Sentenza 6382/2012 del Consiglio di Stato. Quando un gazebo può essere considerato costruzione a tutti gli effetti.

Questa sentenza può interessare tutti coloro che ottengono l’autorizzazione comunale per installare un gazebo a carattere precario, e poi lo trasformano, magari in vari tempi successivi, in qualcosa di diverso e più stabile.

Parliamo della Sentenza n. 6382/2012 del 12 dicembre 2012 del  Consiglio di Stato che ha interessato la realizzaione di gazebo, appunto a carattere precario, a servizio di un ristorante.

Il gazebo aveva ottenuto anche le autorizzazioni comunali relativamente alla chiusura laterale, tramite infissi in alluminio e vetro, ed alla sostituzione della copertura.

A seguito di un esposto, interveniva la Polizia Municipale, riscontrando che nella struttura era stata rinnovata la pavimentazione ed eseguite opere relative all’impianto  elettrico, di aria condizionata e sonoro.

Rilevato quanto sopra veniva dato inizio, da parte dell’Amministrazione Pubblica all’iter burocratico e faragginoso relativo all’esecuzione di lavori abusivi, con adozione dell’ordinanza di demolizione per le caratteristiche, la consistenza e la stabilità della struttura, anche volumetricamente rilevante, nel rispetto della disciplina urbanistico-edilizia e delle norme tutelanti il vigente vincolo paesaggistico.

Dopo il ricorso del proprietario, si percorrevano le varie fasi di giudizio, ed infine, in fase di appello è stata emessa in data 12/12/2012 la suddetta sentenza, con la quale veniva respinto l’appello del ristoratore

Le considerazioni della sentenza appaiono più che motivate, in quanto,".. i gazebo non proprio precari, ma funzionali a soddisfare esigenze permanenti, vanno considerati come manufatti alteranti lo stato dei luoghi, con un sicuro incremento del carico urbanistico (cfr. Cons. Stato, V, 1° dicembre 2003, n. 7822)…. Nella specie, l’intervento si era estrinsecato nella sostituzione dell’intera struttura portante con grandi travi in legno fisse; il che, insieme alla ripavimentazione ed alla dotazione d’impianto elettrico, climatizzante e sonoro, era stato correttamente valutato dal comune, così tenuto ad emettere il provvedimento poi gravato, in rapporto ad un intervento implicante un’ampliata volumetria o cubatura e realizzato in area sottoposta a vincolo paesistico e, dunque, non tollerante autorizzazioni postume"

Pertanto il Consiglio di Stato, in sede Giurisdizionale respingeva l’appello del proprietario.

E’ una sentenza che farà riflettere molti proprietari di gazebo, che, magari, non prestando attenzione a possibili ricorsi di vicini, di passanti o di Forze di Polizia Urbana, trasformano dette strutture in comodi ambienti di relax: trasformazioni apprezzabili, ma purtroppo non consentite edalle vigenti leggi.

In questa fase vorremmo fare un appunto, richiamando alla cautela tanti amministratori locali, i quali autorizzando "strutture precarie" a tempo determinato, creano in definitiva una serie di manufatti destinati a durare nel tempo.

Quindi, è la parola "Precario", che non dovebbe esistere,  e non esiste in urbanistica.

Eventualmente, per strutture commerciali con le quali molti devono vivere, dovrebbero essere rilasciate autorizzazioni diverse, tutelate da convenzioni, da atti di obbligazione e da fideyussioni, e che possano garantire, a semplice richiesta dei concedenti, la rimozione immediata dei manufatti stessi.

Come è facile comprendere dal caso soprastante, con alcune autorizzazioni si è consentito di realizzare qualcosa di più di un semplice gazebo, facendo spendere inutilmente soldi ad un cittadino; ma quando è intervenuto un esposto, è diventato oltremodo difficile sostenere ciò che si è autorizzato ed anzi è stato necessario intervenire per fare rimuovere detta struttura.

Sono stati spesi inutilmente soldi pubblici, dovuti al tempo perduto per stare dietro ad una pratica di abusivismo, per pagare i legali e per altro ancora non ben quantificabile

 Quindi, sempre a nostro parere, le Amministrazioni Pubbliche dovrebbero essere molto caute a rilasciare le autorizzazioni precarie.

Sotto, in modello Word doc 1997/2003 riportiamo la copia della sentenza stessa.

    Sentenza 6382/2012del Consiglio di Stato.

 

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA 

di Amedeu

6 commenti

  1. devo frazionare un terreno ereditato e vorrei sapere come vanno ripartite le spese e se il confinante si rifiuta di frazionare cosa succede
    grazie

    • Per Giuseppe.
      Se siete entrambi eredi, il costo del frazionamento può essere diviso in parti uguali, che è la cosa più semplice da seguire.
      Se l’altro erede non vuol partecipare alla spesa: paghi tu anche per lui, non fate le divisioni, ti rivolgi da un legale ed aprite un contemzioso che dura anni, ecc.
      A te, la scelta della via più breve e meno complicata.
      Amedeu e c.

  2. buongiorno vorrei un consiglio -ho una casa che appoggia un lato verso il vicino in questo muro a mia insaputa il vicino ha inserito un tubo dove convergono acque domestiche e pluviali (premetto che il comune non ha separazione delle acque) le medesime scolano dentro il mio muro inzuppandolo e macchiandolo oltre scolare nella cantina ho più volte allertato il vicino ma ho solo ricevuto insulti mi sono rivolta al comune ma nonostante lamentassi odori ha definito la diatriba privata – cosa mi consiglite di fare ?? magdala disperata

    • Per Magdala.
      Documentati con foto varie e rivolgiti da un legale della tua zona.
      Il medesimo provvederà a scrivere al vicino chiedendogli la riparazione e gli eventuali danni.
      Amedeu e c.

  3. Salve. ,ho intenzione di costruire un gazebo in legno, con una tenda come tetto,di che permessi ho bisogno?e in termini economici ,quanto spenderei per le pratiche?abito alle falde del Vesuvio. grazie

    • Per Fabio.
      Se il Gazebo è smontabile, e coperto da una tenda, di regola non occorre alcuna autorizzazione.
      Naturalmente non deve essere ingombrante nè avere le caratteristiche della inamovibilità.
      Comunque, ti consigliamo di sentire anche un tecnico dell’ufficio Edilizia Privata del tuo Comune.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.