Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987 n. 246

In edilizia si prendono sempre in considerazione le norme più conosciute, specie se riferite all’antisismica, alla realizzazione degli edifici in cemento armato, alle norme igienico sanitarie dettate dalle ASL, ai parametri urbanistici e dimensionali di cui al DM 1975, alle prescrizioni delle Soprintendenze alle Belle Arti.

Sembra strano, ma una delle materie più importanti e meno conosciute da parte degli addetti alla materia, sono le normative relative all’antincendio e a tutto ciò che riguarda la materia di prevenzione incendi e di competenza dei Vigili del Fuoco.

Abbiamo voluto scrivere questo breve ma importante articolo, per portare a conoscenza dei nostri numerosi lettori del Fai da te, le nozioni essenziali riferite agli edifici, ed in particolare a quelli di altezza superiore ai 12 mt (3 piani più il piano terra)
 
Tali nozioni sono contenute essenzialmente nel Decreto Ministeriale  16-5-1987 n° 246
 
     A
 
Per esempio, è’ importante  sapere che gli accessi all’area ove sorgono gli edifici oggetto delle presenti norme devono avere i seguenti requisiti minimi:

larghezza: 3,50 m;
altezza libera: 4,00 m;
raggio di volta: 13,00 m;
pendenza: non superiore al 10%;

Come avrete modo di leggere al punto 2 del DM , almeno una finestra o balcone di ogni piano deve avere la possibilità di lasciare accostare una scala dei VVF

Le rampe della scala principale devono preferibilmente essere rettilinee; sono ammesse rampe non rettilinee a condizione che vi siano pianerottoli di riposo e che la pedata del gradino sia almeno 30 cm misurata a 40 cm dal montante centrale o dal parapetto interno.

Il vano scala deve avere superficie netta di aerazione permanente in sommità non inferiore ad 1 mq.

Nel vano di aerazione è consentita l’installazione di dispositivi per la protezione dagli agenti atmosferici.

Il tipo e il numero delle scale sono stabilite in funzione della superficie lorda di ogni piano e del tipo di edificio
 
Leggendo il suddetto DM potrete farvi una interessante cultura sui requisiti che devono avere gli immobili condominiali nei quali vivete io andrete a vivere.
 

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

 

di Amedeu

2 commenti

  1. ( Come avrete modo di leggere al punto 2 del DM Come avrete modo di leggere al punto 2 del DM 16-05-1987 n. 246 , almeno una finestra o balcone di ogni piano deve avere la possibilità di lasciare accostare una scala dei VVF ) in merito a questa definizione un appartamento affacciato solo su un lato e che ha il balcone che ha l’apertura verso un giardino in cui non si puo entrare per via di manufatti non puo fare togliere i manufatti o denunciare la cosa perche di fatto c’è un balcone o finestra sul lato strada (opposto al giardino) in cui eventualmente in caso emergenza accostare una scala dei pompieri.
    Grazie

    • Per Giancarlo.
      Purtroppo l’Italia è un Paese vecchio, così come antiche sono le sue città e tutti i borghi esistenti.
      Non è facile trovare un edificio che rispetti interamente le proscrizioni di cui a una certa legge, a meno che non sia un nuovo edificio e, allora, deve obbligatoriamente rispettarle.
      In questo secondo caso, per effettuare una verifica di conformità, è necessario che tu possa esaminare il progetto approvato in Comune, presso l’ufficio Edilizia Privata, dove potrai visionarlo, e all’occorrenza richiedere una copia a pagamento.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.