Quali sono i laterizi più usati in edilizia.

Parliamo sempre di muratura, di nuove costruzioni, di ristrutturazioni, recuperi di edifici, lavori di straordinaria manutenzione, ma non ci siamo mai posti una domanda per sapere quali sono i laterizi più usati per effettuare questi lavori.

I laterizi, che provengono dalla lavorazione dell’argilla, cotta in particolari forni, sono di primaria importanza in tutti i lavori edili; ed anche edifici realizzati in cemento armato o in pietra, hanno una gran parte realizzata in muratura di laterizi.

Di seguito impariamo a conoscere quelli che sono i laterizi più conosciuti, in quanto adoperati quasi in ogni costruzione:

Dividiamoli per semplicità in 5 serie o categorie dando per molti di essi le caratteristiche ed i pesi.

Vediamo le prime foto:

CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nella prima figura vediamo rappresentato il mattone pieno, viene usato per le murature portanti, ma anche per altri numerosi lavori, ed è da sempre il numero uno dei laterizi ("Uni") con le  le sue misure (12x24x5,5). Sotto troviamo una variante del mattone, rappresentata dal multiforo, usato per lavori di rimpello, di completamento di pareti , recinzioni  ed opere che necessitino di carichi minori.

Il terzo è il mattone Doppio Uni (cioè il doppio del mattone "Uni"), le sue misure sono 12×12 x 24/25: Viene ampliamente usato in edilizia per tutti i lavori.

La seconda foto rappresenta un blocco Antisismico, le sue misure variano ma è conosciuto maggiormente quello usato nelle dimensioni di 30x25x18,5/19.I fori che lo attraversano sono inferiori al 45% della superficie del mattone, caratteristica indispensabile per il suo uso antisismico. Viene usato per murature portanti.

Infine nella terza foto abbiamo il blocco da Tamponamento, le cui misure sono uguali all’antisismico, solo che la sua foratura si aggira intorno al 60%. Viene usato per i tamponamenti nei fabbricati in cemento armato o per altra struttura che non sia portante.

Passiamo alla seconda serie dei laterizi, cioè di quelli usati per i tramezzi interni non portanti:

CLICCARE SULLE IMMAGINI

I tramezzi o pareti  interne delle nostre case in muratura sono costruiti con mattoni forati dello spessore di cm 8 intonacati poi dai due lati. Nella prima immagine sopra vediamo il forato da cm 8x12x25 e sotto quello doppio 8x25x25.

Nella seconda immagine vediamo in alto il forato da 12x25x25 usato o nei tamponamenti dei fabbricati in cemento armato quando si usa per esempio il mattone a facciavista esterna, oppure nel caso di tramezzature  per isolare maggiormente alcuni ambienti,  dato il maggiore spessore (intonacato arriva a cm 15).

In basso un altro forato (8x15x30) molto usato per pareti da cm 8

Passiamo alla terza categoria, quella dei laterizi "lunghi"

CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nella prima immagine sono rappresentati i tavelloni, commerciabili nelle diverse lunghezze, largi 25 cm ed alti 6 cm. Vengono usati per la creazione di gattaiolati, posti su paretine di doppi uni, con soprastante massetto cementizio e rete elettrosaldata. Ma si usano pure per tanti altri lavori ove occorra ricoprire con un laterizio una superficie ampia.

Nella seconda immagine sono raffigurate le tavelle, pure esse di diverse lunghezze, larghe 25 cm ed alte 3 cm. Si usano per cappe dei camini, per tetti in legno con soprastante massetto armato e per molti altri lavori minori.

La quarta categoria rappresenta i laterizi da solaio ed in particolare le Pignatte o Blocchi da solaio:

CLICCARE SLLE IMMAGINI

L’uso delle pignatte o dei blocchi per piani orizzontali è più chiaro nella seconda immagine. Vengono usate fra un travetto e l’altro e alla fine del getto in calcestruzzo costituiscono il blocco del "solaio in laterizio misto a cemento armato". La loro altezza varia a secondo della luce del vano sul quale viene posato il solaio, mentre la larghezza si mantiene fra i 50 ed i 60 cm.

