Pulire un muro dalla colla delle piastrelle del rivestimento. Come fare.

Se una persona vuole sostituire il rivestimento del bagno o della cucina, deve per prima cosa togliere quello vecchio.

Gli inconvenienti che si possono incontrare sono diversi e dovuti immancabilmente alla conformazione del rivestimento precedente.

Se la sua costruzione risale ad alcuni decenni fa, si usava allora mettere in opera le piastrelle, murandole con malta bastarda e molte volte con la sola malta di calce.

Demolire questo tipo di rivestimento non è assolutamente difficile, in quanto le piastrelle vengono via facilmente se murate a malta di calce, un pò meno se a malta bastarda.

Talvolta la malta viene via quasi completamente, per cui è conveniente ripulire il muro e rifare l’arriccio sottostante.

Vedi foto che segue

Nel caso in cui invece si nota immediatamente che   il sottofondo (vedi foto sotto) si può salvare quasi completamente, sideve:

partire dall’alto e con uno scalpello a taglio e con l’aiuto di un mazzuolo, si inizia a demolire fila per fila.

Se rimangono attaccati al muro dei residui di malta, specie se quella usata è del tipo bastarda, bisognerà ripassare diverse volte la superficie con lo scalpello e togliere i ringrossi.

Quindi stuccare la parete con malta là dove si sono creati dei vuoti e quindi realizzare il nuovo rivestimento a colla.

Altro discorso vale per i rivestimenti messi in opera a colla. Normalmente il sottofondo è costituito da arriccio di malta bastarda e molte volte di malta cementizia (quest’ultima la si usa in quanto la colla, "tirando" durante la essiccazione non stacchi tratti dell’arriccio).

Quando le piastrelle sono incollate, diventa un lavoro molto complicato toglierle dal muro e ripulire la superficie sottostante. Il più delle volte le piastrelle vengono via a pezzi, tanto che scoraggiati siamo propensi a cambiare sistema, abbandonando lo scalpello ed il mazzuolo e servirci di un martellino elettrico; una cosa che sconsigliamo e che dopo chiariremo.

Logicamente, ritrovare un sottofondo pulito, fa risparmiare molti soldi durante l’esecuzione del nuovo rivestimento, però quando si vede che non si ottiene alcun risultato valido e le piastrelle rimangono a pezzi incollate all’arriccio, rimane una sola alternativa: attaccare il sottofondo e demolirlo: questo comporta riportare la parete o il muro d’ambito al grezzo, e purtroppo non avendo altre possibilità, bisogna avere il coraggio di fare un lavoro completo e pulito.

Quindi attaccando sempre il rivestimento dall’alto va tolto l’arriccio sottostante, insieme a tutta la piastrella.

Attenzione ad una cosa. La cucina ed il bagno sono attraversati da scarichi, tubazioni e linee elettriche, per cui il lavoro va eseguito con estrema cautela, non "picconando" la parete, ma adoperando il mazzuolo e lo scalpello con oculatezza ed attenzione, e per questo motivo si sconsiglia assolutamente l’uso di martelli elettrici.

Lo scalpello deve essere tenuto quasi parallelo al muro, in maniera che tolga lo strato di arriccio, ma non non  "entri" dentro il muro.

Un suggerimento da seguire, è quello di staccare la corrente elettrica e chiudere il contatore del gas; questo ad evitare spiacevoli incidenti.

Terminato si demolire il rivestimento, occorre rifare le fasce verticali a malta bastarda e quindi passare al’arriccio.

Una volta che questo è "seccato", si procede alla messa in opera del nuovo rivestimento, seguendo quanto già specificato in precedenti articoli.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

27 commenti

  1. Stò rifacendo il bagno, ho levato le piastrelle di quasi 30 anni fa con molta velocità, il problema ora che ho levato le piastrelle sussiste nel fatto che sotto ho trovato la colla. Come devo procedere, basta incollarne di nuove sopra la colla vecchia oppure devo staccarla e raggiungere l’intonaco e poi rasare?
    In attesa di risposta porgo distinti saluti.
    Tiziano

  2. Per Tiziano.
    Il consiglio che ti diamo è quello di togliere la colla, servendosi di un buon scalpello a taglio e di un mazzuolo.
    Sarà un lavoro lungo ed estremamente faticoso, da fare con la massima attenzione per non “intaccare” le tubazioni sottostanti, ma ti comporterà di rifare un ottimo nuovo rivestimento.
    Nel caso contrario sei costretto a fare le fasce tenendo conto della massima sporgenza della colla. Dare alle pareti un buon primer aggrappante e poi arricciarle con malta bastarda,
    Dopodichè potrai incollare le nuove piastrelle.
    Logicamente ti troverai un rivestimento di spessore totale non indifferente, che saresti costretto a portare a soffitto, per non vedere il “ringrosso” in alto, e che potrebbe alterarti le misure di tutto ciò che hai internamente a detto bagno.
    Amedeu e c.

