Realizzazione di una parete attrezzata in un interno di appartamento

In una abitazione, per renderla conforme alle nostre aspettative, e per creare quell’ambiente confortevole che desideriamo, possiamo scegliere una soluzione diversa dai comuni standard edilizi: tale soluzione può essere rappresentata dalla realizzazione di una parete attrezzata.

La parete attrezzata o Wall System come conosciuta in tutti i Paesi, è nata con l’architettura moderna, anche se tale sistema veniva usato nel passato, ma con scopi diversi da quelli attuali.

Si basa essenzialmente su di un design di arredo innovativo ed elastico, grazie al quale si riescono a trovare soluzioni poliedriche che permettono di sfruttare a pieno gli ambienti interni, rendendoli estremamente vivibili e  piacevolmente arredati.

In definitiva la realizzazione di una parete attrezzata può permettere di suddividere, a nostro piacimento, gli spazi interni, tramite una organizzazione basata sull’utilizzo di elementi componibili.

Un idea, o meglio un sistema che sta sempre più prendendo piede nelle nostre case, anche per motivi di ristrettezza di superfici, e che ci consente di ricreare una camera ed una cameretta (Quando magari non ci sarebbero i metri quadrati necessari per legge per crearle), oppure realizzare un soggiorno arioso e con giochi di luce che ne arricchiscono lo spazio disponibile.

Le pareti attrezzate possono essere utilizzate anche per cucine con vista sul soggiorno, oppure addirittura per bagni.

Consiste nella praticità di un design moderno, teso essenzialmente a facilitare il nostro vivere in ambienti sempre più accoglienti.

Non esiste un modulo tipo da seguire e ripetere, ma esistono tanti componenti, frutto della nostra fantasia creativa, che posti insieme e collegati possono creare soluzioni all’infinito.

Comunque le pareti attrezzate possono essere distinte in due principali categorie:

Pareti portanti

pareti attrezzate 1    

Pareti con moduli indipendenti

Parete attrezzata 3   

Le pareti portanti sono costituite da moduli a colonna con due facciate laterali che poggiano a terra ed a soffitto: le stesse pareti possono essere ampliate ed allargate, in maniera che i suoi lati estremi corrispondano, anche, a tutto il vano nel quale vengono create.

La parete attrezzata a moduli indipendenti è invece realizzata da parti staccate e poi assemblate, anche ripetute, ma che non hanno alcuna caratteristica portante.

Realizzazione di una parete attrezzata 1    Parete arredata 6   

Comunque sia, i moduli hanno la peculiarità di poter essere divisi, sia orizzontalmente che verticalmente da ripiani aperti, oppure chiusi da ante  in legno o a vetro.

Parete attrezzata 4    Parete attrezzata 5   

La fantasia della persona può sbizzarrirsi nella creazione di tali pareti, nelle sue dimensioni, forme e colori.

Da dire veramente che una casa può assumere la personalità del suo occupante.

Queste pareti vengono comunemente realizzate da artigiani falegnami esperti nell’arte del mobile, e non può essere altrimenti, in quanto occorrono, per realizzarle, dei macchinari particolari, difficili da usarsi e pericolosi per chi non è del mestiere.

Di conseguenza, è doveroso affermare che chi opta per queste soluzioni, deve rivolgersi da un artigiano professionista, oppure trovare i moduli o le pareti già precostituite presso le migliori esposizioni di mobilio di arredamento, o nei grandi magazzini specifici in materia di legno.

C’è anche un sistema in uso per chi vuole servirsi del “Fai da te”, ed è quello di rivolgersi presso i negozi di bricolage o Hobby legno, dove si possono trovare tutti i materiali e le condizioni per realizzare quanto voluto: basta assemblarlo e verniciarlo.

Infine c’è il terzo metodo di realizzazione, ed è quello del fai da te esperto in legno.

Costui, partendo da un disegno realizzato , possibilmente in scala, acquista il legname occorrente e riesce a lavorarlo e poi a rifinirlo, aggiungendovi anche finiture varie, in materiali diversi, che ne completino la realizzazione.

Per questi ultimi il sistema usato normalmente consiste in:

1) Stendere un disegno, possibilmente in scala, per studiare le dimensioni e la composizione più adatta all’ambiente.

2) Tagliare tutti i ripiani della medesima misura e procedendo alle eventuali rettifiche di bordi e superfici. 

3) Praticare i fori in corrispondenza delle misure individuate e inserire i sostegni dei ripiani

4) Effettuare i fori sugli scaffali di tenuta  per inserire gli eccentrici (perni di giunzione che ne faciliteranno I’assemblaggio).

5) Inserire i ripiani di tenuta dotati di perni a eccentrico chiudendoli con una rotazione di mezzo giro.

5) Assemblare con viti e profili a L gli elementi verticali.

6) Inserire eventuali  moduli-box contenitori, per realizzare i pieni e i vuoti scelti

7) Rifinire il tutto con pittura scelta a colori o non

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA 
 

 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.