Impianto del gas. Tubazioni in rame in guaina a tenuta ed effettuate a norma di legge – 24

Relativamente alla nostra "Costruzione casa", abbiamo parlato in generale delle tracce e predisposizione dei vari impianti necessari ad una abitazione ed  adesso affrontiamo  quello relativo alla rete domestica del gas (metano in questo caso), che descriveremo in questo capitolo.

Premettiamo ancora una volta che tale impianto va realizzato da tecnici abilitati e regolarmente inscritti alla Camera di Commercio, e che al termine della esecuzione dell’impianto, devono rilasciare, ai fini della legge 46/90 e successive, la Attestazione di Conformità che servirà, fra le altre cose, ad autorizzare il collegamento della tubazione alla rete pubblica del metano

Noi ne parliamo solo per quanto riguarda la parte di assistenza muraria, facendo vedere le foto di un intervento in una ristrutturazione e che è servito per fare passare la tubazione del gas.

Nelle foto che vedete sotto, e che serviranno di esempio anche per la nostra casa, la caldaia era del tipo murale, a corpo stagno, della buona marca della IMMERGAS, ed esattamente di una EOLO Superior.

Tramite questa caldaia, installata in cucina, con canna fumaria portata sul tetto e presa di aria verso l’esterno, è stata addotta l’acqua calda ai sanitari dei bagni e della stessa cucina ed inoltre è stato ad essa collegato l’mpianto di riscaldamento,  a termosifoni in acciao smaltato tipo ARDESIA.

CLIC

CLICCARE

I tubi di rame inseriti in una guaina adeguata di colore giallo, provengono dall’esterno e saranno in seguito collegati al contatore del gas metano.

Devono attraversare il muro da cm 30 in una tubazione rigida che li salvaguardi da eventuali cedimenti murari quali crepe o lesioni.
Un tubo inguainato sale verso la Caldaia e si collega ad essa.

L’altro tubo corre a pavimento (per convenzione deve stare sottotraccia a 20 cm dai muri), fino ad arrivare in vicinanza del fornello con i fuochi. (Norme tecniche contenute in UNI 7129)
Sale sempre sottotraccia fino ad una scatola che in foto vedete gialla e che alloggerà il maniglione smaltato di chiusura del gas ai fornelli e devia in basso per l’attacco ai fornelli stessi.

La particolarità di questa tubazione è che la guaina deve essere ermeticamente chiusa verso l’interno del vano, in maniera che eventuali perdite del gas scorrano nella guaina verso l’esterno.

Altro non c’è da dire se non ripetere che l’impianto va eseguito da personale esperto e capace.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

219 commenti

  1. mi pongo una domanda:
    E’ A NORMA MONTARE LA VALVOLA DI CHIUSURA DEL GAS METANO SOTTO IL LAVELLO, ACCEDIBILE MEDIANTE L’APERTURA DELLE ANTE?
    DIVERSAMENTE QUAL E’ LA LEGGE CHE REGOLA (DANDOCI PRECISE INDICAZIONI) IL CORRETTO MONTAGGIO DI TALE IMPIANTO?
    grazie per l’attenzione

  2. Come ho specificato nell’articolo sull’impianto del gas, la nostra competenza è relativa solo alla parte muraria.
    Comunque, a parte la certificazione di conformità che l’installatore deve rilasciare ai sensi della legge 46/90 e.s.m.e.i, credo che tu debba guardare la Legge 6 Dicembre 1971, n° 1083 recante norme per la sicurezza dell’impiego del gas combustibile.
    Per ciò che riguarda il Maniglione di chiusura del gas dei fornelli, mi risulta che …”deve essere di facile manovrabilità e manutenzione, e con possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso”…..
    Altro non posso dirti, se non quello di informarti da personale addetto.
    Amedeu

  3. In seguito alla riparazione di una perdita di gas, tramite saldatura del tubo di rame, è stata danneggiata la guaina di protezione gialla a circa 10-15 cm prima della scatola gialla dove si trova il maniglione per la chiusura del gas, all’entrata del mio appartamento. Dopo la saldatura del tubo, la guaina è stata nastrata e sigillata con malta ostruendo la possibilità di far defluire verso l’esterno eventuali perdite di gas che si dovessero presentare in futuro nella parte di tubazione interna all’appartamento.
    Cosa mi consigliate di fare?

    Grazie per la vostra disponibilità
    Giuliano

  4. Per Giuliano
    Parlane con un installatore esperto e portalo a vedere e poi all’occorrenza fai riparare il malfatto.
    Amedeu e c.

  5. Salve,

    mi trovo a dover sostituire lo sportello del contatore del gas.

    Sarebbe meglio murarlo com malta bastarda o meglio con malta cementizia?

    Devo seguire qualche accorgimento particolare nella muratura del nuovo sportello?

    Grazie.

    Paolo

  6. Per Paolo.
    Va bene.
    L’unico accorgimento che devi prendere , se lo sportello è del tipo in lamiera zincata fine, consiste nel forare le quattro alette laterali che servono da staffe ed inserisrci un chiododa 6 – 7 cm e da murarsi insieme alla staffa.
    Questo servirà a far si che lo sportello , con il tempo non ti venga via dal muro.
    Amedeu e c.

  7. salve vorrei un informazione il tubo gas puo’ passare davanti alle porte sottotraccia? e salire sui muri per un eventuale attacco el 2° piano e poi il rame a pressare si puo’ adoperare all’interno dell’appartamento ? grazzie

  8. Per Carlo.
    Di regola deve essere esternof ino al contatore.
    Comunque interpella un tecnico presso l’azienda del gas della tua zona.
    Amedeu e c.

  9. buongiorno,

    ho ristrutturato il mio appartamento nel 2006. Ora ho dei dubbi sulla regolarità dell’impianto di gas che allora era stata realizzato. Manca infatti la guaina gialla (ho praticamente solo il tubo in rame rivestito con un materiale gommoso di colore blu e aderente al tubo). L’azienda che ha svolto i lavori (e che ha rilasciato il certitificato di conformità) mi dice che la guaina non serve perche il tubo del gas non presenta giunture. Premetto che in un primo momento l’azienda ha sostenuto che la guaina c’erà solo che non si vedeva perche’ per motivi estetici era stata tagliata in modo da non fuoriuscire dal pavimento. A me ovviamente i dubbi sono rimasti. Cosa devo fare ? e come posso eventualmente riavvalermi sull’azienda che ha eseguito i lavori non a norma ? C’è un Ente certificatore che può stabilire in maniera certa la regolarità dell’impianto o meno ?

    Il gas è usato per l’acqua calda e per cucinare.

    grazie

  10. Per Edmund
    La guaina “gialla” viene messa in opera per motivi di sicurezza ((D.M. 27/3/2006), va sigillata all’interno della scatola del maniglione di chiusura del gas di cucina e lasciata aperta all’esterno, perchè in caso di fuga di gas questo defluisca appunto verso l’esterno.
    La guaina blu o verde che si trova sui tubi in rame e che fra l’altro non sono regolamentari per gli impianti a gas, ma da utilizzarsi per impianti di riscaldamento e similari, serve solo a non fare disperdere il calore.
    Ti suggeriamo quindi di rivolgerti presso un tecnico professionista (perito o ingegnere) della tua zona, specializzato in impianti di riscaldamento ed a gas, e contestare alla ditta, tramite una relazione che egli ti farà, tutti i lavori non conformi alle normative vigenti.
    Amedeu e c.

  11. D'Andrea Annita

    b.sera.
    abito in un condominio di 18 famiglie. Un condomino sta ristruttorando
    il suo attico al quarto piano del palazzo, Ha chiesto che il contatore del metano sia inserito in un muro esterno a lato di una finestra del mio garage,il cui muro è di un spessore insufficente a contenere la relativa cassetta. Mi è stato riferito dal tecnico istallatore, che da recenti disposizioni di legge, i contatori non sono più istallabili nel terrazzo del condomino, ma devono essere istallati al piano terra.

    Chiedo quindi conferma se tale affermazione è vera tenendo presente che quasi tutti del palazzo hanno il contatore unstallato in un loro terrazzo.
    grazie.

  12. Per Annita.
    Vero.
    Questo avviene per due motivi principali, il primo riguarda la minore spesa da parte degli Enti fornitori del Metano, in quanto sono responsabili della tubazione fino al contatore; il secondo, sempre per questione di risparmio e di tempo, poichè chi deve effettuare la lettura del contatore lo fa direttamente e velocemente dall’esterno dell’edificio.
    Amedeu e c.

  13. bongiorno
    sto ristruttando il mio apartamento, anche tubazione di gas. impianto vechio era elaborato con tubi zincati(filetati e colati sul muro di cucina) diametro di 3/4″. dal esterno fine caldaia murale(23kw + piano cotura) abiamo cca 5m. ditta che fa impianti adesso ha fatto impianto diverso. i lavori sono elaborati con tubi di rame presati diametro di18 mm. (sembra molto piu picolo di quanto lo fosse primo). tubo e perfettamente inserito in guaina gialla(diametro cca 50mm) e tutto inmurato vicino del pavimento.(non si vede nulla, solo un rubineto per atacare piano cotura e un ataco filetato per colegare la caldaia). estetico sono molto contento pero sono in dubio delle regole: 1) diametro di tubo sembra molto piccolo(possibile peccato?) 2)tubi presati vano al interno? regole italiane per la tubazioni di gas non conosco bene! saluti e grazie

  14. Per Igor.
    3/4 di pollice corrispondono a 19,4 mm, per cui misurando con il calibro, il tuo tubo del gas in rame, troverai sicuramente quella misura.
    Invece, internamente alla casa la misura del tubo in rame deve essere di 1/2″ pari a 12,7 mm
    L’eventuale differenza che troverai all’esterno, è dovuta al minore spessore della parete in rame rispetto a quella del ferro zincato.
    Controlla.
    Amedeu e c.

  15. Ho acquistato una casa nel 2007 e mi sono accorta ora che i vicini in passato avevano fatto installare tutte le tubature del metano nel mio solaio, piu’due antenne con relativi fili tutti sparsi.Ora vorrei isolare il solaio con una copertura sul pavimento.C’è un modo per far si che li tolgano? Loro dicono che sono in regola e non li vogliono levare.Ringrazio e attendo una risposta in merito.

  16. Per Silvia.
    Ti conviene fare eseguire un sopralluogo dal tecnico che ti presenterà il progetto dellla copertura sul solaio.
    Questo, gli servirà per rendersi conto della situazione più o meno conforme alle vigenti normative.
    Ricavate anche queste informazioni, ti consigliamo di inviare una lettera raccomandata RR ai vicini (possibilmente scritta da un legale), contestando loro gli eventuali impianti pericolosi e che quindi vanno rimossi per permetterti di realizzare la copertura suddetta.
    La relativa menzione dei danni ecc.. la formulerà conseguentemente l’avvocato.
    Amedeu e c.
    Amedeu e c..

  17. Buona sera,vorrei porre questo quesito.
    Durante la fase di ristrutturazione di una mia abitazione posta al piano terra e confinante con un palazzo, sono venuti alla luce dentro la parete, confinante con l’androne del succitato palazzo, cinque tubazioni del gas che sbucano nell’androne arrivando ai rispettivi contatori dei condomini. Faccio presente che l’abitazione è indipendente dal condominio confinante. Comer posso agire? Chiamo l’azienda del gas facendo rilevare ciò che è stato trovato oppure interesso i condomini del palazzo affinchè spostino i tubi ? Il direttore dei lavori deve bloccare i lavori e chiamare in causa i condomini? Non so se questo è stato frutto di un accordo del passato tra i vecchi proprietari, se sì si può impugnare o contestare secondo le norme legislative odierne in vigore? Grazie per la risposta.

