Un autolivellante per la rettifica di sottofondi irregolari non planari

Un autolivellante per la rettifica di sottofondi irregolari non planari.

Molte sono le domande che ci pervengono sugli autolivellanti, sul loro uso e sul sistema giusto per porli in opera; in questo articolo vi mostriamo un ottimo autolivellante, cercando di chiarire tali aspetti.

Trattiamo di un autolivellante professionale a tecnologia superiore, a presa normale e ritiro compensato, idoneo per la rettifica ad alta resistenza fino a 6 mm di spessore di sottofondi irregolari e non planari, prima della posa delle piastrelle in: ceramiche, grès porcellanato, grès marmorizzato, pietre naturali, parquet, moquettes.

Azione autolivellante prolungata

Il prodotto si chiama Kerapav e è della Kerakoll

kerapav 1 1

La tecnologia Kerapav sviluppa una lavorabilità prolungata che garantisce la rettifica in totale sicurezza di grandi superfici, con applicazione manuale o meccanizzata, anche in condizioni climatiche difficili.

L’impiego di un prodotto superficiale tipo Rekord della Kerakoll garantisce poi una finitura liscia calibrata, condizione indispensabile per la posa di ceramiche, moquettes, parquet e resilienti.

Adatto per esterni

Per rettifiche di pavimentazioni esterne o a contatto con l’umidità diventa obbligatorio impiegare livellanti professionali resistenti all’azione solvente dell’acqua, ebbene la tecnologia di Kerapav agisce tramite un misto di leganti ad elevata idraulicità e microcomponenti polimerici insolubili garantendo una durabilità superiore del riporto, anche se sottoposto a ripetuti cicli di gelo e disgelo.

Ottima durezza

Il prodotto sviluppa elevati livelli di durezza superficiale e prestazioni meccaniche garantiti da un misto di leganti idraulici ad alta resistenza: specifici polimeri fluidificanti ad effetto progressivo completano la sua struttura chimica incrementando la cristallizzazione interstiziale e garantendo la rettifica di sottofondi irregolari o non planari, sottoposti anche a sollecitazioni d’esercizio estreme.

Preparazione dei supporti

I supporti devono essere stabili, asciutti, esenti da umidità di risalita, senza crepe, privi di polvere olii, grassi e parti friabili.

Supporti lisci e poco assorbenti devono essere preparati mediante abrasione meccanica o con l’applicazione di un promotore d’adesione professionale monocomponente all’acqua tipo Keragrip. Su fondi molto assorbenti si deve applicare preventivamente l’isolante di superficie professionale concentrato all’acqua Primer A.

Preparazione

Applicazione prodotto 1   

Kerapav si prepara in un recipiente pulito contenente una quantità di acqua necessaria. Poi si introduce gradualmente Kerapav nel contenitore amalgamando l’impasto con una frusta elicoidale o trapezoidale a basso numero di giri (≈ 400/min.).

Si deve aggiungere acqua fino ad ottenere una malta fluida, omogenea e priva di grumi.

L’acqua indicata sulla confezione è indicativa.

Aggiungere acqua in eccesso non migliora la lavorabilità, può provocare ritiri nella fase plastica dell’asciugamento e ridurre le prestazioni finali.

Applicazione

Il prodotto una volta preparato si applica con una spatola americana liscia, premendo sul fondo per ottenere la massima adesione al supporto.

Un autolivellante per la rettifica di sottofondi irregolari non planari 1  

Dopo di che si procede alla regolazione dello spessore; l’utilizzo di un rullo frangibolle aiuta l’autolivellante a spurgare le bolle d’aria contenute.

L’applicazione con pompe per intonaci consente di realizzare rettifiche omogenee in tempi brevissimi.

L’applicazione di una successiva rettifica deve esser eseguita appena la precedente è pedonabile (≈ 12 h a 23 °C 50% U.R.), previa stesura del promotore d’adesione professionale monocomponente all’acqua Keragrip.

Campi di applicazione

Rettifica autolivellante di fondi irregolari e non planari a presa normale e ritiro compensato. Spessori da 1 a 6 mm.

Adesivi compatibili: – adesivi cementizi, a tecnologia SAS tipo Kerakoll H40 Flex e bicomponenti reattivi epossidici e poliuretanici, in dispersione acquosa e soluzione di solventi

Rivestimenti:

– gres porcellanato, gres marmorizzato, piastrelle ceramiche, klinker, cotto, di tutti i tipi e formati

– pietre naturali, materiali ricomposti, marmi

– parquet, tessili, gomma, PVC, linoleum

– resine protettive del calcestruzzo, pavimenti sopraelevati

Fondi:

– massetti cementizi o realizzati con REKORDR e KERACEMR come legante o premiscelati

– residui di adesivi cementizi

Destinazioni d’uso

Pavimenti interni ed esterni ad uso civile, commerciale e industriale.

Non utilizzare: su fondi ad elevata flessibilita, soggetti a continue risalite di umidita; su materiali plastici, resilienti, vernici, metalli, legno.

Dati tecnici

Dati tecnici 1  

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.