Stendere la boiacca di cemento su di un pavimento appena realizzato. Come fare.

Molte persone che ci seguono avanzano la richiesta di come effettuare la boiaccatura dei pavimenti, una volta messi in opera.

Vediamo di specificare meglio quello che avevamo già detto in precedenti capitoli.

Una volta che il pavimento è stato messo in opera, con il sistema del magrone, oppure con la colla o ancora con la malta murando una mattonella per volta (nel caso di pietre e cotti grandi), si tolgono dai commenti tutti i distanziatori; dopodichè, con una scopa possibilmente di saggina, di quelle cioè che usavano una volta, si deve spazzare molto bene il pavimento , ripulendolo da eventuali rimasugli di calce, di scaglie di ceramica o altro.

A questo punto, si prepara un secchio di cemento liquido (Ne aggiungeremo altri all’occorrenza): cioè si riempe per metà il secchio o paiola di cemento in polvere, si aggiunge acqua, mescolandolo bene con un legno o con la cazzuola stessa; si aggiunge cemento ed acqua fino a che il secchio non sia quasi pienoLa boiacca (questo è il termine usato per tale miscuglio) deve diventare semiliquida, cioè avere la consistenza per potere entrare nei commenti delle piastrelle.

Nota: Esistono dei prodotti di diversi colori che suppliscono il cemento (tipo il "Fugabella"), comunque la prassi è la solita

Il pavimento sul quale andiamo a stendere la boiacca deve essere secco, cioè posato da almeno un giorno.

Adesso l’operatore deve calzare un paio di stivali di gomma.

Si vuota il secchio contenente la boiacca al centro della stanza e con l’aiuto della scopa di saggina o meglio ancora con un attrezzo costituito da un manico di legno che termina con una asta perpendicolare con gomma (vedi foto sotto), si sparge la boiacca sul pavimento.

Si manovra in continuazione la scopa, in maniera che tutti i commenti fra le piastrelle vengano riempiti.

Allorchè si nota che i commenti sono pieni, si inizia la pulitura.

A questo punto è bene lavorare in due persone, in quanto la boiacca tende a seccare velocemente e quindi deve essere spazzata con l’ausilio di segatura di legno e scopa. Il lavoro deve procedere velocemente.

Asportato il cemento superficiale, si iniziano a rifilare i commenti ed a pulire attentamente tutte le mattonelle.

Per rifilare i commenti serve un piccolo cuneo di legno (viene usata comunemente una delle due parti di una molletta in legno da stenditoio per massaia)

Partendo da un lato della stanza, si asporta, con la parte sottile della molletta, il cemento in più che copre i commenti, e per fare questo basta passarci una sola volta la parte più appuntita della molletta.

Adoperando poi uno straccio ruvido, ma che non lasci peli o residui sul pavimento, si strusciano a mano (quindi si deve lavorare in ginocchio ed a tale proposito, per chi ha delle difficoltà, sappia che i magazzini edili vendono le ginocchiere di gomma) le piastrelle, pulendole accuratamente. Una volta pulite, con una scopa asciutta e pulita pure essa,si spazza il tratto di pavimento passato, asportando eventuali residui rimasti.

Lavorando in due persone, si riesce a fare il lavoro in poco tempo.

Naturalmente ci vorrà della fatica e sudore, ma il lavoro, se vengono seguite le indicazioni sopra descritte, verrà molto bene.

 Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

16 commenti

  1. ho un pavimento in gres porcellanato con una fuga di 2,5 mmm (da due anni), vorrei scurire la boiacca, che si è rovinata in vari punti. Come si può fare?
    Ringrazio in anticipo per l’attenzione

  2. Per Ileana.
    Poni un quesito molto difficile.
    Una volta data la boiacca, qualunque essa sia, di cemento o preconfezionata tipo “Fugabella”, poi toglierla è veramente un problema.
    Con la smerigliatrice, a disco fine diamantato, puoi rifilare ( e qualora tu lo voglia anche sostituire alcune mattonelle), non certo un intero pavimento.
    Che ci risulti non esistono prodotti chimici che portino via la sola boiacca senza danneggiare lo strato di porcellana del gres.
    Ci dispiace Ileana, non riusciamo a trovarti una valida soluzione.
    Non ti resta altro che ripassare il cemento che hai usato e pulire bene i commenti
    Ciao
    Amedeu e c.

