Rivestimenti bagno e cucina: come fare – 31

VEDI L’ARTICOLO N°30

Siamo arrivati ad un capitolo molto importante per chi costruisce la propria casa, ed esattamente ai rivestimento del bagno e della cucina.
Importante, perchè, come già detto per i pavimenti, la scelta ottimale delle piastrelle ed il loro colore abbellisce notevolmente una abitazione e ne rimane poi parte integrante di essa per tanti anni.

Una volta era molto semplice fare il rivestimento della cucina, in quanto veniva eseguito solo su due pareti adiacenti, fino all’altezza dei mobili pensili (mt 1,60) che venivano installati oltre quella misura.

Il bagno invece è sempre stato complicato, in quanto sono rivestite tutte le pareti del locale, scegliendo greche ed ornamenti vari.
Poi il bagno ha molti scarichi e tubazioni che devono essere allacciate, per cui è sempre stato macchinoso e difficoltoso praticare tanti fori nelle piastrelle.
Oggi tutto è cambiato, in quanto si tendono a costruire cucine moderne, ma anche bagni, con piani orizzontali, sporgenti o rientranti, rivestiti con piastrelle speciali.
Vedi a tale proposito, di seguito, la foto di una cucina moderna.
CLIC

Le planimetrie che seguono vi mostrano le piante della nostra casetta in costruzione, della cucina e del bagno.

CLIC

Detto questo passiamo a realizzare il rivestimento sia in cucina che nel bagno.

Come raccomandato nei precedenti articoli, il pavimento, specie lungo le pareti, deve essere in perfetto piano.

Si possono scegliere molti tipi di piastrelle, dalle più piccole a tasselli (in fogli)  alle moderne 10,8×10,8 alle misure strane quali 50×15, nonchè ai materiali più disparati, tipo la ceramica, la monocottura o paste speciali, comunque la metodologia di messa in opera è sempre la stessa.
Si deve partire con la mattonella intera, dagli angoli più in vista e comunque valutare sempre prima, sulla base delle misure delle piastrelle,  dove verranno eseguite le tagliature, prendendo preventivamente le misure con il metro.

Prese queste decisioni, usando la cazzuola americana dentata, si parte dal basso e si spalma la colla da piastrelle , tipo H40 della KeraKoll o similari, per una striscia più alta della piastrella o di un foglio di tasselli.

(La cazzuola americana dentata deve essere usata (a raso)  con movimento uniforme, in maniera che, l’operatore, prelevando  la colla da spalmare sul muro dallo sparviere, tenuto con la mano sinistra ed appoggiato alla parete, faccia si che  i suoi denti  lascino  sul medesimo sempre la stessa quantità di colla)

Ricordiamoci, in ogni caso, di bagnare le pareti con la pennellessa e le mattonelle, immergendole nel vassoio da muratore.

Si procede in direzione, dal basso verso l’alto, fino a raggiungere l’altezza voluta.

Negli angoli sporgenti, di regola non si possono sovrammettere le mattonelle di una parete a quelle della parete adiacente, ed allora vanno posti in opera i Jolli (Che sono piastrelle che presentano un lato smussato a 45° e che vi dovrà fornire il rivenditore delle piastrelle, comunque voi dovrete sempre dargli le misure lineari di questi spigoli, ed egli vi fornirà tanti jolli pari al doppio di tali misure)
A questo punto bisogna però aprire una parentesi, in quanto esistono delle piastrelle moderne, specie in paste colorate che non necessitano dei jolli ma che si possono sovrapporre: quindi informatevi bene al momento dell’acquisto.
Vedete di seguito alcune foto di bagni e cucine:

BAGNO

CLIC

CUCINE

Nel prossimo capitolo ultimeremo questo argomento.

Segue ./. VAI ALL’ARTICOLO N° 32

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

17 commenti

  1. MILICI IONELLA

    SALVE, STO PER ACQUISTARE LA CUCINA DELLA SCAVOLINI, MODELLO REFLEX (BASI IN NOCE CANALETTO E PENSILI IN BEIGE LACCATO LUCIDO SERIGRAFATO ) PIANO IN QUARZO CHIARO SUL BEIGE, IN CHE COLORE SCELGO LE PIASTRELLE E COME TINTEGGIARE LE PARETE
    GRAZIE

  2. Per Ionella.
    Il consiglio migliore che ti posso dare è di visitare il sito http://www.scavolini.com e vi troverai (specie per le cucine) un vasto assortimento di composizioni, compreso le piastrellature.
    ciao
    Amedeu e c.

  3. salve, ma quando si posano le piastrelle, è meglio fare una fila in verticale per l’altezza poi procedere con tutte quelle orizzontali o è indifferente?

