Costruzione di una terrazza sfruttando parte di un sottotetto.

Un argomento che abbiamo già affrontato in un nostro precedente articolo, e sul quale ci sono state fatte numerose domande da parte dei nostri lettori.

Cerchiamo di rendere più chiara la realizzazione di quest’opera, rappresentandola, passo per passo, con disegni elaborati a tre dimensioni.

Il lettore, non avrà bisogno di confrontare le piante con le sezioni e con i prospetti, ma vedrà, in forma assonometrica, la visualizzazione del lavoro come va svolto.

Molti edifici, ed in particolare le costruzioni a due o tre piani, con pochi appartamenti, presentano dei tetti non allo stesso livello, ma costruiti in modo che una falda  vada a battere contro la parte bassa della parete cieca di un locale interno.

Ipotizziamo che in fase di costruzione non sia stato previsto alcun terrazzo, oppure è sorta la necessità di crearne uno nuovo.

Quale migliore occasione di quella di sfruttare parte del volume di un sottotetto inutilizzato, per ricavarci una bella terrazza?

A questo punto è doveroso fare un chiarimento, specificando che il tipo di lavori che andremo a vedere, è particolarmente indicato per quegli edifici che hanno il solaio in travetti misto a c.a. (Cioè in travetti e pignatte), e dove le pendenze del tetto sono ricavate tramite la realizzazione di paretine in forati disposte a nido d’ape, con sovrastante soletta in tavelloni  e manto di copertura.

La struttura di cui sopra è quella ideale per progettare e costruire una terrazza con una spesa non eccessiva,

Rappresentiamo, nella immagine sottostante, una zona di un fabbricato che presenta appunto questa caratteristica.

Stato attuale

    

Osservando l’immagine soprastante, il vano sito al primo piano, può, tramite una porta, accedere in una parte della superficie occupata dal tetto del vano del piano terra, dove potrà essere creata una terrazza praticabile, la quale non modificherà l’involucro dell’edificio e porterà all’abitazione del piano primo un vantaggio notevole dovuto alla realizzazione di una terrazza aperta.

Adesso, pensiamo, ipoteticamente, di togliere , per intero, il manto di copertura e la sottostante soletta (colore grigio), in maniera da presentare la visione delle paretine in forati che costituiscono la struttura portante della soletta.

   

Quanto sopra, solo per farvi vedere la composizione del sottotetto: logicamente la ditta che effettuerà il lavoro, non dovrà demolire l’intera copertura del locale del piano terra, ma solo quelle paretine in forati che dovranno far posto al terrazzo.

Contemporaneamente, nel muro adiacente al sottotetto, dovrà essere creata una porta architravata per accedere alla terrazza stessa.

Apertura porta e costruzione parapetto terrazzo

Sempre per esigenza di visualizzazione, facciamo vedere il manto di copertura e la soletta sottostante completamente tolti ma, ripetiamo, che andrà aperta solo la parte di sottotetto utilizzata per la terrazza, mentre il resto della copertura, rimarrà in loco e verrà poi riunita al parapetto della terrazza, tramite scossalina in rame o guaina bituminosa

   

Visualizzazione delle opere ultimate

   

La soprastante copertura è stata resa trasparente, per evidenziarne la sua rifinitura rispetto alla nuova terrazza.

Sotto ancora vediamo il particolare costruttivo del parapetto della terrazza, con la soprastante cimasa in cotto.

Tale parapetto potrà essere costruito in muratura di doppio Uni da cm 12x12x25, murati a malta cementizia ed intonacati sui due lati.

La cimasa in cotto sarà costituita da elementi ad U rovesciata, in cotto da cm 15×25,

   

Pavimentazione terrazza e scarico acque piovane

Da evidenziare, che la terrazza dovrà essere pavimentata, previa stesa di una guaina elastomera bituminosa ardesiata, con soprastante massetto il CLS  e pavimento antigelivo.

Detto pavimento dovrà avere la pendenza verso uno dei due parapetti laterali della terrazza, dove verrà creato un bocchettone laterale di scarico, collegato ad una curva in rame ed a un discendente pluviale, sempre in rame, e del diametro di 80 mm.

Ultimazione lavori

Sotto vediamo la parte di costruzione ultimata ed imbiancata.

Sarà senza dubbio una bella terrazza che migliorerà la vivibilità della casa ed anche l’estetica.

    

Ricordiamo ai nostri lettori, che per ogni opera edile indicata in questo articolo, potrà essere ricercata, e trovata, la esatta esecuzione,  usando il pulsante "Cerca" in alto a destra della Home.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. buongiorno,ho una vecchia casa indipendente da ristrutturare,ha due piani e un sottotetto non abitabile nel quale vorrei ricavare un “terrazzo a tasca”.saprebbe dirmi le altezze(min.e max)del sottotetto necessarie per poter eseguire l’opera?grazie e cordiali saluti.Rosanna

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.