  3. Ho un vecchio pavimento in graniglia nera che ha le fughe rovinate. In pratica la boiacca è saltata via e rimangono fessure di varie dimensioni tra le mattonelle che in molti casi hanno gli spigoli leggermente rovinati. Vorrei sistemarlo senza spendere una fortuna (il locale è in affitto e sono solo 30mq). Posso stendere una nuova boiacca? Se sì che procedimento devo utilizzare?
    La superifcie sembra anche molto sporca,con macchie e residui di vecchie cere, come posso pulirlo? E l’operazione di deceramento va fatta prima della boiaccatura o dopo?
    Grazie

  4. Per Andrea.
    L’unico suggerimento che possiamo darti è quello di cercare nella tua zona un pavimentista che possieda un “orso”, che è una macchina che lucida e rifinisce i pavimenti in graniglia.
    Amedeu e c.

  5. Siamo un Condominio che ha deciso di fare un’opera di ordinaria manutenzione ai balconi consistente nella posa in opera delle rete e rasatura.
    E’ necessario nominare il Direttore dei Lavori?

  6. Per Paolo.
    I lavori rientrano nella ordinaria manurenzione, per cui non c’è bisogno di alcuna autorizzazione.
    L’assumere o meno un Diretore dei Lavori abilitato rientra in una corretta valutazione dell’opera da parte del committente quando affida i lavori ad una ditta.
    In poche parole: il Direttore dei Lavori può essere una spesa, ma è senza dubbio una garanzia per la perfetta esecuzione nonchè per responsabilità di esecuzione dei lavor.i
    Amedeu e c.

  7. devo realizzare un pavimento nuovo incollandolo su uno già esistente in graniglia, posso in questo caso utilizzare l’autolivellante.
    Grazie

  8. Per Daniele.
    Si puoi utilizzarlo per le zone ove vi sono degli avvallamenti.
    Amedeu e c.

  9. circa due anni e mezzo fa ho ristrutturato casa togliendo il vecchio pavimento facendo un vespaglio un massetto di cemento ora si nota che le fughe di circa 3mm si sono rovinate si stanno spaccando e togliendo cosa posso fare? potrei avere un sopraluogo da parte di un tecnico competente in materia???

  10. Per Massimo.
    Certo, devi fare effettuare un sopralluogo da un tecnico abilitato della tua zona (Ingegnere, architetto o geometra).
    Non vedendo il danno, non possiamo darti alcun parere.
    Amedeu e c.

  11. Salve, dovrei fugare un pavimento gres esterno finta pietra con della boiacca. Essendo il pavimento particolarmente ruvido, ho paura che la boiacca possa essere difficile da rumuovere. Pensavo di stendere prima una mano leggera a pennello di impermiabilizzante sulle mattonelle (non dento alla fughe!) per agevolarne la successiva pulizia. Che ne pensate? Grazie!

  12. Per Ghieppo.
    Ti conviene, con tanta pazienza, passare il cemento non liquido, ma più solido, con un dito della mano, usando un guanto di gomma, ed appena hai fatto 1 mq circa, ripulire i contorno con uno straccetto inumidito.
    Amedeu e c.

  13. Salve,
    quando prodotto devo acquistare per eseguire la boiaccatura su un pavimento di 45 m2 di superficie?

    Grazie

  14. ho un garage pavimentato con asfalto, come quello delle strade. vorrei stendere qualche prodotto sopra da renderlo liscio, facilmente pulibile, addirittura lavabile. Avevo pensato al pavimento in resina. Però non vorrei creare un massetto di cemento. Esiste qualche prodotto che si può applicare sopra l’asfalto? grazie

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.