Impianto idrico nel bagno wc: acqua calda e fredda dei singoli apparecchi sanitari. Come fare – 23

VEDI L’ARTICOLO N° 22

Facciamo seguito ai lavori relativi alla nostra "costruzione casa" e parliamo dell’impianto idrico da realizzarsi nel bagno ed attinente ad ogni singolo apparecchio sanitario.

Prima di iniziare, premettiamo, che abbiamo scelto come impianto di riscaldamento quello tipico  a termosifoni del tipo in acciaio smaltato,  con caldaia a corpo stagno, alimentata da metano se in città, o GPL se in campagna; la caldaia viene predisposta per la produzione di acqua calda, quindi non ci sarà bisogno di mettere in opera alcun scaldabagno elettrico.

Le tubazioni idriche che devono arrivare nel bagno sono due, una proveniente dalla caldaia (Posizionata in cucina) e che porta l’acqua calda, e l’altra proveniente dal contatore porta l’acqua fredda.

Osservate la pianta sottostante e noterete che la tubazione che proviene dal contatore sulla strada, in colore blu, viene avviata verso la cucina per rifornire la caldaia, ma anche le apparecchiature sanitarie della cucina, quali il lavello, la lavatrice, la lavastoviglie.

Contemporaneamente, l’acqua fredda devia verso il bagno e si collegherà ai vari apparecchi sanitari.

L’acqua calda è stata indicata in colore rosso.

CLIC

La planimetria chiarisce molto bene il percorso delle due tubazioni.

Adoperiamo i tubi in polipropilene, dei quali abbiamo già parlato in un precedente articolo, e la tubazione interna alla casa sarà tutta da 1/2" (mezzo pollice corrispondente al polipropilene del 20).

I tubi vengono maneggiati ed assemblati ai raccordi, T o curve aperte e chiuse, con estrema facilità, grazie ad un apparecchio elettrico chiamato polifusore, il cui uso è diventato comune ed il cui costo molto accessibile.

Le tubazioni da 1/2 pollice vengono fatte scorrere sul solaio ed arrivate oltre la porta del bagno, devieranno a sinistra verso due rubinetti di arresto (sono due rubinetti normali filettati da entrambi i lati), necessari per chiudere il bagno in caso di guasti, lasciando così la fornitura di acqua al resto della casa.

Uno deidue rubinetti di arresto è visibile nella foto sottostante (tubazione blu) vicino al sergente di destra, anche se è riferita ad una ristrutturazione e non ad una nuova costruzione come nel nostro caso.

CLIC

Ripartono quindi dai rubinetti e correndo sul solaio del bagno si diramano verso gli apparecchi sanitari.

Ad ogni diramazione corrisponderà un raccordo a T , una curva a muro in basso ed una curva a muro in alto per l’attacco dei flessibili degli apparecchi sanitari del lavabo, del bidet  e della cassetta scaricatrice.

Osservate i prospetti / sezione sottostanti e vi renderete conto del lavoro da fare.

CLIC

Sono segnate anche le altezze (dal piano pavimento finito) a cui vanno fatte uscire dal muri le curve per il raccordo ai fessibili.

Alla cassetta scaricatrice logicamente va solo l’acqua fredda.

In più, è stato anche indicato il pulsante che aziona il sifone della cassetta e che va posizionato all’incirca a mt 1,30 da terra.

Relativamente alla tubazione idrica della doccia (con miscelatore), vedete anche la foto sottostante, riferita comunque sempre ad una ristrutturazione.

CLIC

Una volta finito l’impianto idrico e murati i tubi verticali sottotraccia, ricordarsi di chiudere tutte le curve con dei tappi da 1/2", affinchè con i lavori che si eseguiranno in seguito, non si ostruiscano con malta o con altro.

Segue ./. VAI ALL’ARTICOLO N° 24

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

92 commenti

  1. Leonardo Maria Conti

    Chiedo cortesemente come fa un rubinetto di arresto di un appartamento a chiudere contemporaneamente sia l’acqua calda che l’acqua fredda.
    Il mio si trova in bagno ed il tubo proviene dall’acquedotto:
    Teoricamente potrebbe essere possibile che a detto rubinetto di arresto sia collegato con un miscelatore anche il tubo dell’acqua calda che proviene dalla soffitta dove si trova la caldaia? Grazie.
    Leonardo Maria Conti

  2. Per Leonardo.
    I rubinetti di arresto messi per il nostro articolo sono due, in quanto chiudendoli entrambi escludi tutti gli apparecchi sanitari e puoi eseguire tutte le riparazioni occorrenti, salvaguardando gli altri eventuali bagni e cucina.
    Ti possiamo confermare che se a tubazione vuota (fredda e calda), immetti l’acqua solo nella tubazione fredda e poi apri un miscelatore qualsiasi, l’acqua fredda passa anche nella tubazione calda.
    I conti devi farli tu conoscendo la tua situazione.
    Puoi comunque sentire anche un idraulico per il tuo caso.
    Amedeu e c.

