Costruzione di un nuovo pavimento su di uno esistente. Come fare

In molte case, spesso avviene che il pavimento di una stanza sia in condizioni pessime, mentre in tutte le altre stanze dell’appartamento i pavimenti si presentano più che buoni.

Che fare? Il quesito viene spontaneo porselo, in quanto il lavoro più veloce sarebbe quello di sovrammettere un nuovo pavimento a quello esistente.

La cosa è più facile a dirsi che non a farsi, in quanto tanti sono i problemi che vanno verificati e poi gli arrangiamenti che vanno apportati.

Personalmente preferiamo sempre la soluzione di togliere il vecchio pavimento e di costruirne un’altro a regola d’arte.

Affrontiamo questo capitolo in quanto molti lettori ricercano soluzioni del primo tipo.

Dunque: vanno verificate delle condizioni che sono essenziali.

Il solaio che sorregge il pavimento in questione come è? In legno o in laterizio misto a cemento armato? (normalmente travetti e pignatte).

Una volta accertato questo, nel primo caso bisognerà verificare che la struttura di legno sottostante sia in ottimo stato, e cioè le travi buone, i travicelli diritti e sani e le mezzane o pianelle in cotto non lesionate nè sfaldate.

Inoltre, sempre nel caso di solai in legno, non è difficile che si presenti il caso che i pavimenti esistenti, siano già stati "montati" sopra un altro pavimento tipo le famose pianelle o mezzane in cotto lucidate di rosso e che i nostri nonni avevano in tutte le case.

E’ facile comprendere che, in questo caso, la soluzione di un nuovo pavimento, posato ancora sopra, appesantirebbe eccessivamente la situazione statica esistente.

Qualora il solaio in legno si presenti in ottimo stato l’operazione è attuabile, procedendo alla messa in opera di un pavimento in ceramica o similare, incollato a quello sottostante con colle del tipo H40 della Kera Koll o altre della Mapei.

Conviene comunque ogni mq circa, spaccare una mattonella del vecchio pavimento ed asportarla, riempirne il vuoto con malta cementizia ,  farla seccare, ed alla fine incollarci il pavimento sopra.

Questo permetterebbe, specie nel caso di pavimenti in ceramica o monocottura, di avere un aggancio forte del nuovo pavimento, grazie alle superfici scabrose create ex novo (anche in questo caso bisogna togliere una piastrella ogni mq. circa ed usare idonei lattici aggrappanti tipo Mapei o KeraKoll.)

Non esistono difficoltà di sovrammentazione di pavimenti per solai in latezizio armato.

Altro problema non secondario, da superare, deriverà dal fatto che il piano di calpestio del nuovo pavimento, incollato sopra uno esistente, si troverà ad un livello superiore di cica cm 1,3/1,5 rispetto a tutti gli altri pavimenti della casa.

Chi volesse proseguire con questa soluzione, dovrà quindi , per prima cosa piallare la porta nella parte inferiore, per adattarla alla nuova situazione.

Poi subentra il problema del congiungimento del nuovo pavimento con quelli circostanti. Che fare?

Le soluzioni che si potranno adottare sono due.

Vedi il disegno sottostante.

       CLIC

La seconda soluzione e senza dubbio migliore della prima, in quanto creare uno scalino, anche se piccolo in una casa è sempre causa di "inciampi" e cadute.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

22 commenti

  1. Buonasera Amedeu,

    ho nella cucina della casa nuova un pavimento a piastrelle di ceramica pessimo e vorrei cambiarlo, sto cercando soluzioni abbordabili con il cemento cerato, mi può aiutare con indicazioni precise su come fare, con che marchi e a che costi?

    La ringrazio

    Valeria

  2. Per Valeria
    Va visto il pavimento, e quindi devi fare eseguire un sopralluogo da un buon muratore.
    Per la scelta delle mattonelle, devi recarti presso un magazzino edile della tua zona, e ti faranno vedere cataloghi e prezzi.
    Amedeu e c.

  3. Buongiorno Amedeu,
    un problema molto simile da quello da te citato.
    ho 2 stanze letto da pavimentare con laminato(di qualita).
    Il solaio che sorregge il pavimento è composto da(vado in ordine verso soffitto)
    -travi in legno150x120mm posti a interasse fra loro di 250mm.
    -tavole legno 3cm
    -sabbia
    -tavelle in cotto.

    I pavimenti presentano forti avvallamenti e al passaggio si percepisce una vibrazione del pavimento.
    come posso livellare in modo piu economico in modo da metterci i laminati sopra?
    pensavo di sgrassare le tavelle e metterci autolivellante pero ho paura che crepi..
    ce una maniera per irrigidire il tutto?
    grazie

    • Per Andrea.
      Approfitta di tale lavoro per assicurarti che la struttura portante in legno sia ancora in buono stato.
      Poi puoi adoperare il Slc Eco L34 della Kerakoll che dovrebbe garantire livelli di sicurezza ottimali per la posa di parquet di qualsiasi formato e specie legnosa su qualsiasi tipo di sottofondo.
      Amedeu e c.

