Piano casa. Confronto fra le leggi delle diverse Regioni.

Ripercorriamo il cammino che il Piano Casa ha intrapreso dal marzo 2009:

Per rilanciare un settore chiave della nostra economia quale è l’edilizia e, nello stesso tempo, andare incontro alle esigenze delle famiglie italiane, tenuto conto che l’85% vive in case di proprietà, il Presidente del Consiglio ha lanciato il 6 marzo 2009 la proposta di un Piano casa consistente in due progetti: il primo dà la possibilità al singolo cittadino di effettuare interventi di ampliamento e/o ricostruzione della propria abitazione. Il secondo, riguarda la semplificazione delle procedure burocratiche inerenti lavori di edilizia.
Interessiamoci del primo progetto, sul quale è intervenuto l’accordo tra Stato e Regioni sottoscritto il 31 marzo 2009.

Stato e Regioni

In base all’accordo:

– Le Regioni si impegnano ad approvare entro e non oltre 90 giorni proprie leggi per realizzare i seguenti obiettivi:
a) regolamentare interventi — che possono realizzarsi attraverso piani/programmi definiti tra Regioni e Comuni — al fine di migliorare anche la qualità architettonica e/o energetica degli edifici entro il limite del 20% della volumetria esistente di edifici residenziali uni-bi familiari o comunque di volumetria non superiore ai 1000 metri cubi, per un incremento complessivo massimo di 200 metri cubi, fatte salve diverse determinazioni regionali che possono promuovere ulteriori forme di incentivazione volumetrica;
b) disciplinare interventi straordinari di demolizione e ricostruzione con ampliamento per edifici a destinazione residenziale entro il limite del 35% della volumetria esistente, con finalità di miglioramento della qualità architettonica, dell’efficienza energetica ed utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e secondo criteri di sostenibilità ambientale, ferma restando l’autonomia legislativa regionale in riferimento ad altre tipologie di intervento;
c) introdurre forme semplificate e celeri per l’attuazione degli interventi edilizi di cui alla lettera a) e b) in coerenza con i principi della legislazione urbanistica ed edilizia e della pianificazione comunale. Tali interventi edilizi non possono riferirsi ad edifici abusivi o nei centri storici o in aree di inedificabilità assoluta.
Le leggi regionali possono individuare gli ambiti nei quali gli interventi di cui alle lettera a) e b) sono esclusi o limitati, con particolare riferimento ai beni culturali e alle aree di pregio ambientale e paesaggistico, nonché gli ambiti nei quali i medesimi interventi sono favoriti con opportune incentivazioni e premialità finalizzate alla riqualificazione di aree urbane degradate.
La disciplina introdotta dalle leggi regionali avrà validità temporalmente definita, comunque non superiore a 18 mesi dalla loro entrata in vigore, salvo diverse determinazioni delle singole Regioni. In caso di mancata approvazione delle leggi regionali nel termine stabilito, il Governo e il Presidente della Giunta regionale interessata, congiuntamente, determinano le modalità procedurali idonee ad attuare compiutamente l’accordo, anche ai sensi dell’art. 8, comma 1, della legge n. 131/2003.

Ma vediamo adesso una tabella con il confronto fra le diverse Regioni che alla data odierna hanno approvato le apposite leggi regionali.

Si ricorda comunque che inizialmente, In base all’accordo, le Regioni si erano impegnate ad approvare entro 90 giorni proprie leggi in materia urbanistica contenenti eventuali aumenti di volumetria e/o la possibilità di demolizione e ricostruzione.