  3. salve sto ristrutturando il bagno (per scommessa con me stesso).I vostri articoli sono per me preziosissimi per andare avanti. Ho fatto le tracce per gli impianti idrico e elettrico rompendo i forati in laterizio e posizionando corrugati e tubi in polipropilene. L arriccio sarà da rifare in diverse aree essendosi staccato il precedente a seguito rimozione piastrelle. A questo punto vi chiedo quanto segue:
    - per fissare nelle sedi corrugati e tubi idrici ho 2 materiali, scagliola e cemento pronto. Opterei per il secondo trattandosi di bagno, confermate è la scelta giusta?
    - come andranno fissate le curve dell’acqua fredda e calda (per lavandino e lavatrice) e le scatole portafrutti, a filo con l’arriccio finito o sporgenti da questo 1 cm circa perchè ci sarà la piastrella?
    - per fare l’arriccio, coprire avvallamenti e le tracce mi è stato consigliato un premiscelato granuloso (MG40 grigolin). Mi hanno regalato del collante in polvere della weber (stockol). Ha senso per fare l’arriccio aggiungere 1 cazzuolata nel secchio di questa colla o di cemento per aumentare l’aderenza?

  4. Per Giordano.
    Alle tue molte domande ti viene risposto alla voce “Costruzione Casa” in “categorie” nella pagina Home.
    Scorri gli articoli e cerca quelli che ti interessano.
    Amedeu e c.

  5. vorrei sapere altezza del miscelatore doccia

  6. Per Paolo
    mt. 1,20 circa.
    Amedeu e c.

  7. Salve!
    Mi sto dibattendo alla ricerca della soluzione per la mia doccia, nella quale ho deciso di sistemare un miscelatore al posto delle classiche due manopole caldo-freddo.
    Bene, fatto il lavoro (cioè tolte le saracinesche del caldo e del freddo e canalizzate le due uscite negli ingressi del miscelatore) e tappato il foro (sul muro) d’uscita dell’acqua, ho scoperto con mio grande sgomento che l’acqua calda non esce, la caldaia non parte…!!!
    Mio fratello sostiene che è normale, in quanto le saracinesche di fatto non deviano il corso dell’acqua, che, anzi, farebbe un circolo vizioso… Secondo lui dovrei rompere le piastrelle e il muro, individuare le tubazioni che portano le due linee a congiungersi poco prima dell’uscita e tapparle, per EVITARE che i due circuiti siano collegati. A me sembra molto strano, perché non capisco come mai l’acqua calda che arrivi al miscelatore non esce!!!
    Scusate l’ignoranza, aiutatemi!!!
    Ci sono sistemi non invasivi per bloccare le tubazioni vecchissime, tipo saldature, per evitare di spaccare tutta la parete?
    Grazie, attendo una vostra risposta!

  8. Per Thomas.
    Hai tappato con la malta il tubo di uscita posto in alto e che avevi interrotto al miscelatore perchè ormai era diventato un ramo morto. Vero?
    Hai unito le tubazioni calda e fredda (prima hai tolto i vecchi rubinetti) nel miscelatore. Vero?
    Hai collegato il miscelatore (vedi in CATEGORIE – Impiantistica , “Impianto idrico nel bagno…..23″) ad un tratto di tubo (corto o lungo che sia) che corre verso l’alto ed al quale hai collegato poi il “soffione”, fisso o a scorrere, di uscita dell’acqua. Ok?
    Se hai seguito queste azioni, non vediamo perchè non ti esca l’acqua calda o fredda o miscelata.
    Sempre ammesso che tu abbia fatto questi interventi, prova a cambiare le
    posizioni del miscelatore che sono tre, sinistra e destra acqua calda e fredda, e centrale miscelazione.
    Mettendo il miscelatore in posizione calda , se hai eseguito il lavoro come detto sopra, non dovresti avere problemi.
    Amedeu e c.

  9. ciao amedeu,siccome devo fare l’impianto idraulico al bagno ,cosa mi consigli il polipropilene, o’ il rame…. ho chiesto gia’ a un amico idraulico mi ha detto e’ meglio farlo con il rame e vero…e’ perche’ … grazie

  10. Per Alfredo.
    Il rame lo si usa normalmente per gli impianti di riscaldamento.
    I materiali per fare un ottimo impianto idraulico sono molti e noi ne abbiamo trattati alcuni nei nostri articoli.
    Il polipropilene è facile da montare con un polifusore, ed pratico.
    Amedeu e c.

  11. salve,
    chiedo cortesemente se posso ricollocare il water a circa massimo un metro di distanza dallo scarico principale senza dover creare una pendenza obbligatoria al fine di non avere ingorghi.
    grazie

  12. Per Alessandro.
    Una piccola pendenza devi dargliela, altrimenti il tubo orizzontale è soggetto ad occludersi .
    Amedeu e c.