  4. Per Guido.
    Devi leggere attentamente gli articoli da noi fatti sui rivestimenti.
    Comunque il rivestimento va eseguito avanzando con le mattonelle messe in piano, una fila dopo l’altra.
    Bisogna però stare molto attenti che il pavimento sia in piano, altrimenti le file delle mattonelle possono sfalzarsi sia pur di pochi mm.
    Amedeu e c.

  5. ho levato le piastrelle dalla parete del bagno e murato tutti i nuovi attacchi dell’impianto,però la parete non è regolare…non voglio intonacare le pareti per posare le nuove piastrelle…come faccio?

  6. Per Fausto.
    Se vuoi posare le piastrelle a colla devi ottenere una superficie perfettamente piana, altrimenti otterrai un rivestimento eseguito male.
    Per cui, il sistema migliore è quello di stonacare con cura il bagno, fare le fasce, poi un arriccio, a malta bastarda, tirato perfettamente con il regolo e passandoci all’occorrenza il frattazzo per spianare bene.
    Dopodichè puoi incollare le piastrelle. (Troverai tutti gli articoli su questo sito, con il pulsante “cerca”
    Altro sistema, che noi però sconsigliamo in quanto “vetusto” e di difficile esecuzione, è quello di murare le piastrelle a malta bastarda, partendo con la riga dal basso e con un’altra riga controllando sempre i piani, orizzontale e verticale. Non vanno eseguite più di 3 file al giorno per una persona che non sia esperta.
    Poi ti troverai ad allungare con manicotti tutti i raccordi idraulici del bagno.
    Te lo sconsigliamo.
    Amedeu e c.

  7. Ciao. Scrivo a voi, sempre disponibili e completi nelle informazioni, in quanto dovrei posare (per mia suocera ) un rivestmmento in cucina di fianco ad uno gia esistente, solo che mi ritrovo a dover posizionare, verticalmente, una fila di piastrelle che risultera sopraelevata di alcuni mm rispetto alla fila adiacente e preesistente.non potendo usare angolari o jolly ( sarebbe inutile, a meno di rompere la fila di piastrelle adiacenti e preesistenti) , si puo rimediare coprendo i mm sopraelevati con fuga , semplicemente? non posso scavare nel muro causa tubazioni che arrivano gia a filo muro, e che uscirebbero fuori. complicato? o forse solo per me. grazie in anticipo. Saluti.

  8. Per Luca.
    Vedere in un vano due rivestimenti non allineati sta veramente male.
    Questo ti deriva dal fatto che le nuove piastrelle sono maggiorate rispetto a quelle esistenti?
    Se è così, non vediamo come tu possa rimediare: perchè passarle tutte su di una smerigliatrice a banco, ti converrebbe comprarne di nuove, e poi potrebbero rovinarsi.
    Anche se riesci a mettere una “copertina” fatta ad L in alto, come coronamento di tutto il rivestimento, non riuscirai ugualmente a nascondere i mancati allineamenti delle file sottostanti.
    Proprio non riusciamo a darti alcun buon consiglio.
    Amnedeu e c.

  9. amedeu cosa mi dici se io per fare un rivestimento di un bagno o di una cucina userò una livella a bolla e un filo a piombo (a filo mattonelle) per controllare la perfetta verticalità su 2 fronti? ma mi chiedevo se il pavimento a ridosso del perimetro non sia in perfetto piano? quale è l’operazione preliminare per correggere questo inconveniente?
    grazie

  10. Per Stefano.
    Lo puoi fare solo con la livella a bolla (Utilizzando la bolla verticale)
    Se hai il pavimento preesistente, oppure nuovo e non è in piano, devi porre delle righe diritte di alluminio o legno all’altezza di circa una mattonella e fermate con dei sergenti in ferro.
    Tali righe devono essere in perfetto piano.
    Esegui tutto il rivestimento ed una volta secco, togli le righe e metti in opera la prima fila di mattonelle, aggiustandole con la smerigliatrice a disco.
    Amedeu e c.

  11. buongiorno, intanto i miei ringraziamenti per il sito gestito.
    in questo suo articolo, lei ha parlato dei jolli, cioè mattonelle a 45° che servono per fare gli spigoli
    presumo che quando si fà il rivestimento, si comincia proprio dagli spigoli di una parete. vero? mi corregga.
    un altra modalità, che oggi molti muratori moderni usano, è rivestire con l’angolare di plastica. quindi senza fare o acquistare piastrelle a 45°.
    Mi può spiegare gentilmente come si mette in opera questo angolare a regola d’arte nel fare gli spigoli a piombo?
    ancora grazie!

    • Per Steven.
      Esatto.
      Usando la riga e la livella a bolla e facendo molta attenzione a quello che si sta facendo.
      Segui i nostri articoli in merito.
      Amedeu e c.

  12. ancora i miei ringraziamenti alla redazione di questo sito e al sig. Amedeu, che ogni giorno mette il suo impegno a disposizione di tutti!!!
    grazie costruttore, maestro per tutti!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.