Murature in blocchi di laterizio, armate.

Una volta in possesso del progetto edilizio approvato e della relativa concessione, il progettista ed il direttore lavori, daranno delle indicazioni su come costruire la casa partendo dalle fondazioni.

Abbiamo ampiamente parlato dei muri portanti, ma abbiamo tralasciato le cosiddette "murature armate" ed in particolare le "murature in blocchi armati"

Secondo le vigenti normative sismiche che sono molto più restrittive che non nei tempi trascorsi, i tecnici sopra indicati potranno optare per la realizzazione di una muratura portante in blocchi sismici, convenientemente armata con barre di acciaio calcolate ad hoc.

Di seguito vi mostriamo degli esempi di questa muratura e dei particolari relativi alla disposizione dei ferri nei confronti dei blocchi in laterizio.

Considerate che la malta usata dovrà essere del tipo cementizio.

Per l’occasione usiamo il blocco tipo Poroton comunemente conosciuto ed usato in edilizia.

Consideriamo lo spessore della muratura scelto in 30 o 40 cm:

  CLIC

Come si può vedere dal disegno sopra, i blocchi vanno murati sfalzati, nei fori va infilato un ferro del diametro opportuno, adeguatamente bloccato in malta cementizia, le staffe sono formate da ferri a correre che prenderanno fra di loro gli spezzoni verticali e saranno contenute nella malta cementizia di allettamento dei blocchi.

I particolari sono indicati nel disegno.

  CLIC

Nel particolare sopra, che riporta un angolo della casa, sono indicate le posizioni sfalzate delle staffe.

  CLIC

Sempre sopra mostriamo il disegno dei blocchi Poroton armati, con particolare riferimento e posizionatura rispetto ai cordoli ed alle fondazioni della costruenda casa.

Dati i particolari tecnici esaustivi riportati nei soprastanti disegni, non aggiungiamo altro e vi lasciamo alla visione dei medesimi.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

12 commenti

  1. Tiziano Bevilacqua

    Buonasera.
    E’ possibile realizzare un muro portante per locale seminterrato utilizzando i blocchi in laterizio opportunamente armati? questa struttura è in grado di reggere lateralmente il carico del terreno di scavo?
    il locale seminterrato ha una altezza di 3m dalla fondazione.
    Grazie in anticipo per i chiarimenti che mi darete.
    Tiziano Bevilacqua

  2. Per Tiziano.
    E’ sconsigliabile usare i blocchi in laterizio in locali seminterrati, non tanto per motivi statici, ma in quanto il laterizio assorbe in fretta l’umidità e la trasmette agli ambienti circostanti.
    Amedeu e c

  3. Caro Amedeu ho 1 grosso problema con il costruttore della mia casa,esiste 1 capitolato redatto da 1 architetto dove si usa il poroton come costruzione della casa,invece la ditta appaltatrice dei lavori hanno usato materiali diversi da quelli indicati nel capitolato.si tratta di ytong o gasbeton dicendomi che lo stesso è 1 materiale di nuova concezione e piu costoso del poroton,pero molti non ne parlano bene nel senso che se ad esempio fai 1 foro per appendere 1 pensile non tiene niente e si sgretola tutto.vorrei da parte sua 1 consiglio come comportarmi con il costruttore,quanti soldi ha risparmiato l’impresa nel eseguire la costruzione con questo sconosciuto materiale?

  4. Per Alfredo.
    Se avevi sul capitolato il Poroton , dovevano usare quello e non altro materiale se non autorizzato per scritto da te.
    Ma andiamo avanti:
    se il costruttore ha usato il blocco Ytong (chiamato anche Gasbeton) portante per la tua costruzione e Thermo Sismico , ritengo che la scelta sia buona; viceversa se il blocco Ytong è portante ed isolante ma non sismico, o magari per tamponamento, avanzerei delle riserve.
    Devi verificare essenzialmente questo.
    Poi, se tu vuoi avere delle notizie più dettagliata sui materiali riferiti al capitolato che hai firmato, ricerca Ytong e Poroton nel web e leggi attentamente le schede tecniche dei due materiali (riferiti a quello previsto ed a quello usato). Ti renderai conto, anche se sei un profano, quali sono le differenze migliorative o peggiorative dell’uno rispetto all’altro.
    Questo raccomando sempre ai nostri lettori.
    Il prezzo viene di conseguenza al prodotto specifico.
    Ciao.
    Amedeu

  5. Buon giorno vorrei sapere cortesemente se esiste un tecnica particolare per la posa dei blocchi splittati in quanto alcuni dicono che bisogna riepire le camere d’aria in calce struzzo, altri che non vi è alcun bisogno in oltre vanno fugati oppure no grazie.
    P.S. perchè si veda una linea quasi perfetta è meglio uttilizzare una verga in ferro da 10 mm da interporre tra un blocco e l’altro orizontalment.e

