Le stufe a pellet. Vantaggi, svantaggi e calcolo della potenza termica occorrente.

Riscaldare con materiali nuovi le nostre case, effettuando un risparmio economico ma anche raggiungendo un ottimo grado di calore, è tipico della nostra epoca, e lo sarà ancora di più nel futuro, con la società che tende al risparmio energetico.

Il pellet lo si può definire una biomassa appositamente creata con scarti del legno attraverso una procedura particolare

Il pellet si ottiene, sottoponendo della fine segatura di legno ad altissime pressioni; dopo di che viene trasformato meccanicamente in cilindretti della sezione di 6 – 10/12 mm.

Durante il processo di lavorazione, attraverso il calore, viene attivata la lignina , una sostanza legante, naturale del legno e che determina la definitiva compattezza dei cilindretti del pellet.

Il pellet viene utilizzato per alimentare le stufe ed i camini di nuova generazione.

Parliamo, appunto, in questo capitolo delle stufe a pellet.

Le stufe a pellet sono state realizzate per riscaldare l’aria degli ambienti, ma anche l’acqua per i sanitari e per il relativo utilizzo della stessa nell’ambito del riscaldamento.

Ma vediamo sotto tre di queste stufe:

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Come è possibile vedere dall’immagine soprastante, uno stesso modello può presentarsi in tre diversi colori e quindi aspetti; questo le rende atte ad essere inserite in qualsiasi ambiente di arredamento domestico.

Le stufe, bruciando il pellet emettono C02, per cui una sana applicazione all’interno del nostro appartamento, deve prevedere sia uno sfiato dei fumi verso l’esterno, che un approvvigionamento di aria dall’esterno verso la stufa.

Un sistema comunemente adoperato per scaricare i fumi è a parete, verso l’esterno. Tale soluzione non è però consigliabile, in quanto lo sfiato, così come avviene per tutte le apparecchiature di riscaldamento , deve essere portato sul tetto e deve sporgere almeno 1 mt.

Sotto vediamo una sezione schematica di una stufa a pellet collegata all’esterno con foro a parete.

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

L’approvvigionamento di aria, invece, può avvenire come dalla soprastante immagine

Il meccanismo dell’accensione e del funzionamento prevede che la stufa sia collegata all’impianto elettrico, e quindi deve essere collocata vicino ad una presa di corrente.

Molte persone rimangono perplesse dal fatto che per la stufa sia necessaria la corrente elettrica, ed ultimamente sono state messe in commercio delle stufe, quali quelle della Nordica, che vedete sotto, e che non  necessitano dell’allaccio elettrico:

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Le stufe a pellet, di solito hanno un ventilatore interno che tende a mantenere asciutta l’aria, e questo produce un ronzio, che può dare un certo fastidio.

Le ultime stufe hanno superato questa problematica e sono silenziose.

Altro fattore da considerarsi è costituito dalla formazione delle polveri di cenere, che devono essere poi aspirate con un  aspiratore adatto all’uso.

Pure questo inconveniente è stato superato e quindi durante l’acquisto di una stufa è necessario tenerlo presente.

Sul mercato, troviamo stufe a pellet da tutti i prezzi: poichè sono apparecchiature che producono calore, quindi C02, e perciò devono essere sicure al massimo,  si suggerisce di diffidare di chi vende a poco prezzo, in quanto dette stufe potrebbero nascondere dei difetti ,non visibili, ma sostanziali.

Dal punto di vista estetico, la scelta è molto ampia e le case costruttrici italiane, non sono seconde a nessuno.

Potete trovare la stufa che si intona al vostro ambiente:

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Un fattore importante che l’acquirente deve tenere di conto, al momento dell’acquisto, è la potenza termica della stufa che gli occorre.

La stufa deve essere commisurata al volume dell’ambiente da riscaldare.

Per tale motivo è necessario affidarsi ad un tecnico esperto, che vi calcoli il valore termico che vi occorre.

Cerchiamo di spiegarlo brevemente:

Ammettiamo che dobbiate riscaldare la vostra sala che ha un volume di mc 100.

Il cubaggio va moltiplicato per un coefficiente di coibentazione (che dipende dal tipo di coibentazione termica della vostra casa).

Tale coefficiente varia, da 0,040 (buona coibentazione) a 0,060 (scarsa coibentazione).

Ipotizziamo che per la nostra sala sia un coefficiente medio = a  0,050, per cui avremo:

mc 100 x 0,050 = KW 5  Potenza termica necessaria per riscaldare la vostra sala.