  3. Ciao Amedeu e c. Prima di tutto voglio complimentarmi col vostro lavoro… davvero ammirevole. Grazie anche a questo vostro lavoro sono riuscito a fare cose che un Neofita come me non avrebbe mai immaginato di riuscire(al massimo ho visto mio padre fare qualche lavoro simile). Si sa, però, che quando una cosa te la fai da solo è diverso. Adesso ho qualche domanda. Il vecchio proprietario della casa dove mi trovo, ha sostituito il piatto doccia con un box doccia sopraelevandolo con gradino ( credo sia un massetto di altezza, circa, 4-5 cm.). Questo mi sta bene. Se non fosse che è solo appoggiato sul massetto e non fissato ( un giorno appoggiandomi per una riparazione ho rischiato grosso) ed il perimetro del box doccia sporge al di fuori del massetto. 1) è normale questa sporgenza o devo pareggiare la larghezza del box doccia?. (sperando di poterlo fare, perchè il bagno è strettino). Dietro non ci sono piastrelle. Poichè ci sono state delle perdite dietro questo box, riparate da me ora e causate da incuria dell’ ex proprietario. Volevo rimettere le piastrelle per una questione igienica(dietro ogni tanto si formano ragnetti). Spostando il box ho notato che la parete è grigio scuro e sembra, almeno penso, sia colla delle ex piastrelle , che lui aveva. Essendo che tutte le piastrelle andrebbero coperte dal box doccia: 2) mi consigliate ugualmente di togliere la colla e di seguire il procedimento del presente articolo oppure potrei mettere altra colla e poi piastrellare ? ( cioè provare a piastrellare, perchè non l’ho mai fatto). Ho visto in giro delle spatole dentate, di varie misure, per colla: 3) mi serviranno quelle per mettere la colla? Se si, quale tipo? Grazie mille in anticipo (anche se ho scritto un papiro). P.s.: continuate così.

  4. Per Luca.
    Ha realizzato uno scalino di 4/5 cm in massetto cementizio? Ok?
    Non si comprende a che cosa ti sei appoggiato; al box della doccia? E tale box non è fissato alla parete ed a terra?
    In ogni caso, il box doccia deve essere fermato opportunamente, specie se è in vetro e non in plastica..
    Per le piastrelle da rivestimento ti consigliamo di pulire la parete dalla vecchia colla e di incollare nuovamente quelle nuove.
    Amedeu e c.

  5. Ciao e grazie per la risposta super veloce. Si, sembra aver realizzato il massetto sotto il box doccia. In pratica, mentre sollevavo il mobile con lo specchio per posizionarlo al muro, mi sono appoggiato sullo spigolo posteriore del box doccia, che stava scivolando via, letteralmente, dal suo “appoggio” ( nel senso che era solo appoggiato al massetto). In pratica non è fissato nè a parete, nè tanto meno a terra . Ed ha anche le ante in vetro.Premesso che ora ho spinto piu in dentro il box doccia, verso l’angolo del muro, e che ci si riesce anche a fare la doccia senza che scivoli via, ero dell’ idea di fissarlo al muro, ma sarebbe opportuno cercare di allargare il massetto che sta alla base del bo oppure non è necessario? Grazie per il consiglio delle piastrelle.

  6. I miei dubbi (non essendo un esperto e non conoscendo nessuno del settore), riguardo al fissaggio del box doccia, che rimangono sono: sapendo che il box doccia ha, sotto di esso, dei piedini regolabili che poggiano sul massetto e che la parte perimetrale della base del box doccia fuoriesce dal perimetro del massetto stesso, 1) si può fissare ugualmente il box doccia in questo modo alla parete oppure sarebbe meglio allargare il massetto sottostante, per far poggiare, oltre ai piedi del box doccia, anche la sua base al massetto? 2) sarebbe meglio posare le piastrelle sul massetto, e sopra mettervi il box doccia, oppure lasciare il massetto senza piastrellarlo? Grazie per l’ aiuto che vorrete darmi. Buona domenica a tutti.