  18. Pe Gaetano.
    Ti consigliamo un legale, al quale certo avrai già pensato.
    Comunque, se le tubazioni sono nel muro da molti anni ti costerà molta fatica e tempo per farle spostare.
    Potresti essere avvantaggiato, se nella ristrutturazone che esegui, dove ci sono le tubazioni fosse prevista una porta o altro manufatto indispensabile.
    Qualora invece non ostacolino alcun lavoro edile da te programmato, riteniamo che sarà difficile.
    L’azienda del gas se ne laverà le mani demandando tutto al condominio.
    Parlate con l’amministratore del condominio per trovare una soluzione (do ut des).
    Amedeu e c.
    Auguri.

  19. salve.
    ho un appartamento di circa 100 mq circondato da terrazzi al secondo piano.
    la caldaia è esterna ed il contatore del metano si trova dalla parte opposta dell’appart. rispetto alla caldaia.
    i tubi di collegamento sono in ferro ed esterni e fanno in pratica il giro delle mura perimetrali.
    dovendo ristrutturare la mia domanda è: posso far passare a pavimento i tubi del gas (usando quelli in rame rivestiti dalla guaina gialla) passando in questo modo all’interno dell’appartamento????

  20. Per Filo.
    I tubi di rame che portano il gas ad una caldaia oppure alla cucina a gas, devono correre internamente, sottopavimento a circa 20 cm dai muri perimetrali ed essere opportunamente inguainati, con guaina idonea gommosa colore giallo chiusa internamente ed aperta verso l’esterno.
    Un tratto troppo lungo di tale tubazione comporterebbe un pericolo latente per la tua abitazione.
    Comunque devi confrontarti con un installatore di caldaie che saprà trovarti la soluzione più idonea.
    Amedeu e c.

  21. salve volevo sapere se e possibile far passare il gas metano da una tubazione in rame con guaina che prima alimentava i termosifoni tengo presente che ho pulito la tubazione non c’e piu passaggio di acqua e stata chiusa dovrei mettere le stufe alimentate con gas metano grazie

  22. Per Francesco.
    No.
    L’impianto del gas deve essere realizzato da personale qualificato abilitato.
    Inoltre i tubi in rame usati, non sono quelli dell’impianto di riscaldamento ma devono essere nuovi ed idonei per il gas e sono senza guaina, in quanto devono passare all’interno di una apposita guaina gialla chiusa da una parte ed aperta all’esterno.
    Leggi l’articolo dal quale ti rispondiamo.
    Amedeu e c.

  23. Il contatore gas metano dista dalla caldaia circa 25 metri. Ho gia installato da 20 anni un tubo in ferro su questo percorso. Tubo del diametro 3/4. Potrei utilizzare questo tubo per l’attivazione del gas metano? Il mIo appartamento è di circa 80 mq. Oppure devo sistemare dei nuovi tubi del diametro di 1 “.
    Grazie per risposta anticipatamente

  24. Per Vince.
    Un consiglio: devi semplicemente fare eseguire il lavoro da una ditta qualificata abilitata a rilasciarti la certificazione di regolare esecuzione.
    Non puoi lavorare un privato sugli impianti.
    Amedeu e c.

  25. Grazie per la risposta ma il mio dubbio nasce proprio dalle 2 ditte interpellate.Una dice che il vecchio tubo in ferro va bene.Un’altra dice che invece si deve rifare exnovo la tubazione con tubi del diametro da 1″
    Ancora grazie

  26. Per Vince.
    A parte la dimensione del tubo che va verificata con l’Ente gestore della rete gas, per il resto ci sembra che il secondo sia nel giustoo.
    Amedeu e c.

  27. salve. abito in un condominio di 8 famiglie. l’ultimo arrivato sta facendo lavori di ristrutturazione nel suo appartamento al piano terra. oggi ci ha chiesto l’autorizzazione per poter installare il contatore del suo metano sul muro condominiale, sempre al piano terra, invece che sul proprio muro.
    è possibile questa cosa?

    grazie mille

  28. Per daniela.
    Non conosciamo esattamente la conformazione del fabbricato condominiale dove tu abiti, ma se parli del “suo” muro, cosa intendi il muro di cinta esclusivo del suo giardino o altro.
    Perchè, in un fabbricato destinato ad un condominio, le principali parti comuni sono: le fondazioni, la copertura i muri perimetrali ed altro.
    Quindi se la persona della quale parli, mettiamo il caso, volesse mettere il contatore sul muro esterno dell’edificio, essendo questo condominiale, avrebbe solamente 1/8° di proprietà su detto muro.
    E quindi potrebbe essere giusta la sua richiesta di autorizzazione all’intero condominio.
    Amedeu e c.

  29. ciao amedeu, molte grazie per le tue lungimiranti risposte… quindi mi pare di aver capito che questo condomino per installare il suo contatore nel muro perimetrale dell’edificio ha bisogno dell’approvazione di tutti i condomini o solo di una parte di esso? o meglio puo’ installarlo autonomamente pur non avendo l’ approvazione?

    grazie di nuovo
    daniela

  30. Per Daniela.
    Della maggioranza dei componenti dell’Assemblea Condominiale.
    Amedeu e c.

  31. Buongiorno, amministro un condominio di nove appartamenti come seconde case ,uno dei nove aveva una caldaia a gasolio che in questi giorni ha tolto mettendone una a metano. Ora chiedo a lei se era possibile passare a muro INTERNO nella loro cantina invece che passare sui muri esterni, che come sono stati messi danno un’estetica della casa disapprovata da tutti i condomini. Grazie Marinella

  32. Per Marinella
    Non conoscendo la dislocazione esatta del piano e della caldaia del condomino da te citato, viene spontaneo affermare che lo stesso non può avere realizzato un impianto a gas, in conformità alla legge 46/90 e successive, senza il progetto di un tecnico qualificato e la attestazione di regolare esecuzione di una ditta installatrice regolarmente inscritta alla Camera di Commercio.
    Per cui si ritiene che gli stessi non abbiano trovato altra alternativa valida.
    Tale risposta vale indirettamente anche per la tua seconda domanda.
    Amedeu e c.

  33. Salve,risolto il problema del diametro dei tubi del nuovo impianto a metano,come da Lei consigliato nella risposta del 13 novembre 2010.
    Nasce pero il seguente problema che riassumo cosi:
    Da sopralluogo dell’ente erogatore del metano mi viene detto che per installare il contatore del metano sul muro perimetrale del condominio era necessario l’approvazione dell’assemblea condominiale.Cosa che viene deliberata positivamente. Faccio vedere il tutto all’ente erogatore del metano e chiedo che il contatore venga installato all’interno del suddetto muro,dando ampie garanzie per qualsiasi accesso in qualsiasi momento per leggere il contatore o altro.Mi obiettano che per eseguire cosi il lavoro non basta piu il consenso assembleare ,di cui prima detto, ma vogliono la firma di tutti i condomini per il consenso dell’installazione sulla parete interna del muro perimetrale del condominio.L’ente sostiene che invece deve installare il contatore sulla parete esterna del muro condominiale.
    E’ giusta la loro tesi? La ringrazio anticipatamente. Vince

  34. Per Vince.
    Probabilmente vi siete chiariti male con il tecnico dell’Ente erogatore del metano.
    Il contatore del gas va sempre installato all’esterno di una

  35. Per Vince.
    Probabilmente vi siete chiariti male con il tecnico dell’Ente erogatore del metano.
    Il contatore del gas va sempre installato all’esterno di una proprietà, sul muro di cinta, sulla facciata di un edificio, o in una “madonnina” costruita in muratura o prefabbricata a filo proprietà esterna.
    Non viene mai autorizzato (salvo casi molto rari) all’interno di una proprietà.
    Amedeu e c.

  36. claudio zacchetti

    salve , sono installatore idraulico , ho recentemente installato in nuovo appartamento tubazione ai 4 fuochi (fornelli ) . Ho comprato tubazione ricoperta con guaina lunga 2 mt e collegata da una parte ai 4 fuochi e dall altra alla valola sfera gas esistente .Mi è stata richiesta dalla cliente la dichiarazione di conformità .. Ma tale dichiarazione vale anche per l installazione del tubo ai 4 fuochi ? La signora non è stata molto chiara , ma sembra che quelli della a2a le abbiano ddetto che se non la riceve le chiudono il contatore .
    ce una modulistica che posso trovare nel caso ?
    La ringrazio anticipatamente .. e porgo cordiali saluti .
    zacchetti claudio

  37. Per Claudio.
    La certificazione di conformità deve riguardare tutto l’impianto relativo alla tubazione del gas che arriva alla caldaia ed ai fornelli. (quindi ai 4 fuochi).
    Per la modulistica devi sentire l’ente gestore del gas, oppure scaricarla via internet presso il loro sito.
    Amedeu e c.

  38. Salve, abito in una casa a schiera centrale e dovrei sostituire la mia vecchia caldaia a gasolio con una a gas metano. Il problema è che il vano caldaia si trova dalla parte opposta rispetto a quella per l’allacciamento del gas. Posso passare con le tubazioni a vista attraversando il garage che è poi collegato al vano della caldaia? Vi sono altre soluzioni?
    Ringrazio per l’attenzione e porgo distinti saluti. Alex

  39. Per Alex.
    Leggi il nostro articolo: http://www.coffeenews.it/impianto-del-gas-tubazioni-in-rame-in-guaina-a-tenuta-ed-effettuate-a-norma-di-legge-24.
    L’attraversamento di un locale caldaia con tubazioni a vista del gas, anche se inguainato, di regola non è consentito.
    Devi contattare l’Ufficio tecnico dell’azienda che ti fornirà il Gas, dove sapranno darti indicazioni precise relative al lavoro da eseguire, anche se di pertinenza privata.
    In mancanza di ciò, devi far effettuare un sopralluogo da un tecnico abilitato professionista (Ingegnere o perito), che ti trovi una soluzione per il tuo caso.
    Amedeu e c.

  40. come deve essere fatto un impianto da contatore delgas fino al piano cottura?

  41. Per Gino.
    Leggi attentamente l’articolo dal quale ti stiamo rispondendo e speriamo che ti sia utile.
    Amedeu e c.

  42. Qual’è la distanza minima tra contatore gas senza cassetta su balcone esterno e la caldaia anch’essa su balcone? Grazie e saluti.

  43. Per Alberto.
    Hai una situazione anomala, probabilmente dovuta alla installazione del contatore molti anni fa.
    Il contatore dovrebbe essere alloggiato in un manufatto murario, provvisto di sportello con serratura.
    Ti conviene contattare l’Ente gestore del gas e l’installatore della caldaia.
    Probabilmente ti troveranno delle difficoltà.
    Amedeu e c.

  44. ho un problema…io ho due appartamenti che anni fa’ ho fatto unire e di conseguenza ho chiesto l’allaccio per il gas con un’unico contatore,ora ho deciso di ridividerli.ed ho bisogno del secondo contatore,premetto che in tutte e due le abitazione ho il gas solo che nella seconda ho il tubo che si ferma sul balconcino.praticamente sul contatore ho due tubi che vanno in un’unico tubo grande.ho chiamato l’italgas e mi dicono che devo chiamare un’idraulico per farmi certificare l’impianto (40/04)poi mi chiedono il pdr….insomma tante richieste secondo me immotivate,visto che comunque il gas in quell’appartamento gia’ cè.dovrei far allungare il tubo dal balconcino alla cucina.e per quanto riguarda la caldaia gia è tutto predisposto solo che io ovviamente ne ho sempre utilizzata una quella dell’appartamento di sotto.non so’ se mi sono spiegata,ma vorrei cortesemente una risposta.Grazie

  45. Per Anna.
    La richiesta che ti ha fatto l’Italgas è giustificata, in quanto ogni modifica effettuata all’impianto di riscaldamento o altri, ed in questo caso a maggior ragione all’impianto del gas, deve essere certificata ai sensi della ex legge 46/90 e successive.
    Alcuni Enti pretendono elaborati grafici e documenti da riempire e firmare dalla ditta installatrice che ti effettuerà la modifica, ma non solo riferita ad essa ma a tutto l’impianto del gas.
    Quindi, con pazienza, non ti rimane altro che adempiere alle loro richieste.
    Amedeu e c.