Abbiamo fatto un esempio molto semplicistico, ma vi raccomandiamo di chiedere all’installatore di calcolarvi sempre questo dato, al fine di farvi acquistare una stufa a pellet di potenza termica uguale o superiore alla vostra necessità.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

 

di Amedeu

103 commenti

  1. salve,volevo sapere come mai,una stufa a pellet comprata l anno scorso.per riscaldare 70 mq di casa non e premettendo che la mia casa e di 60 mq ,la mia casa non è per niente riscaldata.e poi volevo sapere.se potevo fare un impianto a pavimento con una stufa già esistente.e se posso evitate di rompere tutto il pavimento perchè poi e mia intenzione mettere il parquet,come posso fare? grazie

  2. Per Angela.
    Per le stufe a pellet, come per tutte le apparecchiature di riscaldamento, va controllata la potenza termica e paragonata al bisogno termico della abitazione nella quale si va ad installare.
    Non necessita sapere solo quanti mq (che fra l’altro vengono dati indicativamente) la stufa può riscaldare, se, per esempio, i soffitti sono alti, i vetri sottili, gli infissi hanno degli spifferi, le mura esterne sono umide o vecchie, il tetto non è coibentato termicamente ecc.
    Talvolta si spendono 1000 e più euro per un oggetto e poi ci accorgiamo di avere fatto un cattivo acquisto.
    A nostro parere dipende molto dalla serietà dei venditori nell’informare adeguatamente la clientela e dalla oculatezza degli acquirenti, i quali devono mettersi al corrente (magari da ditte o tecnici specializzati in materia), di quante Kwh effettive deve essere la stufa da acquistare.
    Inoltre, se vuoi fare un impianto a pavimento, la prima cosa da fare è scegliere un buon tecnico impiantista; devi farti fare un sopralluogo al quale poi seguirà un lavoro coordinato e per cui la ditta dovrà rilasciarti una certificazione di regolare esecuzione.
    Amedeu e c.

    • Salve io ho un appartamento di 180 mq devo installareuna stufa aa pellet totale elementi radiatori alluminio 77 quanto km deve essere la stufa? Con Una 2 Copro lambiente? Grazie buona serata

      • Per Armando.
        Scegli il tipo di stufa a pellet che vuoi installare e poi vai dal venditore (Possibilmente presso un magazzino specializzato in stufe e caldaie), che ti fornirà tutti i dati tecnici della stufa da acquistare, indicandoti quella idonea per il tuo caso.
        All’occorrenza, prima di acquistarla, prendi la marca e il titolo di tale stufa e vai a verificare la scheda tecnica della stessa presso il sito ufficiale della ditta costruttrice
        Amedeu e c.

  3. Buona sera Amedeu, sono indecisa tra un termocamino o stufa canalizzata ma mi preoccupa in mancanza di corrente elettrica con quale ho dei danni minori? Potrei aggiungere un caminetto a legna in caso di bisogno ma non riscalda l’appartamento completo e sarebbero due spesate, esiste un’impianto che riscaldi ambienti e pure acqua sanitaria senza problemi? Il gasolio e il metano lo devo escludere, ciao grazie

  4. Per Miranda.
    Lo puoi trovare fra le stufe a pellet con produzione, anche, di acqua calda
    Amedeu e c.

  5. Salve, dovrei riscaldare 100 mq circa di appartamento sito all’ultimo piano. Premettendo che lo stesso in inverno è molto freddo, vorrei prendere una stufa a pellet canalizzabile ad aria e per questo mi hanno consigliato una 12 kw. Va bene?? Poi, l’installatore mi ha detto che non si può far passare il tubo di scarico dei fumi dal bagno per poi praticare il foro di uscita per l’esterno per una questione di sicurezza, ma che al contrario il tubo di scarico va fatto uscire direttamente dietro la stufa. Ti ringrazio anticipatamente.

    • Per Donatella.
      A nostro parere si, dovrebbe essere sufficiente.
      Comunque, per esserne matematicamente certa, dovresti far calcolare la potenzialità occorrente (tenendo conto dell’altezza dei vani, dello spessore e costituzione dei muri e della copertura, dell’esposizione, dello stato degli infissi, ecc) da un perito o ingegnere impiantista.
      Per l’uscita dei fumi, segui ciò che ti ha suggerito l’installatore.
      Amedeu e c.

  6. salve per una casa di circa 150 mq una stufa a pellet idro da 12,5 kw e sufficente a mantenere una temperatura gradevole in casa? o devo optare per qualcosa di piu potente.
    premetto che mi trovo in sicilia ma sto vicino al mare e L’area dove mi trovo è molto scoperta poiche si tratta di una villetta su unico piano.

    • Per Valerio.
      Se vuoi fare le cose con relativa precisione, devi fare effettuare il calcolo termico della tua abitazione, in base al volume interno, alla consistenza dei muri, alla loro coibentazione ed a quella del sottotetto.
      Inoltre incide la collocazione della casa, e la Sicilia è una Regione a clima temperato.
      Tale calcolo, deve effettuarlo un termotecnico.
      Amedeu e c.

  7. Salve , io ho una casa di 100 metri quadri per un’altezza di 2,40-2,50 circa quindi i suoi metri cubici sono di 250. Io dovrei prendere una stufa con acqua sanitaria incorporata per l’acqua calda invernale avendo anche il boiler a gas esterno per l’estate ( impianto di termosifoni compreso). Mi è stato detto di prendere una 18kw ma la mia domanda è questa. .. se io prendo una stufa normale con l’acqua sanitaria esterna devo e posso prendere una stufa di minore intensità quindi magari una 15kw oppure una più potente come una 20kw -25kw? Il mio idraulico mi ha detto che con acqua sanitaria esterna la debbo prendere più potente di 18kw ma la cosa mi sembra tantissimo strana…attendo vostre notizie con impazienza visto che oramai non ci dormo la notte per questo dubbio.

