abbandonato e sconnesso:

         CLICCARE SULLE IMMAGINI

Vediamo per prima cosa l’angolazione e quindi la pendenza data a tale muro:

       CLICCARE SULLE IMMAGINI

Più da vicino osserviamo la disposizione delle pietre:

    CLICCARE SULL’IMMAGINE

Come detto sopra realizzando questo tipo di struttura si deve utilizzare tutto il materiale a disposizione, e così abbiamo muri costruiti con le sole pietre, alternando le grosse alle piccole ed utilizzando le scaglie o le pietre più piatte per creare delle linee orizzontali sulle quali muoversi e posare, una fila dopo l’altra, le pietre stesse.

Il muro di cui vi abbiamo mostrato le foto è stato invece realizzato utilizzando pietre ricavate da una demolizione di un vecchio edificio, miste a vecchi mattoni, mezzane e scaglie varie.

Per la realizzazione, si parte spianando il terreno sul quale dovrà sorgere il muro.

Quindi servendoci di una corda da muratore come guida, si posa una prima pietra su di un estremo della linea da ricoprire ed una seconda pietra sull’estremo opposto.

Poi si mettono in fila le pietre cercando, data la loro eterogeneità, con l’aiuto dell’occhio, di allinearle come meglio possibile.

Appena posata la prima fila di pietre, dando loro una leggera pendenza verso l’interno, in maniera che il muro a retta risulti a scarpa, si inizia a rinfiancarle sul retro con materiale inerte (terra, ghiaia o ciò che abbiamo a disposizione e che vogliamo utilizzare per creare un piano)

Si alza la corda sui due estremi e si inizia una seconda fila, magari usando vecchi mattoni, mezzane o pietre piatte.

Completata pure questa si rincalza ugualmente di terra.

Il segreto del muro a retta e proprio questo: bisogna salire con il muro e contemporaneamente rincalzarlo sul retro con la terra, in maniera che non crolli, durante la costruzione, a causa della pendenza della scarpa che gli diamo.

Ciò renderà il tutto finito e compatto.

Vediamo sotto, il  disegno di due sezioni per chiarire quanto detto.

Prima fila:

    CLICCARE SULL’IMMAGINE

Altre file fino al completamento del muro.

    CLICCARE SULL’IMMAGINE.

Esistevano vecchi "terrazzaioli" che hanno costruito muri  che dureranno ancora centinaia di anni.

Chi avrà l’occasione di cimentarsi in una simile opera riscontrerà che non è difficile.

Talvolta questi muri a secco vengono anche stuccati dopo essere stati costruiti.

Lo fanno per dare una apparente maggiore solidità ed anche un aspetto migliore di estetica a quanto realizzato.

A parte il fatto, che ogni 2 mt circa, necessiterà lasciare alla base, delle pietre non murate, per lo scolo delle acque, chi si accingerà a compiere tali rifiniture, dovrà sempre ricordarsi, che ha realizzato un muro a secco stuccato, e non un vero muro di sostegno, in quanto  mancano: le fondamenta e la parte più importante che è la malta di collegamento fra pietra e pietra.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA IN EDILIZIA.

di Amedeu

9 commenti

  1. Salve, a casa mia in montagna devo fare un muretto di recinzione per forza in pietra (disposizioni del comune) vorrei sapere più o meno come sono i prezzi del mercato. il muro è alto 1 m e lungo 20 m, le pietre le fornisco io perchè ne ho un bel po inseguito alla demolizioni di un muro.
    Grazie

  2. Per Daniele.
    Fare un muro di recinzione, anche se hai le pietre, è una lavorazione che comporta: lo scavo della fondazione, l’armatura in ferro ed il getto della medesima in calcestruzzo, la realizzazione della muraturra in pietrame (spessore cm 30?45?….?).
    Inoltre vi sono altri fattori che ti potrà calcolare un tecnico professinista o una impresa della tua zona.
    Non è possibile azzardare alcun prezzo.
    Amedeu e c.

  3. Salve dovrei fare da me e quindi mi occorrerebbe (se possibile) uno schema in sezione per la fondamenta di un muretto perimetrale tra la strada e l’abitazione. Vorrei usare la rete elettrosaldata dentro le fondamenta ed il muretto dovrà avere una larghezza di un blocchetto prefabbricato di cemento.
    Grazie, Mauro

  4. Per Mauro.
    GVedi se questo nostro articolo ti può aiutare
    http://www.coffeenews.it/recinzioni-esterne-una-recinzione-di-sicurezza-fai-da-te
    Altrimenti con il pulsante “cerca” in alto a destra cerca “fondazioni” o “recinzione”: dovresti trovare altre idee.
    Amedeu e c.

  5. Buonasera e complimenti per i contenuti del sito che mi sembrano molto ben esposti; volevo sottoporre il presnte quesito:
    devo rinforzare e raddrizare un muro in mattoni forati di un vecchio cascinale, avevo pensato di affiancargli un muro di cemento armato considerato che lo spessore dello stesso varierà da circa 4 a 6 cm volevo sapere se era una buona soluzione e nel caso se come armatura potevo utilizzare una rete elettrosaldata di quelle che si trovano in commercio. l’altezza del muro sarà da 1 a 1,50 metri.
    Ringrazio anticipatamente e saluto.
    Roberto

    • Per Roberto
      Non vedendo il lavoro non possiamo ben valutarlo, per cui il miglior consiglio è quello di farlo vedere da un tecnico abilitato della tua zona.
      Comunque, se si tratta di “raddrizzare” un vecchio muro di notevole spessore in muratura di pietre o mista con mattoni, puoi procedere con le reti elettrosaldate, seguendo l’esempio di questo nostro articolo
      http://www.coffeenews.it/predisposizione-dei-piani-di-arriccio-in-un-muro-con-avvallamenti-e-sporgenze
      (Ne puoi trovare altri usando il pulsante “Cerca” in alto a destra).
      Attenzione però, perchè tu parli di affiancare un muro di 4/6 cm “in cemento armato” ad una muratura (ci sembra di comprendere, fuori piombo o comunque non complanare).
      Se non predisponi gli opportuni “agganci” alla vecchia muratura (7 per mq, passanti o meno), corri il rischio di realizzare due strutture disarticolate fra di loro.
      valuta invece che non sia il caso di effettuare un arriccio di malta cementizia, sempre con rete elettrosaldata dove occorre, ma con prese, oltre che con ferri passanti o meno, anche con bozze di pietra.
      Amedeu e c.

  6. Chiedo scusa (sono un neofita) ma :
    1) E’ sufficiente solo “spianare” il terreno per la fondazione , e non anche scavare una fondazione in cui riporre le pietre di sostegno?
    2) E per il drenaggio?
    Grazie e complimenti

    • Per Nuccio.
      Parli di drenaggio e di sostegno, ed allora devi spiegarci meglio cosa vuoi fare.
      Comunque, per una normale fondazione, della profondità che ti ha assegnato il direttore dei lavori, occorre solo il getto del calcestruzzo dosato per tale scopo.
      Se è una nuova costruzione, sopra ci sarà previsto un cordolo di ripartizione. (?)
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.