Resina epossidica. La nuova creatività nei pavimenti e rivestimenti.

La tecnica si sta sempre evolvendo e l’edilizia risente molto delle novità introdotte sul mercato, specie se dimostrano di avere quelle caratteristiche ricercate e garantite, di durata nel tempo, praticità di applicazione, costo adeguato e gusto, inteso come stile o classe.

E’ il momento delle resine epossidiche,  le quali in poche parole sono derivati chimici o meglio polimeri termoindurenti. Si presentano vetrose a temperatura ambiente, per il qual motivo vengono mescolate con diluenti vari, per renderle meno viscose, fino ad arrivare ad un grado di lavorabilità accettabile.

Per ottenere la loro polimerizzazione devono essere infine usati degli idonei induritori.

Sotto una confezione "tipo" di resina epossidica  con il bicomponente:

Può naturalmente essere acquistata in confezioni da 5 fino a 25 Kg.

I due componenti vanno mescolati secondo le indicazioni contenute sulle confezioni (rapporto da 1 a 3 – 1 a 4), quindi, per un uso facile, per esempio su di un comune pavimento da ricoprire, la resina  può essere stesa a rullo o  a  pennello, usando l’apposito diluente indicato nella confezione, al fine di renderla più lavorabile.

Deve avere un tempo utile per seccare, normalmente superiore alle 24 ore.

Sotto ancora vediamo alcuni esempi di pavimenti in resina:

CLICCARE SULL’IMMAGINE

L’applicazione della resina  non è sempre uguale nè semplice, e varia a secondo l’ambiente nel quale viene usata e secondo il risultato che si vuole ottenere.

Per esempio, osservate questa  magnifica realizzazione della Deopox del gruppo TLM:

CLICCARE SULL’IMMAGINE

L’uso della resina nei pavimenti ed anche nei rivestimenti di una casa può essere artistica, corredata di disegni, simboli.

Può avere cento aspetti e numerose varianti di applicazione e rifinitura.

Tutto ciò comporta che deve essere messa in opera da personale competente e specializzato.

Sotto vediamo due pavimenti artistici realizzati rispettivamente dalla Al Pitor. e dalla Portobello.tn

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Brevemente, passiamo in rassegna le operazioni da compiere per ottenere un pavimento di resina su di un massetto predisposto in una civile abitazione :

Se il massetto si presenta non perfettamente regolare va stesa una mano di  livellante  cementizio dato con la cazzuola americana,

quindi viene passata una mano di primer, che deve servire come aggrappante al successivo strato di stucco artistico dato sempre con la cazzuola americana e che servirà come fondo della resina. Potrà darsi anche una seconda mano di tale stucco, ma sempre addizionata al primer.

La superficie ottenuta dovrà essere opportunamente carteggiata in maniera da renderla uniforme e liscia.

A questo punto l’operatore deve mescolare la resina al suo bicomponente, stando molto attento a calcolare la dose giusta da adoperare.

E’ sempre meglio abbondare, in quanto si  potrebbe realizzare un pavimento con avvallamenti oppure non terminato.

Questo, in quanto la resina, mescolata al suo bicomponente secca abbastanza velocemente.

Comunque l’operatore ha tutto il tempo di stenderla usando una spatola grande da boiacca.

La resina è autolivellante e tende a "spianarsi" per conto proprio, ma è sempre opportuno correggerla con la spatola là dove fossero presenti delle irregolarità.

Attendere quindi  che asciughi ( non meno di 24 ore) e poi l’operatore potrà passare un nuovo strato di resina a finire, dello spessore non superiore ai 2-3 mm.

La rifinitura può essere ad antigraffio ed estremamente resistente

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

6 commenti

  1. Pavimenti in resina

    Con la resina si fanno proprio dei lavori eccezionali, complimenti!

  2. si può usare la resina su un riscaldamento a pavimento?

  3. Ho un pavimento in parquet ormai logoro e sciupato. posso carteggiare e stendere la resina (colorata es. di giallo?). Va bene anche sul legno o mi consigliate altre cose? Grazie Enrica

  4. Per Enrica.
    Non ci è mai capitato di vedere un pavimento di resina creato su un parquet di legno.
    Dovresti sentire il posatore e chiedergli delle garanzie di resistenza nel tempo.
    Amedeu e c.

  5. salve, mi interessa la resina per rivestire le pareti orizzontali e verticali di una piscina. va bene per questo? dove posso trovarla e a che prezzo? mi faccia sapere, saluti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.