  46. salve volevo chiedere una cosa io ho fatto un impianto nuovo e la tubazione del gas lo lasciata fuori dal abitalo di circa un metro , ora devo portarlo al contatore(il tubo e in rame )il raccordo che faccio esternamente lo posso lasciare dentro un pozzetto in modo che la giunzione sia sempre ispezionabbile o pure come devrei fare ‘ grazie

  47. Per Daniel.
    Gli Enti preposti alla fornitura del gas di città (ma vale anche per il GPL) non sono propensi a permettere collegamenti in pozzetti a terra, sia pur se la giunzione è stagna.
    Comunque le consuetudini a volte scavalcano le normative e variano da città a città.
    Un consiglio: per non effettuare i lavori due volte, devi rivolgerti da un tecnico dell’ente, se abiti in città, oppure dal tecnico della ditta che ti fornisce il serbatoio del GPL e chiedere come effettuare il tuo allaccio.
    Amedeu e c,

  48. ciao sono enzo, volevo sapere se si possono usare raccordi ad avvitare anche per il gas evitando cosi la saldatura

  49. Per Enzo.
    Le aziende del Gas, quando portano le tubazioni fino al contatore posto all’esterno delle abitazioni usano il tubo zincato da gas con raccordi.
    Però tale tubo, normalmente non viene autorizzato per lavori interni.
    Senti comunque l’azienda gas della tua città.
    Amedeu e c.

  50. salve,recentemente ho venduto la casa acquistata nel 1997, e adesso il nuovo propietario mi contesta il fatto che l’impianto che parte dal contatore fino alla caldaia non è stato eseguito in base alla legge 46/90.premetto che al momento della consegna delle chiavi si consegnava anche il certificato di conformita’ dell’impianto del gas metano .adesso il nuovo propietario ha staccato la caldaia murale per metterne una nuova all’esterno della casa. vale ancora il vecchio certificato su una nuova installazione . premetto che dal 1997 fino al 2011 non ho mai modificato l’impianto.

  51. Per Rossano.
    Se il nuovo proprietario ha fatto modifiche, specie importanti come spostare una caldaia, occorre un nuovo certificato di conformità.
    Amedeu e c.

  52. Salve, abito in una casetta a schiera e i lavori e le manutenzioni sono curati dall’Amministratore condominiale. Volevo chiedere se la sostituzione delle tubazione gas esterne che vanno dai contatori alle colonne degli appartamenti (quindi fuori dall’appartamenti) devono avere la certificazione di conformità.
    Se sì, la competenza spetta all’Amministratore per tutti i condomini o all’idraulico, che tra l’altro non ne vuole sapere:
    Dovendo vendere l’appartamento è necessaria questa certificazione?
    Grazie per la risposta.

  53. Per Vincenzo.
    Si è necessaria.
    Se si tratta di tubazioni che vanno dal contatore al tuo appartamento sono di competenza del proprietario e quindi tua.
    Non sappiamo come sono disposte queste tubazioni, ma sicuramente andranno dal contatore posto sul muro di cinta o sulla facciata della casa, fino al tuo appartamento.
    La certificazione iniziale era di competenza del costruttore ed è stata rilasciata dalla ditta esecutrice l’impianto.
    In questo caso dovrebbe spettare ai singoli proprietari, a meno che non esistano delle clausole su atti condominiali che sostengono il contrario.
    Amedeu e c.

  54. Devo effettuare dei raccordi a saldare tra tubo di rame e rubinetto del gas gpl, posso utilizzare lo stagno? Grazie

  55. Per Efisio.
    Eventuali saldature (possibilmente da evitare) devono essere fatte in rame.
    Comunque leggi questo nostro articolo http://www.coffeenews.it/impianto-del-gas-tubazioni-in-rame-in-guaina-a-tenuta-ed-effettuate-a-norma-di-legge-24
    Amedeu e c.

  56. Nell’effettuare lavori di sbancamento all’interno della mia proprietà per l’ampliamento dello scantinato, premetto con tutte le autorizzazioni, a una distanza di c.a 1metro dalle fondamenta e all’interno della mia proprietà, è venuto fuori un tubo portante del gas, mai segnalato dal costruttore e da informazioni prese esisteva già dal 1973, tale tubo non è ingabbiato.
    a chi spettano le spese per lo spostamento di un tubo portante del gas, venuto fuori durante lo sbancamento per l’ampliamento di uno scantinato, tale tubo è all’interno della mia proprietà a distanza di c.a un metro dalle fondamenta della villa. e dal muro di cinta. Il costgruttore non ne aveva fatto mensione e non ne erano a conoscenza neanche i vicini

  57. Per Mimmo.
    Devi rivolgerti all’azienda che gestisce il Gas nella tua zona, per arrivare a sapere se tale tubo è privato (quasi sicuramente) oppure di loro pertinenza.
    Comunque il tecnico della azienda ti saprà dire come comportarti, in quanto le tubazioni del gas vanno deposte ad una certa profondità, protette e segnalate da nastro colorato o da canaletta.
    A quel punto saprai come risolvere la situazione, e se è di un privato chi sollecitare per spostare la tubazione e metterla a regola
    Amedeu e c.

  58. Dovendo collegare il contatore gas metano alla cucina, sita nella parte opposta dell’appartamento, la linea gas può essere realizzata con un tubo in rame guainato giallo posto entro una guaina flessibile gialla diam. 40 mm. posta a vista nel controsoffitto dell’appartamento?

  59. Per Pino.
    Sono soluzioni “ad personam”, per cui devi chiedere al tecnico che ti firmerà il certificato di conformità dell’impianto, che se ne assumerà la responsabilità.
    Amedeu e c.

  60. Sostituendo i vecchi radiatori con termoconvettori a gas metano e facendo
    la linea esterna del gas quali regale ci sono da rispettare

  61. Per Uber.
    Dal punto di vista tecnico devi leggere il seguente nostro articolo.
    http://www.coffeenews.it/impianto-di-riscaldamento-caldaia-tubazioni-radiatori-apparecchiature-varie-24
    Se non trovi le indicazioni giuste, con la ricerca (in alto a destra del sito) cerca i termini che ti necessitano e troverai gli articoli corrispondenti (per esempio : tubazione a gas, oppure condizionatori, ecc)
    Amedeu e c.

  62. circa sei anni fa hanno portato il metano in un paesino di montagna,io per portare il metano dal contatore, posizionato sulla strada,alla caldaia,lavoro fatto da una ditta abilitata che mi ha rilasciato la certificazione,ho fatto passare il tubo sul muro condominiale,al momento l’altro condomino,visto che siamo solo in due,non ha fatto alcuna obiezione,ora per un litigio mi chiede di togliere il tubo e farlo passare all’interno,cosa molto difficile in quanto il muro è in pietra di uno spessore di circa un metro con la possibilità di andare a toccare la volta,vorrei sapere se può farlo la ringrazio anticipatamente cordiali saluti

  63. Per Fausto.
    Gli articoli 873 e successivi del codice civile dispongono che le tubazioni di acqua o contenenti gas stiano almeno 1 metro dal confine.
    Nel passare invece dal muro condominiale non hai ottenuto il permesso scritto dell’altro condomino, per cui il medesimo potrebbe richiedere, in via giudiziale, la rimozione della tubazione.
    Devi però verificare se i regolamenti locali, ed in particolare il Regolamento Edilizio (Visibile anche via internet presso il sito del Comune) stabiliscono misure e possibilità diverse da quelle di cui al codice. (art 889 del c.c.)
    Amedeu e c.

  64. ti ringrazio per la delucidazione andrò a verificare sul regolamento edilizio

  65. se si monta una caldaia a gas sul poggiolo (terrazzo?) è necessaria la canna fumaria? Grazie

  66. Per Daniela.
    Sempre necessaria, anche se di diversa lunghezza e dimensione.
    Amedeu e c.

  67. Vorrei un’informazione circa l’obbligo di rifacitura dell’impianto del gas di una palazzina con 4 appartamenti costruita nel 1986 abusivamente e condonata.
    I tubi del gas sono all’interno di una parete che gira intorno alla casa che funge come camera isolante.Poichè sui tubi si vede la comparsa della ruggine è d’obbligo rifare tutto l’impiano , oppure cambiare solo i tubi esteticamente con ruggine? grazie

  68. Per Nadia.
    Se la casa è stata costruita abusivamente, così come non c’è stato il rispetto delle autorizzazioni comunali, probabilmente non ci sarà stato neppure quello di esecuzione e certificazione degli impianti.
    Suggerimenti: Poichè l’impianto del gas è importante e pericoloso, ti conviene farlo visionare da un buon installatore autorizzato all’esecuzione del medesimo.
    Amedeu e c.

  69. Domanda :
    Può un impianto gas sotto traccia passare sotto un’altra unita abitativa ?

  70. Per Michele.
    Dal punto di vista costruttivo si, se il lavoro viene effettuato a regola d’arte.
    Dal punto di vista delle proprietà dipende unicamente se il confinante da la sua autorizzazione al passaggio.
    Amedeu e c.

  71. Sto ristrutturando una vecchia casa con contatore gas metano a vista in cucina con i tubi di ferro che, sempre a vista, attraversano una parete per arrivare ai fornelli. E’ possibile sostituire il tubo di ferro che esce dal contatore per far passare quello nuovo sotto traccia nel pavimento?

  72. Per Daniela.
    Devi seguire delle regole e distanze (cm 20 circa) dai muri perimetrali ed inoltre deve essere inguainato ecc.
    Ti occorre la presenza di una ditta esperta in tali lavori.
    Leggi anche questo nostro articolo:
    http://www.coffeenews.it/un-sistema-a-tubo-multistrato-per-gas
    ed anche questo altro articolo:
    http://www.coffeenews.it/impianto-del-gas-tubazioni-in-rame-in-guaina-a-tenuta-ed-effettuate-a-norma-di-legge-24
    Amedeu e c.

  73. salve a tutti, ho notato che gran parte di voi e ben preparata sull’argomento caldaia-gas, e volevo chiedervi se posso far passare il tubo che va dall serbatoio del gas alla caldaia , sotto il pavimento, e nel caso che tubi devo usare, magari quelli in pvc vanno anche bene? grasie a tutti…….

  74. Per Felice.
    Devi leggere attentamente l’articolo dal quale ci hai scritto.
    Per il tubo, il tuo installatore con ditta autorizzata, potrà darti tutti i ragguagli del caso, anche perchè deve rilasciarti l’attestazione di regolare esecuzione.
    Amedeu e c..

