Ristrutturazione casa. Demolizione scala esterna.-2-

Procediamo nella ristrutturazione della nostra casa: siamo rimasti al montaggio del ponteggio fisso esterno, il quale però non è stato completato, per il fatto che necessita demolire la scala che conduce al piano primo e che è fatiscente e pericolante.

La scala, come si può vedere dal disegno sottostante è una superfetazione dell’edificio da ristrutturare, in quanto non ha le caratteristiche proprie di questo, e venne costruita, in sostituzione di altra vecchia, intorno agli anni 50-60.

Vedete come è costruita tale scala:

CLIC

Si presenta con longarine NP infisse nel muro e murate a malta di calce, fra una longarina e l’altra sono stati stesi i tavelloni in laterizio, sopra di essi appoggiati dei ferri lisci a correre e gettata la soletta con calcestruzzo di cemento. Gli scalini erano stati realizzati in forati intonacati all’esterno con malta di calce e sabbia fine, frattazzata.

La costruzione si presenta in pessime condizioni di manutenzione; l’intonaco sotto i tavelloni è in parte caduto, gli stessi tavelloni si presentano corrosi dal tempo, la ringhiera in ferro non è più solida, ma oscilla molto. Inoltre le longherine NP (normale profilo), murate a malta di calce, hanno subito degli spostamenti, per cui la struttura  deve essere demolita. Fra l’altro è stato previsto di costruire una nuova scala all’interno.

Demolire una siffatta struttura, della quale abbiamo voluto dare un’ampia descrizione, affinchè il lettore comprenda quali materiali scadenti e quindi eventuali insidie possono trovarsi in un manufatto semiabbandonato, comporta di  agire con la massima cautela, eseguendo una demolizione programmata.

Il discorso vale naturalmente per qualsiasi altra scala (costruita anche con tecniche diverse) a sbalzo e che  debba essere demolita; cioè si deve sempre cercare di conoscerne la struttura, quindi la composizione e poi con cautela provvedere alle opere di puntellamento e quindi di demolizione.

Le opere di puntellamento vanno sempre eseguite con accortezza e nella massima sicurezza, in quanto non effettuandole può succedere che la struttura può crollare tutta insieme causando danni ingenti a persone ed a cose.

Quindi è necessario puntellare bene la scala ed il ballatoio, usando preferibilmente tubi metallici Innocenti, con morsetti idonei.

Sotto il ballatoio e la scala si pongono longitudinalmente due travicelli 10×10 in legno, distanziati ed in maniera che sorreggano ai due lati tutto il corpo della scala.

Gli stessi vanno posti in opera durante il montaggio del ponteggio metallico, simile a quello mostrato nel disegno sottostante.

CLIC

Dopo avere assicurato bene la struttura da demolire con tale puntellamento, si deve costruire un ponteggio sempre metallico, (per fare lavorare gli operai addetti alla demolizione) circostante la scala, ma in maniera che non tocchi la struttura nè l’appuntellamento di questa.

La ditta, lavorando su questo ponteggio, inizia a togliere la ringhiera in ferro, a demolire il corpo ballatoio, quindi gli scalini in laterizio, la soletta ed i tavelloni, allontanando naturalmente il materiale di risulta della demolizione, non gettandolo dall’alto, ma servendosi di canale idonee per il calo degli stessi.

Smontati quindi i ponteggi, sia di puntellamento che di lavorazione, rimangono solo da scalzare e sfilare dal muro le longarine NP; per questo basta montare un nuovo ponteggino e lavorando con il martello elettrico si tolgono una alla volta e si calano al suolo.

A questo punto può essere completato il ponteggio fisso intorno alla costruzione e che permetterà di lavorarci in sicurezza.

Vedi anche l’articolo n° 1

Tutte queste manovre, di puntellamento, montaggio, smontaggio e poi altro rimontaggio di ponteggio, possono sembrare ripetitive e costose per chi non è del mestiere, ma bisogna sempre tenere presente che una cosa importante nelle costruzioni è la sicurezza, e specie nelle demolizioni, basta molto poco, una trascuratezza, un lavoro fatto con faciloneria per risparmiare del tempo, per poi trovarsi in grossi pasticci.

Ne riparliamo nel prossimo articolo.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

16 commenti

  1. Sto pensando di demolire la scala esterna della mia casa perchè mi occupa troppo spazio (vorrei mettere una scala a chiocciola in ferro o similare con accanto un mini elevatore). La mia scala attualmente è di tipo prefabbricato in cemento armato per un totale di n. 3 rampe, di cui due sono fissate al muro esterno della casa. Vorrei sapere se è possibile da un punto di vista tecnico e legislativo fare una ristrutturazione di questo tipo e quali possono essere orientativamente i costi di demolizione di una scala esterna in cemento (altezza totale 4,5 mt).
    Grazie per il vostro consiglio

  2. Per Chiara.
    Devi leggere il Regolamento edilizio del tuo Comune (anche via internet) dove vi sarà senza dubbio un articolo dedicato alle scale di un edificio.
    Probabilmente citerà che se la scala è quella principale, non può essere a chiocciola, deve avere la larghezza minima di mt 2,20(?) ecc.
    inoltre vi saranno anche le indicazioni per le scale secondarie.
    Amedeu e c.