    • Per Fabiana.
      Poichè il tuo idraulico avrà eseguito un sopralluogo e verificato le caratteristiche dell’abitazione, devi seguire il suo consiglio.
      Come possiamo, noi, da lontano, controbattere la risultanza tecnica di un esperto (Almeno dovrebbe essere così) che si trova in loco?
      Amedeu e c.

  8. buongiorno,
    sto per acquistare una casa in campagna completamente da ristrutturare, disposta su due piani di superficie totale di c.ca 60 mq.
    per l’acqua sanitaria abbiamo già optato per dei boiler elettrici distinti ( cucina/bagno) mentre l’annosa questione riguarda il riscaldamento vero e proprio. al momento esiste solo un vecchio stupendo e classico camino per la zona giorno, mentre le camere al piano superiore sono sprovviste di qualsiasi forma di riscaldamento. premetto che sarà una casa vacanza prettamente estiva, che in inverno, spesso nevica, potrebbe essere sfruttata per dei fine settimana mordi e fuggi e che i muri sono in pietra con spessore di circa 1 mt.
    avremmo pensato di installare una stufa legna o pellet nel piano superiore, mentre il problema vero è per quello inferiore, in quanto il bagno ( ora di fortuna ) verrà probabilmente posizionato all’interno di quella che attualmente è la cantina con un muro divisorio di ‘soli’ 1,5 mt di spessore. come lo scaldiamo?? grazie infinitamente

  9. Buongiorno,
    abbiamo una stanza di 25 mq sprovvista di impianto di riscaldamento. Siamo indecisi se allacciare un termosifone (l’impianto ci sarebbe) o comprare una stufa a pellet. In particolare, è vero che per la stufa a pellet serve esclusivamente un camino in tubatura di acciaio?
    Eventualmente, esistono altre fonti energetiche alternative che possono fare al caso nostro (la stanza potrà essere riscaldata solo qualche giorno a settimana)? Grazie!

    • Per Tino.
      Per le stufe a pellet (Ne esistono di mille tipi) occorrono 2 tubi (dei fumi e di presa aria).
      Molto efficaci e non dispendiosi, anche come consumo, sono i condizionatori o pompe di calore; devono però essere di buona marca e possibilmente in categoria A+++.
      Amedeu e c.

  10. Buona Sera :

    La domanda e’ semplice forse la risposta meno: ” Le stufe Idro-pellet”
    hanno o no la capacita’ di riscaldare i caloriferi in un numero di 9 della mia abitazione di 350 metri cubi.
    Il mio idraulico dice che tali stufe non hanno sufficiente potere calorifico e risparmio economico rispetto al gas.
    Grazie per la cortese attenzion

    Adriano P.

    • Per Adriano.
      Devi fare verificare tale dato dal tuo termosifonista, il quale in base ai dati tecnici della stufa, al volume interno, ed allo spessore delle murature perimetrali della tua abitazione, ecc, saprà calcolarti con precisione la potenzialità occorrente per avere un buon riscaldamento invernale.
      Amedeu e c.

  11. salve, vorrei sapere per acaldare una casa da 150 mq disposta su tre piani che kw è necessario ed il prezzo chiavi in mano

  12. Buongiorno, ho un appartamento di circa 100 mq con impianto di riscaldamento a gas con termosifoni. Vorrei installare una stufa a pellet idro, sarebbe posizionata in cucina al posto del termosifone. E’ meglio che sia ventilata o non fa differenza?( Ho visto le Montegrappa che non hanno ventilazione ). Grazie per l’attenzione Stefania

  13. Scusa, mi sono spiegata male. Intendevo che ho visto delle idro stufe ventilate, che immettono anche aria ventilata nell’ambiente (disattivabile) e non capisco se conviene che abbia anche questa caratteristica o è sufficiente il calore che emana la stufa stessa…Grazie Stefania

    • Per Stefania.
      Dipende dalle esigenze che hai, ed inoltre i tipi di stufe in commercio sono veramente tanti.
      Se hai vari ambienti da riscaldare con una stufa, il calore che emana dalla stessa non sarà sufficiente, per cui occorrerà una canalizzazione a soffitto che lo trasmetta, ad aria calda, negli altri locali.
      Se poi è una stufa ad aria ventilata e per un solo locale, riteniamo sia preferibile ad una normale, specie se l’ambiente è ampio.
      Amedeu e c..

