Umidità di risalita conoscerla e combatterla con un sistema idoneo

Umidità di risalita conoscerla e combatterla con un sistema idoneo.

Premessa.

Il terreno è una miscela eterogenea di elementi solidi, aria e acqua.

Quest’ultima componente del terreno è la più soggetta a fluttuazioni, in virtù della dinamica degli apporti meteorici e di quelli di falda, dell’evaporazione e della percolazione profonda.

1  2   

L’acqua presente nel terreno a contatto diretto con una fondazione tradizionale, causa disagi quali infiltrazioni, ambienti freddi ed umidi, spazi insalubri e poco confortevoli, comparsa di muffe, funghi e condense, per non parlare poi della possibile putrescenza degli elementi in legno della struttura di base.

Il contatto diretto con il terreno espone ambienti e persone ai disagi dovuti all’umidità di risalita.

L’umidità di risalita è una delle tipologie di umidità più comunemente diffuse e riguarda sia le costruzioni vecchie, sia le costruzioni recenti

Quali sono le conseguenze.

Danni statici: I sali presenti nel materiale da costruzione e nel terreno si sciolgono nell’acqua, risalgono nel muro fino a giungere nello strato superficiale e aumentano il loro volume fino a 12 volte.

L’intonaco inizierà quindi a staccarsi e l’intera struttura si deteriorerà.

Danni estetici: aloni, macchie di umidità, muffa, pittura che si sfalda, deterioramento delle strutture e mobili in legno e distaccamento dell’intonaco

Danni alla salute: la muffa si nutre dell’umidità di risalita e secerne spore nocive, inoltre gli ambienti diventano insalubri e freddi creando malesseri e disagi fisici.

Il vespaio ventilato e sua scelta

È possibile difendersi dal Gas Radon, difatti la fondazione ventilata è l’unica soluzione realmente efficace per l’eliminazione del Radon ( Gas naturale cancerogeno e quindi altamente nocivo per l’Uomo), inoltre, molto importante, difendersi anche da problematiche relative all’umidità causate dal contatto diretto con il terreno, realizzando le Fondazioni Ventilate, ovvero soluzioni innovative che garantiscono una uniforme e naturale ventilazione tra il piano campagna e la base dell’edificio.

Conoscere l’umidità di risalita e combatterla con il sistema Modulo 1  

Si tratta di realizzare vespai opportunamente ventilati in modo tale che la struttura non poggi direttamente sul terreno ma diversamente su un “vuoto Sanitario”,  ricavando da esso notevoli benefici in termini di salubrità dei locali.

Casseri a perdere o igloo 1  5  

In base a studi e conoscenze tecniche la Geoplast Italia S.p.A. propone un sistema per la realizzazione di un vespaio ventilato denominato “Sistema Modulo”:

Suoi vantaggi

-Eliminazione del gas Radon

-Eliminazione dell’umidità di risalita

-Costituzione di una barriera Terreno/Pavimento

Cosa fare per creare la barriera

Per ottimizzare la ventilazione della fondazione creata con “Modulo” è utile sfruttare l’effetto camino.

L’orientamento corretto della ventilazione è in direzione Nord-Sud oppure, ove non possibile, nella direzione Est-Ovest.

3  

Maggiore è la differenza di quota tra ingressi e uscite, maggiore sarà il tiraggio dell’aria.

I tubi d’ingresso dovranno pertanto essere posizionati con:

6  

– Ingresso: lato più freddo (Nord o Est) e ad una quota vicina al piano campagna (~50 cm)

– Uscita: lato più caldo (Sud o Ovest) e ad una quota più alta (solitamente almeno l’interpiano se possibile).

Per garantire una ventilazione uniforme, si devono collegare tra loro tutte le aree anche se interrotte da travi di fondazione o cordoli.

La prolunga dei Moduli

Il Modulo può essere collegato lateralmente alle travi o ali muri perimetrali tramite delle idonee prolunghe denominate Geoblock

L’insieme di “Modulo” e di Geoblock consente di ottenere una soletta monolitica che ha il grande vantaggio di non fessurarsi e non generare crepe, poiché reagisce con un comportamento uniforme.

È un prodotto flessibile ed adattabile in ogni situazione di cantiere e disponibile per ogni altezza Del Modulo.

Se si utilizzano le prolunghe Geoblock queste devono essere forate in modo che il tubo sia inserito nell’elemento collegando il vespaio con l’esterno.

Vantaggi1  modulo + geo 1  

I vantaggi

1) Continuità strutturale

Getto unico della soletta del vespaio e delle travi di fondazione

2) Sicurezza in cantiere

Maggiore pedonabilità dei casseri nelle zone perimetrali essendo sempre presente un elemento intero

3) Eliminazione doppia casseratura

Geoblock permette di non dover eseguire la casseratura interna delle travi

4) Facile regolabilità

Possibilità di modificare la profondità della prolunga Geblock

5) Nessun taglio dei casseri

Possibilità di compensare le distanze mancanti senza dover tagliare il cassero

Il collegamento del vespaio con l’esterno deve essere realizzato mediante il posizionamento di tubi da cantiere in PVC.

Il flusso d’aria si ottiene realizzando dei fori di diametro 80/120 mm sulle travi perimetrali, circa ogni 3,50/4,00 m, completi della tubazione di collegamento in PVC e delle griglie esterne in acciaio inox dotate di rete anti-intrusione.

La tubazione con l’ingresso più basso, deve spingersi fino alla metà del cassero per garantire un efficace incanalamento dell’aria per generare un effetto camino.

Effetto Camino

L’effetto camino è un fenomeno naturale che si sviluppa all’interno di aree ventilate, connesse con l’esterno, ed è generato da differenze di pressione.

Tali differenze sono dovute alla densità dell’aria e alle temperature dei fluidi.

Questo effetto è possibile sfruttarlo per l’areazione di un vespaio creando quel ricircolo d’aria che consente l’eliminazione dell’umidità e la dispersione del Gas Radon nell’atmosfera.

Vari tipi di vespaio areato

i moduli prodotti  1  

Il sistema “Minimodulo”

Nell’immagine di cui sopra troviamo nella prima e quarta figura rappresentato il “Minimodulo”

Minimoduli 1  

Negli interventi di ristrutturazione questo consente di realizzare pavimentazioni ventilate con mini vani tecnici per la posa di tubazioni idrauliche ed impianti elettrici.

Combattere l'umidità 1  

La gamma di altezze limitate del prodotto permette di lavorare anche con spessori ridotti non andando quindi a limitare la vivibilità dei locali interni perdendo altezza utile.

Inoltre in zone di difficile accesso, come i centri storici, risulta un valido sistema che semplifica la logistica di cantiere in quanto facilmente trasportabile e poco ingombrante.

Tetti Ventilati

Per tetti ventilati 1  

Il Minimodulo, difatti, può essere usato anche per tetti ventilati

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA  

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.