Impianto fotovoltaico grid connected (connesso alla rete) e suoi componenti principali

Vediamo adesso di parlare degli altri componenti di un impianto fotovoltaico.

In un nostro precedente articolo, al quale vi rimandiamo, abbiamo affrontato la differenza che esiste fra un impianto stand alone (isolato) da un impianto grid connected (cioè connesso alla rete elettrica pubblica).

Adesso affronteremo quello che a nostro parere è il più importante, cioè il grid-connected.

Sotto vediamo un disegno schematizzato di come è composto questo tipo di impianto fotovoltaico e di quali sono i suoi componenti:
CLICCARE SULL’IMMAGINE

Questo tipo di impianto è costituito solitamente da:
– pannelli solari fotovoltaici
– inverter
-contatore
-supporti di installazione

Abbiamo parlato sempre in un nostro articolo dei pannelli fotovoltaici ed adesso specifichiamo che cosa è l’Inverter ed a cosa serve.

E’ una apparecchiatura che ha il compito di trasformare la tensione e la corrente da continua ad alternata a 220 Volt, in modo da poter essere utilizzata in tutta tranquillità per alimentare il computer, la televisione e tutti gli altri elettrodomestici.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

– L’Inverter che vi mostriamo nella foto sopra è usato dalla Sunshine project Italia ed è molto completo.

Naturalmente in commercio ve ne sono di altrettanto validi e la scelta per l’acquirente è molto ampia.

– Il Contatore bidirezionale o quadro elettrico smista la distribuzione dell’energia alternata dall’utente alla rete ENEL e    viceversa.

– I supporti di installazione variano con il variare del tipo e della casa produttrice dei pannelli; comunque devono  essere studiati e realizzati in maniera da essere ben ancorati al tetto, intendendo per questo il suo massetto cementizio  oppure la sua orditura lignea nel caso di tetti in legno.

Entriamo adesso in merito del funzionamento dell’impianto fotovoltaico grid connected e seguiamolo nel disegno soprastante.

La corrente continua proveniente dai pannelli installati sul tetto, arriva all’Inverter, dove viene trasformata in corrente alternata a 220 Volt.

Dall’Inverter prende due direzioni: una verso gli apparecchi elettrodomestici e le lampade dell’abitazione, l’altra vero la rete ENEL.

Passa però prima da un contatore bidirezionale che conteggia l’energia in entrata ed in uscita (da e verso l’abitazione).

A tale proposito sarebbe a questo punto necessario parlare del "Conto Energia" che facilità enormemente, specie in questo periodo l’installazione degli impianti fotovoltaici.

Afronteremo questo discorso molto importante per il lettore in un prossimo articolo.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.