I sistemi di protezione individuale per caduta dai tetti

I sistemi di protezione individuale per caduta dai tetti rappresentano un importante settore per tutte quelle ditte che producono le linee vita e che  sono diventate indispensabili per la sicurezza di coloro che vogliono lavorare dall’alto 

Vediamo insieme come sono caratterizzati i sistemi di caduta individuale per l’edilizia, limitandoci, in questo nostro articolo, a parlare di quelli compresi nella sola classe A

Ci serviremo nella descrizione e rappresentazione, dell’esperienza e del materiale prodotto dalla soc. Sicurpal di Villavara di Bomporto (Mo) 

Dispositivi individuali 1   

Classe A

Classe A (Comprende la classe A1 e A2)

• Prodotto conforme e certificato secondo la norma UNI EN 795 classe A;

• Struttura interamente in acciaio INOX AISI 304 contro la corrosione;

• Costi di montaggio ridotti;

• Studiati per ottimizzare la SICUREZZA e la funzionalità del lavoro;

• Fissaggio studiato per dare garanzie nel tempo e per ridurre i carichi sui supporti;

• Studiati per non creare problemi di infiltrazioni meteoriche;

• Prodotti con garanzia 10 anni.

Classe A) p   

Imbracature

Un’imbracatura è l’accessorio più importante nelle protezioni contro le cadute dall’alto: deve essere indossata dall’addetto ai lavori, deve essere confortevole, non intralciare e, infine, deve essere adeguata alla tipologia di lavoro che eseguito.

L’imbracatura deve essere studiata per ridurre al minimo eventuali problemi di compressione se l’addetto rimane sospeso dopo una caduta:

• Ancoraggio dorsale e sternale;

• Anelli sulla fascia lombare per lavorare in posizionamento e in trattenuta;

• Possibilità di avere più taglie per modello per una perfetta vestibilità;

• Gilet traforato e in alta visibilità per maggior confort, vestibilità, sicurezza;

• Possibilità attacchi con sgancio automatico per una comoda e rapida vestizione;

• Vari modelli e marche per rispondere correttamente alle esigenze di utilizzo.

I sistemi di protezione individuale per caduta dai tetti  1    

Sotto le immagini di 3 importanti imbracature

Imbracature 1   

 1) Anticaduta

Imbracature idonee per lavorazioni su coperture con rischio di caduta dall’alto

 2) Spazi Confinati

Imbracature idonee e ottimizzate per lavorazioni in spazi confinati

3) Sospensione

Imbracature studiate e costruite per il lavoro in sospensione

Norme e leggi

1)  Leggi nazionali

A) DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106

Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123,

in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

B)   Linea guida per la scelta, l’uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto

Sistema di arresto di caduta

ISBN  88-89415-03-7

ISPESL – Dipartimento Documentazione Informazione e formazione

C)   Per l’esecuzione di lavori temporanei in quota con l’impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante funi D. Lgs. 8luglio 2003 n° 235
 
Linee Guida per la scelta l’uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto.
 
Varie immagini 1  

1) Le Norme

UNI EN795
Dispositivi individuali per la protezione contro le cadute – Dispositivi d’Ancoraggio
 
UNI EN 11158/05
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dal’l alto – Sistemi di arresto caduta – Guida per la selezione e l’uso
 
UNI EN 517/06
La normativa specifica le dimensioni essenziali, i materiali da impiegare, i requisiti relativi alla capacità di sopportare i carichi e l’estensione delle prove dei ganci di sicurezza da tetto
 
UNI EN 341
Dispositivi individuali per la protezione contro le cadute – Cordini
 
UNI EN 353
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio rigida – Dispositivi anticaduta di tipo guidato comprendenti una linea di ancoraggio flessibile
 
UNI EN 354
Dispositivi individuali per la protezione contro le cadute – Cordini
 
UNI EN 355
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Assorbitori di Energia
 
UNI EN 358
Dispositivi di protezione individuale per il posizionamento sul lavoro e la prevenzione delle cadute dall’alto – Cinture di posizionamento sul lavoro e di trattenuta e cordini di posizionamento sul lavoro
 
UNI EN 360
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Dispositivi anticaduta di tipo retrattile
 
UNI EN 361
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Imbracature per il corpo
 
UNI EN 362
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Connettori
 
UNI EN 363
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Sistemi di arresto caduta
 
UNI EN 364
Dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto – Metodi di Prova
 
2)     Leggi Nazionali

 –       Decreto Legislativo 9 APRILE 2008, N. 81

Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106

Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123,

in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

–     Linea guida per la scelta, l’uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto

Sistema di arresto di caduta

ISBN  88-89415-03-7

ISPESL – Dipartimento Documentazione Informazione e formazione

–     Linee guida per l’esecuzione di lavori temporanei in quota con l’impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante funi

D. Lgs. 8luglio 2003 n° 235

–     Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l’uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori

Oltre alle norme e leggi nazionali dovranno essere viste, per Regioni, anche le leggi regionali in materia

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.