Termiti. Una piaga sottovalutata per i solai in legno. Cosa fare.

Dedicheremo alcuni articoli relativi a questo argomento.

Prima parte:

Bisogna incontrarle, ed è estremamente facile, per rendersi veramente conto del danno che possono arrecare alle nostre costruzioni questi piccoli e temibili insetti.

In particolare ci riferiamo alla Termite "Rossi" il cui nome scientifico é "Reticulitermes lucifugus", un insetto nostrano, tipico dell’area mediterranea, che ama vivere completamente al buio; si muove sottoterra alla profondità di circa 40 cm e quindi risale per attaccare le strutture lignee delle nostre abitazoni.

E’ un malanno da sempre conosciuto, ma parzialmente ignorato, per la mancanza di intercomunicazioni.

Adesso con internet può essere divulgato e noi ve lo narriamo completamente nella sua forma e pericolosità.

Lo abbiamo disgraziatamente contattato in una casa che stavamo ristrutturando,  ed abbiamo compreso, dopo poco tempo, che avevamo di fronte un nemico inesorabile e forse indistruttibile che sgretola le travi dei nostri solai rendendoli talvolta inagibili.

Non vogliamo allarmare nessuno, ma molti lettori, ad un certo punto si sentiranno rabbrividire riconoscendo chi hanno già in casa.

Ma procediamo, spiegando passo per passo come è avvenuto questo incontro:

Durante una ristrutturazione abbiamo dovuto sostituire varie travi dei solai in legno (costituiti da travi e travicelli)

Prima di metterle in opera, sono state trattate con un ottimo antitarlo e quindi  verniciate a più riprese con i migliori prodotti in commercio, potettivi e di finitura.

Le travi montate, in Pino di Svezia, erano completamente sane e prive di difetti.

Stavamo ultimando le rifiniture, quando è stato notato che da una trave del piano terra si dipartiva una "piccolo cordone" di colore marrone avente le caratteristiche della segatura bagnata e compatta (per chi conosce le api assomigliava molto ad una colatura di propoli ma dalla superficie scabrosa.

Per farla breve, con una spatolina da stucco abbiamo raschiato dal muro questa venatura e ci siamo accorti che sul pavimento cadevano degli insettini colore bianco sporco, che sembravano larve di formiche.

Preoccupati di avere trovato degli insetti in una casa appena ristrutturata siamo arrivati alla scoperta che la parte finale della trave, battendoci con il martello, suonava completamente come fosse stata vuota.

Con la sola forza delle dita di una mano, premendo il legno, siamo riusciti a sfondare la superficie (che si presentava compatta, liscia e nuova) della trave stessa.

E’ stato trovato un disastro: circa 70 cm della parte finale della trave, non esistevano più, ma rimaneva solo l’involucro dello spessore di circa 4/7 mm.

L’interno era pieno di piccoli insetti che lavorando al buio si erano divorata la trave mancante.

Tramite internet sono stati contattati degli esperti che, dopo un sopralluogo, hanno riconosciuto in questi insettini la famigerata termite Rossi "Reticulitermes lucifugus" e di cui alla figura sottostante:

            CLICCARE SULLE IMMAGINI

Prima di procedere parlando delle caratteristiche, gusti e possibili rimedi, vogliamo mostrarvi la foto del lavoro che abbiamo dovuto eseguire per ritrovare la trave e cercare di renderla sicura.

               

CLICCARE SULLE IMMAGINI

E’ stato spaccato il muro in pietrame, dello spessore di cm 60, in corrispondenza dell’incastro della trave, quindi si è proceduto a togliere "la segatura rimasta"

Nella prima foto vediamo la trave all’inizio dell’appoggio lato esterno, nella seconda foto il muro completamente libero dalla trave di legno e nella terza fotografia i pochi "pezzi" di legno rimasti dopo lo svuotamento della trave.

Gli esperti che abbiamo contattato e che hanno eseguito un sopralluogo, ci hanno spiegato che la termite Rossi vive nel terreno e può attaccare delle strutture lignee anche ad una notevole distanza dal proprio nido (centinaia di metri). Non occorre che si muova da legno a legno, ma costruisce delle piccole gallerie lungo i muri, tramite le quali emigra da una trave all’altra, da un travicello all’altro.

Il "filo" che noi avevamo individuato era appunto una di queste gallerie di spostamento, da loro iniziata.

Nel prossimo recente articolo proseguiremo sull’argomento cercando di illustrare quanto più possibile, in maniera che il lettore riconosca subito con chi ha a che fare.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.