La documentazione necessaria da presentarsi a corredo della SCIA

La documentazione necessaria da presentarsi a corredo della SCIA

Diventa importante per chi si inoltra per la prima volta negli uffici addetti del Comune,  sapere in linea generale (Diciamo questo in quanto i Comuni sono tanti e non sempre le loro richieste corrispondono) quale è la documentazione necessaria per presentare un progetto, e in particolar modo, e lo trattiamo in questo articolo, cosa occorre per presentare una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e quale sono i documenti da allegare a corredo del modulo di presentazione

La documentazione necessaria da presentarsi a corredo della SCIA 1    

Elenco della documentazione necessaria, a corredo della SCIA:

a) Progetto dell’opera da realizzare composto da:

1. Relazione tecnica che, tra l’altro, contenga espliciti riferimenti alla legittimità dello stato dei luoghi ed alla conformità dell’intervento alla normativa edilizia ed urbanistica di riferimento.

2. Documentazione fotografica a colori, ampia e dettagliata, con planimetria schematica di riferimento ai punti di ripresa; le fotografie dovranno essere restituite su supporto non deperibile e dovrà essere garantita la loro riproducibilità nel tempo.

3. Estratto di mappa catastale o tipo di frazionamento con ubicazione dell’area di intervento;

4. Estratto planimetrico del Regolamento Urbanistico o Piano Regolatore Generale vigente con individuata l’area oggetto di intervento

5. Planimetria generale in scala appropriata, a seconda dell’ampiezza dell’intervento previsto.

6 Disegni quotati (scavi e riporti), in scala appropriata, delle piante e delle sezioni, idonei a documentare dettagliatamente i movimenti di terra, indicanti:

– le quote altimetriche riferite sia al piano di campagna naturale che a quello modificato, qualora Previsto;

Per interventi comprensivi di ripristino e/o realizzazione di muri di contenimento, i disegni di cui al presente punto dovranno essere integrati da:

– sezioni-tipo, rappresentative delle modalità costruttive e dei materiali impiegati;

– profili altimetrici quotati;

– prospetti (per parti ritenute significative rispetto al contesto territoriale)

– individuazione delle distanze dai confini di proprietà

7. Relazione geologico-geotecnica corredata delle relative indagini geognostiche, ai sensi del D.M. 14/01/2008, ove necessaria.

8. documentazione inerente il riutilizzo di terre e rocce da scavo secondo quanto disposto dal DLgs. 152/2006 o DM.161 del 20/08/2012 (ove necessaria).

b) Indicazione dell’impresa cui sono stati affidati i lavori:

nominativo e codice fiscale/partita IVA dell’impresa esecutrice unitamente ai codici di iscrizione identificativi delle posizioni INPS, INAIL, CASSA EDILE

c) ogni parere, nulla osta, istanza preventiva, atto di assenso comunque denominato necessario per l’esecuzione dei lavori

d) elenco dei documenti presentati, debitamente compilato ed eventuali dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà redatte ai sensi degli artt. 46 e 47 DPR.445/2000 e s.m.i. 

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.