  4. Salve, non ho capito nello schema soprastante come si elimina lo scalino sotto la porta di ingresso nel caso si decide di posare il pavimento su quello esistente. Grazie ,Renato

  5. salve a tutti
    è possibile andare in posa con del parquet su un pavimento in assi preesistente di 5 cm di spessore?
    se si che materiali posso usare??
    grazie tudo

  6. Buona sera vorrei una info vorrei mettere del cotto in cucina il pavimento esiste e buono ma è di ceramica e non lo voglio togliere la mia domanda è devo trattate con qualche materiale particolare prima di sovrapporre il cotto grazie in anticipo

  7. Salve!
    Per una ristrutturazione totale(impianti e infissi) della casa mi chiedevo se conviene i(n termini di costi, posa e sicurezza ) la rimozione del pavimento vecchio con uno nuovo oppure il nuovo sul vecchio? La vecchia pavimentazione è di marmo anni 40 ben livellato.
    grazie!

    • Per Maria.
      Se vuoi risparmiare nella posa in opera e conservare il pavimento in marmo, puoi incollarci sopra il nuovo pavimento da te scelto.
      Devi prima far controllare da un tecnico professionista che la struttura del solaio sia in ottime condizioni.
      Inoltre tieni presente che le colle che si usano per incollare un pavimento sull’altro sono alquanto tenaci, e difficilmente, in futuro, potresti tentare di recuperare quello in marmo.
      Amedeu e c.

  8. ottimo articolo, grazie!
    siamo in fase di ristrutturazione, abbiamo una stanza in parquet di 8x5mt con un dislivello costante di 5cm sul lato di 5mt.
    vorremmo mettere un nuovo parquet
    per livellare la stanza, cosa consiglierebbe tra:
    1. sabbia piu pannelli OSB
    2. solo pannelli OSB
    3. oppure?
    grazie ancora, stefano

  9. Buonasera, dobbiamo cambiare il pavimento al nostro appartamento poiché le mattonelle di stanno spaccando tutte e, in alcuni punti, il pavimento è avvallato. Ci è stato detto che le mattonelle si sono spaccate per colpa di un massetto fatto male, cioè con troppa sabbia. Vorremmo evitare di rimuovere il pavimento e rifare il massetto poiché, per ovvie ragioni, ciò ci provocherebbe grossi disagi nonché notevoli spese. Ci chiedevamo se era possibile mettere dell’autolivellante e poi posizionare un pavimento in pvc, magari tipo Tack deK (con microventose). Se ciò dovesse essere possibile, c’è poi il rischio che con il passare del tempo possa succedere qualcosa a causa del fatto che sicuramente le mattonelle al di sotto del pavimento in pvc, sicuramente continueranno a spaccarsi e il pavimento preesistente ad avvallarsi in altri punti? Grazie.

  10. Salve, stò posando un pavimento sopra uno esistente. Su una sola porta finestra abbiamo il problema che la soglia di marmo da un lato è più alta del nuovo pavimento, dall’altro lato invece risulta più bassa del pavimento nuovo. Quali soluzioni ci sono per risolvere il problema senza spendere cifre astronomiche ? Grazie

    • Per Alessio.
      Ci hai scritto dall’articolo dove sono prospettate, da noi, due soluzioni per risolvere il tuo caso.
      Vedi i disegni inclusi in tale articolo.
      Amedeue e c.

  11. Buongiorno Amedeu.
    In una ristrutturazione, prevediamo di incollare parquet legno su pavimento esistente (ben fatto, senza livellamenti nè vibrazioni). Per porte piano terra prevediamo di alzarle o tagliarle. Il problema sorge all’arrivo della scala al piano primo: ci sarebbero quasi 2 cm di dislivello tra gradino di arrivo e nuova quota pavimento incollato. Come si può risolvere al meglio? solo con un raccordo a cuspide? Non ci piacerebbe molto esteticamente… oppure conviene al piano primo rimuovere solo la pavimentazione in cotto (mantenendo massetto) e incollare il parquet? Ci sarebbero problemi per eventuali residui di colle da asportare?
    Grazie e buona giornata

    • Per Flavio.
      Le soluzione, come giustamente ci dici, sono 2.
      La prima prevede il raccordo del pavimento del pianerottolo a quello dell’appartamento, tramite la creazione di una “soglia” triangolare.
      La seconda, certo molto più onerosa, prevede la eliminazione del pavimento esistente, la sua pulizia, l’autolivellamento e poi la posa in opera di un unica pavimentazione in parquet.
      Logicamente la seconda soluzione è migliore qualitativamente, ma molto più dispendiosa.
      Sapere se dovete togliere residui di colla sotto le attuali piastrelle, potete verificarlo solo togliendone alcune per rendersi, poi, conto del tipo di colla usato (Più o meno tenace).
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.