Parliamo della quinta ed ultima categoria, rappresentata dai laterizi per le coperture in pendenza:

CLICCARE SULLE IMMAGINI

La prima foto presenta la tegola e il coppo alla romana anche chiamato alla toscana ed è forse il più conosciuto nel nostro paese.

Nella seconda figura sono rappresentati oltre al primo, altri tipi di embrici, quali il marsigliese vecchia maniera ed il nuovo marsigliese. La loro differenza consiste nella sovrapposizione: nel primo caso gli embrici sono sfalsati, nel secondo allineati.

Troviamo poi l’olandese, il portoghese e forse quello meno conosciuto ma bello chiamato il francigeno.

Abbiamo fatto una breve carrellata fra quelli che noi consideriamo i laterizi più comuni e conosciuti in edilizia, ma la gamma che li rappresenta è veramente ampia e troviamo mattoni, blocchi, forati, di misure diverse, adatti per particolari lavori e sempre più usati in questo nostro settore sempre in evoluzione.

Le Immagini sono state tratte dalle Ditte "Fornaci Donati", "Cotto Senese" e cotti "Pratigliolmi" che ringraziamo.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

51 commenti

  1. Salve, vorrei avere delle informazioni, sto facendo fare dei lavori alla mia abitazione, l’impresa Mi ha detto che usera dell’asfalto ardesiana a disegno olandese.
    Di cosa si tratta? dove posso vedere un fac-simile di questo prodotto?
    Vi ringrazio

  2. Per Andrea.
    Crediamo che siano Tegole Olandesi in cotto ( la figura la trovi nell’articolo dal quale ti rispondiamo) posizionate sopra un manto di elastomero bituminoso ardesiato, che è una guaina da 3/5 mm che va saldata al massetto cementizio della copertura: La tegola olandese va murata a file alterne sopra la guaina (Le scaglie di ardesia agevolano la presa della malta e nel contempo impediscono lo scivolamento delle tegole che non vengono murate- vedi i nostri articoli sui “tetti”).
    Però in commercio esistono anche moltissimi altri prodotti similari, e meno tradizionali, quali le tegole olandesi stampate su fogli precostruiti contenenti bitume e plastica.
    Ti suggeriamo di farti portare un campione dall’impresa.
    Amedeu e c

  3. mi occorre sapere quale sia la soluzione più semplice per riempire il vuoto lasciato dallo sfondamento di una pignatta in un soffitto prima di ripristinare l ‘intonaco grazie

  4. Per Danila.
    Si deve chiudere dal di sotto il “buco” lasciato dalla pignatta, con una tavola ed un sostegno (puntello).
    Quindi, lavorando dalla parte sovrastante, dopo avere tolto tutti i residui della pignatta in laterizio rotta, bisogna chiudere il vuoto con forati da cm 8 (8x12x25) o similari, infilando nei fori degli stessi alcuni (senza esagerare) spezzoni di ferro del diametro 8 o 10 o 12, messi in maniera che prendano sia sulle costole dei due travetti laterali che delle pignatte limitrofe.
    Occorreranno almeno due strati di forati ( 4 o 5 forati dovrebbero bastare).
    Ogni strato di forati va coperto con malta. La malta va messa anche lateralmente a detti forati per unire il tutto.
    Si deve fare una ricucitura leggera e robusta nel contempo.
    Una volta seccato il cemento si può levare il puntello
    Amedeu

