Un autobloccante massello per esterno, multistrato, elegante e resistente come la roccia.

 

 

Abbiamo affrontato in un precedente articolo la pavimentazione realizzata in autobloccanti e ne abbiamo spiegato dettagliatamente  anche la messa in opera. Pavimenti di autobloccanti ve ne sono  di molti tipi ed anche belli da vedersi oltre che resistenti. Oggi vorremmo però presentarvi questo particolari tipo di autobloccante, che ha la particolarità di essere multistrato con superficie trattata in maniera da essere resistente ed antisdrucciolo. Vedi autobloccante sezionato sotto     CLICCARE SULL’IMMAGINE Grazie alla sua conformazione ed alla compattezza della superficie calpestabile, questo massello autobloccante in calcestruzzo multistrato vibrato è raccomandato per i più svariati usi esterni. Può essere messo in opera nei giardini delle nostre case ma può essere anche usato per le pavimentazioni di strade a traffico anche pesante. Quest’ultima caratteristica è dovuta al fatto che viene prodotto in tre diverse altezze (cm 6,5-8,2-10) a secondo appunto della sua destinazione.     CLICCARE SULL’IMMAGINE Inoltre la compattezza e la caratteristica di essere antisdrucciolo lo rendono duraturo e sicuro nel tempo. Ma vediamo alcune foto di questo pavimento da esterni, che oltre alle qualità sopra dette offre anche una gamma di bellissime tonalità di colori:         CLICCARE SULLE IMMAGINI Proseguiremo dopo nel mostrarvi altre realizzazioni con questo tipo di massello autobloccante; prima però vorremmo parlare della sua posa in opera,  anche se, come detto all’inizio l’abbiamo ampiamente affrontata in un precedente capitolo. Quella raccomandata per  questo tipo di autobloccante è la seguente: Sopra il massetto di calcestruzzo realizzato di altezza variabile, a secondo dell’uso (pedonabile o carrabile) dovrà essere steso un fondo di allettamento di sabbia/ghiaino della granulometria 0/6 e per uno spessore di 4-5 cm. Dopodichè vanno posati i masselli autobloccanti eseguendo le tagliature occorrenti a spacco. Il pavimento va quindi battuto con piastra vibrante. Infine  dovrà essere dato uno spolvero di sabbia fine per sigillare i giunti. La ditta che produce questo tipo di autobloccanti denominati Roccia Block è la Ferrari BK (www.ferraribk.it) consiglia di usare come sabbia fine un prodotto preconfezionato in sacchetti da 25 Kg chiamato "Sand Block" I masselli, come voi potete vedere dalle foto che seguono hanno la caratteristica e naturalezza della pietra e diventa difficile distinguerli da quest’ultima, una volta messi in opera:         CLICCARE SULLE IMMAGINI Bisogna saper anche apprezzare la solarità di certi colori che potranno rendere piu radiose le nostre case:     CLICCARE SULL’IMMAGINE Inoltre chi vuole avere dei disegni più complessi per piazzali, aree di sosta o spazi vari non ha che da scegliere fra le composizioni offerte e possibili:     CLICCARE SULL’IMMAGINE Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

9 commenti

  1. devo pavimentare un piazzale di circa 200 mq di una casa di campagna.
    avevo pensato di farlo tipo il vs articolo “Un autobloccante massello per esterno, multistrato, elegante e resistente come la roccia. ”
    vorrei avere un’idea della spesa totale
    materiali + posa in opera.
    attualmente il piazzale è in calcestruzzo.

    • Devo pavimentare un piazzale di circa 200 mq di una casa di campagna.
      avevo pensato di farlo tipo il vs articolo “Un autobloccante massello per esterno, multistrato, elegante e resistente come la roccia. ”
      vorrei avere un’idea della spesa totale
      materiali + posa in opera.
      attualmente il cortile è in terrabqattuta (stabilizzato)

      • Per Sergio.
        Puoi fare un preventivo aiutandoti con la nostra voce “Preventivi” posta in alto, ma riguardo ai prezzi dell’autobloccante in specie, devi contattare la ditta scritta nell’articolo e che ti comunicherà i rappresentanti della tua zona.
        Amedeu e c.

  2. Per Antonio.
    Hai un piazzale in calcestruzzo, speriamo con le dovute pendenze verso le caditoie delle acque.
    In questo caso dovrai provvedere solo alla realizzazione di un letto di sabbia ed alla stesura degli autobloccanti.
    Comunque quel particolare tipo di autobloccanti si chiama Roccia Block e lo produce la Ferrari BK (www.farraribk.it) .
    Presso quel sito troverai i nominativi dei rivenditori e quindi i prezzi.
    A questi dovrai unire la fornitura e posa in opera di detto materiale su di un letto di sabbia. (Senti in questo caso qualsiasi ditta della tua zona).
    Amedeu e c.

  3. Circa 15 anni fa in campagna ho lastricato con mattoni in tufo (spessore 10-15 cm 30×20, insomma qualli tipici che si usano nel lazio per fare muri) un piazzaletto di circa 150 mq. A quel tempo mi è parsa una soluzione poco costosa, che mi ha consentito la posa direttamente sul terreno, senza massetti, grazie al notevole spessore dei mattoni. Dopo 15 anni, la parte esposta alle intemperie si è visibilemnte deteriorata, sgretolandosi, con la formazione di buche, anche vistose, sebbene non passanti. Posso riempire le fessurazione e le buche sulla pavimentazione in tufo con materiale cementizio o altro (weber…)? Avrebbe presa, considerato che il tufo si “sfarina” ed è notevolmente igroscopico? Mi dispiacerebbe dover “smontare il tutto”, sia per i materiali da risulta che ne conseguirebbero, sia perchè, in ogni caso, quanto è rimasto costituisce una buona e solida “base”, sia perchè la parte protetta dalla intemperie si è mantenuta in perfetto stato. Grazie per consigli/suggerimenti.

  4. Per Giuseppe.
    Poichè come tu ci confermi è rimasta una “solida base”, potresti effettuare sopra di essa un massetto cementizio (di altezza variabile a secondo dell’uso che ne fai del piazzale. carrabile o meno) armato con rete elettrosaldata. Puoi posarci un pavimento da esterno, oppure sabbia e poi autobloccanti (leggi l’articolo dal quale ti scriviamo) o con altro materiale.
    L’essenziale e che tu abbia le altezza per crearci le pendenze e l’accesso..
    Amedeu e c.

  5. Questo articolo non si legge, come mai?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.