Preventivo n° 2. Realizzazione del cordolo di ripartizione sulle fondamenta.

Vedi il 1° preventivo

Il preventivo n° 2, sempre abbinato alla costruzione della nostra casa, riguarderà l’esecuzione del cordolo di ripartizione, in calcestruzzo armato, e sul quale noi realizzeremo il primo solaio della casa.

Per effettuare il cordolo di ripartizione, sarà necessario mettere in opera delle casseforme lignee laterali, opportunamente puntellate, poi la gabbia in acciaio, costituita da ferri lunghi e da staffe di ripartizione, ed infine il getto del calcestruzzo, da effettuare tramite una autobotte proveniente da una stazione di betonaggio.

Tale preventivo, pur comprendendo solo 3 voci, è forse uno dei più impegnativi per il lettore, in quanto si tratterà di calcolare il peso, in Kg, del ferro occorrente per armare convenientemente il cordolo

Rivediamo adesso il disegno relativo alla sezione della casa che stiamo costruendo:

   Ingrandisci

Tale cordolo verrà eseguito sulla fondazione che noi abbiamo preventivato nel 1° precedente preventivo

Per prima cosa, dobbiamo alzare le casseforme lignee di contenimento del cordolo da realizzare, e che dovranno essere opportunamentye puntellate.

All’interno delle casseforme, una volta realizzate, stenderemo le gabbie in acciaio, con ferri a correre del diametro di 14 mm e staffe diametro 6 mm poste ogni 25 cm.

        Ingrandisci

Per  memoria dei nostri lettori, ricordiamo, che per effettuare la preventivazione del cordolo dobbiamo seguire quanto da noi precisato nel primo di questi capitoli (http://www.coffeenews.it/impariamo-insieme-a-preventivare-un-lavoro-edile

Ed infine prima di passare al preventivo vero e proprio, vediamo la pianta e la sezione del cordolo finito, con le relative misure:

       Ingrandisci

Quindi, le voci che devono essere comprese in questo secondo preventivo saranno:

1) F.e.p.o (Fornitura e Posa in Opera) di casseforme lignee di contenimento

2)   Realizzazione di gabbie in acciaio

3) Getto di calcestruzzo

Adopereremo il nostro "Prezzario" e poi le voci che si trovano all’interno  dei "Prezzi delle opere compiute e della mano d’opera" e quindi,  apriremo "Casseforme lignee per opere edili" cercando la voce che ci interessa.

Fatta questa voce, passeremo alla seconda: "Acciaio per cemento armato. F.e.p.o. "

E’ forse la più complicata, in quanto vanno calcolati i metri lineari dei ferri lunghi (4 ogni gabbia, del diametro da 14 mm).

Per facilitare il lettore, svolgiamo di seguito il calcolo dei Kg del ferro occorrente per il cordolo:

 mt (9,90×2)+ (5,70×3)= mt 36,90

mt 36,90 x 4 (4 ferri lineari ogni metro) = mt  147,60

mt 147,60 x Kg 1,201 = Kg 177,27

Per trasformarli in Kg, va usata la 1^ tabella di cui al nostro precedente articolo

Le staffe avranno le misure di cm 25x 25 (Per entrare nella casseformo da cm 30, con un margine di cm 2,5 ogni lato) + cm 15 per formare i ganci alle estremità

Per cui ogni staffa misurerà mt 1,15.

Per trovare il numero delle staffe dovremo fare:

mt (9,90×2)+(5,70×3) = mt  35,10

mt 35,10 : 0,25 (distanza fra le staffe) = staffe n° 140

N° 140 x mt 1,15 = mt 161

mt 161 x Kg 0,221 = Kg 35,58

Kg 177,27+35,58Kg  212,85 Peso totale del ferro occorrente

Infine  dovrtemo preventivare  la voce n° 3 "Opere in calcestruzzo semplice ed armato per opere edili "

Vedi l’allegato Preventivo n° 2

Preventivo n° 2 – Cordolo di ripartizione

Per chi non ha Excel, può scaricare: OpenOffice.org Calc , programma Free ( http://www.openoffice.org/it/download/ )

Vai al 3° preventivo

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

7 commenti

  1. Salve
    Vorrei avere qualche informazione in più su come si realizza un pavimento in cemento per interni, che dovrà essere poi lucidato. Esistono dei prodotti che vanno aggiunti per renderlo più resistente e/o impermeabile? Si tratta semplicemente di una normale massetto poi da lucidare?
    Grazie.

  2. Buongiorno,
    devo aprire una porta (1,40×2,30) per mettere in comunicazione una stanza con un’altra e devo chiudere, in quest’ultima stanza, una porta esistente, stesse dimensioni, su un fabbricato ubicato in zona produttiva non vincolata.
    Ho fatto predisporre una Scia e vorrei fare questo lavoro in economia (io non sono muratore ma sono in grado di eseguirli). Il comune non mi consente ma pretende l’indicazione nella Scia di un’impresa abilitata. E’ corretto? Se posso fare questi lavori a quale legge, normativa posso appellarmi? Grazie cordiali saluti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.