Eseguire una copertura con tegole bituminose

Fra le varie coperture, c’è anche quella costituita da tegole bituminose di vari colori e forme.

Viene più usata nei paesi freddi e nelle zone di montagna, dove i tetti hanno una maggiore pendenza e le tegole di cotto tendono a scivolare verso il basso, se non convenientemente fermate.

Le tegole bituminose, sono dei pannelli impermeabili la cui armatura in fibra di vetro è impregnata e rivestita di bitume, e coperta da un conglomerato fine, naturale o colorato.

Questi pannelli hanno una finitura a scaglie, come se si trattasse di tegole di ardesia sovrapposte.
Sono molto leggere; si trasportano e si posano con facilita.
 
 
Per effettuare il rivestimento con tegole di bitume, la pendenza del tetto deve essere almeno del 20 %.
 
Prima di metterle in opera, è necessario trattare II supporto Se di legno) con un prodotto fungicida e insetticida.
 
La Preparazione
Spieghiamo di seguito la posa in opera di queste tegole e che viene detta "all’americana", e consiste nel posarle su un supporto di tetto dello spessore minimo di 14 mm (tavolato esterno in legno o compensate per esterno) inchiodato su dei travetti di legno.
 
Si iniziano le operazioni di posa individuando la linea di massima pendenza del tetto..
 
Dopo di che, necessita tracciare, con una corda, una linea orizzontale parallela al bordo inferiore della falda, e distante 19,5 cm dal bordo del tetto.
 
     CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Si traccia, adesso, una perpendicolare a questa linea. Servirà da base come allineamento verticale delle tegole
 
      CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
A questo punto si tracciano delle linee parallele, distanti tra di loro dagli 11 ai 14,5 cm, corrispondenti alla sovrapposizione delle tegole (più la pen­denza è minima, maggiore dovrà essere la sovrapposizione, in maniera da favorire lo scolo dell’acqua piovana e garantire la tenuta stagna della copertura).
 
     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Posa in Opera

La posa in opera viene fatta procedendo dal bas­so verso I’alto.

1) Si deve fissare al limite della gronda una prima una banda di scolo.

2) Occorre posizionare solo la prima fila di tegole al messe al rovescio.

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Procediamo, ed allora occorre effettuare normalmente la seconda fila di tegole bituminose. In questo modo, la seconda fila si sovrapporrà in modo corretto sopra parte della prima fila.

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

I primi 2 strati messi in opera, vanno inchiodati in 5 punti, proprio sopra ogni incisione.

Le file seguenti vanno collocate "bordo a bordo", sovrapponendole ed in modo da sovrammontarle come dall’immagine sottostante.

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Le file dovranno essere montate scalandole di mezza tegola, iniziando, a file alterne, con una mezza tegola e verificando che le file pari e le dispari siano rigorosamente allineate fra di loro..

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Tutte le file vanno inchiodate come fatto per la prima.

La trave di cresta o di colmo ed i puntoni d’angolo dovranno essere ricoperti da una banda di zinco inchiodata sulle tegole ripiegate.

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

IL lavoro sarà completo.

Si ricorda ai nostri lettori, che tutto il materiale di cui al presente articolo è reperibile presso i magazzini Leroy Merlin.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA


di Amedeu

8 commenti

  1. scusi signor amedeu ieri mi sono espresso male ma le volevo chiedere come si eseguiva il montaggio, su di un tetto cementizio, di tegole in cemento; nello specifico si chiamano coppo di grecia.ho visto sopra il montaggio di quelle bituminose e mi chiedevo se la prassi fosse la stessa .grazie per la sua disponibilita’.

    • Per Fulvio.
      I coppi di Grecia (prendiamo quale esempio quelli in cemento prodotti dda Wierer”, hanno le solite caratteristiche delle tegole olandesi e portoghesi (che sono in cotto).
      Per creare le angolature, o gli allineamenti nel senso verticale della gronda, occorre, semplicemente effettuare il loro taglio (a mezzo di smerigliatrice a disco) se non è possibile montarli interi.
      La rifinitura della “tempia” del tetto va poi eseguita, normalmente, adoperando possibilmente una scossalina di rame come da questo nostro articolo
      http://www.coffeenews.it/tetti-coperti-a-falde-inclinate-salvare-gli-aggetti-laterali-dallumidita
      Vedi immagini 5 e 6.
      Amedeu e c.

  2. buongiorno amedeu, una cosa che non ho capito:
    prima di posare le tegole bituminose sul tetto sia in legno che in quello in cemento, non si inserisce un sottofondo?
    poi dovendole posare sul tetto in cemento, escludendo i chiodi, come avviene il fissaggio?

  3. ANZICHE’ USARE IL LEGNO/COMPENSATO , e’ possibile usare come supporto delle tegole un pannello di MDF ??
    grazie

  4. buongiorno, terminata la posa delle tegole bituminose ai bordi del tetto, su tutti i lati mi hanno detto di applicare un profilo di legno per evitare che il vento le possa poi sollevare. è vero? ma non è meglio ripiegarle, chiodarle e farle sporgere di un paio di centimetri? grazie

    • Per Sergio.
      La correntaiola di legno per la battuta dei primi tegoli del tetto, si usa, di solito, nei tetti in laterizio, tipo embrici, tegole e coppi alla toscana o romana ecc.
      Per le tegole bituminose devi seguire attentamente l’articolo dal quale ci hai scritto.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.