Condizionatori. Montaggio fai da te.

Oggi affrontiamo un capitolo che starà molto a cuore ai nostri lettori. Vi presentiamo difatti, passo per passo, come montare un condizionatore con il sistema del "fai da te".

Installiamo questo particolare tipo di condizionatore della ditta FAIR di Schio (Vi)- www.fair-europe.com che forse è uno dei pochi, se non l’unico che si presta ad essere montato da persone abituate ad effettuare i lavori di casa per conto proprio.

E’ un condizionatore a basso consumo  (Cat. A) con produzione di aria fredda in estate e riscaldamento in inverno.

Il condizionatore che noi installiamo è di 12.000 Btu/h, e ci perviene dalla ditta in una confezione contenente l’unità esterna e quella interna, più 6,00 mt di tubo ( due da 3 metri) già flangiato e con i raccordi, più il cavo elettrico pronto, il tubo di scarico della condensa , i manuali d’uso e di installazione ed altre cose necessarie.

Il condizionatore esterno è precaricato di gas R 410 a, per cui ad operazioni di montaggio ultimate, non ci sarà bisogno di ricariche o di operazioni similari; basterà attaccarlo e farlo funzionare.

Naturalmente bisogna stare molto attenti ad effettuare alcune operazioni, che in queso articolo, e nel prossimo ed ultimo, noi vi mostreremo, passo per passo.

Di seguito vi mostriamo per prima cosa il manuale di montaggio che la ditta ci fornisce, e che è molto esauriente e completo con vicino l’etichetta che lo accompagna, con indicati tutti i dati caratteristici di questa ottima pompa di calore.

Manuale di installazione e Caratteristiche Tecniche

CLICCARE SULL’IMMAGINE

L’unità esterna, che fa parte di una serie già da noi montate e provate,  verrà collocata sul muro di cui alla prima foto sottostante, e quella interna nella parete bianca nella foto i destra.

L’unità interna deve stare in posizione  più alta rispetto a quella esterma.

CLICCARE SULL’IMMAGINE     Parete Interna

Seguendo le istruzioni del manuale di montaggio, iniziamo a montare le staffe di sostegno dell’unità esterna. Prendiamo le misure e ci serviamo della livella a bolla e di un lapis per segnare i fori.

Poichè la parete, ove vanno montate, è il parapetto di una scala, realizzato in forati intonacati, noi usiamo una cartuccia di aggancio chimico per staffe, che spruzziamo nei fori praticati con la pistola da silicone.

    CLICCARE SULL’IMMAGINE

Pratichiamo i fori da 15 mm e vi inseriamo i tasselli a "calzetta" tipici per il prodotto chimico; vi inseriamo i bulloni, e appena seccato, mettiamo in opera le staffe e le stringiamo con chiavi tubolari.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Montaggio dell’Unità Esterna

L’unità esterna pesa circa 35 Kg , noi la posizioniamo sulle staffe montate, mettiamo i piedini di gomma, in dotazione con la confezione e colleghiamo l’unità alle staffe mediante bulloni e dadi, pure essi isolati da una borchia di gomma.

Questi accorgimenti servono a non fare vibrare l’unità esterna durante il suo funzionamento, evitando così fastidiosi rumori.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Poichè questo montaggio ci ha portato via del tempo ed abbiamo avuto modo di documentarlo con foto, procediamo con calma per meglio apprezzarne la metodologia e vi rimandiamo al prossimo ed ultimo articolo, relativo a questo particolare tipo di condizionatore.

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

11 commenti

  1. Salve ,grazie per la spiegazione semplice e comprensiva anche per chi come me ha sempre pensato che ,pur cimentandomi in molte applicazioni fai date come muratura ,impianto elettrico ,idrico, fognario, ecc. non sarei stato capace, po per la mancanza di attrezzi un po per la totale ignoranza di poter montare un condizionatore.Volevo cortesemente chiederle dove comprare il fair e se qualcosa nel montaggio che andrò ad effettuare si presenteranno delle difficoltà posso disturbarla. Saluto cordiale.

  2. salve,
    Per fare una controsoffittatura devo abbassare gli split alle camere di circa 30 cm.
    Chiedo un consiglio come poterlo fare.
    In attesa ringrazio.
    Claudio

    • Per Claudio.
      Gli split sono collegati alla macchina esterna tramite due tubi in rame che sono svasati alle estremità.
      Tale svasatura va effettuata tramite una idonea cartellatrice: può darsi che i tuoi tubi vadano accorciati e necessitino di una nuova svasatura.
      Ma a parte ciò, va anche visto se il tuo condizionatore è del tipo che può essere smontato mantenendo il gas nella macchina esterna, oppure deve essere ricaricato, una volta eseguito il lavoro di spostamento.
      In ogni caso, ti suggeriamo di rivolgerti da un idraulico della tua zona, il quale sia provvisto di tutta l’attrezzatura per eseguirti il lavoro a regola d’arte.
      Amedeu e c.

      • Ho capito il tutto, l’unica difficoltà è che non riesco a sgangiare lo split dalla parete.
        E’ un carrier da 9000.
        Grazie.
        Claudio

  3. Condizionatori. Montaggio fai da te.

    Salve, ho una domanda. Sto acquistando una casa nuova, dove hanno già istallato l’impianto di condizionamento. In casa esiste un piccolo locale tecnico, diciamo 2m di lunghezza, per 3 di altezza, per circa 1 m di larghezza, dotato di una finestra sempre aperta protetta da una veneziana in legno, a poca distanza dalla quale hanno istallato la caldaia a gas e l’unità esterna del condizionatore. La ventola però punta verso la parete e non verso la finestra. Come dire, l’aria esce dalla ventola e dopo 30 cm incontra davanti a sè il muro del locale tecnico. Io ho chiesto se l’istallazione fosse a norma, e il costruttore mi ha detto di si, ma a me sembra strano. penso si potrebbe surriscaldare. Voi che ne pensate? Grazie in anticipo! Andrea

    • Per Andrea.
      Sarebbe necessario vedere il tipo di impianto di condizionamento del quale parli; comunque se è del tipo a macchina esterna e split interno di riscaldamento, la ventola dell’apparecchio principale dovrebbe essere rivolta verso l’esterno.
      Questo in linea di massima, ma come chiarito sopra l’impianto va visto nel suo complesso.
      Eventualmente fai controllare il tutto da un perito termoidraulico o da un ingegnere.
      Amedeu e c.

  4. Una curiosità: se una staffa è più alta dell’altra di 3-4 millimetri, può esser un problema per il funzionamento dell’unità esterna? Piccola diatriba con mio papà…

    grazie!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.