  75. Buongiorno a tutti,
    durante dei lavori di ristrutturazione del mio appartamento, nel realizzare delle tracce per il passaggio di alcuni corrugati per impianto elettrico su una parete che divide la mia camera da letto dalla cucina del vicino, ho trovato il tubo dell’impianto del gas del vicino sotto traccia. In particolare risulta che il percorso del tubo sulla parete procede in senso diagonale e la guaina gialla che avvolge il tubo è tagliata prima di entrare nella scatola gialla dove poi è presente la chiusura del gas (la chiusura che in genere è in cucina, a valle del contatore e a monte della dei fornelli per intenderci) . questo perchè in corrispondenza del taglio c’è un gomito del tubo. in altre parole il tubo sotto traccia non è continuo in un’unico pezzo ma ha un gomito filettato subito prima dell’ingresso nella scatola con la chiusura e la guaina non è continua ma interrotta. ho contattato il vicino che mi ha detto di essere disposto a intervenire. Un tecnico da lui contattato gli ha proposto di lasciare il tubo in diagonale e di mettere della schiuma in corrispondenza del gomito. Secondo voi qual’è l’intervento più corretto? Il tecnico o il vicino sono tenuti a fornire una certificazione del lavoro? Grazie

  76. Per Gianluca.
    Va naturalmente vista la situazione sul posto: comunque la guaina gialla (come spiegato nel nostro articolo) serve, in quanto, in caso di perdite di gas dal tubo o dall’apparecchiatura attaccata ad esso, tale gas prenda la via della guaina e fuoriesca dalla cucina, Tale guaina difatti andrebbe lasciata aperta nel lato esterno della casa.
    Il mettere la schiuma (poliuretanica?) può proteggere il tubo da urti e rotture, ma può risultare inutile, se posta (per esempio centralmente) ad interrompere un tratto di tubo del gas continuo.
    Fai eseguire un sopralluogo da una ditta di termo idraulica di tua conoscenza, ed attieniti a quanto ti diranno.
    Richiedi poi al tuo vicino una copia del certificato di regolare esecuzione del lavoro e leggilo attentamente.
    Amedeu ec.

  77. Buongiorno a tutti,
    ho da poco effettuato l’allacciamento del gas nella mia nuova abitazione.
    Nel primo tentativo lo stesso non mi è stato dato perchè la prova di tenuta non aveva dato esito positivo.
    Successivamente le imprese del cantiere che hanno realizzato l’abitazione hanno trovato e riparato il punto in cui era presente la perdita.
    Questa sfortunatamente si trovava all’interno della casa e pertanto nel punto incriminato si è dovuto realizzare un punto d’ispezione.
    Infine si è riusciti ad avere l’allacciamento.
    A questo punto la mia domanda è sapere se è diritto dell’acquirente avere un segnalatore di perdita del gas nella stanza in cui si è ricorsi a riparare la tubazione?
    Grazie
    Saluti

  78. Per Leonardo.
    Dal momento che ti hanno riparato il guasto, sarà molto difficile che tu riesca ad ottenere l’installazione di un segnalatore di fughe gas.
    Piuttosto cerca di farti dare il certificato di regolare esecuzione dell’impianto.
    Per quanto riguarda la vostra tranquillità e sicurezza, devi sapere che vi sono molti tipi di segnalatori di fughe gas per cucine, ed anche il loro prezzo varia.
    Si va da una semplice scatola/sensore/allarme posizionata in vicinanza dei fornelli e che tu puoi trovare a prezzi convenienti, ad una apparecchiatura più complicata e perfetta come da questo nostro articolo:
    http://www.coffeenews.it/installazione-di-gas-metano-o-gpl-nelle-cucine-particolari-accorgimenti-di-sicurezza-ed-allarme
    Amedeu e c.

  79. Ciao…ho un quesito da porti!…Io abito al primo piano d un condominio e ho intenzione d allacciarmi al metano: il contatore può essere installato all’esterno del muro perimetrale, tenendo presente ke al piano terra abita un condomino?…T ringrazio già in anticipo x la risposta!…grazie!!!…

  80. Per Carmen.
    Se non hai altre possibilità di portare il metano dal muro perimetrale alla tua abitazione,( fatto alquanto difficile che capiti, in quanto in un immobile vi sono sempre altre possibilità di passaggio),potresti, in linea teorica, chiedere al giudice una servitù coattiva per il passaggio di detta tubazione. Cosa lunga e di non facile attuazione.
    Per cui ti consigliamo di trovare con il tuo vicino un accordo bonario, individuando il passaggio meno gravoso per lui, e pagandogli le spese e i fastidi sostenuti.
    Amedeu e c.

  81. Di che diametro deve essere il tubo in rame esterno cioè che và dalla cassetta metano (chiamatela così) fin dentro casa?

  82. Per Max.
    Molti Enti addetti alla fornitura del metano, non vogliono il tubo di rame che va dal contatore alla derivazione esterna alla tua casa.
    Chiedono questo tratto in tubo zincato tipo Mannesman o polietilene per gas da 3/4″.
    Ti suggeriamo di sentire l’azienda fornitrice della tua zona.
    Amedeu e c.

  83. ciao vorrei sapere con precisione se gli allegati obbligatori sono da compilare e consegnare al distributore del gas( nel mio caso Ascopiave)anche se il mio cliente ha già un impianto a gas GPL collegato con i fornelli e la caldaia. io devo solo fare la linea del gas che parte dal contatore del metano e arriva al punto in cui mi devo allacciare con il vecchio impianto.la ditta fornitrice mi dice che non sono obbligato a redigere gli allegati obbligatori se vado a fare una modifica,però ho letto su domande e risposte dell’autorita per l’energia che la fornitura di gas e’ intesa come un nuovo impianto, ed io ho sempre spuntato le caselle nuovo impianto e modifica impianto. certi verificatori mi hanno passato la pratica nell’ultimo modo in cui io ve l’ho descritta altri no. inoltre mi hanno chiesto sempre di specificare nel disegno che le valvole gas generali siano individuabili con la dicitura “ad uso esclusivo del cliente” anche se io nella normativa UNI7129/08 non ho visto nessuna specifica. grazie sin d’ora a tutti quelli che mipossono aiutare.

  84. Per Ivan.
    Non ci racconti cose nuove, nel senso che (e questo succede anche nel campo urbanistico) le leggi vengono interpretate a secondo del luogo e spesso è faticoso fare la guerra ai mulini a vento.
    Il consiglio che ti diamo è quello di rivolgerti da un ingegnere o perito tecnico della tua zona e chiarire con lui le modalità da seguire per il tuo caso.
    Amedeu e c.

  85. ciao…ho un problema!
    da qualche tempo nella cittadina in cui abito stanno distruggendo le strade perchè finalmente è arrivato il metano. Fin qui tutto bene, anzi contentissimi. Adesso però arrivano i primi inghippi:
    1 Ci hanno fatto firmare i contratti da quasi un anno ma ancora il metano nulla.
    2 abbiamo pagato circa 90 euro per il contratto (tra versamenti vari) promettendoci che pagando questa somma anticipatamente non ci sarebbero state più spese per la messa in opera delle tubazioni.
    3 adesso è arrivata una ditta che mette i contatori ( all’esterno del giardino dello stabile) a condizioni che poi gli impianti fino ad ogni appartamento (che sono 3) li fanno loro con un “prezzo di favore” di 20 euro al metro, con una cifra che si aggira per 3 appartamenti a circa 2000 euro.
    A me sembra un po esagerato, ma soprattutto mi sembra quello della ditta di impianti un atteggiamento monopolista che rasenta il mafioso.
    la domanda (anche se assurda) è questa: possibile che se un comune da l’appalto ad una ditta per mettere i contatori poi per forza bisogna dare alla stessa ditta l’appalto per i lavori dal contatore alla casa? e poi quei 20 euro a metro per un tubo di 1 pollice sono un prezzo giusto?
    grazie fin d’ora

  86. Per Carlo.
    Partiamo dall’ultima domanda: il prezzo di 20 euro al metro , dal contatore alla casa, potrebbe essere congruo. (Il nostro consiglio è questo: dovreste però chiarire con il Comune che ci rientrino anche le pratiche amministrative degli allacci, compresi i relativi pagamenti, per gli stessi, previsti in futuro).
    Il fatto che siate obbligati a fare intervenire la stessa ditta, dipende dalla convenzione che il Comune ha stipulato con la medesima.
    Puoi richiedere di consultarla presso gli uffici comunali addetti (Ufficio Contratti).
    Relativamente al ritardo, essendo un lavoro “vecchio” dovrebbe essere già stato finanziato, in caso contrario, se ricadete nelle restrizioni attuali, rischiate di aspettare ancora molto. Questa è una domanda da fare all’Ufficio Tecnico del Comune.
    Amedeu e c.

  87. altra domandina!
    l’allaccio del metano lasciato dagli scavi è a bordo strada, a circa 25 metri (giardino) dalla palazzina. E vero che non posso situare i contatori sul muro della palazzina, ma per forza dove c’è l’allaccio? In quest’ultimo caso devo portare tre tubi (dai tre contatori a bordostrada) fino allo stabile, ma nel caso i contatori potevano essere incassonati all’interno di un muro della palazzina stessa avrei risparmiato 50 metri di conduttura (portandone una sola al posto di tre), un buon 1000 euro (che con i tempi di oggi) . Mi e stato detto (sempre dalla ditta che fa i lavori) che questo non è possibile . Ci potrebbe essere una legge a riguardo?
    grazie ancora

  88. Per Carlo.
    Tutti i contatori dei servizi (Enel, acqua, metano) devono essere posizionati esternamente alle proprietà, ed in questo caso sul confine del giardino, dove avrai, o costruirai un muro di cinta.
    Tutto ciò per permettere l’intervento immediato, sia degli addetti alle letture, ma più che altro, per facilitare quello eventuale dei Vigili del Fuoco, che devono, per prima cosa, chiudere i contatori.
    Amedeu e c.

  89. vorrei avere delle spiegazioni ho comprato un casa dove questa casa è stata frazionata in due unità immobiliari, quindi la parte che ho comprato io mi hanno dovuto fare l’accio del gas e del l’acqua per conto mio… ma nella palazzina vivono della gente matta. inquanto non gli hanno fatto passare i tubi del gas sulla facciata dalle strada prchè secondo loro gli rovinano l’estetica della palazzina.. alla fine hanno trovato il modo di passare questi tubi nel intercapedine della tapparella hanno visto che era vuoto e secondo loro è l’unico modo e posto e di passarli inserndo prima un tubo di ferro è dentro questo tubo di ferro passano due tubi del gas.. la cosa che mi chiedo è una cosa che si puo’ fare? è a norma, ci possono essere dei problemi. vorrei avere una risposta grazie.

  90. Per Lorella.
    Ti suggeriamo di fare vedere il lavoro fatto da persone esperte (tecnici possibilmente) della tua zona, che dopo il sopralluogo sapranno tranquillizzarti o meno.
    Amedeu e c.

  91. grazie amedeu.. questo lo sapevo già del tecnico.. volevo sapere ulteriore parere.

  92. Per Lorella.
    Ti abbiamo indicato di rivolgerti ai tecnici di zona, perchè molto dipende dalle direttive che danno in merito a tali lavori i tecnici dell’ente erogatore del gas.
    Se l’allaccio è stato eseguito, vuol dire che l’Ente ha ritenuto ben fatto il lavoro.
    Difatti, la ditta privata, esecutrice dell’allaccio del gas dal contatore all’interno della casa (Caldaia e fornelli) richiede (Ovunque) il progetto di tale tratto, completo poi di dichiarazione della ditta esecutrice, certificazione di regolare esecuzione, ecc,).
    Purtroppo, però, (quindi “quasi” ovunque) c’è sempre qualche Ente che applica diversamente le normative vigenti.
    Ecco perchè devi sentire un tecnico di zona.
    Amedeu e c.

  93. Salve ho acquistato un casa di nuova costruzione ,mi sono accorto che la tubazione del gasnel pavimento non passa a 20 cm dal muro come normativa ma proprio nel centro del pavimento della cucina.Come devo comportarmi visto che fra 10 giorni devo fare il contratto e su di esso e’ specificato che l’impianto e’ a norma .Grazie

  94. Per Massimodex.
    Assicurati che per l’impianto sia stato rilasciata l’attestazione di regolare esecuzione del medesimo da parte della ditta di impiantistica.
    Chiedine una copia e falla citare o allegare al contratto.
    Per maggiori chiarimenti puoi contattare la stessa ditta e chiedere spiegazioni più dettagliate.
    Amedeu e c.