  5. Salve, sono in fase di ultimazione del progetto per la mia futura casa. Si tratta di una casa indipendente a 2 piani (piano terra + primo piano tipo mansarda , tetto in legno) di circa 60+60mq utili.
    Ero partita abbastanza decisa sull’uso di blocchi da 31cm in laterizio con isolante interno per il fattore trasmittanza buono e anche per la velocita’ di posa e il risparmio dovuto all’assenza dei pilastri in calcestruzzo . Tutto bello fino a quando il mio geometra non mi ha presentato una bozza del progetto che prevedeva si l’uso dei blocchi portanti ma solo per tamponare la classica struttura a gabbia coi pilastri in calcestruzzo.
    La motivazione é che essendo un materiale nuovo non ci sono garanzie per quel che riguarda solidita della struttura senza l’uso di pilastri e la robustezza nel tempo. Ora da una parte ho letto e sentito persone che mi dicono che per abitazioni come la mia un blocco di questo tipo garantisce una struttura sicura senza pilastri , dall’altra il geom. che sconsiglia vivamente una soluzione senza gabbia a pilastri.
    Sono abbastanza disorientata.

  6. Per Sara.
    C’è una moltitudine di tipi di blocchi, e tu non ci dai il nome della casa che li fabbrica e del blocco.
    Comunque puoi effettuare da sola questa ricerca.
    Cerca di sapere come si chiama questo blocco (per esempio tipo a cassero isolante in EPS- climablock- della Pontarolo), ed una volta avute queste notizie cerca la ditta su internet e leggi la scheda tecnica e le caratteristiche di tale blocco.
    Sicuramente la ditta fornitrice specificherà se sono portanti antisismici oppure no.
    Ok?
    Amedeu e c.

  7. Ti ringrazio per la celere risposta. I blocchi portanti possono essere usati per murature portanti se usati in zona antisismica (io abito in zona non sismica).
    La ditta ha parecchie certificazioni oltre ad avere tutte le specifiche fisiche del blocco.
    il mio dubbio é se una costruzione di medie dimensioni come quella che vorrei realizzare io su 2 piani con un tetto in legno si puo’ realizzare senza l’uso di pilastri avendo comunque la garanzia di una struttura robusta.
    Vi ringrazio

  8. Per Sara.
    La ditta nella scheda tecnica dà il blocco come portante, quindi non dovresti avere alcun problema.
    Amedeu e c.

  9. Buongiorno,
    mi chiamo Alfonso e desidererei avere una risposta o meglio dettagli riguardo a comprare una struttura abitativa al grezzo,cioe’ acquistare tale struttura al mq in grezzo e, conoscere il relativo prezzo,successivamente provvederei io a completare i lavori.
    Intanto vorrei sapere se esiste una probabilita’ di trovare qualche costruttore che sia intenzionato a vendere il grezzo,se si,a chi dovrei rivolgermi?L a mia zona e’ poggibonsi(SI).
    Quali potrebbero essere le soluzioni affinche’ cio’ possa accadere?
    Spero di trovare soluzioni insieme a voi,in attesa,un grosso saluto e buon lavoro!!
    Alfonso

  10. Per Alfonso.
    Questo sito è a carattere puramente informativo e purtroppo non ci occupiamo di contatti con ditte o appaltatori
    Comunque, nella tua zona ci sono certamentemolti cantieri edili in costruzione.
    Una volta che hai individuato il fabricato che ti può andare bene, nulla ti vieta di contattare il costruttore e di proporgli di acquistare un appartamento o una casa al grezzo, in quanto vorresti poi rifinirlo da te con materiali diversi e particolari.
    Molti impresari acconsentono, purchè i lavori dell’appartamento, se trattasi di condominio, siano ultimati nello stesso periodo degli altri: questo per vari motivi pratici fra i quali, non ultimo, l’ottenimento dell’abitabilità finale.
    Discorso diverso, se tu vuoi acquistare al grezzo una casa unifamiliare; in questo caso potresti trovare chi te la vende ed avresti più tempo per ultimare i lavori.
    Ciao.
    Amedeu e c.