  13. Salve, avrei un quesito da porvi. Abbiamo già rivestito tutto il bagno e adesso i muratori dovrebbero cominciare a rivestire la muratura per il lavabo, abbiamo un problema, secondo i calcoli della signora che mi ha venduto le piastrele la mia muratura verrebbe ad un’altezza di 93 cm, per me molto alta essendo io alta 1.50 e ce ne siamo resi cnto solo adesso. Vorremmo abbassarlo un pò, purtroppo perdendo parte del decoro che avevamo progettato, volevo sapere qual’è l’altezza più idonea a muratura finita? Vanno bene anche 80 cm?

  14. Per Marilisa.
    Certamente.
    L’altezza normale di un lavabo da terra deve essere di 80 cm (misura presa dal sopra il lavabo al pavimento).
    Amedeu e c.

  15. salve a tutti mi servirebbe un grande aiuto visto che stò restaurando il mio bagno e devo comprare tutto mi direste che bisogna prendere tra ottone e pvc grazie mille ps.inteno raccordi,vaschette di scarico dove collegare i tubi di pvc scarico lavandino grazie

  16. Per Giuseppe.
    Per farti un elenco di quello che ti serve non basterebbe una pagina intera.
    Invece, leggi i nostri articoli; ne troverai diversi .
    Serviti del pulsante RICERCA e scrivi “Bagno wc”. Siamo sicuri che riuscirai a calcolare tutto il materiale occorrente.
    Amedeu e c.

  17. dovrei farmi fare un impianto idrico composto un bagno una lavanderia è una cucina :wc-bidet-lavandino-doccia-lavello- lavastoviglie-lavatoio-lavatrice. in tutto quanto potrei spendere tutto ,la fornitura della ceramica è della rubinetteria la fornisco io.

  18. Per Paolo.
    Non si possono mettere a caso delle cifre. Occorre fare un preventivo sulla base della grandezza dei vani, del passaggio delle tubazioni, delle difficoltà per creare gli scarichi, della distanza dai punti di allaccio dell’assistenza muraria occorrente, e tante altre cose.
    Fatti fare i preventivi da 2 0 3 ditte di idraulica e muratura e poi scegli la più soddisfacente.
    Amedeu e c.

  19. Salve Amedeur , io sto restaurando il mio bagno e volevo sapere, se è possibile ,a che distanza devono essere fra di loro l’uscita dell’acqua calda con quella dell’acqua fredda ,sia per quanto riguarda il bidet che il lavabo .

  20. Per Ivano.
    18 cm circa, e la mezzeria deve corrispondere con il centro scarico.
    Amedeu e c.

  21. devo fare una riparazione nel mio bagno la tubazione esistente e in tubi zincati vorrei cambiarla e farla in polipropilene come posso collegarmi al tubo zincato.

  22. Per Angelo.
    Ti abbiamo già risposto pochi commenti fa.
    Amedeu e c..

  23. Ho bisogno di una informazione
    Nel bagno, l’acqua calda esce tranquillamente dai 3 miscelatori, invece quella fredda ne esce pochissima.
    Questo succede anche alla lavastoviglie. il water invece è a posto
    Quale può essere il problema.
    Grazie

  24. Per Luca.
    Difficile a dirsi. Potrebbe essere l’intasamento di una tubazione.
    Ma non possiamo andare per ipotesi: devi contattare un idraulico, che per esclusione, e tentativi, ti individui il motivo.
    Amedeu e c.

  25. CIAO il vostro argomento è molto interessante vi ringrazio molto e continuate cosi siete molto di aiuto

  26. Argomenti molto interessanti…un grazie al realizzatore del sito

  27. Gentilissima Direzione, gentilmente chiedo se ,pagando, organizzate dei corsi riguardo l’edilizia in generale.
    Grazie della cortese disponibilità, distinti saluti

  28. Per Saverio.
    Non rientra nel nostro attuale programma, ma in futuro potrebbe essere.
    Amedeu e c.

  29. Gentilissima direzione, prima di tutto complimenti per il sito. E’ completo e fornisce parecchie informazioni.

    Ora la domanda: dovrei rifare l’impianto idraulico in cucina e nei due bagni ossia sostituire tutti i tubi portare l’acqua calda e fredda dalla cucina ai due bagni, mettere i tuti per lavabo, vasca, doccia, etc…. tutto quello che occorre insomma. il sistema geberit pushfit potrebbe fare al caso mio ? esiste un diametro standard per i tubi ? Onestamente tenendo conto che ho una buona manualità sarò in grado di farlo ? il preventivo che mi hanno fatto si aggira sui 20000 euro compresi i mtl. mi par un po’ eccessivo e così vorrei farlo io.

    grazie

  30. Per Luca.
    Attenzione, perchè nel nostro sito indichiamo come effettuare le operazioni manuali, però diciamo anche che le stesse, specie per gli impianti, vanno eseguite da ditte abilitate, che devono rilasciale le attestazioni di regolare esecuzione.
    Comunque il diametro è di 1/2″.
    Gli articoli li puoi trovare nella categoria “impianti”, oppure richiamarli con le parole standard ( bagni, wc, tubazioni idriche, bidet, lavabo ecc.) con il pulsante “cerca” sito in alto a destra.
    Amedeue c.