  95. salve vorrei sapere se è meglio usare tubazioni di rame o in multistrato per lìimpianto di riscaldamento e sanitario.grazie

  96. Per Gianni.
    Il rame, normalmente viene usato per l’impianto di riscaldamento, mentre per quello idraulico si possono usare tubazioni in polipropilene, multistrato e simili. http://www.coffeenews.it/impianti-idrico-e-fognario-come-evitare-le-modifiche-durante-il-corso-dei-lavori
    Il multistrato, esiste anche per gli impianti di riscaldamento http://www.coffeenews.it/come-fare-un-impianto-idrico-o-di-riscaldamento-usando-i-tubi-multistrato-a-innesto
    La scelta è comunque buona.
    Amedeu e c.

  97. Salve, sapreste dirmi che vincoli ci sono per realizzare un impianto a gas per cucina in un seminterrato? Ci sono vincoli anche per una cucina con bombola a gas sempre in un seminterrato? Grazie

  98. Per Mauro.
    Quando si parla di bombole di GPL in seminterrati, le norme sono alquanto restrittive, in quanto tale gas è più pesante dell’aria e tende a saturare (in caso di perdita) la parte bassa dei locali.
    Per cui ti consigliamo di rivolgerti all’Ufficio Prevenzione Incendi del locale Comando dei V.V.F.
    Amedeu e c.

  99. Buongiorno, sto ristrutturando la cucina e vorrei far passare sottotraccia nella parete le tubazioni del gas che atttualmente sono a vista. L’idraulico dice che l’impanto non sarebbe a norma perchè non essendo visibili le tubature, sarebbe possibile bucarle in fase di eventuali successivi lavori. Sarebbe invece a norma se le tubature passassero sotto il pavimento. Ho letto l’articolo sopra riportato: è cambiato qualcosa rispetto alla normativa? Grazie

  100. Per Fabrizio.
    No, comunque controlla su internet la norma UNI, norme tecniche contenute in UNI 7129.
    Amedeu e c

  101. salve, siamo due ragazze che condividono un appartamento, oggi il tecnico ci ha detto che il tubo del gas non è a norma noi effettivamente in passato sentivamo odore di gas in cucina,ma il proprietario dice il contrario, ha chiesto al tecnico di controllarlo senza pagarlo ma si è rifiutato di metterci le mani, lui continua a sostenere che è a norma, ora noi vorremmo sapere chi dobbiamo chiamare per accertarci che questi tubi non sono a norma??? può essere multato? grazie

  102. Per Beatrice.
    Per togliervi ogni preoccupazione, dovete chiamare un installatore di impianti a gas e fargli fare un sopralluogo di verifica.
    Chi lavora sempre sugli impianti di quel tipo saprà dirvi immediatamente cosa c’è che non va.
    Vi consigliamo di farlo al più presto, in quanto con il gas non si può scherzare.
    Per gli impianti a gas è interessato anche l’ufficio Prevenzione Incendi del locale comando dei Vigili del Fuoco.
    Amedeu e c.

  103. salve amadeu .devo sostituire la vecchia caldaia murale a gas metano a camera aperta con una a camera a stagna.La legge impone che sia un tecnico a fare il lavoro, o essendone capace posso intallarla in maniera autonoma,visto e considerato che comunque l’impianto è già conforme?

  104. Per Ruggiero.
    Devi farlo fare da personale autorizzato, che poi ti rilasci l’attestazione di conformità.
    Amedeu e c.

  105. salve! volevo sapere se c’è qualche norma che vieta l’ingresso dell’appartamento in cucina. grazie.

  106. Per Filo
    Che ci risulti no.
    Comunque devi leggere il Regolamento Edilizio del tuo Comune.
    Amedeu e c.

  107. devo collegare il bombolone interrato di gpl alla ai contatori voglio utilizzare tubo di polietilene da 32mm con riga gialla inserito in corugato da 63mm giallo interrato a circa 60cm,è corretta la procedura?grazie

  108. Per Giuseppe.
    Viene fatto normalmente con tubazione idonea di rame, inguainato dove occorre.
    Devi comunque confrontarti con il tecnico della ditta che ti ha fornito il bombolone e che sicuramente ti avrà presentato le pratiche di legge.
    Amedeu e c.

  109. Salve e complimenti per il sito è davvero ottimo , vorrei un informazione sto ristrutturando casa e siccome sto mettendo il vespaio volevo posare la tubazione del gas interrata , ho chiamato un amico tecnico che mi ha consigliato la posa del tubo multistrato da 20 che parte dal contatore e attraversa la stanza in verticale per circa 10 mt fino ad arrivare al vano caldaia che è un una stanza adiacente la casa, da li con un multistrato da 16 arrivare fino ai fuochi.
    Secondo voinon è un pò piccolo il 20 per la montante? e bisogna mettere la guiana gialla di protezione?

  110. Per Franco.
    Relativamente al diametro del tubo multistrato non possiamo entrarci in merito, in quanto va determinato dal tecnico che ti ha progettato l’impianto.
    Se il tubo che adduce in gas ti attraversa la casa (orizzontalmente sotto il pavimento?), va inguainato, con apertura della guaina verso l’esterno.
    Ciò per evitare che eventuali perdite possano saturarti il gattaiolato e diventare pericolose.
    Anche per questo è compito del tuo tecnico, che percependo la tariffa e seguendo i lavori se ne assume , a pieno, la responsabilità.
    Quindi segui il suo progetto.
    Amedeu e c.

  111. buongiorno Amedeu, vista la tua competenza, ho anch’io un problema da sottoporti: sto ristrutturando e ho necessità di portare il tubo del gas dalla cucina ad un casottino, presente in giardino, dove saranno ubicate le bombole del gas (qui purtroppo non esiste ancora il metano). Per fare ciò, il tubo del gas deve necessariamente incrociare in modo perpendicolare la canalina che contiene i fili di corrente elettrica necessari per illuminare il giardino, ciò che vorrei sapere è se esistono delle norme che indicano la distanza necessaria tra le due linee. Ti ringrazio.

  112. Per Domenico.
    Devi leggere le Norme tecniche contenute in UNI 7129.
    Leggi anche questo nostro articolo
    http://www.coffeenews.it/impianto-del-gas-tubazioni-in-rame-in-guaina-a-tenuta-ed-effettuate-a-norma-di-legge-24
    Amedeu e c.

  113. salve,abito in un paesino e finalmente ci hanno portato il metano,volevo chiedere se la misura del tubo che porta il metano dal contatore fino alla casa dove c’è da alimentare due caldaie e due cucine,vanno bene due tubi in plastica per gas da 20mm quadrati,in modo che un domani volendo suddividere la casa non devo fare altre modifiche.QUINDI IN PRATICA UN TUBO DA 20 VA BENE PER ALIMENTARE UNA CALDAIA E UNA CUCINA.Grazie

  114. Per Gerardo.
    Devi richiedere alla ditta installatrice che ti rilascerà la certificazione di regolare esecuzione; obbligatoria per legge.
    Amedeu e c.

  115. lo so,il fatto è che l’impianto me lo faccio da me,per il certificato non ci sono problemi,cmq grazie

  116. volevo sapere se è a norma la posa sottotraccia di un tubo gas vicino ad un tubo elettrico?

  117. volevo sapere se il tubo di rame rivestito con guaina gialla si puo utilizzare sia all’esterno che all’interno di un abitazione e siccome non e incassato se puo essere montato a delle pereti a 30 cm dal pavimento con rispettivi tasselli x un impianto di gas fornelli grazie

  118. Per Nunzio.
    L’articolo dal quale ci hai scritto contiene le risposte alla tua domanda.
    Per eventuali altre, dovrai leggere le norme UNI 7129.
    Amedeu e c

  119. Buongiorno,
    in un appartamento in ristrutturazione, in cucina, nell’unico punto in cui posso posizionare piano cottura e cappa ho, adiacente, uno scaldacqua a gas collegato a canna fumaria, per cui i tubi di aspirazione della cappa non possono passare. La mia domanda è questa, di quanto posso spostare lo scaldacqua rispetto alla canna fumaria? Oppure è possibile metterlo nella parete opposta dove si trova il bagno?

    Grazie

  120. Per Iolanda.
    Quando parli di scaldacqua, intendi uno scaldabagno a gas?
    Se è così, puoi spostarlo, però devi fare eseguire un sopralluogo preventivo dall’idraulico che ti eseguirà il lavoro e che valuterà il passaggio delle tubazioni. Lo stesso idraulico alla fine del lavoro dovrà rilasciarti la certificazione di regolare esecuzione.
    Amedeu e c.

  121. Buonasera,
    devo collegare e ristrutturare un locale lavatoio sovrastante il mio appartamento. Posso per legge creare nel suddetto locale un nuovo attacco gas, portando la tubatura sottotraccia nei muri divisori dell’appartamento fino sopra?

    Quali sono le norme da seguire per avere la certificazione di tale impianto?

    • Per Nicola.
      Dovremmo effettuare un sopralluogo per verificare la situazione esistente, per cui ti conviene chiamare un tecnico impiantista della tua zona, il quale saprà consigliarti circa cosa fare.
      Amedeu e c.

  122. Buongiorno.
    Dovrei ristrutturare una cucina che attualmente ha il tubo del gas a vista. Vorrei incassare il tubo ma la parete ha uno spessore di 12 cm e divide due appartamenti (la casa è del 1960). Secondo voi sarebbe possibile incassarlo?
    Grazie.

    • Per Stefano.
      Stai scrivendo da un articolo che parla proprio di tale argomento; devi leggerlo.
      Un intervento sui tubi di adduzione del gas va effettuato solo da ditte specializzate, che devono rilasciare, al termine dei lavori, il certificato di regolare esecuzione.
      Non sono lavori che possono essere fatti con il sistema del “fai da te”.
      Comunque può essere incassato, però deve essere posto in apposita guaina aperta verso l’esterno e chiusa all’interno, con altri accorgimenti da seguire.
      Amedeu e c.

  123. devo ristrutturare il mio appartamento e spostare il contatore del gas che metterò sul balcone. Posso passare con il tubo inguainato con il controtubo giallo nel controsoffitto in cartongesso del bagno e del corridoio per raggiungere la zona cucina e scendere infine con l’ultimo tratto a muro? devo prevedere botole di ispezione?
    grazie aspetto risposte

    • Per Patrizia.
      Un intervento sulla tubaione del gas può essere fatto solo da una ditta specializzata in materia e che al termine del lavoro ti rilasci la certificazione di regolare esecuzione.
      Data la pericolosità della materia, ti sconsigliamo di far effettuare detto intervento da persone non qualificate.
      Amedeu e c.

  124. Grazie delle info, certo mi rivolgo a persone qualificate per effettuare tali lavori. Volevo sapere però se è a norma far passare la tubazione del gas nel controsoffitto per evitare attraversamenti a pavimento dove ho poco sottofondo e rischio di dover alzare l’interno con un gradino.
    Grazie

    • Per Patrizia.
      Di solito non è ammesso, anche se dipende dal tipo di gas usato (GPL o metano), in quanto uno è più pesante dell’aria e l’altro no, quindi la guaina gialla di protezione e sbocco verso l’esterno, ti garantirebbe in un solo caso.
      Parla comunque con il tecnico professionista che deve seguirti l’intervento.
      Amedeu e c.

  125. Chiedo cortesemente se la cassetta di incasso da interni deve essere stagna e se il corrugato di colore giallo deve sempre fuoriuscire dalla parete.
    In effetti un idraulico ha eseguito l’impianti senza rispettare quanto predetto e solo successivamente ne sono venuto a conoscenza.
    In ogni caso una eventuale fuoriuscita di gas non dovrebbe infiltrarsi nella muratura?
    In caso a quali norme posso riferirmi?

  126. Ciao,
    sto ristruttutndo il bagno dov’è presente anche la caldaietta a metano a tenuta stagna. Il soffitto è attraversato sia dal tubo d’ immissione dell’aria che da quello di espulsione dei fumi oltre al tubo del gas. Vorrei realizzare un controsoffitto in cartongesso per poterli nascondere. E’ a norma ? Ci sono dei rischi ?
    Grazie !!