  11. Vorrei alzare una rampa di scale (10 gradini). E’ corretto utilizzare 3 tavelloni sovrapposti per ogni gradino, opportunamente incollati con malta di cemento? Grazie in anticipo, Gabriele

  12. Per Gabriele.
    Non dici se la rampa è poggiata sul terreno, a sbalzo, oppure su due muri ecc.
    A parte ciò, tre tavelloni ti dano un altezza di 18 cm + la malta ed il rivestimento, supereresti ampliamente i 17/18 cm di una alzata normale.
    Amedeu e .

  13. ciao a me i laterizzi piacciono ciao ciao e anke perchè li sto facendo a scuola!!!!!!!

  14. Salve
    Ringrazio per l’ottimo servizio che offrite.
    Questa la mia domanda :
    Devo tamponare una stanza (nuova costruzione) con forati da 20
    ed eseguire in essa una tramezzatura con forati da 8. Quest’ultima deve essere intersecata col tamponamento o no?

  15. Per Andrea.
    Di solito le tramezzature vengono murate senza agganci nelle pareti laterali.
    Per l’antisismica ti consigliamo però di murare uno spezzone di tondino di 8/10 mm di diametro ogni 50 cm circa, della quale la metà murata nella fuga cementizia del forato e l’altra metà “affogata” e quindi murata nella tramezzatura.
    Amedeu e c.

  16. Buongiorno, per effettuare delle tramezzature di divisione tra ambienti è sufficiente utilizzare lo spessore 8 cm (10 con intonaco)? Per il bagno, ad esempio, è meglio il 12 cm? Mi riferisco più che altro all’isolamento acustico, dato che gli impianti passano a pavimento.
    Con la tramezza spessore 8 cm è possibile installare porte scorrevoli interne? Ho visto che il maggior produttore di porte scorrevoli ha la misura minima di spessore 9 cm. Si riesce a intonacare portando il tutto a 10 cm?
    Grazie

  17. ciao a tutti!
    Il vicino di casa ha fatto crepare la mia parete per dei lavori di ristrutturazione sulla parete comune. Pensando di risolvere la cosa bonariamente non ho coinvolto ne avvocato e ne assicurazione-la loro, se ce l’hanno- ma il suo operaio ha semplicemente intonacato le crepe…sarà sufficiente? le crepe sono estese e in alcuni punti il foratino piccolo è stato rimpiazzato dal solo intonaco…….sono perplessa…che fare? che dite????

  18. Per Maria.
    Non potendo vedere queste crepe, ne la disposizione delle strutture, anche se parli di parete in foratini (il che farebbe pensare ad un tramezzo non portante e quindi non pericoloso) se vuoi stare tranquilla, devi chiamare per un sopralluogo un tecnico abilitato della tua zona.
    Amedeu e c,.

  19. Salve, sto acquistando una casa in costruzione la ditta che la sta appunto costruendo adotta una tecnica a me sconosciuta e che molti hanno sconsigliato, tutti i muri perimetrali sono muri da 40 cm di spessore senza cappotto. Il costruttore dice che quando saranno finiti, tra malte e intonaco avranno uno spessore finito di 43 cm e questo permette appunto di non fare un rivestimento a cappotto.
    Non so che tipo di mattone utilizzi e chiederò a lui ulteriori spiegazioni ma volevo comunque avere unvostro parere visto che saretedi certo più esperti di me.
    Grazie
    Cordiali saluti

  20. Per Dario.
    In commercio vi sono dei materiali coibenti termicamente e dei blocchi termici che possono avere un grado di trasmittanza ottimale.
    Quindi devi farti spiegare attentamente il tutto dal Direttore dei Lavori, che poi è un tecnico (questo non per sminuire la figura del costruttore), il quale ti dovrà persuadere sull’utilità del materiale che intende usare (ed il costo equivalente) nei confronti di un blocco sismico e di un cappotto termico.
    Amedeu e c.

