Eliminazione delle reti elettrosaldate nei getti di calcestruzzo con fibre strutturali “ISTRICE”.

Una idea completamente italiana, con prodotti italiani di alta qualità proiettati nel futuro, e destinati a sostituire e migliorare i vecchi sistemi di realizzare i calcestruzzi nel campo delle costruzioni edili.

Si aprono nuove frontiere nel mondo delle costruzioni, con le fibre polimeriche strutturali utilizzate in sostituzione o in riduzione delle armature metalliche, garantendo evidenti risparmi sia economici che di praticità d’impiego
 
Le fibre ISTRICE sono prodotte con materiali vergini ad elevata densità e resistenza,  progettate per essere utilizzate in sostituzione alle reti elettrosaldate e alle fibre metalliche, come rinforzo secondario e concomitante al rinforzo strutturale primario del calcestruzzo.
 
La casa produttrice è la ISTRICE  INNOVATING  SOLUTIONS (www.fibreistrice.com) , con stabilimenti in San Cesario sul Panaro in provincia di Modena.
 
Sotto vediamo come si presentano le fibre ISTRICE prima di essere adoperate negli impasti  per i diversi impieghi nelle opere edilizie.
  
      A
 
E’ opportuno prendere visione dei due documenti che seguono, dei quali il primo riferito ad una breve cronistoria delle fibre, ed il secondo il risultato degli studi che ha portato al rilascio di un brevetto internazionale alla suddetta società italiana.
 
 
     A
 
 
E’ indispensabile che i nostri lettori riescano a comprendere a pieno l’importanza che assumono queste fibre nelle opere edili in generale, e per farne meglio comprendere l’importanza,  abbiamo affiancato l’immagine che rappresenta le fibre idonee per un certo lavoro, con a destra la galleria delle opere effettuate usando nell’impasto i vari tipi di fibre.
 
Iniziamo con le fibre iBETON da usarsi, in generale, per calcestruzzi fibrorinforzati.
 
            A
 
Abbiamo poi  le fibre iPLAST per malte ed intonaci.
 
          A
 

Le iSCREE vengono invece impastate per massetti di sottofondo.

          A

Le iMICRO, per calcestruzzi fibrorinforzati e meglio visibili nella immagine, sotto, a destra, e che mostra la galleria delle opere eseguite.

          A

Le iPREFST importanti per tutti i manufatti prefabbricati.

          A

Infine le iSHOTS, per calcestruzzi proiettati.

Anche per questo genere di fibre è opportuno vedere le immagini a destra.

           A

Non entriamo nei dettagli nè proiettiamo le schede tecniche, che il lettore interessato potrà trovare presso il link della società e di cui sopra.

Sotto vediamo la classica rappresentazione di una malta per intonaci che viene inpastata in una comune betoniera, e vediamo in superficie le fibre che la compongono.

     A

Fra i vantaggi che comportano le fibre polimeriche strutturali, oltre a quello importante economico dovuto al risparmio delle reti elettrosaldate metalliche, (Costo, movimentazione, posa in opera, legatura ecc), da evidenziarsi anche la scomparsa di quelle fastidiose  lesioncine, che a volte interessano una intera parete o massetto di sottofondo e che derivano dal ritiro della malta o del calcestruzzo in corrispondenza delle reti elettrisaldate stesse.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.