    • Per Elena.
      Così come lo dici, non sembrerebbe, ma trattandosi di una caldaia a gas, ti suggeriamo di fare vedere il lavoro da un idraulico caldaista.
      Amedeu e c.

  127. per servire una mansarda ho fatto nuovo impianto e nuovo contatore, i tubi zincati corrono lungo il recinto condominiale dietro la siepe e non si vedono, i condomini pretendono che li copro con guaina, non ho un centesimo ed in più il tecnico che ha fatto la conformità mi dice che è un capriccio. sono obbligata a farlo? grazie

    • Per Mariella.
      E’ una richiesta incomprensibile, in quanto poteva essere accettata se ti veniva chiesto di nasconderla perchè antiestetica, ma farla coibentare, non si capisce il significato.
      Attenderemmo che si facessero vivi con una lettera, spiegandone almeno il motivo
      Amedeu e c.

  128. Ciao.
    Cosa succede se non arriva gas (GPL) alla caldaia?

  129. Buona sera, stò ristrutturando un piccolo monolocale di circa 25mq commerciali in un condominio di ringhiera vecchia Milano sito al piano terra, non esiste impianto del gas e riscaldamento in questo appartamento,cosi ho fatto richiesta a “A2A” per poter avere il contatore, il tecnico non mi ha fatto nessuna obbiezione e mi hanno rilasciato il preventivo di spesa con la specifica di come doveva essere fatto il buco all’esterno dell’appartamento, fin qui tutto ok, Adesso sono in fase di impianto, l’idraulico ha chiamato un uff. tecnico e mi dice che forse ci sono dei problemi, x il riscaldamento tutto ok ma il cucinotto non può avere il gas per un piano cottura, e che forse l’A2A mi può creare dei problemi x l’allacciamento.
    Nell’appartamento c’è una finestra sopra la porta che dà sulla strada, e un’altra porta che dà all’interno del condominio, il buco per l’areazione lo stiamo già facendo, cosa manca? La ringrazio molto per una sua risposta a questa quesito, buona serata.

  130. salve,
    premetto che ho comprato casa semi indipendente,cioè..la medesima si presenta ad angolo con due prospetti(essendo palazzine tutte attaccate),da un lato ho il mio ingresso p.terra e 1° piano dall’altro lato c’è l’ingresso dell’inquilino proprietario che lo porta al 2° piano e terrazzo.
    Ho appena effettuato i lavori d’impianto metano e gli esperti dell’impiantistica hanno valutato che la caldaia potevano solamente installarla nel bagno di piano terra che schematicamente si trova accanto l’ingresso dell’altro proprietari(nel prospetto del suo ingresso).
    In un primo momento ha fatto obiezioni quando gli dissi che avevo intenzioni di far l’impianto,non gli andava a genio i tubi di rame(passati ad opera darte)..cmq poi si è ricreduto ma poi dopo che ho completato i lavori ha intenzioni di farmi causa perchè non gli piace la canna fumaria della caldaia che spunta ad un metro dal suo ingresso.
    Ovviamente oltre al lavoro pulito e perfetto ho speso altri soldi per cercar di allontanarmi con un kit con la canna f dal suo ing.
    ora dico io…può legalmente agire contro di me per farmi togliere la caldaia dall’unico punto dove posso installarla?
    tutti mi dicono di no ma vorrei un parere da voi.
    ovviamente l’impianto è stato fatto nella mia proprieta senza intaccare le sue mura..grazie in anticipo

  131. Si, rispetta tutto, volevo solo sapere se possono farmi togliere la caldaia solo per una sgradevole vista estetica(cosa che non è)..per farmi un dispetto

    • Per Giancarlo.
      Potrebbero richiedere l’intervento dei VVUU del Comune per verificare la visualizzazione e l’ingombro della canna fumaria della caldaia.
      Gli stessi poi riferirebbero all’ufficio Tecnico.
      Dire se è esteticamente piacevole o esteticamente ingombrante, non possiamo, in quanto dovremmo eseguire un sopralluogo.
      Amedeu e c.

  132. Salve a tutti, Vorrei sapere essendo affittuario se il proprietario di casa deve impormi di continuare a pagare le sue spese fisse del metano nonostante io non lo uso mai.. ha il metano solo per cucina ma io non ci sto mai a casa e mangio sempre fuori. dopo 8 mesi mi lascia la bolletta da pagare. Puo’ obbligarmi a pagare le sue spese? Non sono libero volendo di usare la bombola? o di non usare propio la cucina ? se non la pago mi ha detto che mi butta fuori di casa. sembra solo una vera pretesa. grazie in anticipo per la risposta.

  133. Salve,

    ho un impianto fatto con tubo di rame di 16 mm interamente protetto con guaina in PVC di 26 mm. Nel caso di attraversamento di un pavimento, il tubo di rame inguainato deve essere inserito in un’altro tubo di guaina di diametro superiore a 36 mm sigillato oppure non c’è bisogno, basta solo sigillare il tubo in PVC in prossimità dell’attraversamento?

    • Per Salvo.
      Leggi attentamente l’articolo dal quale ci stai scrivendo.
      Troverai le risposte alle tue domande.
      Cosa essenziale e fare viaggiare il tubo in una fascia di cm 20 dai muri del vano.
      Amedeu e c.

  134. Ho una bifamiliare con il garage in comune (proprietà indivisa 50/50). La casa accanto è stata venduta e il nuova proprietario ha ristrutturato. Tra l’altro allacciandosi al metano (precedentemente non c’era) con contatore e tubazioni installate a vista, in rame, sul muro comune. Attraverso due fori (doppia alimentazione) le tubazioni entrano nel garage comune (queste sono gialle, inguainate e aeree, quindi a vista) per un percorso di oltre 20 metri. Il tutto fatto in un periodo in cui ero assente, senza chiedermi il permesso . Devo rivolgermi ad un legale? Come posso valutare l’ aggravio di rischio visto che prima il garage era privo di tubazioni del gas?
    Grazie. Walter

    • Per Walter.
      Effettivamente passare delle tubazioni di gas in un garage, non ci sembra molto salutare.
      Puoi sentire l’ufficio Prevenzione Incendi, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; ti daranno maggiori chiarimenti.
      Dopo di che puoi muoverti come meglio desideri.
      Amedeu e c.

  135. Buonasera,
    sto acquistando casa in costruzione in un condominio di 16 appartamenti. Il mio è un piano terra con giardino. Oggi passando per caso in cantiere mi accorgo che stavano istallando ben 8 tubi del gas a vista su tutto il perimetro del mio muro di cinta del mio giardino. Ora, a parte il lato estetico che ovviamente è inguardabile (non un tubo ma ben 8 tubi paralleli che corrono per circa 20 metri tutti intorno a casa mia), ma non sono anche pericolosi? Mi limitano anche nell’utilizzo del mio cortile poichè non posso fare o istallare nulla intorno al mio giardino….e in ultimo: ma xchè ci sono 16 tubazioni del gas?(8 nel mio giardino e 8 sulla facciata opposta).Non dovrebbe essere un unico tubo che poi ha le sue diramazioni verso ogni appartamento?Io mi sono opposto a questo scempio e ho bloccato i lavori facendo smontare quello che avevano montato fino a quel momento!!! E’ normale che le utenze di 8 condomini debbano passare nel mio giardino deturpando la mia proprietà deprezzandola poi in caso di futura vendita?
    grazie per la risposta e buona serata
    David

    • Per David.
      Non possiamo entrare in merito della alternativa di un solo tubo del gas invece che di tanti, in quanto tale scelta potrebbe dipendere da molti fattori, fra i quali la esplicita richiesta dell’Ente erogatore del gas e non per ultimo un aspetto economico che il costruttore vuole superare.
      Quindi devi cercare di comprendere bene del perchè di tale soluzione, e lo puoi fare solo chiamando una ditta di termoidraulica della zona, la quale, a conoscenza delle disposizioni e condizioni dell’ente suddetto, ti potrà suggerire come comportarti.
      In ogni caso rimane il fatto che la proprietà che stai acquistando rimane un fondo servente a favore degli altri, per cui, a nostro avviso, come minimo dovresti ottenere uno sconto sul prezzo di acquisto dell’immobile.
      Sta a te decidere come comportarti.
      Amedeu e c.

  136. perdonami,dimenticavo…..ma economicamente non sono più costosi 8 tubi piuttosto che 1 ?

    • Per David.
      Si, ma la scelta può dipendere soprattutto dalle imposizioni dell’ente erogatore dei servizi.
      Segui quanto ti abbiamo già detto.
      Amedeu e c.

  137. scusami ma non so come mai ma manca una parte del messaggio precendente….. io è la prima volta che acquisto un immobile e quindi non conosco bene certe “regole” . Volevo sapere se questi tubi possono essere in qualche maniera pericolosi e se posso eventualmente oppormi. Sinceramente preferisco non ci siano piuttosto che chiedere uno “sconto”. Ed essendo un muro di cinta esterno distante almeno 10 metri dalle finestre di casa,non si potrebbero almeno far passare sotto traccia questi tubi?
    grazie e buon ferragosto.

    • Per David.
      Segui quanto ti abbiamo precedentemente scritto, ed altro non possiamo aggiungerti:
      “Per David.
      Non possiamo entrare in merito della alternativa di un solo tubo del gas invece che di tanti, in quanto tale scelta potrebbe dipendere da molti fattori, fra i quali la esplicita richiesta dell’Ente erogatore del gas e non per ultimo un aspetto economico che il costruttore vuole superare.
      Quindi devi cercare di comprendere bene del perchè di tale soluzione, e lo puoi fare solo chiamando una ditta di termoidraulica della zona, la quale, a conoscenza delle disposizioni e condizioni dell’ente suddetto, ti potrà suggerire come comportarti……..”
      Amedeu e c.

  138. Ciao Amedeu
    per favore ho bisogno di una tua consulenza straordinaria.
    Ho letto tra le domande un caso simile al mio ovvero mi trovo ad avere acquistato un immobile di nuova costruzione con impianto a metano.
    La ditta dell’impianto a metano a consegnato la documentazione necessaria per l’autorizzazione alla connessione alla rete gas.
    Praticamente dopo aver fatto installare il contatore e successivamente dopo aver fatto intervenire la ditta specializzata hanno trovato una perdita di metano lungo le due linee che servono i 4 fuochi e la caldaia.
    Il tecnico ha eseguito lo scasso a pavimento per rintracciare le linee metano.
    Per risalire alle perdite a dovuto necessariamente tagliare la guaina gialla che funge da via di fuga del gas verso l’esterno dell’abitazione.
    Adesso mi trovo con 100 pensieri perché ho annusato che questo intervento vorrebbero farlo senza dichiarazione di conformità.
    Stanno agendo correttamente?
    Vorrebbero saldare le due linee e successivamente interrarle ma praticamente le guaine non potranno essere mai e poi mai ripristinate come all’origine.
    E’ un fondato pensiero il mio di pretendere la sostituzione delle due linee metano con altre due linee nuove?
    CI sono particolari accorgimenti che io possa consultare per erudirmi in materia di riparazioni fatte a regola d’arte?
    Spero tu possa darmi consulenza in materia
    Grazie
    Alessandro

    • Per Alessandro.
      Per prima cosa sappi che se intervengono su un impianto del gas, devono rilasciarti assolutamente una attestazione di regolare esecuzione.
      Altrimenti effettuano un lavoro, percepiscono una parcella e non si prendono le responsabilità del lavoro eseguito.
      Relativamente a pretendere tutto il rifacimento della linea, non potendo vedere il lavoro da eseguire non possiamo pronunciarci in merito.
      Ti consigliamo di prendere un tecnico abilitato (Ingegnere o perito termoidraulico) che segua per tuo conto i lavori.
      Amedeu e c.