  31. parlando ultimamente con un idraulico dei tubi geberit pushfit mi ha detto che sono dei tubi fai-da-te che lui non li usa mai lasciando intendere che potrebbero dare dei problemi con l’acqua calda. è vero ? geberit mi par ditta seria.
    grazie

  32. Per Luca.
    La geberit è una casa che non necessita di presentazione nel campo dell’edilizia ed il sistema geberit pushfit è altamente professionale.
    http://www.geberit.it/web/appl/it/wcmsitindustrie.nsf/pages/prod-push-1
    Può naturalmente usarlo anche una persona che “fa da se”, ma che poi necessiterebbe della certificazione di regolare esecuzione dell’impianto da parte di una ditta iscritta alla Camera di Commercio.
    Amedeu e c.

  33. potrei sapere di quanto deve sporgere il sifone (arancione) dello scarico wc dalle piastrelle ? grazie buongiorno

  34. Per Christian.
    Il bicchiere della braca (o braga) o della curva di immissione del vaso, deve essere a filo superiore delle mattonelle.
    amedeu e c.

  35. complimenti per il sito, è fortissimo. Grazie

  36. Per Paolo.
    Per piacere, la prossima volta inserisci la tua email.
    Amedeu e c.

  37. Salve , nel bagno vorrei mettere il lavandino in muratura e volevo chiedervi se il piano dove appoggia il lavondino puo’ essere di mattoni rivestito di piastrelle o deve essere di altro material? grazie

  38. Per Alberto.
    Intendi farci due “muretti laterali di sostegno?
    In questo caso realizza dette paretine in forati da cm 12x24x8 oppure 25x25x8, murati e rifiniti a malta cementizia.
    Puoi anche incollarci le piastrelle, oppure rifinirli ad intonaco ed imbiancarle.
    Amedeu e c.

  39. Si’ , il piano pensavo di farlo di 100 cm e appoggiarlo su due muretti laterali come dicevi tu. Mi hanno detto pero’ che il piano dove mettere il lavandino(a incasso soprapiano) dovevo farlo in cemento perche’ il piano in mattoni non teneva . E’ vero? MI puoi anche dire indicativamente il prezzo dei due tipi di lavoro ? TI ringrazio

  40. Per Alberto.
    Non sei chiaro.
    Oltre alle 2 paretine, vuoi fare anche un piano sopra di esse? Ma perchè? Il lavandino va comunemente appoggiato sulle due pareti poste ai suoi lati, e dette pareti vanno fatte in forati murati ed intonacati a malta cementizia.
    Se non è così, spiegati meglio.
    Comunque, usando il pulsante “cerca” posto a destra in alto della Home, puoi trovare tutti gli articoli che desideri: per esempio “messa in opera di un lavabo” ecc.
    Amedeu e c.

  41. Scusa forse non mi sono spiegato bene. La mia idea e’ quella di fare un mobile in muratura lungo 100 cm. (ai lati fare due paretine e sopra fare un piano in mattoni) piastrellarlo e incassarci sopra un lavandino da incasso sovrapiano di 60 cm di larghezza. grazie

  42. Per Alberto.
    Capito.
    Leggi questo nostro articolo, potrà esserti di aiuto.
    Segui la costruzione dei piani
    http://www.coffeenews.it/cucine-in-muratura-come-fareù
    Amedeu e c.

  43. grazie mille . mi siete stati molto utili

  44. salve .vorrei sapere se fossepossibile portare dalla caldaia che è fuori al balcone l’acqua calda nel bagno visto che è presente lo scaldabagno , e se devo x forza rompere le piastrelle in quest’ultimo ,in poche parole ti spiego il bagno si trova a circa 30 se nn 40 mq di distanza dal bagno .
    farei fare un canalina che passa nelle stanze ma non vorrei xo’ dover rompere tutte le mattonelle , in piu’ basta che il tubo che parte della caldaia si attacchi ad un solo tubo del bagno tipo il lavabo x fare in modo d’avere poi l’acqua calda anche alla doccia e al bidet ? grazie robertina .