  14. buonasera sto ristrutturando casa di 70 m con una grande zona giorno openspace di 50 m dove e’ situato un camino in cui vorrei inserire una stufa a pellet. Mi domando se sufficiente a scaldare tutta l’abitazione senza effettuare opere di canalizzazione, nei casi di estremo bisogno sono presenti anche condizionatori a pompa di calore. grazie

    • Per Mary.
      Dipende dal tipo di stufa a pellet che vuoi installare.
      Leggi attentamente l’articolo dal quale ci hai scritto.
      Se la zona di 50 mq è separata da una normale porta dalla rimanente area di 20 mq, in quest’ultima avrai certamente un notevole abbassamento di temperatura, a meno che tu non installi una stufa con una canala per la zona più piccola.
      Amedeu e c.

  15. Buon giorno
    ho un appartamento di 60 mq, in zona collinare in Emilia Romagna composta da: soggiorno con cucina, 2 camerette, bagno. Altezza muri interni circa 2,75 m. Vorrei installare una stufa a pallet idro per scaldare l’acqua dei termo. Il mio idraulico mi consiglia e mi fornirebbe una 24Kw con ventilazione. Avrei due domande:
    – non è eccessivamente sovradimensionata ?
    – siccome andrebbe posizionata a ridosso della cucina, potrebbe dare fastidio il calore emanato per radiazione quando sei nelle vicinanze per esempio per cucinare o lavare i piatti ? Oppure emana una temperatura sopportabile ?
    Mille grazie ! A presto.

  16. Presto comprerò una villetta di circa 150mq su due elevazioni. Vorrei un consiglio sul tipo di riscaldamento da utilizzare. Altezza tetti 2,80 mt. La villetta si trova a circa 350 mt dal livello del mare. Grazie.

    • Per Domenico.
      Tutti gli impianti di riscaldamento sono validi, purchè si prendano in esame le dovute misure di isolamento e risparmio termico, molto importanti per ogni famiglia.
      Se si considera un impianto a caldaia e termosifoni o piastre scaldanti, è preferibile l’uso del metano; se questi non è reperibile in strada, va bene l’uso del GPL in botte interrata o meno; sconsigliabile il gasolio.
      Poi, vi sono le pompe di calore (o condizionatori), alcune delle quali hanno raggiunto dei consumi minimi e dei rendimenti eccellenti.
      Cosa importante è, invece, l’isolamento termico della casa, effettuabile con un cappotto termico esterno, oppure con una coibentazione termica interna.
      Per ogni singolo argomento sopra citato, ed ancor di più, troverai tanti nostri articoli scritti in merito.
      Usa il pulsante “Cerca” in alto a destra ed immetti le parole che ti servono: per esempio “Impianto di riscaldamento”, oppure “Cappotto termico”, ecc.
      Amedeu e c.

  17. ho un’appartmento di circa 90 metri altezza 2 e 70 infissi con doppio vetro e spessore muri 50 cm che tipo di stufa serve per il riscaldamento? e quanto potrebbe consumare al giorno?

  18. ho casa di m.quadri 60 (roma), una stufa a Pellet di potenza: introdotta 7,3 kW nominale 6,5 kW – resa termica: 89,5% .
    E’ sufficente per riscaldarla?.
    Grazie, resto in attesa della Sua risposta.
    Renato

  19. ho un’ambiente unico di 100 mq X m.3 di altezza praticamente 300 metri cubi, che potenza termica deve avere una stufa a pellet ?
    la casa ha muri di spessore di 40 cm coimbientatto al centro con pannelli in polistirene,finestre in alluminio a taglio termico, e solaio coimbientato con pannelli in polistirene, ambiente unico di mq 100 x 3 m. di altezza, praticamente 300 metri cubi, che potenza termica deve avre una stufa a pellet?

  20. ho una casa di circa 90 metri con altezza 2,70 finestre in legno non perfettamente ermetiche, divisa in cinque stanze, se vorrei posizionare una stufa a pellet ad aria al cento della casa riuscirei con tutte le porte aperte ad avere un caldo omogeneo?

  21. Ho acquistato una stufa a pellet Nordica Iside idro nella quale è un po’ rumorosa sia la pompa dell’acqua che la coclea che spinge il pellet. Soprattutto la pompa, se paragonata a quella della caldaia a metano, è molto più rumorosa. Domanda : si può installare esternamente in modo che la posso collocare nell’ambiente caldaia a metano? Inoltre produce molto residuo e mi sembra che la ventilazione sia troppo elevata, si può ridurre? Grazie per la risposta e Auguri di Buon Anno.

    • Per Domenico.
      Non conosciamo le caratteristiche della Nordica Iside. Comunque abbiamo visto che ha una ventilazione frontale con possibilità di esclusione.
      Se la stufa risulta coibentata adeguatamente e non disperde calore per irraggiamento nel locale dove è ubicata, puoi pensare ad una diversa dislocazione, magari sfruttando il sistema della canalizzazione.
      Ti consigliamo di parlarne con il tuo rivenditore, e se costui non è esperto, contattare la Nordica (Su internet troverai le indicazioni) per avere assicurazioni in merito.
      Amedeu e c.