  21. sono proprietario di appartamento a piano terreno, con giardino. Il costruttore ha passato tutti i tubi CONDOMINIALI di acqua chiara e acqua scura nel mio giardino. Volevo sapere se ciò è regolare o meno e se così non fosse come devo tutelarmi? anche perchè in futuro ciò potrebbe causarmi danni.
    grazie

  22. Per Bruno.
    Devi controllare se a proposito di tale passaggio di tubazioni esiste una servitù citata nel tuo contratto di acquisto (attenzione perchè talvolta è appena accennata) ed è registrata e trascritta alla conservatoria dei registri immobiliari.
    Se non è così, puoi richiedere (probabilmente ti servirà un legale) che il costruttore rimuova il tutto.
    Non sappiamo comunque se rientri nel contenuto dell’articolo 1667, al 3° comma del c.c., che rende responsabile l’appaltatore per le conseguenze derivanti da difformità o vizi dell’opera rimasti “occulti” (non visibili nè riconoscibili) al momento dell’accettazione finale dell’opera stessa, e poi manifestatosi successivamente.
    Queste responsabilità danno diritto al committente di agire contro l’appaltatore, purchè lo faccia entro i due anni dall’avvenuta consegna dell’opera. Dopo tale termine cessa per il committente ogni possibilità di rivalsa nei confronti dell’appaltatore.
    Amedeu e c.

  23. Gentilissimo ,ho già avuto modo di seguire i suoi consigli tecnici ed ho risolto brillantemente,ora un nuovo quesito,devo fare un cancello che sarà di due ante da mt.1,80 circa di apertura ciascuna, ed ho pensato di usare i blocchi di argilla espansa da canna fumaria,era presente un cordolo di cemento con i ferri che spuntavano per i pilastri,ho allungato saldandoli i ferri con altri per predisporre l’armatura dei pilastri,ho fatto una base di cemento per i mattoni di A.E. che infilerei nei ferri predisposti riempiendoli poi all’interno con calcestruzzo,poichè le cerniere del cancello saranno :quella inferiore poggiata in terra a ruotare su piastra metallica murata e solo quella superiore che esce dal pilastro,quindi il peso del cancello si scaricherebbe in terra,vorrei sapere se la soluzione va bene o magari ci sia necessità di rinforzare ulteriormente i pilastri all’esterno con un giro di mattoni pieni.Grazie

  24. Per Nicola.
    Da quanto ci descrivi sembra che tu proceda bene.
    L’essenziale è che si crei una U che sia unita e non consenta ad un pilastro di “andare per conto proprio” a causa di assestamenti del terreno.
    Comunque leggi questo nostro articolo
    http://www.coffeenews.it/come-fare-costruzione-di-pilastri-in-mattoni-a-facciavista-per-cancello-carrabile
    Amedeu e c.

  25. Per xxxxx.B
    Scusaci ma il tuo commento è andato perduto, comunque lo avevamo letto.
    Se la lesione sul terrazzo è inferiore ai 2 mm, utilizza questo prodotto:
    http://www.coffeenews.it/tag/sigillaterrazzi-professional
    Amedeu e c.

  26. Salve,
    le mattonelle in gres rosso sono idonee per piastrellare pareti di un ambiente che deve rispettare le norme igenico sanitarie per la produzione di alimenti (es. lavorazioni casearie)?
    Grazie in anticipo.

  27. Per Roberto.
    Le piastrelle possono essere di qualsiasi materiale, però devono essere lucide e facilmente lavabile (quindi gres porcellanato).
    Per prodotti alimentari le ASL di zona richiedono, al limite, anche una fascia di vernice lucida smaltata.
    Amedeu e c.