  6. Per Antonello.
    I blocchi splittati hanno la caratteristica di mostrare la superficie simile alla pietra a spacco.
    In commercio ne troviamo di tutti i tipi e gusti.
    Vengono maggiormente usati per la realizzazione di recinzioni, ma anche per costruire muri portanti o tramezzi interni.
    Comunque ad ogni opera va associato un particolare tipo di blocco.
    La loro messa in opera varia, a secondo il tipo di blocco che si usa.
    Parliamo di quello per le recinzioni: di solito presenta una delle due basi piena, in maniera che viene murato capovolto, tipo i vecchi “cellublok” di cemento pomice; così anche per i tramezzi interni.
    Per le murature portanti aumenta il loro spessore e possono essere armati internamente con barre di acciaio.
    Relativamente al ferro da 8 o 10 mm, è vero che ponendolo longitudinalmente nei commenti, si otterrebbe una ripartizione simmetrica degli stessi, ma è altrettanto vero che è molto difficile praticare questo sistema, in quanto la barra di ferro propende a scivolare via.
    Il muratore pratico, tende la corda fra due “calandri” (vedi nostri articoli in merito con il riquadro “Ricerca”) e mura la fila di blocchi con occhio fisso alla corda e servendosi della livella a bolla per controllare le orizzontalità nei due sensi; quindi servendosi di uno spezzone di ferro tondino da 8 o 10 mm, avente la forma di gancio, struscia il dorso dello stesso lungo il commento fra i blocchi ed ottiene la svuotatura parziale e la simmetria dei medesimi.
    Ciao.
    Amedeu e c.

  7. Vorrei costruire una piscina esterna in muratura senza poter fare un’appropriata colata di calcestruzzo. Avevo pensato ai casseri in cemento ma dovrei preparare troppo calcestruzzo per riempirli e non ho spazio per stipare tutto il materiale che mi occorrerebbe. Può andare bene il classico blocco in laterizio utilizzato per la costruzione delle pareti di una casa tenendo conto che la piscina é di 3×5 altezza 1,40? Ovviamente intonacato per dare maggiore corpo alla struttura con cordolo finale per legare bene.
    Grazie per l’attenzione.

  8. Per Roberto.
    La tua è una piccola piscina, però nella costruzione di qualsiasi vasca destinata a questo scopo, si deve tenere conto dei possibili spostamenti, non solo dovuti alla massa di acqua interna, ma anche alla pressione dell’acqua di falda esterna, importante, per esempio, quando la piscina viene svuotata e pulita.
    Per questi ed altri motivi, si adopera comunemente il cemento armato, oppure il cemento prefabbricato o l’acciaio prefabbricato. Quindi le vasche vanno impermeabilizzate all’interno con materiali idonei o rivestite con piastrelle particolari.
    L’acqua della piscina infine non deve rimanere statica ma deve entrare in circolo passando attraverso un cloratore a tempo, che la “disinfetta”.
    Ti occorrerebbe inoltre una piccola vasca di “compensazione” ed un alloggiamento, con impianto elettrico, per il cloratore.
    E’ importante saperlo per la salute delle persone, in quanto possibili lesioni nella struttura della vasca, ti porterebbero all’interno batteri e materiale inquinante.
    Piscine casalinghe sono alquanto pericolose.
    Amedeu e c.

  9. Devo ampliare la mia casa ed ho ottenuto il permesso per coprire il mio terrazzo.I muri perimetrali li voglio fare in blocchetti splittati bianchi,per cortesia mi potreste dire l’impasto per fissare i blocchetti? oltre al cemento bianco e alla calce ci vuole la polvere di marmo o la sabbia? Grazie per l’attenzione

  10. Per Maurizio.
    Normalmente viene usata sabbia fine che costituisce il legante del cemento o calce.
    Però se vuoi sapere se si può usare la polvere di marmo ed in quale percentuale devi trovare il sito della ditta che fabbrica il tipo di blocchi che hai acquistato e leggere la scheda e le istruzioni tecniche (Il magazzino edile ti dirà il nome della ditta costruttrice.)
    Amedeu e c..

    • ho comperato casa in condominio, e il costruttore sta adoperando per le murature di tamponamento un poroton da 15 esterno una camera d’aria da 5 cm senza isolante e all’interno mattoni in tufo da 15 e un cappotto esterno da 6 cm . per dividere gli appartamenti ha usato un alveolater da 25 cm .
      secondo te è una buona scelta per una sufficiente coibentazione termica e sonora?
      e dato che avremo come riscaldamento i pannelli radianti ……non avremo dispersioni di calore?

      • Per Giuseppe.
        Come ingredienti ci sono tutti: cioè la parete esterna, la controparete interna, il vuoto centrale e il cappotto termico esterno.
        Soluzione molto più efficace di quella, per esempio, che preveda parete esterna, vuoto centrale riempito con un coibente termico e parete interna.
        In questo secondo caso il costruttore avrebbe risparmiato, ma l’edificio avrebbe avuto dei ponti termici notevoli in corrispondenza dei solai, non protetti da alcun isolante termico.
        Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.