  45. Per Robertina.
    Vuoi fare un lavoro complicato che comunque va verificato bene prima di effettuarlo.
    La caldaia è regolamentare?
    Lo scaldabagno a cosa ti servirebbe? Vuoi fare un by pass ed utilizzare una volta questo ed una volta la caldaia? Vuoi immettere l’acqua calda della caldaia all’interno dello scaldabagno? (forse non potrai farlo perchè questo ultimo non è previsto per tale scopo).
    Passare le tubazioni esterne in canaletta? Sei proprio sicura?
    Ti consigliamo di fare eseguire un sopralluogo da un tecnico idraulico termosifonista della tua zona, che vista la situazione, ti dirà cosa è meglio fare.
    Amedeu e c.

  46. grazie x avermi risposto .
    comunque no voglio eliminare del tutto lo scaldabagno .
    cioe’ lo toglierei proprio xche’ nn mi piace esteticamente ,voglio solo portare l’acqua calda in bagno ,la mia caldaia va bene sia pre i termosifoni che eventualmente x portare l’acqua calda in bagno !!!!!!
    ma la decisione di voler fare una canalina e data dal fatto che nn voglio rompere il pavimento xche’ sarebbe una spesa troppo esosa in questo momento ….. adesso la mia domanda era se fosse possibile attacare il tubo che passa dalla caldai anche solo al lavabo o al bide’ per fare avere arrivare l’acqua anche alla doccia .
    la rimgrazio ancora e spero di essere riuscita a spiegarmi un po’ meglio :-)

  47. Per Robertina.
    Se la tua caldaia è a produzione di acqua calda (oltre che servire da riscaldamento ) puoi farlo, altrimenti no.
    Amedeu e c.

  48. Ennesimo dubbio. Sto ristrutturando i bagni e vorrei sottoporvi due domande.
    1. L’idraulico per posare alcuni tubi ha tagliato alcune parti di cemento armato e ha tagliato anche i tondini di ferro orizzontali dell’armatura… è normale? Rimane sicuro lo stabile?
    2. Nel posare un WC sospeso ha dovuto deviare il percorso della braga rispetto all’originale e ha posizionato, come primo elemento che si giunta alla colonna condominiale, una curva a 90°. Poi prosegue in verticale fino all’imbocco con il vaso. Posso stare sicura che il WC scaricherà in maniera normale? Non si intaserà?

  49. Per Francesca.
    Normalmente i ferri delle armature in cemento armato delle case non si tagliano, in quanto se sono stati messi in opera hanno sempre uno scopo.
    Pò darsi che il tuo idraulico abbia tagliato 1 o 2 staffe de ldiametro da 6 mm del cordolo del dolaio (se la casa è in muratura).
    Anche in questo caso non avrebbe fatto un buon lavoro, anche se non si può parlare di carenza di sicurezza di un edificio.
    Relativamente alla deviazione dello scarico del vaso tramite una curva a 90°, in luogo della braca o braga, se il tubo è rimasto in PVC diametro del 100 mm o maggiore, non avrai noie nello scaricare il vaso
    Amedeu e c.

  50. Grazie amadeu.
    Si probabilmente si trattava delle staffe da 6 mm. Invece per il vaso, la braga in PVC che mi ha montato è da 9 cm…. speriamo in bene….
    F.

  51. buonasera,
    nella realizzazioone di un impianto di distribuzione acqua calda e fredda a T pensavo di mettere un collettore prima di entrare nel bagno. La mia domanda è quale diametro devono avere i tubi che portano l’acqua calda e fredda dalla caldaia e dalla colonna al collettore.

    grazie,
    Luca

  52. ciao!vorrei sapere se possibile,l’acqua fredda del mio bagno non và,l’acqua calda esce normale…
    Grazie…mi fareste un grande piacere!

    • Per Luana.
      Certo non ci dai molte indicazioni, per cui possiamo solo tirare ad indovinare.
      La tubazione di adduzione dell’acqua fredda può essere otturata, oppure può dipendere dal cattivo funzionamento di una valvola di chiusura situata a monte dei servizi igienico sanitari.
      Amedeu e c.

  53. salve, io ho un problemino,dietro al mio bidet ci sono 3 tubi, uno per l’ acqua fredda, uno per quella calda e l’ altro chr non ho capito tanto bene a cosa serve, un paio di giorni fa venne un idraulico per cambiare il rubinetto, ma purtroppo ha avuto un imprevisto urgente ed e dovuto scappare. ora io sono rimasto con il 3 tubo staccato, e per giunta stranamente ogni volta che apro l’ acqua nel lavello in cucina fuoriesce acqua dal solito terzo buco ancora senza tubo. cosa mi consigliate di fare??

