Costruzione forno per pane

Costruzione forno per pane è senza dubbio un articolo che potrà interessare molte persone, in quanto è di facile realizzazione e di costo limitato

Con un forno costruito artigianalmente come ai vecchi tempi avremo un pane meraviglioso! Che arrosti ci faremo!

Entriamo in argomento e partendo dalla base, cioè dalla fondazione, costruiremo questo atteso forno.

Ci sono molte imitazioni dei vecchi forni con i prefabbricati, ma ricordate che non saranno mai come quelli di una volta.

Ah! Ancora una cosa! Adesso si adopreranno i mattoni refrattari, ma sapete! i vecchi forni erano costruiti con semplici mattoni pieni e malta di calce.
Quindi non è detto che si possa realizzare solo con i refrattari che fra l’altro sono abbastanza cari (al momento un mattone refrattario 25x12x5,5 costa circa 70/80 centesimi) ma anzi vi dirò che il mio forno è stato fatto più di venti anni fa con mattoni pieni normali e funziona benissimo e la struttura della camera del fuoco è sempre intatta.

Comunque adeguiamoci ai tempi e prevediamo di usare i mattoni refrattari della misura suddetta.

Si inizia la costruzione.

Si dovrà spianare inizialmente un pezzo del nostro giardino (mt3x3)

Una volta spianato si mettono perimetralmente delle casseforme lignee fatte con tavole di sfasciatura da cm 2,5 ed alte 20 cm.
messe in piano con la livella a bolla.

Si pongono lungo i quattro lati del perimetro spianato (mt 3×3) e si esegue esternamente un idoneo puntellamento con cunei piantati nel terreno e puntelli inchiodati alle tavole perimetrali e bloccati ai cunei.

L’interno di questa area costituirà la fondazione a platea del forno.

Con la betoniera che abbiamo, impastiamo il calcestruzzo (dosato a 200Kg di cemento al mc di inerti) e gettiamo la platea fino all’altezza di 20 cm,(cioè a sfiorare il bordo superiore delle tavole)
Durante il getto dobbiamo armare la platea con due strati di rete elettrosaldata diametro da 8 mm 20×20; una rete va messa nella parte bassa (4 o 5cm dal terreno) ed una nella parte alta (4 o 5cm dall’estradosso  del getto)

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Effettuata la gettata, dopo due giorni possiamo iniziare a costruire i muri portanti del forno.

Vedi disegno che segue.

 CLICCARE SULL’IMMAGINE

I muri laterali verranno costruiti in blocchi di laterizio termo-sismici  25x30x18, mentre i muri del 12, in mattoni pieni 12x25x5,5.

Verrà usata la malta bastarda.

Per costruire i muri, una volta gettata la platea di fondazione vanno alzati i calandri e tese le corde guida.

Per la esecuzione della muratura in blocchi vedi il precedente articolo.

Eseguite con calma tutte le operazioni relative alla esecuzione della muratura, servendovi anche della livella a bolla ed effettuando il lavoro con calma e precisione.

Qui ci fermiamo per riprendere al prossimo capitolo (Vedi articolo del 30gennaio2009)

Continuate a seguirci, di seguito i prossimi interessantissimi articoli

di Amedeu

16 commenti

  1. ciao, bell’articolo, grazie! io vorrei costruire un forno a legno con materiali quanto più naturali possibile. ho visto che esistono aziende che fanno mattoni refrattari di bio-edilizia e mi domando se esiste anche una malta pulita e non quelle schifezze a base di cemento che vendono facilmente in commercio… esiste? e se si come la posso trovare?
    mi chiedevo infatti cosa utilizzassero a partire da 70 anni fa ad andare indietro quando non esisteva il cemento e il refrattario e poi intuivo mattoni semplici e calce e sabbia come legante, poi leggo che il tuo forno è costruito così e funziona bene e mi sono rincuorato!
    ma, altre due domande: la malta di calce secca molto lentamente, come su fa a fare la cupola, ci vuole tantissimo tempo? e poi, se il forno viene bene e non si spacca anche se utilizzi i mattoni pieni normali (come i tuoi) la capacità di tenuta del calore però è comunque buona o è comunque inferiore rispetto ai mattoni refrattari?
    grazie mille, spero di avere risposta per dirimere le mie questioni e finalmente decidere come realizzare il forno!
    grazie,
    amedeo

    • Per Amedeo.
      Partiamo dalla seconda domanda.
      I forni antichi erano costruiti tutti in mattoni pieni normali.
      Relativamente alla muratura, personalmente abbiamo visto costruiire, da un vecchio muratore, un forno uguale a quello che abbiamo pubblicato.
      I mattoni, come spiegato, vanno murati a spira di serpente, salendo sempre verso l’alto.
      Il muratore,in mezza giornata di lavoro è arrivato al colmo: ha inserito il mattone ultimo di chiusura della volta, e poi è salito sulla stessa per rifinitla esternamente.
      Non ti chiediamo di fare la stessa cosa, ma sappi, che se procedi come spiegato, non avrai difficoltà di alcun genere.
      Per la prima domanda, puoi usare una malta biologica preconfezionata.
      In commercio ve ne sono molte. Ricerca tali parole su internet e non avrai che da scegliere.
      Amedeu e c.