  139. Salve, ho dovuto cambiare il percorso del tubo del gas che viaggia all’esterno della mia casa e mi son affidata ad un tecnico autorizzato con certificazione di conformità. Mi ha installato tubi di rame sulla facciata senza guaina gialla che li ricopra. Il mio vicino di casa ha detto che devon esser guainati per legge. E’ vero? Grazie

    • Per Giuseppina.
      Non ci risulta per la guaina.
      Invece, gli enti erogatori del gas non accettano il tubo di rame posto all’esterno, e richiedono il tubo in acciaio zincato filettato e, eccezionalmente, il tubo in rame, ma passante in altra tubazione consistente (Tipo tubo zincato), ed aperta verso l’esterno.
      Rivolgiti comunque all’ente erogatore del gas.
      Amedeu e c.

  140. Salve, nella ricostruzione di un condominio terremotato a l’Aquila un condomino ha fatto passare il tubo del gas rispettivamente attraverso una stanza, un corridoio trasversale e un ulteriore stanza tutto sotto pavimentazione.
    é possibile piegare un tubo di rame per poter seguire le murature e rimanere a 20 cm dal muro come lui dice? come ci si comporta attraversando le porte e spazi come corridoi posti trasversalmente alla direzione, si può tirare dritto?
    Non vedo valvole di sfiato per la tubazione, se si rompe il tubo il gas trafila anche da pavimento?
    grazie
    saluti

    • Per Luigi.
      Riteniamo che non si possa, anche perchè le tubazioni di rame usate per l’impianto del gas sono certificate e non corrispondono a quelle, per esempio, usate per l’impianto di riscaldamento e vendute a rotoli.
      Per avere una conferma di ciò, devi rivolgerti da un negozio di impiantistica e chiedere che vuoi acquistare tot metri di tubo di rame, per gas, del diametro da 22 mm.
      Amedeu e c.

  141. salve Amedeu,
    ho appena finito di ristrutturare la cucina ed l’impresa mi ha data la conformità dell’impianto del gas. ho acquistato una nuova cucina e la ditta che mi deve realizzare e montare la cucina mi dice che c’è un errore nell’impianto in quanto il rubinetto di stacco del gas si trova proprio dietro il forno e questo costituisce un “rischio pericolosissimo” per cui bisognerebbe demolire e posizionare il rubinetto in basso( ad 8cmda terra) o a lato del forno condizione che ovviamente prevede la demolizione del rivestimento e nuovi lavori . la ditta che ha eseguito i lavori dice che questo non è vero e non costitusce rischio. chi ha ragione?

    • Per Gianni.
      Il rubinetto di chiusura del gas deve essere posizionato in un luogo accessibile e possibilmente non a contatto con fonti di calore.
      Deve servire a chiudere il gas non solo la sera, ma anche in caso di eventuali fughe, e perciò il luogo di posizionamento deve essere immediatamente raggiungibile e sicuro.
      Amedeu e c.

  142. salve Amadeu, in questi giorni mi sto facendo fare dei preventivi da alcuni idarulici della zona (prov. VE), due in particolare mi dicono due cose opposte.
    L’oggetto è il tubo del gas dal contattore al mio appartamento che si trova al primo piano:
    Partendo dal contattore del gas ho fatto passare sottotraccia di un muro esterno e sono salito al primo piano, giungendo in mezzo ad un terrazzo. Da li ho preparato il tubo per portarlo all’interno dell’appartamento, passando sotto il massetto del terrazzo. Il tutto sempre con un unico tubo senza giunzioni e con la guaina gialla.
    Un idraulico dice che è corretto, un secondo idarulico dice che dovevo stare con il tubo all’esterno del muro fino al primo piano.
    Chi ha ragione? ci sono degli articoli di legge che non lasciano interpretazioni?
    grazie
    Valter

  143. Buon giorno
    Ho da poco acquistato una casa ,e mi sono accorto (abito all’ultimo piano)che dove passa il tubo della canna fumaria (stufa a legna ,con tubo semplice diametro 120 mm.spessore 0,05 in acciaio)passa anche il tubo del gas metano,praticamente il punto dove si sfiorano e’ nel sottotetto ,il tubo fumi sale dalla stufa in verticale per circa 6 metri passando dal sottotetto e uscendo dal tetto,subito dopo la suolata (circa 2 metri dalla stufa)si trova il tubo gas metano tubo in rame ,con guaina di color nero,che percorre tutta la suoletta del sottotetto,passando a circa 10 cm. dalla canna fumaria,,il tubo gas in questione e’ il mio praticamente va dal contatore posto in balcone e sale sul muro entra nella suolata percorre tutto il solaio ed esce nella cucina
    Cosa mi consiglia puo essere pericoloso.
    Grazie
    Armando

    • Per Armando.
      Da come ci descrivi la situazione, ti consigliamo di fare vedere il tutto da un esperto Termo installatore impiantista.
      Ti saprà dire le eventuali modifiche, o meno, da effettuare.
      Amedeu e c.

  144. Buonasera…..
    Gradirei sapere se e’ regolare avere la tubazione del gas metano , all’ interno dell’ appartameno , completamente all’ esterno, senza nessun rivestimento…….tubo in rame che mi entra in casa, per servire la caldaia, e direttamente con otto/nove metri di tubazione ,sempre esterna arriva in cucina…….
    Cucina in un seminterrato, senza nessun ingresso x l’ aria e senza tubazione della cappa della cucina……
    Volevo sapere se e’ tutto in regola !
    Grazie

    • Per Paolo.
      Ti conviene fare eseguire un sopralluogo da un buon tecnico idraulico termosifonista della tua zona.
      Amedeu e c.

      • ho contattato addirittura il fornitore (del gas)………
        Mi ha detto che e’ fuori legge ..pericolosissimo……
        una situazione cosi’, di tubature del gas esterno (all’ interno dell’ appartamento) e’ pericoloso, come avevo spiegato , questa tubazione entra in casa dal bagno liberamente,( correggo la lunghezza 15mt ) montata in alto al soffitto, passando poi nel corridoio (senza prese d’ aria)….andando in cucina …
        La cucina e’ in seminterrato, senza prese d’aria o ventole, e senza cappa aspirazione fumi ………..
        Infatti per fare da mangiare, sono costretto sempre ad aprire la finestra, in una situazione del genere credo che non si possa neanche concedere un abitabilita’……

  145. Salve,
    ho contattato l’idraulico perchè vorrei sapere se posso mettere un lavorio esterno (solo acqua fredda ) che porta allo scarico della lavatrice e prende l’acqua dal rubinetto della lavatrice (posizionata sul terrazzo) .L’idraulico mi ha detto che si può fare ma vuole fare passare i tubi di scarico e dell’acqua nella tracce dei tubi che collegano il contatore gas con la caldaia(che si trovano sul terrazzo) .i 2 tubi acqua e scarico dovrebbero essere in contatto con i tubi del contatore del gas. Vorrei conoscere la vostra opinione .Grazie.

    • Per Giulio.
      Le tubazioni del gas vanno sempre curate con particolare attenzione, facendole correre, se fatte passare sotto pavimento, a 20 cm dai muri.
      Inoltre devono essere inguainate (Colore giallo per facilitarne il riconoscimento) per il motivo che una eventuale fuga di gas corra attraverso la guaina fino all’esterno (Dove viene lasciata aperta).
      Per tale motivo si cerca sempre di non disturbare questo particolare impianto, anche perchè lavorandoci vicino, o in caso di successivi interventi di riparazione, si può intaccare la guaina o addirittura il tubo.
      Trai le conclusioni.
      Amedeu e c.

  146. Buonasera. Mi sono ritrovata stamane un tubo in rame del gas che parte da un appartamento sito sul mio stesso piano e arriva al contatore del gas che si trova sul muro nel vano scale. Praticamente il tubo passa sopra la porta del mio appartamento ed è bruttissimo da vedere.
    E’ possibile installare un tubo del genere? il muro dal quale accedo nel mio appartamento è da considerare parte comune? Mi è stato detto (proprietario dell’appartamento in ristrutturazione)che la normativa non consente di far passare i tubi del gas sottotraccia e che, quindi, vanno posiionati in tal modo anche se rovinano il decoro dell’edificio. Ma possibile non vi siano altre soluzioni?
    Grazie mille

    • Per Luisa.
      Quello che ti hanno detto non corrisponde alla realtà, specie per quanto riguarda la parte estetica dell’edificio.
      Cerca un tuo installatore di impianti di ricaldamento o un tecnico termosifonista abilitato e fai controllare cosa stanno eseguendo.
      Dopo di che segui ciò che ti dirà il medesimo.
      Amedeu e c.

  147. avrei due quesiti da sottoporre:
    1 – se devo far passare il tubo del metano nel locale garage (attaccandolo con dei ganci al muro del locale) devo rispettare una particolare normativa? devo controtubarlo o se è un locale areato non serve?
    2 – se il locale caldaia ha una porta che apre verso il cortile della casa (quindi verso l’esterno), ma ha una finestra interna che da sul locale garage, devo mettere la porta tagliafuoco o non serve?
    Grazie Pietro

    • Per Péietro.
      Fare passare una tubazione del metano in un garage ci sembra una soluzione da scartare, in quanto in caso di eventuali perdite diventerebbe molto pericolosa.
      Per la finestra che da nel locale caldaia, esprimiamo lo stesso dubbio, in quanto tale locale deve avere delle caratteristiche di isolamento.
      Ti conviene, comunque, sottoporre la questione al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco (Ufficio Prevenzione Incendi).
      Amedeu e c.

  148. Salve, volevo un informazione, ho acquistato un attico con due garage,( i garage sono posti al piano terra del fabbricato e sono esterni) ora siccome stanno mettendo il metano, mi hanno chiesto se potevano far passare i tubi del metano sopra le mura dei miei garage, ora però mi chiamano dicendo che poichè io ho gli allarmi ai garage e ci sono le sirene e loro non hanno lo spazio per far passare i tubi, devo far spostare le sirene a spese mie!!! A me sembra una cosa assurda, ora volevo sapere se mi posso opporre a questa cosa, e se devono passare per forza dal mio garage? Sono obbligata? La ringrazio

    • Per Maria.
      Non sappiamo se esiste altra via per far passare queste tubazioni, comunque, puoi sostenere che passare i tubi del gas sopra ad un garage non è certo la soluzione più razionale che ci sia, con il pericolo di eventuali possibili incendi dovuti al contenuto degli stessi (Auto con benzina).
      Ti consigliamo di parlare con i tecnici dell’azienda erogatrice del gas, per sapere se hanno un altra via di passaggio.
      Spostare gli allarmi, deriva da una loro esigenza, per cui devono pagarti le spese e gli eventuali danni.
      Amedeu e c.

  149. ciao, grazie per tutte le risposte che dai, davvero apprezzabile! Ho 2 domande semplici -come si chiama chi opera sui tubi del gas? Esiste l’elettricista , idraulico ma per il gas? 2- i vecchi ugelli con tubo in gomma sono non a norma,così come i tubi di rame lisci?

    • Per Michele.
      Idraulico.
      Circa il resto, andrebbero visti, per cui devi controllarli, portandoti dietro un campione, presso i magazzini di vendita.
      Sapranno darti immediatamente la risposta.
      Amedeu e c.

  150. Salve, vorrei un’informazione. Sto costruendo casa e l’idraulico ha predisposto l’impianto gas, secondo la normativa, con tubi inseriti in guaina gialla. Ho solo un dubbio per la cucina, perchè mi ha fatto arrivare, sotto il lavello, la valvola di chiusura. Il piano cottura disterà dalla valvola mt 2; la mia perplessità riguarda il flessibile che verrà collegato dalla valvola al piano cottura. Dovrà passare all’interno dei mobili, oppure c’è un altro metodo al quale fare riferimento prima che i muratori facciano l’intonaco? Può essere predisposto un corrugato murato nel quale inserire il flessibile, in modo da essere ispezionato col tempo?
    La ringrazio anticipatamente per i consigli.