    • Per Mattia.
      I bidet, normalmente, hanno due tubi o flessibili (uno per l’acqua calda ed uno per la fredda.
      Il terzo “tubo”, come tu lo chiami e che dovrebbe avere il diametro di cm 2,3/2,8 è lo scarico del bidet, al quale va collegato il sifoncino smaltato (di collegamento fra bidet e tubo di scarico nel muro).
      Se l’idraulico te lo ha lasciato aperto, essendo detto tubo di scarico molto in basso, quando adoperi gli altri apparecchi sanitari (doccia e vasca esclusi), l’acqua di scarico ti fuoriesce, in parte, da questo tubo aperto.
      Vedi di sistemarlo da solo; è facile.
      Cerca in questo sito, con il pulsante “Cerca” in alto a destra, la parola “bidet” e ti compariranno vari articoli da seguire per fare il lavoro.
      Se le cose non stanno così, mandaci una o più foto tramite il pulsante (Invio di allegati).
      Amedeu e c.

  54. Slve, sto facendo rifare i 2 bagni della mia casa. In uno, dopo molti dubbi e per problemi di spazio, abbiamo deciso di mettere il wc-bidet, e abbiamo gia comprato il sanitario. Mia figlie però insiste che lei avrebbe preferito la doccietta igienica. Dato che ancora non abbiamo fatto i colegamenti idraulici in quel bagno penso sia in tempo de fare installare comunque una doccietta igienica in modo di venire in contro alla comodità di tutti.
    Adesso vorrei sapere quale è il modo migliore di fare questi collegamenti. Collegare il tubo della doccietta igienica al wc-bidet in modo disfruttare lo stesso miscelatore e potere avere acqua tiepida? o fare una nuova uscita nel muro, con un’altro miscelatore? Gradirei un consiglio e se fosse possibile un disegno in modo di capire come si deve fare dato che la perplessita del operio davanti a quessto quesito mi ha preoccupato leggermente.
    Grazie e aspetto risposta.

    • Per Miriamgallo.
      Ogni apparecchio, sanitario che viene installato in un bagno, al fine di ottenere un ottimo funzionamento, deve avere le tubazioni di scarico e di adduzione dell’acqua calda e fredda, separati dagli altri apparecchi.
      Per fare ciò, è sufficiente, per gli allacci idrici, proseguire le tubazioni, tramite la messa in opera di T, posizionati nel muro, in luogo delle curve di allaccio dei flessibili, ed a proseguimento delle tubazioni stesse.
      Per lo scarico, devi invece collegare quello del nuovo apparecchio sanitario (PVC diametro 40 mm) con la tubazione principale della colonna montante, oppure con il pozzetto di derivazione e congiungimento (Se è installato), di tutti gli scarichi dello stesso diametro, posto a pavimento e chiuso da una piastra smaltata fermata a vite.
      Amedeu ec.

  55. devo fare casa con tre bagni e una cucina completa di lavatrice e lavastoviglie, ti chiedo: basta contatore acqua da 1/2 o posso chiedere all’acquedotto di metterlo più grande? Sono loro che decidono che un privato basta da 1/2 o è l’idraulico che deve andare all’acquedotto e spiegare la situazione… per me finche sono due bagni e una cucina il contatore da1/2 basta ma di più no…sennò che senso ha fare la tubazione dal contatore fino a casa da 1″ se poi ti mettono il contatore da 1/2? grazie…………..

    • Per Fabio.
      Normalmente in tutti i Comuni le società che gestiscono gli acquedotti, per le singole utenze private (Civile abitazione), installano un contatore da 1/2″.
      Difficilmente, in un appartamento con 3 bagni ed una cucina, succede che tutti vengano usati nello stesso momento, per cui 1/2″ a nostro parere è più che sufficiente.
      Se però il tuo appartamento è sito ad un piano alto di un condominio, può succedere che l’acqua, specie durante il periodo estivo, venga a mancare.
      Per sopperire a tale carenza, non necessita mettere un contatore da 1″, ma bensì creare a valle della tubazione un serbatoio con autoclave, che si riempa nelle ore notturne.
      Di solito nei condomini i serbatoi e gli autoclavi sono condominiali.
      Nel caso di palazzina, ed in carenza di acqua, dovrà essere il proprietario a mettere in opera detto autoclave.
      Amedeu e c.

  56. cioè autoclave va in basso e spinge verso l’alto ? grazie amedeu a presto per ulteriori consigli………….

  57. poi scusa ancora potresti consigliarmi come calcolare portata e pressione utile per impianto di casa?

  58. Per Fabio.
    E’ un argomento che per il momento non intendiamo affrontare, anche se non lo escludiamo per il futuro.
    Devi acquistare un libro relativo ai fluidi, alla portata ed al relativo calcolo.
    Amedeu e c.