Queste sono le leggi regionali emanate:

Regioni o Provincie     Ampliamenti   Demolizione e

 

 

 

 ricostruzione

  Interventi             sul non             residenziale   Termini per

 

 

 

   la domanda

  in Comune

Piemonte:
– legge n.20 del 14 luglio 2009
+20%del volumefino a 200 mc/max1200mc a fine lavori +25%del volume. 35% in casi eccezionali           si 31/12/2011
Lombardia:
– legge n. 13 del 16 luglio 2009
+20%del volume fino a 300 mc +30% del volume           si 30/04/2011
Veneto:
– legge n. 14 dell’8 luglio 2009;
+20%del volume. (+30%in casi particolari) +40%del volume. (50% in casi particolari)          si 11/07/2011
Toscana:
– legge n. 24 dell’8 maggio 2009;
+20%superficie utile fino a 70 mq +35% superficie utile          no 31/12/2010
Emilia Romagna:
– legge n. 6 del 6 luglio 2009;
+20%superficie utile max 70 mq (fino al 35% in casi particolari +35%superficie utile (50% in casi particolari)          si 31/12/2010
Umbria:
– legge n. 13 del 26 giugno 2009;
+20%superficie coperta fino a 70 mq +25%superficie coperta (35% in casi particolari)          si 30/12/2010
Puglia:
– legge n. 14 del 30 luglio 2009;
+20%del volume fino a 200 mc +35%del volume (45%in casi particolari)         no 23/11/2011
Lazio:
– legge n. del 6 agosto 2009;
+20%del volume fino a 200 mc o 62,5 mq (fino al 35% in casi particolari) +35%del volume (40/50% in casi particolari)         si 27/11/2011 solo per demolizione. Ricostruzioni oltre 3000 mq
Valle d’Aosta
-legge n. 24 del 4 agosto 2009
+20% del volume +35% del volume (45% in casi particolari)         si Nessuna scadenza
Basilicata
-legge n.25 del 7 agosto 2009
+20% superficie utile (25% in casi particolari) con aumento fino a 40 mq +30%superficie utile (35/40% in casi particolari) No  (consentiti cambi di uso per il turistico) 07/08/2011
Abruzzo
-legge n.16 del 19 agosto 2009
+20%superficie utile max 200mc (minimo 9 mq in casi particolari) +35%del volume (65% in casi particolari)           si 27/12/2010
Marche
-legge n.22 dell’8 ottobre 2009
+20%del volume max 200mq (max 95 mq finali per edifici sotto 80 mq) +35% del volume          si 30/05/2011
Sardegna
-legge n.4 del 23 ottobre 2009
+30% del volume (39% in casi particolari) +30% del volume (40/45% in casi particolari)          si 01/05/2010

 

 

 

 

1/11/2012 fine lavori

Liguria
-legge n.49 del 3 novembre 2009
+60 mcfino a 200mc, +20% fino a500mc,+10% 15% in casi particolari) fino a 1000mc +35% solo per edifici incongrui         no dal 04/01/2010 al 09/11/2011
Campania
Legge n. 19 del 29 dicembre 2009
+ 20%del volume su edifici fino 1000 mc + 35% del volume

 

 

 

 

 

 +50% (in casi particolari)

          si 30/11/2011
Molise
– Legge Regionale 30/2009.

 

 

 

 

con deroghe alla legge antisismica (In discussione)

In attesa chiarimento      
Calabria
In attesa della Legge Regionale
       
Friuli Venezia Giulia

 

 

 

 

 

Legge Regionale 19/2009

+35% del volume con max 200mc +50% solo per edifici incongrui

 

 

 

 

(Con convenzione)

           si 18/11/2014
Sicilia Legge Regionale da approvare entro il 31/ 01/2010      

Nelle province autonome

Bolzano
– delibera di giunta n. 1609/2009
Ampliamenti 200mc fino a 160 mq. Demolizioni e ricostruzioni 5/10% volumetria. Interventi sul non residenziale: si per il turistico. Termine per la domanda in Comune 31/12/2010 termine per inizio lavori.

Trento

La provincia  ha varato delle proprie norme per la ripresa edilizia (Legge  2/2009)

I singoli Comuni devono recepire il Piano Casa della propria Regione, integralmente o stabilendo nuovi limiti e deroghe.