  7. Per Luca.
    Abbiamo già risposto; non possiamo aggiungere altro, in quanto dovremmo renderci conto di persona del problema.
    Amedeu e c.

  8. Salve,io dovrei togliere le piastrelle di un bagno fatto intorno al ’78,premetto che sono state messe da terra ad 1,80mt ,mi piacerebbe toglierle per poi ridipingere il bagno di un nuovo colore,
    è possibile anche se sotto ci sarà della colla???non rimarranno segni o scalini??

    • Per Oller.
      Puoi togliere il rivestimento, ma nel caso sia stato effettuato a colla e questa non venga via, sarai costretto a togliere anche l’arriccio, dalla parete, per poi rifarlo a regola d’arte e quindi effettuare il lavoro che desideri.
      Amedeu e c.

  9. Buonasera e complimenti per il vostro sito! Abbiamo appena acquistato casa, tuttavia l’angolo cottura è rivestito con delle piastrelle differenti dal nostro gusto; in particolare, partono da terra e arrivano a metà muro, un classico. La nostra intenzione è quella di demolirle e, se fosse possibile, anziché posare altre piastrelle, stendere una velatura spugnata di un bel colore. Abbiamo capito grazie al vostro articolo come staccare le vecchie piastrelle; ora, come preparare il muro per stendere la pittura? Che tipo di pittura dovremmo utilizzare in modo che sia resistente al vapore e facilmente pulibile da eventuali schizzi? Grazie infinite per i consigli che ci darete!

  10. Pensavo di utilizzare una pittura lavabile idrorepellente, che dovrebbe ben rispondere all’ambiente cucina. Una volta demolite le piastrelle e tirata via la colla, che cosa mi resterebbe da fare per poter stendere la pittura? Grazie per l’attenzione!

    • Per Mauro.
      Assicurarsi che il sottofondo (l’arriccio) sia privo di difetti, ed in piano (verticale) perfetto.
      Per fare ciò, devi stuccare, con malta preconfezionata cementizia, le crepe ed buchi e quant’altro ti costituisca ostacolo a rendere la superficie liscia ed uniforme.
      Amedeu e c.

  11. Ciao a tutti, sto eliminando le piastrelle da cucina e bagno, ma vorrei realizzare in bagno una altezza inferiore a quella di adesso (da 2,20 mt a 1,20mt, tranne che nel box doccia ovviamente) e nella parte superiore realizzare o il classico rasato e poi verniciato per cui dovrei eliminare tutta la colla, o un effetto cemento antracite con vetrificante o resina. Nel secondo caso sarebbe sufficiente rasare a livello della colla rimasta o devo comunque eliminare il tutto per non creare problemi allo strato di finitura?

    Grazie a tutti!!!

    • Per Daniela.
      Contatta la ditta che ti effettuerà la resina o altro e chiedi come desiderano il sottofondo.
      A nostro parere, la colla dovrebbe essere tolta completamente, in maniera da partire da una superficie “pulita e corretta.
      Amedeu e c.

  12. Carissimi. Vorrei rifare le piastrelle del bagno. Le ho già rimosse tutte, il lavoro è stato molto faticoo ma “fattibile”, sfortunatamente sotto ho trovato di tutto. Tratti di piastrelle incollate, tratti facenti presa su cemento altre ancora addirittura a nascondere buchi nel muro.
    La maggioranza delle piastrelle, comunque, appare attaccata a un fondo di colla a sua volta su arriccio che fa presa probabilmente su un vecchissimo intonaco (rosa e azzurro) degli anni 60.
    Esiste una qualche tecnica per rasare le parti in cui sono arrivato a mattone e portarle alla pari delle altre o è più opportuno eliminare tutto e arrivare a mattone (lavoro davvero improbo, anche visto lo stato dei latterizi non esaltante a causa di continui lavori e modifiche che il togliere le piastrelle hanno rivelato).
    Grazie!

    • Per Simone.
      In questi casi, si potrebbe tentare di sistemare le superfici interessate tappando i buchi, adoperando scalpello e mazzuolo per togliere le asperità, ecc, ma farai sempre un lavoro arrangiato, rattoppato e difficilmente ti verrà eseguito a regola d’arte.
      Questa purtroppo è la muratura.
      A nostro parree conviene ritrovare la vecchia muratura, come da te suggerito, poi fare il rinzaffo con malta cementizia liquida, l’arriccio sempre in malta cementizia, frattazzato, dopo di che si possono incollare sopra le nuove piastrelle.
      Per togliere l’intonaco vecchio e quant’altro attaccato alla muratura, cerca di recuperare un martellino tassellatore perforatore (Quelli che adesso costano circa 70 euro e li trovi anche su ebay, per esempio della marca Einhell o similare), che è pratico e veloce, anche se non dura un’eternità.
      Amedeu e c.

