Il blocco YTONG. Da conoscere ed apprezzare.

Il termine Ytong che sembra una parola cinese, invece è un termine svedese che sta ad indicare la località dove è nato questo particolare tipo di materiale per l’edilizia; inoltre il calcestruzzo aereato autoclavato che compone gli elementi Ytong ha ormai una sua storia che inizia intorno agli anni 30 del secolo scorso.

Ytong, fa parte del marchio della casa Xella International, primaria casa in campo europeo.

 

Blocchi Ytong
In questo articolo ci interesseremo dei blocchi Ytong, che rappresentano solo una parte della ricca produzione della Xella.
In particolare vedremo i blocchi antisismici e di tamponamento.
 
La materia prima di questi manufatti è costituita da sabbia quarzifera, calce, cemento, acqua e polvere di alluminio.
 
Sotto vediamo la classica figura di un blocco:
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Blocchi da tamponamento e sismici
 
I blocchi possono essere  sismici per costruzioni in muratura e di tamponamento per edifici in cemento armato.
 
La caratteristica del calcestruzzo cellulare autoclavato è quella di avere una particolare leggerezza, solidità ed omogeneità.
 
Alto isolamento termico
Fra l’altro conferiscono un isolamento termico all’abitazione, molto superiore dei blocchi in laterizio.
 
Sotto vi riassumiamo, in un quadro, le caratteristiche peculiari che la casa costruttrice specifica per tale materiali:
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Quelli da tamponamento, inoltre,  hanno  una trasmittanza termicamolto bassa: 0,20 e 0,18 W/mqK con un lambda (W/mK) pari a 0,08.
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Lo spessore dei blocchi varia a seconda dell’occorrenza, comunque sono molto maneggevoli; possono essere tagliati con un normale sarracco o con una motosega.
 
 
Dovendo iniziare a costruire un fabbricato, sopra una platea o  fondazioni in calcestruzzo armato,  va inizialmente steso un manto impermeabilizzante; sopra di esso si deve murare, con malta cementizia,  la prima fila di blocchi, stando particolarmente attenti ai piani, da controllarsi con la livella a bolla e con righe idonee.
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Collante per blocchi Ytong
Le file successive vanno posate in opera sfalsate, come una normale costruzione in blocchi di laterizio, però, invece di adoperare la malta cementizia o di calce , viene usato un collante della ditta Xella, chiamato "Preocol" o "Ytocol".
 
Preparazione del collante:
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
Questo va spalmato con l’apposita cazzuola sopra tutta la superficie de blocchi sottostanti.
Sopra detto collante si posano i blocchi successivi, incollati pure nei punti di contatto con i blocchi attigui.
 
Le operazioni risultano essere semplici; comunque la ditta Xella fornisce una ampia assistenza con manuale tecnico da seguire attentamente.
 
Sotto vediamo come si presenterà un tratto della muratura con i blocchi sfalsati:
 
 
In definitiva risulta essere un lavoro molto facile da eseguire, forse molto più "pulitò" di una muratura eseguita con malta cementizia o bastarda che sia.
 
In fase di costruzione il nostro fabbricato ci apparirà come la foto di cui sotto:
 
 
Le operazioni di edificazione con l’uso dei blocchi Ytong, comportano naturalmente una pratica da acquisirsi, ma con le caratteristiche che vengono offerte, l’uso di tale materiali e senza dubbio destinato a salire.
 
Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Un commento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.