Funzionamento della cassetta scaricatrice, suoi componenti e possibili inconvenienti: fai da te

Si fa seguito all’articolo sulla cassetta scaricatrice chiarendo quanto segue:

all’interno della medesima viene montato un sifone a cacciata, e la scelta in commercio di tale oggetto è molto vasta, per cui ci limiteremo più sotto, a mostrarne uno dei più usati; comunque ce ne sono molti altri validi ed eccellenti.

L’attacco dell’acqua, si trova normalmente in alto ed a fianco della cassetta e può essere a destra o a sinistra.
All’attacco viene montato un rubinetto (da 1/2") smaltato di chiusura, che in caso di guasto blocca l’acqua e permette la manutenzione.
  CLIC

Raccordato al rubinetto troviamo un flessibile ( da 1/2 ") con guarnizioni, e che si va ad attaccare direttamente al tubo filettato del galleggiante.
Il galleggiante è costituito da una palla vuota in plastica,  da un’asta di ottone filettata da una parte per l’attacco alla palla e imperniata ad una leva dalla parte del flessibile, in maniera da regolare la chiusura dell’acqua a mano a mano che questa sale di livello.
La leva aziona un rubinetto a pistoncino che chiude o apre il flusso idrico.

Il meccanismo è molto semplice. L’apertura del flusso idrico nel sifone è azionata mediante un pulsante a molla ed a tenuta d’aria, premendo il quale si  comprime la stessa aria spingendola in alto ed alzando un’asticciola in ottone disposta a "salterello", che alza un piccolo cono di gomma comunemente chiamato "gommino" , che permette lo svuotamento immediato della cassetta , determinando l’effetto detto a "a sciacquone".

   CLIC

Pulsante a molla

Gli oggetti di cui sopra sono raffigurati anche singolarmentenella foto sottostante.

                CLIC

Galleggiante, flessibile, rubinetto    Pulsante con tubo di rame       Sifone a cacciata

La lunga attività di una cassetta scaricatrice, comporta inesorabilmente dei problemi che tutti prima o poi ci troviamo ad affrontare.Tali inconvenienti sono dovuti essenzialmente alla durezza delle acque ed al calcaree in esse contenuto

Date una occhiata alla cassetta in ceramica colore shampagne che avete visto sopra e meglio nelle foto del precedente articolo. Guardate come si presenta all’interno!

  CLIC

Le incrostazioni calcaree dell’acqua, che in molte zone d’Italia è estremamente dura, finiscono con il bloccare il meccanismo del galleggiante, nel creare uno spessore anomalo nel "gommino" a salterello del sifone, e nonostante la buona volontà (Uso di anticalcarei vari) delle persone che conoscono queste problematiche, la cassetta finisce per non funzionare più.

Tale malfunzionamento è caratterizzato da una perdita continua di acqua nel vaso sottostante.

Si può in via precauzionale piegare l’asta del galleggiante verso il basso, in maniera che l’acqua raggiunga un livello inferiore di quella precedente, questo in quanto il meccanismo della cassetta è regolato da un sistema simile a quello dei vasi comunicanti. Si procede a tentativi, piegandola leggermente ogni volta e poi azionando il pulsante.

Nel caso questo sistema non funzionasse?  Che fare? Il più delle volte sostituendo anche "gommino",  si risolve il problema, altrimenti va smontato completamente il sifone e ripulito dalle incrostazioni, poi bisogna sostituire "gommino" ed  il galleggiante con i suoi componenti.

Per chi non abbia voglia di effettuare tutte queste prove ed operazioni, deve recarsi presso un magazzino edile più vicino ed acquistare un sifone ed un galleggiante nuovi e sostituire così tutto l’apparato interno della cassetta.

Per chiarire come togliere il sifone, basta svitare il cilindro smaltato posto sotto la cassetta ed inoltre liberare il sifone dal tubicino di rame che proviene dal pulsante, svitando un dado con guarnizione, posto nella parte superiore del sifone.

Il galleggiante lo si toglie facilmente svitando il controdado che lo collega alla cassetta in ceramica e che normalmente è di plastica.

 Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. Ho una cassetta scaricatrice incassata nella parete, ultimamente la forza di discesa dell’acqua è notevolmente diminuita, tanto da non arrivare dalla parte opposta all’uscita del water, mentre la quantità mi sembra più o meno la stessa di sempre. Da che cosa può essere causato? e quali possono essere i rimedi, e se possono essere messi in pratica senza la chiamata di un idraulico.
    Grazie in anticipo e saluti.
    Rodolfo M.

    • Per Rodolfo.
      Può dipendere dalla formazione di calcare all’interno della cassetta, oppure da un malfunzionamento dell’apertura dello scarico quando premi il pulsante.
      Puoi tentare, con accortezza, a aprirla, eliminare con un anticalcare le incrostazioni e poi provare più volte a farla scaricare.
      Ti dovresti rendere conto del perchè scarica male.
      Prova, in quanto il fai da te lo si acquisisce solamente provando e riprovando.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.