Eliminare le otturazioni nelle tubazioni di scarico

Eliminare le otturazioni nelle tubazioni di scarico

E’ importante apprendere quali sono gli interventi più immediati e semplici per eliminare le otturazioni nei nostri apparecchi sanitari, agendo sulle tubazioni di scarico poste immediatamente sotto ai medesimi.

Non si devono ignorare i primi segnali di imminenti ostruzioni delle tubature di scarico di lavandini, vasche e lavelli ed occorre intervenire al più presto per non peggiorare la situazione

Se l’acqua defluisce lentamente si devono usare gli appositi prodotti chimici per rimuovere I’ostruzione parziale.

Qualora questi non diano alcun effetto è necessario ricorrere ad altri semplici sistemi

Pulizia dei tubi di scarico

Olio, grasso, capelli e particelle degli avanzi di cucina si accumulano gradualmente all’interno dei tubi di scarico e nei sifoni.

Una accurata pulizia con i suddetti prodotti chimici aiuta a mantenere il tutto pulito e libero dai cattivi odori.

Allorchè  si vede defluire l’acqua lentamente, è il momento di usare subito il prodotto chimico, seguendo con attenzione le istruzioni per I’uso.

Maneggiando detti prodotti chimici è obbligatorio indossare sempre dei guanti protettivi e tenere i bambini distanti.

Dopo la pulizia così effettuata, se si sente permanere I’odore sgradevole, si deve versare un po’ di disinfettante nel troppopieno del lavandino.

Uso dello sturalavandini a aria compressa

1  

Ma veniamo ad altri sistemi semplici e pratici da usare; le ostruzioni del tubo di scarico dei lavandini si eliminano con un semplice attrezzo; lo sturalavandini ad aria compressa, reperibile presso i negozio di idraulica o nei grandi magazzini del Fai Da Te, settore idraulico.

Sono arnesi simili a pistole di plastica, che agiscono a spinta mediante l’aria compressa.

Si deve semplicemente infilare la bocca dell’attrezzo nella bocchetta di scarico e premere il grilletto.

Sturalavandini ad aria compressa 1  

Tale apparecchio ha in dotazione una serie di bocche che si adattano alle varie dimensioni dei tappi dei lavandini.

Uso della ventosa

2   

Procedimento corretto

Se notiamo  che un lavandino o similare non scaricano adeguatamente, mentre gli altri funzionano normalmente, I’ostruzione e senz’altro nella sua diramazione di scarico.

La prima cosa da fare, è usare una ventosa in gomma, con manico di legno o di plastica, che occorre tenere sempre a portata di mano, e con la stessa tentare di sturare l’apparecchio sanitario.

Sturalavandini a ventosa 1  

Attenzione all’uso corretto della ventosa, in quanto non è sufficiente agire sul tubo di scarico e premere o tirare la ventosa, ma con la mano libera contenente uno straccio umido, è necessario tenere chiusa la feritoia del troppopieno del lavandino o altro; in questa maniera otterremo il risultato voluto.

Mentre eseguiamo tale operazione la calotta dello sturalavandini deve essere sempre immersa nell’acqua, altrimenti non ci sarà continuità di spinta con il liquido che si trova nello scarico otturato.

Se lo scarico non si libera immediatamente, cioè se I’ostruzione è soltanto spinta più avanti nella tubatura, si continua sino a quando I’acqua defluirà regolarmente.

Dopo svariati tentativi I’ostruzione, se l’ostruzione non è stata eliminata, si deve provare a pulire il sifone o a sbloccare la tubazione con la pistola ad aria compressa, di cui sopra.

Pulizia del sifone

E’ importante comprendere l’importanza del sifone, situato subito sotto il bocchettone di scarico dei lavandini e dei lavelli; si tratta essenzialmente di un tubo piegato ad U (Sifone ad U)  o sifonato all’interno (Sifone a bottiglia) che trattiene al suo interno acqua, al fine di impedire ritorni e odori dalla tubatura di scarico.

L’ostruzione dei sifoni avviene quando detriti vari si raccolgono nel punto più basso della curva.

Si deve porre un secchio o una ciotola sotto al lavandino (O altro apparecchio sanitario) per raccogliere I’acqua che uscirà durante l’operazione di pulizia.

Con una chiave si deve svitare il cappellotto del sifone: e quando ciò non e possibile perché posto in posizione irraggiungibile si deve svitare il dado di tenuta e rimuovere I’intero sifone.

Eliminare le otturazioni nelle tubazioni di scarico 1  

Prima di rimontarlo lo si deve ripulire accuratamente con acqua e detersivo.

Poi si lascia scaricare il contenuto del sifone nel secchio.

Si piega a gancio un pezzo di filo di ferro e con esso si sonda la parte di tubatura dietro il sifone.

3  

Se questa è libera ma I’ostruzione rimane e non è stata eliminata, vuol dire che I’ostruzione stessa si troverà nella diramazione della colonna di scarico singola oppure ancora nel pozzetto sifonato posto a pavimento (Se esistente).

Pulizia delle diramazioni

Il tubo verticale del sifone  è unito a un tratto praticamente orizzontale di tubo di scarico.

In genere il raccordo è munito di tappo a vite per la pulizia del tubo orizzontale.

Occorre tenere a portata di mano una bacinella per raccogliere I’acqua del sifone, poi si deve sitare a mano il tappo, e se lo stesso non viene occorre aiutarsi con una chiave.

A questo punto, con il filo di ferro piegato a gancio, si deve sondare la diramazione e quando si localizza un’ostruzione compatta, per stasare la tubatura si userà una spirale sturalavandini acquistabile presso qualsiasi magazzino di idraulica o supermarket.

Qualora non vi sia alcun tappo, si deve rimuovere il sifone e sondare la tubazione con la spirale.

Tipi di Sifone

5  

Sifone ad U

Quando il cappellotto del foro di accesso è duro, lo si rimuove con la chiave.

Sifone a bottiglia

I sifoni a bottiglia si puliscono facilmente svitando a mano il fondo intero.

Si usa il filo di ferro piegato a gancio per sondare la diramazione.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.