  151. Buongiorno,
    ho intenzione di spostare la bombola del gas (che alimenta un piano di cottura posto nel cucinino) all’esterno sul terrazzo. Il tubo utilizzato correrà parte all’interno e parte all’esterno dell’alloggio. Che tubo deve utilizzare l’installatore e di che colore?

  152. Buongiorno,

    devo sostituire lo sportello del contatore del Gas presente sul poggiolo con uno nuovo in alluminio,
    volevo sapere se il taglio del vecchio sportello in lamiera con flessibile comporta un rischio di incendio essendoci
    internamente il contatore e i tubi di arrivo del Gas? nel caso come mi consiglia di procedere?

    grazie molte

    Federico

    • Per Federico.
      Il flessibile emette scintille, e lavorare vicino a una fonte di gas non è salutare.
      Cerca di lavorare con mazzuolo e scalpello usando però le dovute precauzioni.
      Amedeu e c.

  153. Salve a tutti sono un idraulico e sto avendo un dibattito con un ialtro draulico il quale lui sostiene che è possibile giuntare un tubo x il gas metano e poi incassarlo e possibile .?

    • Per Benedetto.
      Una prassi inconsueta, comunque sono stati eseguiti lavori usando tubazioni in acciaio INOX saldate.
      Prova a contattare anche il personale tecnico della locale azienda che gestisce la rete del gas della tua città.
      Amedeu e c.

  154. Buongiorno , la facciata dell appartamento del mio vicino da sulla mia corte esclusiva e lui ora , nonostante possa far passare le tubazioni sul suo terreno , vuole far passare la tubazione del gas metano sulla facciata che appunto si trova sulla mia corte esclusiva ; la mia domanda è : posso impedirglielo ? Inanzitutto perché acquisterebbe una servitù ed inoltre essendo un mio famigliare avevo pensato di dare il consenso purché venisse murato ma lui si rifiuta anche in questo caso dicendo che il muro è suo e lui può ” attaccare ” tutto ciò che vuole ! Già sul fatto che il muro sia suo mi nascono dei dubbi essendo un abitazione composta da tre abitazioni ognuna su un piano e essendo lui proprietario del solo piano terra la facciata non dovrebbe essere comune ? Spero di poter avere un qualche diritto per fare in modo che la sua tubazione venga messa sulla sua proprietà in modo da non gravare la mia corte di una servitù .. La ringrazio anticipatamente e le auguro una buona giornata

    • Per Sonia.
      In un edificio condominiale (Se il tuo è tale) i muri portanti, il tetto, le fondazioni, le facciate, il suolo su cui sorge l’edificio, ecc, sono parti comuni, per cui occorre l’autorizzazione del condominio.
      Inoltre se la tubazione sporge sulla tua corte esclusiva, sia pur per assurdo in quanto trattasi di un tubo dal diametro molto ridotto, va comunque a occupare
      uno spazio che è di tua competenza.
      Comunque quale consiglio, cercate di trovare una soluzione che amichevolmente soddisfi entrambi.
      Amedeu e c.

  155. Per Daniela
    Se desideri una risposta, riformula la domanda e, per correttezza, inserisci la tua e mail.
    Grazie.
    Amedeu e c.

  156. è lecito nascondere il tubo del gas esterno di un condominio con delle piante rampicanti
    ne preclude la sicurezza?
    grazie

  157. Salve,nello spostare un divisorio in un appartamento al secondo piano abbiamo trovato i tubi del gas murati..tra l altro abbiamo notato che in casa nostra ci passa anche il tubo del primo piano ed insieme a quello mio vanno sopra passando dal terzo piano ed arrivano ai contatori sul terrazzo.ci hanno detto che questoe’ a norma e’vero??facendo questi lavori abbiamo lesionato la guaina gialla…ci hanno detto di non preoccuparci perché qualora ci dovesse essere una perdita si bloccherebbe il contatore grazie ad una valvola…e’vera anche questa cosa???e qual e’ la soluzione piu adatta x questa rottura??mio marito ha cercato di r ipristinarla mettendo un Po di silicone e un pezzo di un altra guaina…

    • Per Teresa.
      Ti consigliamo di chiamare una ditta qualificata in idraulica e impianti di gas e riscaldamento e far vedere il danno alla tubazione.
      Essendo un tubo del gas, mai stare ai consigli degli altri, se non sono persone del mestiere.
      Amedeu e .

      • Scusami ma come ti dicevo i tubi gli abbiamo rimessi sottotraccia…dobbiamo allarmarci??

        • Per Teresa.
          Cosa possiamo dirti?
          Non abbiamo visto l’intervento da voi effettuato e ci siamo basati solo su quel poco che tu ci avevi comunicato.
          Comunque, se il muratore ha ritenuto di chiudere le tracce, avrà avuto le sue buone ragioni.
          Amedeu e c.

  158. Buongiorno una domanda : quali sono le misure da prendere in caso di installazione di un impianto GPL .È obbligatorio montare il muretto con la recinzione intorno al bombolone

  159. nel corso di un sondaggio ho scoperto che annegati nel massetto di un’abitazione a piano terra passano 4 tubi in polietilene che attraversando tutta la casa portando il gas metano ad altri 4 appartamenti posti sul retro del fabbricato (i contatori sono tutti sul fronte). Dovendo ristrutturare l’appartamento vorrei sapere se c’è un modo per continuare a mantenere le tubazioni degli altri appartamenti all’interno dell’abitazione da ristrutturare o se devo pensare di portare tutte le tubazioni all’esterno dell’edificio.
    Grazie
    Sergio

    • Per Sergio.
      Non è un lavoro eseguito a regola d’arte e ti stai prendendo una responsabilità che non ti dovrebbe toccare.
      Probabilmente tale situazione si è creata in corso di costruzione dell’immobile, che probabilmente era dello stesso proprietario.
      Quale consiglio ti diamo quello di far bene individuare le tubazioni dell’impianto del gas da una ditta di termo idraulica.
      Una volta accertato il passaggio e l’itinerario di dette tubazioni puoi richiedere ai proprietari limitrofi di collegarsi direttamente alla tubazione del gas principale non passando sotto la tua casa.
      Trattandosi di questione privata sarai costretto a rivolgerti da un legale della tua zona.
      Amedeu e c.

  160. buon giorno, sto ristrutturando casa, sono a piano terra, sotto di me ho il mio garage di proprietà, dovrei arrivare con il gas nella cameretta attuale destinata a diventare cucina, la stessa però è dall’ altra parte dell’ appartamento, per non attraversare con il tubo del gas tutto l’ appartamento, posso farlo passare dall’ esterno lungo la parete condominiale per arrivare al mio garage che è praticamente sotto il mio appartamento, entrarvi all’ interno per poi far scorrere il tubo lungo la parete fino ad arrivare nel punto esatto dove a quel punto risalirei nell’ appartamento nel punto esatto dove vorrei fare arrivare il tubo?

    • Per Salvatore.
      far passare una tubazione del gas in un locale destinato a garage è una soluzione non valida, data la pericolosità di possibili fughe e la contemporanea accensione di auto.
      Il fatto di passare il tubo del gas all’esterno, entrando direttamente nel tuo appartamento può essere una soluzione valida ma ti occorre il nulla osta del condominio.
      Ti suggeriamo, comunque, di fare eseguire un sopralluogo da un tecnico dell’ente gestore del gas, che ti troverà la soluzione conforme.
      Amedeu e c.

  161. Mi scusi io volevo sapere se è possibile chiudere il gas dall’esterno della casa visto che mi sembra che per legge gli impianti hanno la chiavetta all’interno per l’erogazione, ma hanno pure un attacco esterno per chiudere nell’eventualità che ci siano per esempio fughe di gas in assenza degli inquilini?

  162. ho il contatore gas inserito in una piccola costruzione in mattoni con 8 contatori, i tubi in uscita si immergono nel cemento, il mio si è corroso perchè non adeguatamente protetto. per la riparazione ,per non danneggiare gli altri impianti l’idraulico è stato costretto a fare parte dell’impianto all’esterno della cabina, cosa che dovranno fare sicuramente anche gli altri condomini molto presto. questo mi è stato contestato, è corretto? grazie della risposta

  163. Buongiorno,
    abito in un condominio al quarto piano
    Il tubo del gas (a me sembra in metallo) passa all’esterno del condominio lungo la parete vicino ai balconi e con una T entra nel balcone dei condomini, e si attacca al contatore del gas di ogni appartamento chiuso dentro una scatola di metallo.
    La scarico della mia caldaia Immergas (riscaldamento e acqua calda) posta sul balcone rimane vicino al tubo in metallo del gas. Il tubo del gas in prossimità dello scarico della caldaia è diventato nero e arrugginito.
    Probabilmente a causa dell’elevata temperatura dei fumi di scarico
    Aggiungo che tutti gli anni faccio controllare la caldaia e i fumi.
    Può essere pericoloso?
    Cosa devo fare e a chi devo rivolgermi?

    • Per Andrea.
      Porta le due foto scattate a far vedere presso l’ufficio Prevenzione Incendi del Comando Vigili del Fuoco della tua Provincia.
      Sapranno chiarirti il tutto.
      Amedeu e c.

      • intanto ho scritto una mail all’amministratore del condominio spiegando tutto e allegando le foto
        se non risolvo in tempi brevi con il controllo da parte di un tecnico, seguo il suo consiglio e mi rivolgo ai vigili del fuoco
        Grazie

        ps. ma a suo giudizio a prima vista il tubo in ferro è molto deteriorato?
        esiste oggettivamente un pericolo reale?

  164. Salve io ho acquistato casa e facendo normali sopralluoghi il vecchio proprietario ha montato una caldaia nuova in cucina con scarico all’esterno tramite bocchetta…l’unica cosa che ha lasciato tutta la tubazione che scende dalla caldaia fino al pavimento tutta esternamente,in più alla base de pavimento c’è tipo una base di collettori che ha lasciato fuori dal pavimento,lasciando anche il contando gas all’interno dell’appartamento, sotto la caldaia stessa.vi sembra tanto normale?grazie

    • Per Antonio.
      Occorrerebbe eseguire un sopralluogo per darti una risposta attendibile.
      Fai vedere il tutto da un termo idraulico esperto della tua zona.
      Amedeu e c.

  165. il mio condominio è stato costruito nel 1975.

    L’alimentazione GAS cucina è tutta sotto traccia : cioè dai contatori ad una scatola sotto i fornelli in ogni cucina.

    Poichè la società del Gas ci comunica che provvederà a breve a sostituire i contatori con nuovi apparati nel rispetto della delibera 631/2013/R/gas emanata dall’Autorità il 27 dic. 2013,
    noi condomini siamo obbligati di sostituire tutte le tubazioni murate e sotto traccia che dai contatori arrivano in ciascuna cucina ?
    Grazie per la risposta

  166. SCUSI HO UN IMPIANTO GAS METANO COLLEGATO UNO SCALDABAGNO A GAS DA 20 ANNI CIRCA LA TEMPERATURA ACQUA NON è MAI STATA MOLTO CALDA , DOPO VARIE CALDAIE CAMBIATE NON HO’ MAI RISOLTO ,PUO’ ESSERE LA SEZIONE DEL TUBO CHE’ E’ DI 14? grazie

    • Per Mauro.
      Occorrerebbe vedere l’intero schema dell’impianto di riscaldamento, caldaia e attacchi compresi.
      Fai eseguire un sopralluogo da un tecnico di una ditta di termo idraulica; saprà chiarirti il tutto.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.