  22. La ringrazio per la pronta risposta, ma nella mia domanda ho omesso di precisare che la collocazione esterna riguarderebbe solo la pompa e non l’intera stufa, poiché la stufa stessa producendo anche dell’aria calda è utile conservarla nel salone, mentre la sola pompa, dato il rumore, se è possibile collocarla in altro ambiente diverso e lontano dalla zona giorno. Grazie di nuovo e Auguri

  23. buon anno,per un appartamento di 70m alto300 a pozzuoli na,ultimo piano3,esposto a nord con infissi coibendati solaio classico costruzione del1970,vorrei ist.una stufa pelletidro,quanti kw?se vengono superati a cosa vado in contro??????’grazie

    • Per pasquale.
      La potenzialità di una stufa o di una caldaia va sempre fatta calcolare in base al cubaggio ed alle condizioni della struttura perimetrali della costruzione.
      Perchè sprecare soldi inutilmente?
      Comunque sia non avrai particolari inconvenienti.
      Amedeu e c.

  24. Buon giorno, avrei bisogno di riscaldare due locali comunicanti (con porta)di circa 30 metri cubi complessivi. Quale dovrebbe essere la potenza di una stufa a pellets, perché mi sembra che quelle in commercio siano tutte sovradimensionate rispetto al volume che mi interessa. Inoltre sarebbe sufficiente una stufa che funzioni anche in caso di temporanea mancanza di elettricità? Grazie

  25. buongiorno, avrei bisogno dei consigli su la stufa idro pellets montegrappa aq 21 isola ,che sto acquistando.
    casa mia di 110 mq impianto riscaldamento e acs a metano di circa 20 anni fa ma la struttura e vecchia quindi non è coibentata
    quindi fredda anche con riscaldamenti accesi la vorrei allacciare a un convettore vicino per evitare i lavori cosa che mi hanno detto possibile fare,qualche consiglio ben accetto .
    abito vicino a perugia
    termosifoni ghisa piu 2 nei bagni tipo a scaldasciugamani
    grazie mille

  26. grazie e venuto l’draulico ho fatto il lavoro direttamente portando i tubi alla caldaia ecc.
    volevo sapere se mi puoi dare dei consigli come meglio gestirla dato che per me ancora sono digiuno e cerco consiglio qua e la e sono tutti accettati.
    poi avrei bisogno di un consiglio, dovrei mettere un termostato a contatto a molla per via che la temperatura acs della stufa si abbassa parte l’acqua dalla caldaia in modo da non rimanere sensa specialmente nelle mezze stagioni mi dici come istallarlo e quale metterci grazie

    • Per Paolo.
      La risposta che ti abbiamo dato precedentemente è l’unica che possiamo ripeterti, in quanto tale materia, che noi illustriamo per la sola conoscenza dei lettori, deve essere gestita ed eseguita da personale specializzato, che al termine dei lavori deve rilasciare una certificazione di regolare esecuzione.
      Amedeu e c.

  27. Buonasera, quando si leggono le caratteristiche di una stufa e si parla di “volume riscaldabile” ci si riferisce ad un unico ambiente/stanza di quel volume o ci si riferisce ad un appartamento (con diversi ambienti) di quella cubatura? Spero di essere stato chiaro. Grazie

    • Per Paolo.
      Se per esempio la stufa viene data per un volume riscaldabile di 100 mc, difficilmente potrà interessare una sola stanza, ma se installata in un ambiente riscalderà convenientemente lo stesso, e per gli altri attigui il caldo sarà molto inferiore, in quanto vi sono le pareti interne che costituiscono barriera, e non sarà certo il vano di una porta a far defluire convenientemente il caldo.
      In questi casi vi sono stufe canalizzate, che spingono il calore negli altri vani tramite canale a soffitto.
      Amedeu e c.

  28. Salve,
    vorrei un suo parere riguardo la possibilità di installare una caldaia a pellet nel mia casa. io abito in una casa abbastanza grande (circa 180mq) e conun totale di circa 140 elemti in ghisa.
    Nella stanza principale ho 2 finestre e in più la porta di ingresso che porta molta aria fredda. Inoltre siamo poco esposti al sole.
    Secondo lei l’installazione di una caldaia a pellet (Klover Diva Puls – Potenza termica 24.8 KWh) è sufficiente per scaldare bene la casa? Inoltre questa caldaia fornisce ciorca 4.2 KW all’aria per cui la sfrutterei anche per riscaldare anceh la stanza principale.
    Inoltre, secondo lei, quanto sacchi da 15 Kg saranno necessari al giorno?
    Considerando circa 2 sacchi al giorno ho fatto un calcolo che più o meno spenderei la stessa cifra che spendo attualmente con il metano, per cui il mio dubbio riguarda principalmente il caldo che riuscirei ad ottenere.
    Grazie.

    • Per Pietro.
      Ti vorremmo aiutare volentieri, ma in questo caso rischiamo di rubare il lavoro a tecnici professionisti termo idraulici abilitati a tale scopo.
      Fra l’altro, poi, sono calcoli che comportano del tempo e che noi non abbiamo a disposizione.
      Amedeu e c.

