Consolidamento delle murature con diatoni artificiali controllati e a espansione per il recupero di edifici esistenti anche storici

Consolidamento delle murature con diatoni artificiali controllati e a espansione per il recupero di edifici esistenti anche storici.

Negli ultimi anni si è sviluppata un’attenzione sempre maggiore nei confronti delle ristrutturazioni, del patrimonio edilizio esistente e delle attività miranti alla conservazione dei beni edilizi, sia di notevole pregio architettonico che appartenenti all’edilizia tradizionale.

Nell’ambito degli interventi di recupero di edifici esistenti sono ricorrenti le opere di consolidamento in cui si prevede l’inserimento di elementi metallici all’interno di strutture in muratura: la cucitura di piccole lesioni, catene o cerchiature poste a contenimento dell’azione di elementi spingenti quali archi e volte, l’inserimento di tiranti interni alla muratura allo scopo di incrementarne le caratteristiche di resistenza o di migliorare il comportamento globale delle strutture, anche in funzione antisismica.

Moderne ricerche, materiali e tecniche operative, hanno permesso di sviluppare una tecnologia che, riprendendo i principi di funzionamento dei sistemi tradizionalmente utilizzati per il rinforzo delle strutture in muratura, garantisce i migliori risultati dal punto di vista tecnico, nel rispetto dell’esistente e della logica costruttiva del manufatto.

Diatoni o ancoraggi a iniezione controllata con calza

calzetta 1   

L’elemento resistente, costituito da una barra in acciaio inossidabile, AISI 304 o AISI 316, ad alta resistenza, con filettatura continua su tutta la lunghezza, è dotato di una speciale calza in tessuto che ha la funzione di controllare l’iniezione della malta effettuata coassialmente, per mezzo di appositi dispositivi di iniezione, per rendere solidale l’elemento di rinforzo alla muratura.

Oltre a permettere la buona riuscita delle operazioni di iniezione, evitando imprevedibili e spesso dannose dispersioni in vuoti e cavità che possono essere sempre presenti nelle strutture murarie esistenti, il controllo dell’iniezione offerto dalla calza garantisce la completa iniezione dell’ancoraggio su tutta la lunghezza.

Inoltre determina una omogenea distribuzione degli sforzi  sia attraverso l’aderenza del materiale iniettato al supporto che attraverso l’ingranamento meccanico che il bulbo iniettato sviluppa con la muratura interessata.

Consolidamento delle murature con diatoni artificiali - ancoraggi a iniezione controllata 1   

In particolare esiste una linea di ancoraggi "Bossong" della omonima ditta con sede in Grassobbio (BG), ad iniezione controllata, che è completa di un gamma di accessori in acciaio inossidabile AISI 316, manicotti di giunzione, manicotti tenditori, dadi, per soddisfare le diverse esigenze progettuali; si possono prevedere ancoraggi passivi, attivi  con pre-sollecitazione, ancoraggi verticali e con qualsiasi grado di inclinazione.

Diatoni artificiali ad espansione

I vantaggi che derivano dall’impiego di ancoraggi ad iniezione controllata con calza possono essere sfruttati anche per la realizzazione di diatoni artificiali ad espansione.

I diatoni artificiali ad espansione ( Diatonos dalla Bossong) sono elementi che vengono inseriti trasversalmente allo spessore della muratura allo scopo di collegarne i paramenti e consolidare le strutture.

1      

L’installazione richiede l’esecuzione preliminare di un foro mediante carotatrici con sonda diamantata funzionanti a sola rotazione; il diametro del foro è dimensionato in funzione del diametro della barra, che costituisce l’elemento resistente centrale del diatono, attorno ad essa è assemblata una speciale calza in tessuto che, nel momento in cui viene effettuata l’iniezione, è capace di espandersi fino ad occupare tutti i vuoti presenti nella muratura, creando un vero e proprio elemento di collegamento interno alla parete.

Perforo 1   fase 1

L’iniezione di una speciale malta viene effettuata, a bassa pressione, all’interno della calza pre-assemblata sulla stessa barra in acciaio che ha lo scopo di contenere la malta, evitando la dispersione nei vuoti e nelle cavità presenti nelle murature.

Allo stesso tempo, durante l’iniezione,  l’espansione della calza esercita una pressione sulle pareti del foro che contribuisce al ripristino della continuità della struttura muraria e del flusso originario di tensioni, deviato nella fase di esecuzione del carotaggio.

I diatoni divengono così immediatamente “attivi” ovvero capaci di rimettere in carico le zone interessate dal carotaggio e garantire un contatto continuo tra il nuovo elemento inserito e la muratura.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

EGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.