  3. Salve.Chiedo scusa se commento qui ma non ho trovato nulla che possa aiutarmi.
    Devo realizzare una scala a chiocciola interna per mettere in comunicazione la cucina con le camere al piano superiore.Il passaggio verrebbe effettuato in un punto in cui la soletta(di 3.4 mt di larghezza per 3 di lunghezza) è realizzata con putrelle e tavelloni.(nella restante parte c’è il soffitto a volta).Calcolando l’apertura dovrei tagliare una putrella,con parte dei forati,(le altre due putrelle rimmarrebbero intatte).Qual’è il corretto modo di procedere?
    Grazie

  4. ..dimenticavo di dire che la cucina si trova al primo piano e le camere al secondo.Sotto la cucina c’è la cantina(molto alta,3.95 mt) con soffitto anch’esso a volta.Ho chiesto pareri ad alcuni muratori e ad un geometra ma non mi hanno per niente convinto sul modo di procedere.

  5. Per Vittorio.
    Per una scala a chiocciola serve una apertura a pavimento, di mt 2,00×2,00.
    La longherina tagliata (previo idoneo puntellamento del solaio rimasto) dovrebbe attestarsi su di un profilato a doppio T perpendicolare alla stessa e ben saldato a tre putrelle (2 laterali intatte e quella centrale tagliata).
    Sono operazioni delicate, che necessitano di un progettista per il calcolo dei carichi e dei profilati, e di un direttore dei lavori che ti segua tali opere.
    Amedeu e c.

  6. Per Vittorio.
    Abbiamo letto la seconda tua domanda.
    Per l’appoggio della scala a chiocciola, va calcolato il peso, viste le condizioni di conservazione della sottostante volta e previsti, nel caso, eventuali rinforzi.
    Per questo, ti ripetiamo occorre un tecnico abilitato della tua zona, che ti effettui un sopralluogo e ti segua da vicino i lavori.
    Amedeu e c.

  7. Grazie per la risposta.Procederò come consigliato.

  8. Devo ristrutturare una casa in muratura portante, i solai possono essere realizzati con putrelle in acciaio ?,la scala che porta al primo piano come può essere realizzara in cemento armato? e il tetto a due falde è preferibile realizarlo in legno o cemento? Grazie Assunta

    • Per Assunta.
      Tutto è possibile, oppure no.
      Dipende dalla struttura della casa e dall’adeguamento alla normativa antisismica.
      Cerca un buon tecnico progettista professionista abilitato che ti farà il progetto con le soluzioni che desideri.
      Amedeu e c

  9. devo demolire n 10 rampe di scale larga 2,40 per metterci l’ascensore di un metro cosi rimanedue rampe da cm 70 quanto costa demolire le rampe

    • Per Gianmarco.
      Tale demolizione va fatta ad economia, cioè ad ore di operai specializzati e manovali comuni.
      Devi calcolare il tempo occorrente per il montaggio di un idoneo ponteggio di sicurezza, più il macchinario occorrente (Smerigliatrice a disco grande, montacarichi idoneo. ecc)
      Il tutto trasformato in ore (cioè in economia).
      Non c’è altro modo di affrontare un lavoro del genere, dove va tutelata l’incolumità del personale addetto ai lavori e che deve procedere con calma e sicurezza.
      Amedeu e c.

  10. devo smontare una scala a chiocciola con struttura in ferro e gradini in legno. Vorrei eseguire il lavoro senza richiedere l’intervento di operai e soprattutto senza utilizzare seghe elettriche.
    Grazie

    • Per Sara.
      Cosa vuoi sapere?
      E’ un intervento che può essere eseguito in economia o per conto proprio, però ti occorrerà sempre un direttore lavori che si assuma la responsabilità della demolizione.
      Amedeu e c.

  11. Salve, mi sto occupando della demolizione di un fabbricato in muratura di tre piani. Essendo alle prime armi, e soprattutto non avendo alcuna esperienza in ambito cantieristico, per quanto concerne la demolizione della scala in che modo vanno messi i ponteggi? La pianta della scala è rettangolare, con due rampe uguali per piano e larghezza «trombino» 30.
    Grazie

    • Per Vera.
      Nell’articolo dal quale ci hai scritto, abbiamo cercato di creare un esempio generale della demolizione di una scala, in sicurezza.
      Naturalmente ogni caso ha delle problematiche diverse e tale demolizione è forse la più pericolosa da effettuare in una casa.
      Occorre studiare bene tutte le possibili reazioni che si possono innescare.
      Il consiglio che diamo, è quello di effettuare tale disfattura solo in presenza di un buon tecnico direttore dei lavori.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.