  13. Salve,
    in questi gg abbiamo rimosso le vecchie piastrelle della cucina ma sotto abbiamo trovato della colla bianca..nn siamo riusciti ad eliminarla perché richiedeva troppo tempo..abbiamo fatto le fasce e poi passato la malta..secondo voi si staccherà la nuova parete?nn metteremo più piastrelle ma daremo il bianco e dv ci sarà la cucina incolleremo del laminato apposta..grazie

    • Per Emilia.
      Il problema non è la colla bianca delle primitive piastrelle e che sarà rimasta attaccata a grumi alla parete, bensì la superficie rimanente della parete, che se troppo liscia potrebbe non fare presa con la malta che vi avete passato sopra (O colla?).
      In ogni caso era conveniente picchiettare detta superficie con il taglio di un martello e poi adoperare un primer adesivo.
      Comunque, se il lavoro è fatto, non potete tornare indietro.
      Il bianco in luogo delle piastrelle è una buona idea.
      Amedeu e c.

  14. Salve a tutti,
    ho lo stesso problema anceh io. Sto rifacendo la cucina ed ho tolto i rivestimenti. Sotto ho trovato la vecchia colla che è dura da togliere ed è ben ancorata. Premettendo che togliere la vecchia colla risulta molto difficile ed il mio badget è limitato, come potrei procedere? é possibile intonacare sulla colla esistente? inoltre per il muro dove dovroò mettere le nuove piastrelle come faccio? intonaco e poi rimetto le nuove piastrelle oppure le attacco sulla colla gia esistente? Aiutatemi per piacere…….sono disperato ed il tempo stringe……Grazie a tutti per le risposte…

  15. Buongiorno, vorrei alcuni consigli prima della posa delle nuove piastrelle di un bagno.
    Una volta che ho rimosso le vecchie piastrelle, al di sotto rimangono i classici residui di colla che rimuoveró come consigliato nei precedenti post,con scalpello mazzetta. Dopodiché per riportare tutto in bolla e avere un buon fondo per la posa delle nuove piastrelle, mi consigliate di utilizzare un intonaco oppure della malta? Per evitare infiltrazioni nella zona della parete doccia, prima della colla per la posa delle piastrelle mi consigliate di applicare una guaina liquida? Grazie.
    Saluti.

  16. Buongiorno Amedeu, vorrei, se possibile, un tuo consiglio. In una zona del bagno – quella del box doccia – voglio alzare le piastrelle a circa 2,10 mt., mentre attualmente sono posate a neppure 1,70 mt. Lo spessore delle vecchie piastrelle posate è più di un centimetro e mezzo, e temo che, usando la sola colla – H40 – le piastrelle non raggiungano lo spessore desiderato, e venga meno la lavorabilità, poiché l’H40 mi pare leghi subito. Mi hanno consigliato di scalfire la parete e di dare cemento e calce. E’ la soluzione più giusta? Qual è il materiale migliore per posare le piastrelle in verticale, avere lavorabilità e precisione? Grazie per la risposta. Saluti

    • Per Andrea.
      Se lo spessore è di circa 1 cm e mezzo, non è difficoltoso realizzare a colla un rivestimento.
      Tutto però dipende dallo spessore che hanno le piastrelle.
      Se le stesse sono alte 8/10 mm come la maggior parte delle mattonelle da rivestimento, potete usare la colla data in 5 punti diversi con una spatolina, in maniera che faccia spessore (4 negli angoli e uno al centro).
      Se la colla, invece, viene data con la cazzuola americana dentata, non raggiungerete mai tale spessore.
      Quindi parla con il muratore e vedrai che sarà una cosa attuabile.
      Nel caso che le piastrelle siano molto più fini, ti consigliamo di togliere l’intonaco e arrivare al sottostante arriccio.
      Dopo di che usando un Primer tipo il P5 della Kerakoll per bagnare l’arriccio
      http://www.coffeenews.it/c-esecuzione-e-completamento-dellarriccio
      e uno strato fine di arriccio cementizio (Con molto primer sciolto nell’acqua), potrai ottenere un buon risultato.
      Amedeu e c.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.