  29. Salve,
    qualche giorno fa ho inviato una domanda ma nn è mai stat pubblicata. Posso sapere il perchè?

  30. Io dovrei valutare l’acquisto di una caldaia a pellet. La caldaia ha circa 24KW di potenza, presenta una bocchetta per l’aria a cui fornisce circa 4.2 KW di quelli prodotti.
    La mia casa è abbastanza grande (circa 180mq) con all’incirca 140 elementi radianti in ghisa. La parte più fredda è la stanza d’ingresso che presenta 2 finestre e la porta di ingresso. Inoltre la casa è poco esposta al sole per cui riceve anche poco calore dal sole. La caldaia la vorrei sistemare in questa stanza in modo che l’aria prodotta riscaldi l’ambiente. La caldaia a metano è vicina per cui i tubi di collegamento delle 2 caldaie sono facilmete installabili.
    Quello che mi chiedo è quanti sacchi dovrei consumare al giorno e se c’è effettivamente un risparmio rispetto al metano. E se comunque, a parità di costo, la casa è effettivamente più calda. Ora, con il metano, faccio 3 accensioni al giorno, mentre con il pellets fare un’unica accensione alle 5 del mattino e terrei acceso per circa 16/17 ore.

    • Per Pietro.
      Non è che non vogliamo aiutarti, ma in questi casi consigliamo sempre di rivolgersi dal venditore della stufa a pellet, il quale tramite il suo tecnico installatore e manutentore ti darà tutte le spiegazioni e i consigli che desideri.
      Amedeu e c.

  31. Salve,io vivo in una casa di 65 mq, soppalcata a vista,in quanto i soffitti sono alti ,nella punta più alta,di quasi 5 metri. Abbiamo nel soggiorno una stufa a pellet canalizzabile 9kw, sospesa small,quelle sottili per chi ha poco spazio come me. Scalda tantissimo,ma ora vorrei canalizzarla per due stanze:La camera da letto e il bagno. La camera è vicinissima,saranno circa 2,5 mt…3 esagerando dalla stufa, il bagno, sebbene si trovi di fronte,per come è strutturato,ha bisogno di un paio di curve in più; riuscirà a scaldare le due stanze ? Mi hanno detto che se si canalizzano due vani,la canalizzazione non ha senso O.o .Aiuto

    • Per Lucente.
      Una risposta quasi impossibile da darti.
      Potrà aiutarti il tecnico della ditta manutentiva o di quella dove hai acquistato la stufa.
      In base ai dati tecnici rilevabili sulla scheda tecnica della ditta costruttrice (Rilevabile anche via internet), ti potranno calcolare il fabbisogno termico e dirti se tale stufa può essere sufficiente.
      Amedeu e c.

  32. Salve Amedeu. Le vorremmo chiedere un consiglio: qual’è il sistema di riscaldamento a suo avviso più adeguato per una casa dai soffitti alti (4,5 m) composta da 7 vani?

  33. Ciao volevo sapere se acquisto una stufa a pellet idro della montegrappa con kit di ventilazione , nelle stanza dove istallo la stufa e necessario mettere anche degli elementi di termosifoni o basta la stufa? Ciao

    • Per Francesco.
      Devi fare calcolare il bisogno energetico della tua abitazione da un tecnico, dopo di che potrai sapere se aggiungere qualche radiatore (Se hai già predisposta una caldaia), oppure no.
      Amedeu e c.

  34. eccomi qua..dopo tanti ripensamenti e con l arrivo del grande freddo ho pensato di mettere una stufa a pellet nel corridoio ..la casa e di 100mq e 3 metri di altezza ..mi dicono che 12 kw vanno bene anche se io leggendo di vari calcoli non li trovo sufficienti ..il problema è un altro ..non potendomi allacciare alla vecchia canna fumaria ne devo costruire una nuova che va prima con un gomito poi inclinata in una parete e ancora inclinata nell altra..4 metri una e 4 l altra..l inclinatura è meno di 45° praticamente l altezza è tre metri quindi utilizzo prima un muro poi l altro ..inclinata per un metro e mezzo nella prima parete e altrettanti per la seconda parete..e poi esco fuori e salgo per altri 4 forse piu in verticale..è una cosa fattibile?ringrazio per la risposta . Francesca

    • Per Francesca.
      Mettere troppe curve in una canna fumaria è sicuramente deleterio per il tiraggio e quindi per il buon rendimento della stufa.
      Cerca una soluzione diversa prima di seguire il tracciato che ci hai indicato.
      Amedeu e c.

  35. salve a tutti,
    necessito di un parere di qualche esperto o qualcuno che magari ha gia impiantato una stufa a pellet o a legna,intanto siamo indecisi se prendere una stufa a legna o a pellet poi…l’ambiente da riscaldare e circa 110 mq suddiviso in un soggiorno ampio,2 camerette ,1 camera queen,1 cicina e 1 bagno, il tetto no è alto,ma nella media credo 2.80/3m ovviamente in un unico piano….cosa mi consigliate?pellet o a legna e quanti kw?
    GRAZIE anticipatamente

    • Per Carlo.
      Per il calcolo, lo puoi effettuare da solo seguendo l’articolo dal quale ci hai scritto.
      Ti servirebbe una stufa a pellet del tipo canalizzata, per portare calore in tutti gli ambienti.
      Chiedi lumi ad un tecnico termosifonista della tua zona.
      Amedeeu e c.