  59. salve,vorrei farvi una domanda che potrebbe sembrare banale visto che non ho esperienza in questo settore….abito in un palazzo di 2 piani sotto vivono i miei e sopra sto iniziando i lavori ma mi hanno detto che devo posizionare i 2 bagni allo stesso posto del piano di sotto è vero?io avevo intenzione di dividere casa diversamente quindi non posso spostare i bagni rispetto al piano di sotto ?grazie mille attendo una volta risposta

    • Per Pasquale.
      Se il bagno WC dei tuoi genitori ha una tubazione in PVC diametro da 100 mm che gli sale sul tetto come sfiato, ti potresti collegare alla stessa, senza dovere effettuare una diversa calata di colonna montante da un’altra parte della casa.
      Inoltre dipende anche dalla disposizione dei pozzetti di ispezione della FN che hai in giardino o al piano terra, in quanto, se decidi di spostare il bagno, devi avere o realizzare, da qella parte, anche una tubazione fognaria che si colleghi a quella principale della casa che si immette nella fogna nera stradale.
      Quindi devi valutare tutte queste cose.
      Amedeu ec.

  60. salve, volevo sapere come calcolare altezza del tubo dei fumi della caldaia a gas, siccome non ho la caldaia e devo forare il muro, come posso calcolare altezza e il punto esatto dove forare, c’è una dima che oltre gli attacchi dei tubi ti indica il punto esatto dove forare?

    • Per Fabio.
      Devi scegliere un tipo di caldaia.
      Ti forniranno una Dima, più che altro per ottenere la precisione nel posizionare gli allacciamenti nella parte bassa della caldaia.
      Per i tubi devi leggere le indicazioni contenute nella scheda tecnica che accompagna la caldaia stessa.
      Se non vuoi acquistarla subito ma predisporre il lavoro, puoi scegliere il tipo e poi entrare nel sito della ditta fornitrice della caldaia (Per esempio Beretta) , cercare quella da te scelta e potrai visualizzare e scaricare (Di solito file in formato PDF) disegni, relazione e quanto altro ti occorre per predisporre le tubazioni dei fumi e dell’aerazione.
      Amedeu e c.

  61. ciao volevo sapere se per tre lavandini e un bagno puo’ essere sufficiente uno scaldaacqua da 15 L, grazie ciao

  62. Salve Amedeu, vorrei installare rscaldamento a pavimento in tutta casa, ma nel bagno devo optare per serie sospesa dei sanitari e cercare di passare tutti i tubi di carico e scarico a parete per lasciare libero il massetto dove poi passare i tubi del riscaldamento??

  63. Buona sera ,
    volevo chiederle una spiegazione.
    L’inquilino del piano di sopra al mio appartamento, ha avuto una perdita dallo scarico del wc. L’idraulico intervenuto, inviato dall’amministratore del condomino , ha eseguito i lavori nel soffitto del mio bagno, cioè lavorando da SOTTO… Alla conclusione dei lavori, spaccando il mio bagno e non il suo, rimane a vista nel soffitto del mio bagnonumerosi centimetri di una curva color arancione che credo sia sia la braga del suo wc… che entra nella colonna montante del condominio. Poichè i lavori sono rimasti così, a distanza di un anno, e nessuno vuole intervenire, un idraulico da me interpellato, ha detto che è stato fatto un lavoro schifoso ed un illecito. Lui propone, poichè nessuno risponde alle raccomandate, di iniziare a rimuoverla o a TAPPARLA es. con schiuma poliuretanica, in quanto in casa sua ognuno è libero… e così sicuramente cercherebbero una soluzione comune.
    La ringrazio se vorrà rispondermi anche privatamente.
    Grazie in ogni caso per tutte le informazioni che ho trovato sel sito.
    Cordiali saluti.
    Raffaele

  64. Per Salvatore.
    Ti ringraziamo e terremo presenti.
    Il “Fai da te” comporta dei rischi, ma chi si sente di affrontarli, sa bene come deve comportarsi; e se non cerca la regola d’arte, si ritroverà un lavoro eseguito non a regola d’arte.
    Amedeu e c.

  65. Salve,
    vorrei sostituire un vecchio miscelatore da incasso con un termostatico “esterno”. Ovviamente mi rimarrebbe un bel foro in mezzo al nuovo rubinetto. Esistono in commercio delle piastre in inox per nasconderlo?

    Carlo

    • Per Carlo.
      Il mercato è talmente vasto, per cui puoi ricercare una possibile soluzione su internet, oppure, presso un magazzino di termoidraulica della tua zona, dove avranno molti cataloghi su cui effettuare la giusta scelta.
      Amedeu e c.

  66. ma per poter chiedere ad un professionista il certificato di idoneita’ dell’impianto idrico di casa e’ necessario predisporre un collettore per acqua calda/fredda ? domando questo perche sto acquistando una casa a rustico (non teminata) con un impianto gia fatto a nuovo 5 anni fa dove non e’ previsto il collettore …..

    Alessandro

    • Per Alessandro.
      L’impianto idrico, a differenza di quelli: elettrico, del gas, del riscaldamento e antincendio, è sempre rimasto nel limbo, nel senso che i Comuni non richiedono le dichiarazioni attinenti.
      Puoi comunque richiederla alla ditta esecutrice (Non al tecnico professionista o direttore dei lavori) che te la rilascerà ai fini della esecuzione de lavori a regola d’arte.
      Amedeu e c.