  28. Grazie mille. Fate un gran bel servizio complimenti.

  29. salve,gentilmente volevo sapere che tipo di infissi, tegole e rifiniture varie, occorrono per ultimare un magazzino di 40 m. situato in un terreno autonomo di 1000 m. Il progetto del magazzino è composto da una finestra, due portafinestre e un portone di 2 m.
    grazie

  30. Per Clara.
    Comprenderai, che non vedendo l’edificio, potremmo solo tirare ad indovinare l’abbinamento della struttura esistente con gli infissi , le tegole e la rifinitura.
    Possiamo solo ipotizzare che tale magazzino sia in muratura di blocchi, con tetto a falde pendenti.
    In questo caso l’intonaco interno ed esterno poterebbe essere del tipo civile: rinzaffo, arriccio ed intonaco)
    http://www.coffeenews.it/arriccio-ed-intonaco-punti-fissi-o-%E2%80%9Cpasticche%E2%80%9D e successivi articoli
    Gli infissi possono essere in PVC con anima metallica (ma logicamente dipende da cosa ci metterai dentro tale magazzino).
    Per Il tetto vedi quali embrici ti possono piacere:
    http://www.coffeenews.it/quali-sono-i-laterizi-piu-usati-in-edilizia
    Amedeu e c.

  31. Ciao
    sto realizzando una struttura esterna in muratura per incassare un forno al legna a camera separata, la base è stata realizzata con mattoni doppi uni, con architravi prefabbricati.
    Purtroppo per un errore la struttura e più stretta del previsto di 2 cm quindi l’ideale per un buon risultato sarebbe quella di usare per la parte alta dei mattoni doppi semipieni posato sul lato da 10 cm, vorrei sapere se può funzionare, sopratutto alla luce del fatto che, questa muratura, dovrebbe reggere gli architavi di sostegno del comignolo e l’orditura portante della copertura costituita da: travi di cm 7×4 tavolato in multistrato marino e onduline fibrobituminose. In alternativa avere altre soluzioni da consigliarmi?
    Grazie dell’aiuto
    Lara

  32. Ciao
    devo costruire casa in Sardegna. Il progetto prevede struttura portante in cemento armato. il mio quesito è: che blocchi di tamponamento usare? ho visto che ne esistono di tanti tipi e con costi molto diversi. Vorrei usare un laterizio che isoli bene ma che non abbia un costo elevato.
    Grazie,
    Francesca

  33. Salve
    devo realizzare su un tanponamento in costruzione da 30 cm di spessore un’architrave per porta di larghezza 90 cm.
    Cosa conviene usare?
    Grazie
    Un saluto

    • Per Andrea
      Parli di tamponamento, quindi, di un edificio in cemento armato con un doppio uni affiancato da un forato interno, oppure da due foratoni.
      Puoi usare le architravi prefabbricate che troverai presso i magazzini edili.
      Amedeu e c.

  34. devo costruire una casa nuova non so che mattoni usare

  35. Salve, vorrei costruire un coprilavatrice sul terrazzo aperto, quindi esposto ad acqua e sole e altri agenti, alzando due spallette di circa 65x 90x 8 ciascuna distanti tra loro un metro e relativa copertura, realizzandola in modo più leggero possibile e addossando il tutto alla parete esistente.
    Chiedo cortesemente consigli sia per i materiali da ultilizzare e le modalità di esecuzione per effettuare un buon lavoro fai da te.
    Grazie e cordiali saluti.

    • Per Giuseppe.
      Dovendo effettuare il lavoro all’esterno, ti consigliamo di fare 2 pareti laterali in doppio Uni da cm 12x12x25 intonacati dai due lati con sovrastante strato di tavelloni e soletta da 4 cm.
      Usando i forati da 8 cm non avresti garanzie per le intemperie, e per i blocchi Gasbeton, lo spessore che richiedi viene utilizzato per tramezzi interni
      http://www.gasbeton.it/it/prodotti.html
      Amedeu e c.