Chi legge detto articolo, dovrà quindi controllare lo status quo presso il proprio Comune.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

9 commenti

  1. Salve,
    scrivo dal Comune di Borgo San Lorenzo (Fi) e volevo sapere se per la Regione Toscana una mansarda con altezza minima di 1.60 mt e la media di 2.45 è a norma, o meglio è abitabile.
    Inoltre chiedo cortesemente se mi può inviare un documento a cui fare riferimento per eventualmente contestare ciò alla Cooperativa costruttrice.

    Cordiali saluti
    Debora

  2. Per Debora.
    Stando alle leggi nazionali dovresti avere un minimo di altezza di mt 1,80 e la media di mt 2,70.

    Per la ditta che ti ha venduto, devi ricercare sia il D.M 05/07/1975 a modifica delle Istruzioni Ministeriali del 20/06/1896, che la legge 5 agosto 1978 N° 457 art 43 e successive; fissano i parametri relativi ai vani abitabili.
    Comunque in questo sito a Categorie “urbanistica” troverai un articolo completo e semplificato sui parametri e standards edilizio-urbanistici a livello nazionale.
    Leggilo attentamente.

    Poi, fra le novità della tua Regione, consulta anche: la legge regionale 339/09 “Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell’economia e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente”.
    Ci potrebbero essere delle novità per le soffitte trasformabili in mansarde.
    Amedeu e c.

  3. Nel comune dove risiedo i tecnici e funzionari comunali continuano a non dare attuazione al piano casa regionale che scadrà nel maggio 2011. Pertanto il tempo rimasto è poco. Questo nonostante una circolare esplicativa della regione, ed anche a seguito di ulteriori colloqui chiarificativi con i tecnici della regione. Cosa si può fare in questi casi? Non si configura un’missione di atti d’ufficio?

  4. Luca,
    L’esperienza ci insegna che parlare di “omissione di atti di ufficio”, in definitiva non porta poi a nulla se non a farci arrabbiare di più.
    Questo non vuol dire che bisogna sempre subire.
    L’esperienza ci insegna anche che le parole volano mentre gli scritti rimangono (era un detto degli antichi Latini).
    Vogliamo cioè dirti, che individuato l’Ente, poi l’ufficio e quindi il Dirigente, si manda a costui una bella lettera di sollecito con richiesta di risposta.
    Logicamente la lettera va ben formulata e firmata da più persone interessate possibili.
    Amedeu e c.

  5. Voglio fare un magazzino portatrezzi in muratura a Bologna,esiste un’altezza
    massima,per cui non necessita autorizzazione dal comune?
    grazie.
    Gabriele.

    • Per Gabriele.
      Di regola ogni costruzione necessita di una autorizzazione (DIA, SCIA ecc).
      Dovresti però controllare il Regolamento Edilizio del tuo Comune (anche via Internet) e vedere se trovi un articolo che si riferisca al tuo caso.
      Amedeu e c.

  6. Salve Amadeus,
    Nel 2010 ho incaricato un geom,per la presentazione del piano casa. Ad oggi le autorizzazioni non sono ancora arrivate.Il geom a maggio 2013mi ha detto che avrebbe presentato il progetto dopo qualche giorno…,vorrei sapere ,se possibile ,qual’e’ iter procedurale e quanto tempo ancora dovrò attendere.grazie mille

    • Per Concetta.
      Per la Sardegna il Piano Casa ci risulta approvato, per cui, ti suggeriamo, di rivolgerti presso lo Sportello Unico dell’Edilizia oppure presso l’Ufficio Edilizia Privata del Comune.
      Devi chiedere informazioni precise circa la presentazione del tuo progetto, oppure, se non ancora presentato, circa la fattibilità dello stesso.
      Dopo di che contatta il tuo tecnico e conseguentemente prendi le dovute decisioni.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.