Cucina da realizzare in muratura. Chiarimenti finali.

Partendo dal concetto che la cucina in muratura deve essere costituita da un insieme di "blocchi" posti linearmente sulla parete, oppure in modo diverso, a secondo dello spazio e del perimetro della stanza, colui che si vorrà cimentare nella costruzione, deve per prima cosa prendere le misure esatte del vano cucina.

Dovrà poi stimare gli elettrodomestici che possiede e che vuole lasciare completamente a vista e quelli che invece vorrà incassare nei blocchi in muratura.

Oltre agli elettrodomestici: frigorifero, lavatrice, eventuale lavastoviglie, forno e cucina a gas, è necessario prevedere i blocchi per le cassettiere e quelli per gli sportelli in legno.

Presso i numerosi negozi "Fai da te" che si trovano in tutte le città (tipo "Hobby Legno") potrà prendere visione degli sportelli e dei cassetti in legno da montare. Dopo averli scelti, dovrà procurarsi le misure esatte dei medesimi.

Con questi dati a disposizione potrà iniziare a progettare la sua cucina in muratura stabilendo la disposizione dei diversi componenti.

Poichè stiamo parlando di una realizzazione  in un ambiente già esistente e non di nuova costruzione, è necessario riorganizzare la disposizione dei punti luce, delle prese, interruttori, della conduttura idrica, del gas e degli scarichi per la lavatrice, lavastoviglie e lavello ad uno o più bacini.

Sarà inoltre necessario prevedere la costruzione di una cappa fumi, oppure di un tiraggio con aereatore posto sopra i fuochi della cucina.

Chi ha una cucina grande si potrà sbizzarrire realizzando anche un camino in muratura.

Però, prima di andare avanti, rimandiamo il lettore al nostro articolo nel quale si spiegava minuziosamente come realizzare i blocchi in muratura. Riteniamo che sarebbe dispersivo ripetere le operazioni già affrontate e spiegate.

Inoltre nell’ultimo articolo abbiamo chiarito che per ogni apparecchiatura vanno prese le misure esatte, compreso la profondità, ed in base a queste realizzare i blocchi in forati delle misure occorrenti.

E’ indispensabile, per chi si accinge a realizzare questa nuova cucina, stabilire se vuole salvare il pavimento ed il rivestimento esistenti.

Noi, per convenzione, lasciamo in essere il pavimento ed invece demoliamo il vecchio rivestimento.

Questo ci consentirà di apportare tutte le modifiche che vogliamo agli impianti che abbiamo sopra citato.

Troverete in questo sito tutti gli articoli riferiti agli impianti (basterà inserire per esempio "impianto elettrico" nel riquadro "ricerca" della Home e premere GO e vi appariranno gli articoli inerenti.

Sappiate però che detti articoli vanno solamente seguiti per conoscenza, perchè è obbligatorio per legge che sugli impianti lavorino ditte specializzate, abilitate a farlo e che dovranno rilasciare, a lavori ultimati, una certificazione di regolare esecuzione.

Una volta fatte le tracce nei muri e modificati gli impianti, a seconda della disposizione da noi prevista dei vari blocchi, potremo iniziare a costruire le pareti in forati seguendo appunto l’articolo sopra citato.

I forati da cm 8 vanno murati a malta bastarda, controllando continuamente l’orizzontalità e la verticalità, con la livella a bolla.

Le paretine e le relative coperture dei blocchi andranno arricciate con malta cementizia di sabbia fine.

Sopra tale malta potremo poi fissare le piastrelle adoperando la colla da edilizia tipo H40 della Kera Koll, o altri tipi della ditta Mapei o di altre ditte equivalenti.

Le piastrelle per le cucine si trovano praticamente in tre diversi formati: da cm 10×10, da cm 13×13 e da cm 20×20.

Si consiglia di rivestire i blocchi sia esternamente che internamente.

Le piastrelle potranno essere montate orizzontali, oppure oblique, a secondo della scelta del proprietario della casa.

Gli spigoli dei nostri rivestimenti dovranno essere ricoperti con angoli in ceramica abbinati alle piastrelle.

Nel rivestimento della nostra cucina in muratura potremo montare sia delle greche che piastrelle con dei disegni come motivo.

Sotto vediamo il particolare di un tipo di rivestimento molto ben fatto.

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

E’ necessario adoperare la massima calma e precisione durante l’incollaggio delle piastrelle.

Per fissare quelle verticali poste sui bordi , per esempio delle cassettiere, sarà necessario appoggiarle su di un regolo di legno sorretto da due puntelli; questi ultimi dovranno essere tolti solo il giorno dopo, quando la colla sarà secca.

Alcuni lettori ci hanno richiesto cosa fare a proposito degli elettrodomestici inseriti nei cassoni in muratura.