  67. Buon giorno,
    Dopo aver ristrutturato i 2 bagni il flusso d’acqua dai rubinetti è poco forzato e di scarsa quantità.
    Il mio idraulico dice che ho montato dei rubinetti troppo piccoli (in termini di portata).
    E’ possibile?, o c’è qualche altro problema? Per esempio tubature troppo piccole?
    L’idraulico dice di aver installato tubature standard, ma qual’è il dimensionamento standard?
    Grazie

    • Per Fabio.
      Le tubazioni di un bagno , se di acciaio zincato devono essere da 1/2″ pollice, e corrispondete diametro per tubi in altro materiale.
      Amedeu e c.

  68. Ciao Amedeu, volevo sapere le relative quote delle tubazioni di adduzione idrica e scarico (da pavimento a mezzeria) dei seguenti sanitari e componenti: lavatrice, vaso (solo sapere altezza del tubo adduzione acqua con cassetta di risciacquamento esterna),lavabo, bidet, doccia (altezza da terra miscelatore) e per la cucina il lavello. Grazie per la collaborazione!

  69. Buongiorno, sono Domenico, avrei una breve questione da sottoporvi, ho comprato una casa in bifamiliare, un tempo questa casa apparteneva ad una sola persona, la quale successivamente l’ha divisa in piano terra e piano primo, io ho acquistato il piano terra, ho scoperto che in cantina che si accede esclusivamente dall’interno di casa mia da apposita scala interna, ci sono dei tubi dell’impianto idrico esterni la parete della cantina, praticamente non sono murati, dell’ inquilino del piano superiore ed inoltre è presente una chiave di chiusura dell’intero impianto idrico della signora del primo piano, e poi c’è un rubinetto dal quale io posso attingere acqua.
    In merito a quanto descritto sopra, cosa posso fare per tutelarmi da eventuali problemi con l’inquilino del primo piano e posso chiedere la rimozione dell’impianto con relativo spostamento?
    Potrei un giorno essere accusato di abusare del rubinetto presente in cantina di prendere l’acqua dal suo impianto?
    Grazie per la risposta
    Cordiali saluti Domenico

    • Per Domenico.
      Il problema può derivarti proprio da quel rubinetto che attinge acqua non tua.
      Chiarisci la questione, bonariamente, con il tuo vicino, e cercate di trovare una soluzione che sia gradita da entrambi.
      Probabilmente la prima cosa che costui ti chiederà, sarà quella di mettere un tappo in luogo del rubinetto (Lo dovresti avere già fatto).
      Amedeu e c.

  70. Buona sera,
    Sto ristrutturando casa nella quale installerò in cucina una caldaia istantanea per l’ACS con portata di 17l/min Rinnai Infinity. La tubazione che arriva in caldaia è del tipo PPR con diametro 25mm e da qui parte un tubo di 25mm che va alimentare la cucina e due bagni che distano ca. 13 m dalla caldaia. I due bagni sono collegati a cascata, nel senso dopo 10m di tubo da 25 c’è installata una T e da qui vengono alimentati i due bagni singolarmente con tubo da 20mm per ca. 3m la singa tubazione. Il dubbio è se non converrebbe utilizzare due tubi del 20 per l’ACS che alimentano singolarmente ogni bagno anziché un tubo del 25.
    Grazie e buon anno a tutti.
    Saluti
    A.

    • Per LHM.
      Senza dubbio hai l’idraulico che deve rilasciarti la certificazione finale.
      Approfittane per farti fare un lavoro a regola d’arte.
      Amedeu e c.

  71. buonasera, volevo un consiglio per portare acqua fuori al mio terrazzo per installare la lavatrice. dal tubo principale dove posso allacciarmi ci sono12 metri in orizzontale e 8 metri in salita piu 2 per arrvare al punto dove mettere il rubinetto.avevo pensato al tubo di ferro da 1/2 pollice, puo andare bene? inoltre ho lo scarico al livello del pavimento, devo salire un tubo a 50 cm da terra? grazie

    • Per Giuseppe.
      Per l’impianto idrico, se la pressione dell’acquedotto comunale è tale da permetterti di portare l’acqua a 12 metri di altezza, non vediamo quale difficoltà tu possa avere, salvo quella di dove far passare le tubazioni; cosa che non possiamo dirti noi, in quanto dovremmo eseguire un sopralluogo.
      Il tubo da adoperare, se esterno, potrebbe essere lo zincato tipo mannesman da 1/2″, oppure un tubo in multistrato o rame da 16 mm.
      Per lo scarico, sei poco chiaro, ma se lo stesso è a 50 cm dal pavimento, dovrebbe andare bene, salvo metterci un attacco per lavatrice.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 + = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>