  36. Salve di quanti kw deve essere la stufa a pellet canalizzata che dovrá riscaldare la mia casa composta da piano giorno di 50 metri quadri e piano notte di altri 50 metri quadri….grazie

  37. Salve io una casa a due piani composta da piano giorno da 50 mq e piano notte di 50 mq…dato che non ho l’impianto per i termosifoni dovrei mettere una stufa a pellet canalizzata…Mi potete indicare di quanti kw dovrei prendera Per far si che riscaldi entrambe i piani.grazie

    • Per Rino.
      Leggi attentamente l’articolo dal quale ci hai scritto, e ti renderai conto che è facile calcolare il fabbisogno termico, anche se, logicamente, approssimativo.
      Amedeu e c,

  38. Saluti a tutti. Voglio fare una domanda che sembra un po scontata ma effettivamente chi a un po di intuito e occhio fino credo che se la sia posta. Ci sono delle stufe che sembrano le stesse anzi sono uguali ma con differenze di kw anche di 8 e anche 12. cosè che cambia in queste stufe a pellet? grazie della risposta.

  39. Salve ho una stufa a pellet nordica extraflame 13,1 KW idro.Per un appartamento di 110 Mq e 2,80 di altezza quanti elementi di 80 di interasse sono consigliabili per un buon riscaldamento?

  40. SALVE , VORREI STACCARMI DAL IMPIANTO CENTRALIZZATO A GAS(CONDOMINIALE), E PENSAVO DI POTER SOSTITUIRLO CON UNA STUFA PELLET MA ABITO AL PENULTIMO PIANO, VORREI SAPERE SE POSSO SCARICARE I FUMI SULLA PARETE E NON SUL TERRAZZO, QUALI SONO LE MARCHE IN CUI POTER ACCERE. RINGRAZIO

    • Per Franco.
      Ti troveresti in controversia con il vicino del piano superiore, a meno che non sia una facciata completamente libera da finestre.
      Devi però consultare l’installatore che ti metterà in opera la stufa.
      Le marche migliori sono senza dubbio quelle italiane.
      Edilkamin e similari.
      Amedeu e c.

  41. Salve amedeu, premetto che abito in una villetta distante da vicini, vorrei chiederti….volendo collocare una stufa a pellet e scaricare i fumi con foro a parete (come da es. ad inizio di questa pagina) leggo che non è consigliabile, ma da un punto di vista tecnico… ti chiedo se si può fare e se pensi che la funzionalità della stufa ne possa risentire, grazie

    • Per Roberto.
      La fuoriuscita dei fumi non avviene diretta come portata sul tetto, in quanto dovresti mettere una curva a squadra in più e inoltre l’emissione di fumo, a lungo, ti macchierebbe la parete e se hai dei vicini potrebbe dare loro fastidio.
      Amedseu e c.

  42. Salve amedeu, premetto che abito in una villetta distante da vicini, vorrei chiederti….volendo collocare una stufa a pellet e scaricare i fumi con foro a parete (come da es. ad inizio di questa pagina) leggo che non è consigliabile, ma da un punto di vista tecnico… ti chiedo se si può fare e se pensi che la funzionalità della stufa ne possa risentire, grazie

    • Per Roberto.
      Probabilmente il tubo di areazione della stufa va portato a una certa altezza sulla facciata.
      Chi ti installerà la stufa (Ti consigliamo di non farlo da solo ma di chiedere l’intervento di personale addetto alle manutenzioni), ti indicherà la posizione della tubazione e quella eventuale della condensa.
      Amedeu e c.

  43. Buongiorno Amedeu,
    io e mia moglie stiamo ristrutturando casa, le fornisco alcune info al riguardo per avere un suo parere orientativo:
    – la casa è nella prima periferia della città, è un’abitazione isolata, tendenzialmente piuttosto fresca, sia in inverno sia in estate.
    – la sua conformazione è rettangolare, con un rapporto di circa 1:3 tra le sue dimensioni massime
    – 2 piani: zona giorno al pianterreno + zona notte al primo piano, scala interna a giorno
    – le controsoffittature di entrambe le zone saranno eseguite in cartongesso
    – non abbiamo previsto alcun tipo di cappotto termico, per necessità di contenere le spese.

    Con un’unica stufa a pellet canalizzata, posizionata al pianterreno (cubatura complessiva da riscaldare 120 mc) al centro della parete più lunga, vorremmo riscaldare anche i 4 ambienti al piano superiore (cubatura complessiva da riscaldare 140 mc). con una 12Kw dovremmo cavarcela secondo lei?
    Grazie in anticipo, buona giornata!