  36. Salve. porto a conoscenza un qualcosa di strano. Facendo i lavori di ristrutturazione, a Napoli centro, palazzo fine 800 e appartamento sopraelevato primi 900, è emerso che i muri portanti (solo del sopraelevato) sono in mattoni di laterizio con malta da 10x8x20 a 4 fori con grandezza muro portante di 30 cm e il solaio poggia solamente sopra gli stessi. Domanda: visto che a distanza di oltre 100 anni non si è mosso niente, i muri portanti sono ancora buoni o bisogna rinforzarli e se si come? Grazie

    • Per Salvatore.
      Hai un progettista, e più che altro un direttore dei lavori, il quale, in base alle risultanze visive ed a eventuali prove di carico, saprà consigliarti per il meglio.
      Amedeu e c.

  37. Grazie per la risposta, l’ ingegnere e il direttore dei lavori dalle risultanze visive hanno confermato che il muro non ha subito danni e che non aveva bisogno di prove di carico. Ma che non potevano rilascare nessuna certificazione di staticità in qunto i muri portanti non si costruiscono con mattoni di laterizio. Dimenticavo di dire nel post del 20 luglio che sopra questi muri oltre al solaio (putrelle in ferro + tavelle di laterizio) poggia la mansarda. Detto questo secondo voi posso stare tranquillo della staticità (confermata a parole dall’ingegnere). Il solaio è solido e non pesante a quanto riferito dagli stessi. Saluti e scusi per il disturbo

    • Per Salvatore.
      Come possiamo tranquillizzarti su di un immobile che non possiamo vedere?
      Certo, il fatto che due tecnici non abbiano voluto rilasciarti alcuna certificazione (Anche se pagata con parcella regolamentare?) pone degli interrogativi.
      Se vuoi toglierti i dubbi che hai, devi richiedere l’intervento di un ingegnere professionista strutturale, il quale, una volta eseguito il sopralluogo di rito, saprà cosa consigliarti.
      Amedeu e c.

  38. Grazie, comunque il palazzo è stato ristrutturato dalla metropolitana una ventina di anni fa in quanto sotto lo stesso passa la metro. Lo stesso è stato periziato da tecnici del tribunale e della metropolitana, volevo conferma circa la staticità in ralazione alla motivazione di come mai nei primi anni del900 hanno usato per la costruzione dei muri portanti il laterizio e sprattutto di quelle misure, Saluti e sempre grazie della disponibilità

  39. Salve,
    ho una casa al secondo piano, praticamente c’è solo lo scheletro pilastri e solai. Devo chiudere e fare le pareti esterne, che mi consigliate per avere un buon rapporto di isolamento termico/acustico? Sono più efficaci i laterizi di 30 cm che si utilizzano da soli ( + intonaco dentro e fuori) o il sistema tradizionale con due tipi di laterizio e all’interno i pannelli isolanti? Grazie mille e complimenti

  40. salve, ho trovato le vostre risposte molto intelligenti e per tale motivo provo a farvi una domanda per la mia costruzione. meglio nn fidarsi tanto delle ditte che lavorano dalle mie parti le quali sono impreparate e poco scrupolose.
    Il mio quesito è: ho una costruzione su tre livelli in zona termica C la quale è stata realizzata con muro di contenimento a distanza di 0,70 cm per il piano interrato e con dei pilastri di cemento armato 0,30 cm di larghezza per tutta la costruzione, il tecnico mi consiglia tamponature 30x25x25 con intonaco termico esterno.
    Dunque è corretta dal punto di vista termico ed è efficiente a far si che le pareti traspirino e non mi si crea condenza o muffa nell’ abitazione?
    voi cosa consigliate, un mattone 11/13 fori classico o uno del gruppo poroton semmai termico 17/19 fori?
    certo di un parere disinteressato Vi auguro un buon anno e
    distinti saluti.

  41. Salve io stro costruendo una villetta in sicilia provincia di agrigento e vorrei sapere cosa è più conveniete unsare come isolamento e se è conveniente farlo…. se fare il cappotto o mettere dei semplici forati o se mettere dei forati quelli con la lana di vetro interna….. sono indeciso !! grazie

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.