Costruzione di un muro di controspinta in blocchi casseri. 2

Nel precedente articolo  avevamo fatto vedere ai lettori come può essere realizzato uno sperone in controspinta di un muro di contenimento danneggiato, ormai, dal tempo.

Detto sperone è stato realizzato in blocchi cassero, evitando così di  usare casseforme lignee, sistemi di bloccaggio, cravatte in ferro, tiranti e puntelli e vari.
 
Insomma, un lavoro che può eseguire anche un muratore con il sistema del "fai da te".
 
I blocchi sono stati murati, con il ferro necessario applicato all’interno, e finalmente in questo articolo possiamo farvi vedere come è venuto lo sperone, naturalmente al grezzo.
 
Dovrà poi essere rifinito come desiderano  i proprietari; con intonaco, oppure con i blocchi stuccati solamente in corrispondenza dei commenti.
 
Poichè lo sperone è venuto a scala, è loro intenzione applicarci una lastra di cotto o altro materiale, posto sopra le "pedate" per appoggiarci, poi, i vasi da giardino.
 
Rimane inoltre da effettuare il collegamento, in alto, dello sperone, al cordolo del muro a retta.
 

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Nell’immagine soprastante possiamo vedere che lo sperone non è particolarmente ingombrante e ben si inquadra con il terreno circostante.

Il muro a retta dovrà essere, pure esso, risarcito con malta cementizia ed a lavori ultimati il complesso dovrà risultare il più uniforme possibile nascondedosi, fra il verde delle palme e delle canne di bambù.

        CLICCARE SULL’IMMAGINE

Sotto vediamo l’immagine dello scavo iniziato, per gettare la fondazione di un secondo ed ultimo piccolo sperone da realizzare a monte del primo.

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

 SEGUE

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

 

di Amedeu

3 commenti

  1. Grazie Amedeu, con questo articolo mi hai fornito una nuova tecnologia di costruzione che non conoscevo.

    Sembra che una metodologia simile stia prendendo piede con uso di blocchi cassero in EPS, che vengono armati sia vericalmente che orizzontalmente. Così facendo in un solo tempo si realizza la muratura ed anche un cappotto con prestazioni energetiche eccellenti. Anche le qualità statiche e dinamiche della muratura sono molto buone in quanto le pareti sono di fatto in cls armato.
    Tale metodo si presta molto al fai da te ed è veramente interessante in quanto si puo lavorare in economia a fare le armature, e poi chiamare le botte del cls.

    Se avessi in futuro del tempo per scrivere un articolo sull’ argomento ti sarei grato e penso molti dei lettori sarebbero interessati.

    Ps: nelle foto del muro lesionato non ho notato dreni nella parte bassa per l’acqua, forse potrebbe aiutare il suggerirne qualcuno?

    cordialità

    Antonio

    • Per Antonio.
      I fori di drenaggio ci sono, anche se se ne nota 1 solo a destra nella cunetta esterna. Sono purtroppo piccoli e molto distanziati, ed è nostra intenzione aumentarli e allargarli.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.