Effettuare la manutenzione e la protezione di un parquet in legno togliendo graffi e urti con carta abrasiva e trattandolo con vernice ad acqua

Effettuare la manutenzione e la protezione di un parquet in legno togliendo  graffi e urti con carta abrasiva e trattandolo con vernice ad acqua.

Una volta messo in opera un parquet di legno, occorre effettuare  reiteratamente la sua manutenzione, in modo che non possa deteriorarsi in breve tempo.

Non ci riferiamo tanto ai parquet  laminati, flottanti ecc, i quali una buona passata di liquido rigenerante lì mantiene efficienti, sia pur nei limiti della loro conformazione che prevede uno spessore minimo di legno, quanto piuttosto al parquet in regoli di legno massicci, che se non curato adeguatamente diventa poi difficoltoso ridargli  l’antico splendore.

Come principio valido, per questi ultimi è necessari effettuare quotidianamente la pulizia con un panno a nido d’ape o un aspirapolvere, poi arieggiare bene i locali strusciare con un panno inumidito ed usare infine dei detergenti no aggressivi.

Se non c’è stata un’attenzione continua per la conservazione delle superfici di legno, in molti casi le stesse possono presentare graffi o urti talvolta così profondi da richiede l’intervento di una ditta con macchina lucidatrice e che renda il tutto di nuovo planare.

Se invece il parquet si presenta  in cattivo stato di manutenzione, ma senza particolari graffi o urti, come per esempio nei casi in cui il colore superficiale si presenti sbiadito o addirittura consumato causa la finitura superficiale logora, si può intervenire con i prodotti presenti sul mercato .

   

Le vernici all’acqua.

Sono vernici preferibili, in quanto sono atossiche e inodori e che risultano facilmente applicabili in quanto aderiscono bene su tutti i tipi di parquet  e formano una leggera pellicola trasparente  resistente al calpestio, agli urti e ai graffi e, infine, non ingialliscono.

Tali vernici sono pronte all’uso; con un litro si trattano circa 10 mq di parquet

In alcuni casi occorre diluirle con poca acqua.

Uso delle vernici.

La superficie va carteggiata accuratamente a mezzo di carta vetrata di almeno due tipi diversi (Prima quella più grossa e poi la fine per rasare il tutto).

Normalmente le buone vernici ad acqua per parquet sono bicomponenti e vanno applicate aggiungendoci un catalizzatore.

Vanno date sul parquet ricordandosi di rifinenire sempre la superficie iniziata.

Una prima mano va fatta seccare almeno per 24 ore e la seconda, di rifinitura, potrà essere passata dopo che è secca la prima.

L’essiccazione completa avviene trascorse 24 ore dall’ultima applicazione e dopo tale periodo il parquet è calpestabile.

La pulizia del parquet può essere effettuata con uno straccio imbevuto di acqua calda.

 

Le vernici ad acqua sono indicate per quelle superfici dove è necessaria la massima protezione all’usura e la protezione superficiale, inoltre esaltano le venature del legno.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.