Ebbene, gli stessi possono essere lasciati a vista completamente, oppure può essere realizzata una balza in legno lucida che nasconda le "gambe metalliche"

Qualora si vogliano nascondere dietro a sportelli in legno, dovremo ricordarci di lasciare nei medesimi delle fessure per una idonea aereazione, ad evitare surriscaldamenti e guasti vari.

Abbiamo dato seguito ad un articolo iniziale, che pensavamo fosse completo, ma sul quale molti lettori ci avevano richiesto molti chiarimenti.

Speriamo di averli accontentati.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

9 commenti

  1. salve
    dovendo far nascere una cucina e sfruttare il vicino bagno, mi domandavo come devono essere predisposti gli scarichi? Mi dicevano che era necessario mettere all’esterno unaereatore. è giusta questa soluzione?

  2. Per Stefano.
    Cerca fra i nostri articoli: scarichi cucina e bagni.
    Troverai tutte le indicazioni che cerchi.
    Amedeu e c.

  3. Spett.le redazione porgo questo quesito:

    Dovrei abbattere dei muri non portanti in casa per poi alzarne altri perchè devo ricavare una stanza supplementare, il mio dubbio è che ho come pavimentazione del parquet ad incastro (non incollato, poggia su un materassino). Dopo avere demolito una parete mi rimane una “striscia” per terra senza parquet : come faccio ad aggiungere il parquet per non avere un dislivello di cemento molto brutto esteticamente)? ; inoltre per abbattere le pareti interne (non portanti), fatte da mattoni di spessore 8cm, ho bisogno di qualche permesso (ho sentito parlare della DIA (Dichiarazione di Inizio Attività)) e anche per costruire nuove pareti interne ho bisogno di permessi o di qualche progetto o sopralluogo di un tecnico?

    Grazie

  4. Per Alfagt.
    Riguardio alla seconda domanda: si, ti occorre l’intervento di un tecnico professionista abilitato che ti presenti un progetto in Comune.
    Relativamente al parquet, diventa difficile comprendere lo stato di fatto di ciò di cui parli.
    Comunque: se demolisci la parete , dovrai semplicemente abbassare la quota della medesima fino al piano di posa del parquet esistente e quindi cercare di sistemarlo con uno simile (sostituendo magari l’ultima striscia ad incastro di quello vecchio, alla quale probabilmente è stata tolta l’asola dell’incastro per adattarla all’ambiente).
    Amedeu e c.

  5. Per Amedeu
    Grazie sei stato molto chiaro.

  6. Buongiorno Amedeu,
    ti chiedo un consiglio.
    La cucina verrà costituita con blocchi di gasbeton da 10 cm.
    Il top, in legno, e la muratura, saranno rivestiti interamente con piastrelle da 10 cm. non credo di usare pezzi con taglio jolly.
    Cassetti ed ante saranno interamente in legno e verranno incassati nella struttura muraria, con possibilità di venire estratti all’occorrenza.
    Utilizzerò a questo punto multipli della misura base di 10 cm. per l’intera progettazione della cucina.
    Cio detto:
    1 Per quanto attiene alla colla, ritieni opportuno l’utilizzo della spatola dentata per i pavimenti, o è preferibile una dentellatura più piccola per ridurre lo spessore?
    2 ai fini delle misure, pensi sia meglio tenere conto del suddetto spessore in caso di presenza di angoli?

    Mi pare infatti plausibile pensare che in un angolo (e discorso inverso per lo spigolo) vi potrebbe essere un ingombro, tra piastrella e colla, di alcuni mm, con la conseguenza di trovarmi la piastrella sfalsata rispetto al setto murario.

    • Per Daniele.
      Certo, devi dosare la colla, in modo che agli angoli, le fughe delle piastrelle (Vedrai in prospetto le fughe, in quanto lo spessore del Gasbeton è uguale a quello delle piastrelle – 10 cm ) siano uniformi e spesse il meno possibile.
      Il Gasbeton è abbastanza liscio, e ti consentirà di applicare poca colla.
      Amedeu e c.

  7. salve,
    volevo porre un paio di quesiti per una cucina in muratura:
    1)per erigere i muretti è meglio “rovinare” o asportare le piastrelle del
    pavimento,per favorire la presa della malta,oppure non è necessario?
    2)posso applicare direttamente le piastrelle sui forati,evitando di intonacare?
    grazie Daniele

    • Per Daniele.
      Puoi murare i forati sulle piastrelle.
      Per bloccare maggiormente i muretti, applica un ferro del diametro da 8 mm ogni 30/40 cm in altezza, inserendoli in fori praticati nel muro retrostante con una punta vidia da 10/12 mm ed usando un tubo di aggrappante chimico (con pistola da silicone).
      I ferri vanno affogati nella malta, in corrispondenza dei giunti fra un forato e l’altro.
      Devi arricciare con malta bastarda prima di applicare le piastrelle a colla.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.