  44. Salve volevo delle informazioni a riguardo alle stufe a pellet, devo riscaldare una casa di 150 mq su due livelli, vorrei collegarla sulla caldaia per collegarla direttamente ai caloriferi, lei cosa mi consiglia e quanto mi potrebbe venire a costare più o meno il tutto? Grazie mille di tutto buon lavoro.

    • Per Paolo.
      Non sono cifre che si possono sparare come fanno molte agenzie immobiliari; occorre un preventivo di spesa basato sulla disposizione dei locali, sulla dispersione termica, sul tipo di caldaia e corpi scaldanti che vorrai mettere in opera.
      Insomma ti serve un preventivo fatto da una buona ditta di termoidraulica della tua zona previo un idoneo sopralluogo.
      Amedeu e c.

  45. Salve, avevo bisogno di un consiglio (per favore). La mia casa e’ a due piani ed ogni piano e’ di circa 40 metri quadri, nel 1° piano dove si trova il soggiorno ho installato una stufa a pellet circa 18 kv con 2 radiatori con ognuno da n.8 elementi da 80 cm circa. Nella zona notte ci sono differenti radiatori predisposti per la grandezza della stanza. Regolando la stufa sui 24 gradi, nel soggiorno dove si trova la sondina che regola il calore si sta’ abbastanza bene mentre invece nella zona notte l’appartamento non riscalda come dovrebbe anzi e’ freddino ed in piu’ ho un consumo eccessivo di pellet (un sacco da 15 kg ogni 6 ore circa. (l’acqua calda non fa’ parte perche’ e’ alimentata a gas) Mi dareste un buon consiglio per il corretto funzionamento??? Grazie…Eugenio

  46. Buongiorno e complimenti per il blog, molto professionale e utile.
    Vivo in un appartamento di 130 mq e mi stavo chiedendo se può avere senso installare la stufa a pellet per evitare o almeno risparmiare sulle spese del metano. Il mio dubbio è che la pianta della casa è a forma quadrata, con un corridoio centrale e diverse stanze ai lati del corridoio stesso. Secondo vuoi installando la stufa (ovviamente ventilata) ad inizio corridoio (che è lungo circa 10 metri) riceverei un beneficio nelle varie stanze laterali o dovrei comunque (per queste ultime) continuare ad utilizzare in parte preponderante il riscaldamento a metano? Specifico che i serramenti sono ben isolanti e che sono intenzionato a fare lavori in muratura.
    Vi ringrazio e saluto cordialmente.
    Paolo

  47. Buona sera vorrei acquistare una stufa a pellet idro ventilata abbiamo gia visto tdue stufe la meg edilcamin e iside della nordica abituamo in mansarda e l appartamento e di 130 m il punto piu basso e 1,69 abbiamo8 termosifonii e mi chiedevo con una 23kw nn sarebbe troppo? O la 18kw andrebbe troppo al limite?/E accendendo tuttto il giorno avendo una bimba piccolissima quanti kg di pellett si consumano?

  48. Salve ho una termocucina legna ormai ha piu di 20 anni con la quale riscaldo appartamento di 100 metri quadrati, N° 7 caloriferi in ghisa, e acqua per i sanitari in un boiler di 200 litri montato piano di sopra a circolazione naturale senza nessuna pompa,
    chiedo un consiglio, per sostituirla, meglio termocucina legna o termocucina pellet
    termocucina pellet da la stessa resa che la termocucina legna ?
    potrei avere marca della termocucina
    grazie

  49. Salve, ho una termostufa COLA da 18 kw per un appartamento da 120mq volevo sapere come mai la stufa nn riesce mai ad arrivare alla temperatura impostata a 60gradi…. si ferma sempre sui 57gradi massimo 58…. da cosa dipende?? Grazie anticipatamente…

    • Per Giosuè.
      A nostro parere sei fortunata che la stufa raggiunga quasi la temperatura massima prevista, in quanto è molto raro che ciò avvenga, in quanto la temperatura dipende da molti fattori, non ultimo la classe energetica dell’appartamento (E naturalmente dalla dispersione termica derivante dai muri e dagli infissi).
      Amedeu e c.

  50. Salve sono nuovo di questo forum e girovagando su internet vi ho scovati, devo farvi i complimenti per la competenza, comunque a parte questa piccola parentesi, volevo porvi anch’io una domanda, visto che sto costruendo una nuova abitazione di 180mq disposta su due livelli volevo sapere la migliore soluzione per riscaldare i due ambienti visto che contattando vari esperti del settore vedo un pò di confusione, cioè mi hanno consigliato di fare un impianto a pavimento e riscaldare tutto con un impianto a metano ma penso sia poco conveniente in termini di spesa io opterei per una stufa a pellet o un camino a pellet o magari un combinato che mi faccia logicamnte anche l’acqua calda…. non so…. anch’io sto in confusione… chiedo aiutooo, quale la soluzione migliore ed anche più economica??? Grazie mille

  51. Salve sto acquistando una stufa a Pellet idroventilata della edilkamin 14 kw la mia casa è di 90 mq ce la faccio ad ottenere una bella temperatura? E poi la temperatura max che arriva una stufa a Pellet di 14 kw quant’è? Grazie

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.