Legge 122/2010. Altre novità sugli immobili.

Fra le novità introdotte dalla legge 122 del 30 luglio 20101 e della quale abbiamo già parlato, è doveroso segnalare anche quella relativa alle locazioni.

Dovendo registrare i contratti di locazione degli immobili, sia per la prima volta che per rinnovo , è necessario indicare i dati catastali riferiti all’immobile oggetto della locazione stessa.

Per chi omette tali dati è prevista una sanzione pecuniaria che varia dal 120 al 240% dell’imposta di registrazione dovuta.

 

Altra novità riguarda i proprietari di immobili che non risultano mai accampionati al catasto: i cosiddetti "immobili fantasma".

Con il telerilevamento effettuato a mezzo di fotografie aeree, sono stati segnati tutti quei fabbricati non accatastati.
 
C’è tempo fino al 31 dicembre 20101 per poterli regolarizzare catastalmente.
Trascorsa questa data, verrà proceduto d’ufficio.
 
Il rischio è quello che la rendita “presunta” che verrà assegnata d’ufficio sia molto più alta di quella reale.
 
A parte ciò verrebbero addebitati anche tutti i costi di inscrizione.
 
Per opportuna conoscenza dei lettori, è allo studio una “attestazione integrata ipotecaria/catastale” che risulterà essere un atto che unifica i due certificati attuali, cioè quello catastale e quello ipotecario.
 
 
Insomma, si sta andando verso una riforma fiscale che non consentirà più al cittadino di sfuggire alle tasse dovute alla Stato per i fabbricati.
 
 
 
 
Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

4 commenti

  1. in ottobre ho acquistato come prima casa un appartamento regolarmente accatastato con taverna box e cantina, di fatto però la cantina è a tutti gli effetti un box anche urbanisticamente. L’appartamento è tutt’ora privo di agibilità proprio per le discordanze tra l’urbanistica e le schede catastali.Vorrei presentare nuove schede catastali per variare da cantina a box.Questa operazione mi comporterebbe delle differenze da pagare ai fini della compravendita già effettuata? sono passivo di sanzioni? grazie e saluti Se la risposta comporta un onorario, vorrei che mi fosse quantificato prima.

  2. Per Emilia.
    Il nostro è un sito di informazione e le risposte sono gratuite.
    Per la compravendita effettuata non dovresti pagare nulla.
    Ci sembra di comprendere che il notaio abbia venduto un appartamento che non aveva l’agibilità.
    Leggi l’articolo precedente a quello dal quale ti rispondiamo.
    A parte ciò, ti ritrovi ad avere una casa priva di agibilità (é la parte che più conta) da parte del Comune (Dichiarazione del tecnico, e ASL ecc) ed inoltre delle planimetrie catastali accampionate relativamente al box/cantina che vanno modificate.
    Ti suggeriamo di trovarti un buon tecnico professionista abilitato, che ti prenda la situazione in mano e porti a buon fine queste carenze.
    Amedeu e c.

  3. ho comprato un appartamento in condominio con giardino privato.sono anni che discuto con gli altri condomini e amministratore compreso ,i quali vogliono ignorare la cosa, perchè sbuca dal mio giardino una cantina abusiva di un condomino accessibile solo dal loro box,inoltre è sotto il balcone della mia camera(così sotto il balcone non ho il vuoto).ho assunto un geometra che ha fatto la perizia e ha riscontrato oltre al locale abusivo ,anche che, il muro li vicino(condominiale) è spostato di un metro per far posto a questo locale.voglio sapere se l’amministratore ha qualche obbligo e responsabilità nel denunciare l’abusivismo.oppure chi deve procedre?il condomino abusivo, io, oppure icostruttori che l’hanno costruita? l’edificio è stato ultimato nel 2007.e nel caso che qualcuno si fa male chi ne risponde e quali conseguenze ci potrebbero essere?perchè questo muro condominiale ha creato una situazione di possibile pericolosita’.come devo agire,aiuto.ed è giusto che spendo solo io perchè nessuno collaborae se ne lavano le mani

    • Per Sabrina.
      Ognuno ha la facoltà di tutelare i propri “diritti”, facendoli valere nelle sedi opportune.
      Devi verificare, per prima cosa, che tale garage sia effettivamente abusivo.
      Quindi recati presso l’ufficio Edilizia privata del tuo Comune e chiedi di prendere visione della pratica relativa all’edificio costruito nel 2007.
      Al piano terra (nelle piante e sezioni), dei disegni, noterai subito l’esistenza o meno, sul progetto approvato, di tale locale.
      A questo punto devi denunciare l’abusivo (quindi prenderti le responsabilità per tutelare i suddetti diritti) e chiedi l’intervento del Comune.
      Devi fare la segnalazione, per scritto, diretta al Comune (Ufficio di cui sopra) e.p.c.all’ufficio di Polizia Municipale.
      Chiedi di essere aggiornata per scritto.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.