Il diritto di superficie. Cosa è e come si esercita.

Il "diritto di superficie" è un diritto di godimento sulla cosa altrui.

E’ disciplinato dagli articoli 952/956 del codice civile che permette di definirlo come quel diritto reale (perpetuo o temporaneo) che consente al suo titolare di fare e mantenere, sopra o sotto il suolo di altri, una sua costruzione, rimanendo proprietario solo di questa; oppure di acquistare una costruzione già esistente , ma non il suolo e sottosuolo sul quale o nel quale tale costruzione trovasi.

Il diritto di superficie è limitato dalla legge a fare, a mantenere o ad acquistare soltanto costruzioni (sotto o sopra il suolo che è e rimane di altri) e non altri beni (come per esempio le piantagioni: art 956 del cc.).

Il diritto di superficie si costituisce per contratto (scritto e trascritto); per testamento; per usucapione; e può essere a titolo oneroso o gratuito.

Il diritto di superficie, se viene costituito con scadenza a tempo determinato, si estingue alla data della scadenza stessa: La costruzione fatta da chi ha esercitato tale diritto subirà la sorte stabilita nell’atto costitutivo del diritto stesso (che può prevedere la demolizione, o il passaggio in proprietà al proprietario del suolo.).

Può anche estinguersi se non è stato esercitato per venti anni.

Il diritto di superficie trova numerose applicazioni pratiche, come per esempio, nelle costruzioni di edifici, di edicole, chioschi, padiglioni funzionanti per periodi di tempo determinati,; o per la costruzione di cappelle o edicole funerarie nei cimiteri; o palificazioni per linee elettriche, telefoniche, teleferiche, cabine di trasformazione, oppure posa di binari ferroviari, tramviari, o per condutture di acqua, gas, energia elettrica, , impianti questi occorrenti alla esecuzione dei lavori e che devono passare temporaneamente su terreni altrui.

        CLICCARE SULL’IMMAGINE

Vediamo un esempio:

Nella figura soprastante  "A", quale proprietario del suolo "mn" concede a "B" un "diritto di superficie" in base al quale "B" può costruire il fabbricato "abcdef", rimanendone proprietario, mentre il suolo rimane sempre di proprietà di "A"

"A" chiamasi "concedente"; "B" è il "concessionario" o "superficiario"

Se lo  stabile è stato invece costruito da "A", egli può cederlo a "B" in proprietà separata (rimanendo cioè "A" sempre proprietario del suolo).

"A" potrebbe concedere a "B" l’edificazione della sola costruzione "abef" (eseguita nel sottosuolo) a ad un altro superficiario "C", la costruzione della parte "bcde" (in elevazione)

Analogamente, se trattasi di uno stabile costruito da "A", egli può vendere la sola costruzione, dandola per la parte "abef" a "B", e per la parte sovrastante a "C", rimanendo comunque egli proprietario esclusivo del suolo.

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Adesso passiamo alla seconda immagine:

Può essere oggetto di "proprietà superficiaria" anche un solo piano (come quello "cghd" che "A" (come proprietario sia del suolo "mn" che della parte "abcdef" di edificio) concede a "B" di costruire sulla detta sua parte la sopraelevazione "cdhg"

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA IN EDILIZIA 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.