      • Grazie mille! Purtroppo abbiamo avuto un rallentamento e ora riprendiamo a fare il forno. Ok per la malta, ma mi chiedevo infine…esistono mattoni refrattari bio? (io non ne ho trovati…) e se no si possono usare quelli convenzionali essendo certi che non contengano chissà cosa all’interno che ad alte temperature possano passare ai cibi? Grazie ancora!

        • Per Amedeo.
          Ti riporto la dizione che Wikipedia dà circa i mattoni refrattari.
          ” materiale refrattario è un materiale capace di resistere per lunghi periodi ad elevate temperature senza reagire chimicamente con gli altri materiali con i quali si trova in contatto.”
          Anche se poi i mattoni refrattari sono composti di diversi materiali, la caratteristica di base dovrebbe essere quella sopra citata.
          Amedeu e c.

  2. Salve a tutti. Se voglio lavorare ad alte temperature ( pizza napoletana400/450c. )posso Carlos con questo formó senza che si crepi?

  3. Salve Amedeu,vorrei chiederti,la malta di calce che intendi, fatto con calce idrata+sabbia fine

    oppure solo calce ,sai dirmi le proporzioni,,,,

    CIAO

  4. io intendo per fissare i mattoni della cupola a contatto con il calore…
    Quindi va bene una malta di calce ,,,calce idrata+sabbia fine,,,
    Un signore mio vicino mi disse tempo fà che suo suocero in Campania
    faceva i forni per il pane,ed usava un sacco di premiscelato a base si calce bianca,in piu aggiungeva un altro mezzo sacco di calce idrata,i forni sono ancora in piedi dopo parecchi anni..

    CIAO

    • Per Vincenzo.
      Muratori che hanno usato i più disparati sistemi ne puoi trovare in grande quantità.
      Pensa, che i vecchi forni che ancora resistono nei borghi storici della nostra penisola vennero costruiti con malta di grassello (Pietra calcarea cotta e colata in grandi fosse sotto forma di grasselo bianco) e sabbia di cava.
      Sono lì da centinaia di anni.
      Forni fatti con malta cementizia o bastarda e mattoni normali (Non refrattari), ne conosciamo molti.
      Per cui non hai che da scegliere.
      Sarà sufficiente, riteniamo, costruire un forno che duri almeno cento anni.
      Inizia a costruire il tuo forno, ma con malta piuttosto grassa.
      Amedeu e c.

  5. PERFETTO,TI RINGRAZIO

    Un ultima domandina ,la malta bastarda ,quella che intendi tu e con cemento calce idrata e sabbia?

    oppure con cemento-calce idraulica gricia e sabbia?

    CIAO

  6. Scusami l’articolo è chiarissimo

    Mi interessava sapere ,se va bene la calce idraulica quella grigia naturale oltre che le altre combinazioni che hai spiegato benissimo sopra ,per i mattonicini del forno a contatto fuoco ,,,
    malta di calce idrata ,va bene
    malta bastarda di calce idrata e cemento va bene
    malta di calce idraulica va bene anche lei?
    CIAO

    • Per Vincenzo.
      La calce idraulica, come dice lo stesso nome viene normalmente usata perchè può far presa anche in ambiente di acqua.
      Ti inviamo direttamente ad un link dove è spiegata lungamente e accuratamente
      https://it.wikipedia.org/wiki/Calce_idraulica
      Puoi tirare da solo le conclusioni
      Hai richiesto tali informazioni per la costruzione di un forno, per il quale vengono usati sia mattoni comuni o refrattari (Che costano molto di più) e dove può non essere previsto l’uso di mattoncini refrattari (A volte si usano per il solo piano di cottura).
      Nel caso tu voglia usare detti mattoncini (refrattari), murali con la malta refrattaria pronta.
      OK?
      Amedeu e c.

  7. Grazie di tutto
    Penso di procedere con mattoncini normali, malta bastarda di calce idrata,cemento,sabbia
    per la cupola,
    Buona serata

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.